Anche i colibrì russano

Avevate mai sentito - e visto! - prima d'ora, un colibrì... russare? Beh, beato lui! Per me invece è lunedì, e ahimè, non sono potuto rimanere a ronfare. Ma anche se l'avessi fatto, di sicuro non sarei risultato carino come lui (o lei). Sin da piccolo mi piacevano i colibrì: i loro colori, la loro forma, la loro dimensione... ma sopratutto la velocità del battito delle loro ali. Ricordo che mi ha sempre affascinato la velocità quand'ero bambino: basti pensare che il mio supereroe preferito, nonché l'unico per tanti anni, era Flash.

E come potevo non ammirare gli splendidi colibrì? Sono considerati gli uccelli più piccoli al mondo: la maggior parte delle specie ha un peso tra 2,5 e 6,5 grammi, e una lunghezza tra 6 e 12 centimetri. Hanno l'abilità di poter rimanere quasi immobili a mezz'aria, capacità garantita dal rapidissimo battito alare - che va dai 12 agli 80 battiti al secondo, a seconda della specie - e che consente loro di potersi cibare del nettare dei fiori. La straordinaria mobilità degli arti superiori consente loro prodezze di volo inimmaginabili per altri uccelli, come volare all'indietro.

Manovre in volo del genere - rimanere fermi, volare indietro, e altre - le avrei viste solo 20 anni dopo, guardando le navette Viper di Battlestar Galactica...!

Fonti: