Scoperto il secondo esopianeta più vicino a noi

La Stella di Barnard, detta anche "Stella freccia di Barnard", è una nana rossa di sequenza principale nella costellazione dell'Ofiuco. Mostra il più grande moto proprio di ogni altra stella conosciuta (a parte il Sole), pari a 10,3 secondi d'arco all'anno. Tale moto proprio fu misurato dall'astronomo Edward Emerson Barnard nel 1916. Per questo viene anche a volte citata come Barnard's "Runaway" Star, cioè "stella fuggitiva di Barnard". Dopo decenni di teorie e smentite, è finalmente dimostrata la presenza di un pianeta nel suo sistema: si tratta di un pianeta grande 3 volte la terra, gelido (-170°) e quasi buio.

Non è un posto molto ospitale, ma costituisce una scoperta decisamente rilevante, in quanto diventa il secondo esopianeta più vicino a noi, di poco più lontano al pianeta scoperto intorno a Proxima Centauri due anni fa. Un esopianeta, o pianeta extrasolare, è un pianeta non appartenente al sistema solare, orbitante cioè attorno a una stella diversa dal Sole.

Come faccio solitamente in questi casi, ho avvertito la comunità di Wikipedia nella pagina relativa alla Stella di Barnard, chiedendo ai più esperti di apportare le dovute modifiche al testo che, essendo già corposo e molto tecnico, ho preferito non toccare data la mia poca competenza in materia astronomica. E' stato un piacere osservare la risposta positiva al mio intervento e le innumerevoli aggiunte e migliorie apportate in seguito alla pagina.

Fonti: