Oggi è gio 24 mag 2018, 8:21

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 10 mag 2008, 22:28 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4543
Località: Bologna
http://www.amoreiki.it/reiki_amma.htm

Di seguito potete leggere la testimonianza di Rosy C., una persona che ha avuto modo parlare con Sri Amma in riferimento alla nuova disciplina spirituale tanto di moda in questi ultimi anni, il Diksha:


Tutto ebbe inizio nell'agosto 2005 quando un mio caro amico mi disse che sarebbe partito per l'India a fare un corso di 21 giorni su una nuova disciplina che si chiamava Diksha.
Premetto che questo amico è una cara persona, sempre pronto e premuroso verso gli altri, una persona che io stimo molto. Gli chisi che cosa si aspettasse da questa cosa e lui mi rispose che a contatto con questa energia (Diksha), tutti i suoi schemi e condizionamenti e tutte le varie maschere che un po' tutti ci creiamo si sarebbero dissolte e in alcuni casi si sarebbe raggiunta anche l'illuminazione. Inoltre, dopo aver fatto il corso, avrebbe potuto anche lui trasmettere agli altri questa energia semplicemente attraverso l'imposizione delle mani sulla testa.
Il corso sarebbe costato 5.500 dollari più 150 €. di un corso obbligatorio di due giorni da fare prima della partenza, più il viaggio per l'India. Allora gli chiesi se avesse idea di quanti soldi sarebbero stati cambiandoli in rupie, mi rispose di sì, ma io in quel momento vidi incertezza nei suoi occhi e qui lui replicò: "Se tutto questo è vero non ha prezzo"; a ciò io non potevo dar torto anche se ero convita dentro di me che l'illuminazione non si vende e non si compra ed in cuor mio gli augurai di trovare quello che stava cercando.

Quando egli tornò un mese dopo, venne a trovarmi ma io ero assente (occupata con mia madre che aveva problemi di salute); quindi trovò soltanto mio marito a cui raccontò della sua esperienza e di come questa cosa lo avesse trasformato e che aveva il desiderio di iniziare a dare questo Diksha alle altre persone. Così tutto iniziò.
Mio marito entusiasta per ciò che l'amico aveva raccontato volle fare subito l'esperienza e ne rimase molto colpito. Io e mio marito parlammo molto di questa cosa così dopo un po' mi convinsi ad andare anch'io. Nel frattempo a questo incontro andavano già una quindicina di persone.
La prima volta che presi il Diksha non sentii un granchè, ebbi solo una sensazione di pace e di benessere. Al contrario di me a mio marito piaceva molto, le prime volte rimase bloccato, praticamente non riusciva più a muovere il corpo, rimaneva così per circa un'ora poi lentamente tornava alla normalità.

Andando avanti con le sedute mio marito ne era sempre più entusiasta; mentre riceveva il Diksha veniva colto da un fremito di risa che non riusciva a controllare, sentiva tanta felicità e tranquillità interiore. Anche a me piaceva ed anche se su di me non aveva l'effetto che aveva su mio marito mi sentivo in pace e tranquilla, anzi scoprii che mi aveva sbloccato nella mia innata timidezza. Difatti sono sempre stata molto timida nel parlare con altre persone e li mi scoprii a parlare a raffica senza fermarmi quando mi veniva in mente di dire qualcosa.

Leggemmo il libro che loro raccomandano: (Come ricevere l'illuminazione di sri Baghavan - scritto da Kiara Windrider) nel tentativo di capire meglio che cosa stavamo ricevendo attraverso l'imposizione delle mani. Più che leggerlo io lo divorai non una, ma due, tre volte ed ogni volta che riaffiorava in me qualche dubbio lo rileggevo nella speranza di trovare in esso qualche risposta ai miei dubbi. Io volevo credere in questa cosa, era un bellissimo sogno che speravo tanto fosse vero.

Così dopo la lettura di questo libro io e mio marito decidemmo di andare in India a fare il corso, programmando la partenza per agosto 2006, tempo necessario per mettere insieme tutti i soldi che ci servivano; nel frattempo iniziai a chiedere informazioni per l'iscrizione ad alcune amiche che la stavano già facendo per partire nel dicembre 2005.
Venni così a conoscenza del fatto che i soldi non andavano in India ma spediti su una banca di Hong Kong; che le persone con malattie tipo: (epatite e sieropositive) non potevano frequentare il corso e che dopo aver fatto detto corso, le persone venivano consigliate di farsi pagare per elargire agli altri questa energia.

In tutto ciò vidi cose che non ritenevo spirituali e la cosa mi disturbò alquanto, più passava il tempo, più i miei dubbi crescevano, spesso ne parlavo con mio marito nella speranza che lui potesse fugare i miei sospetti, ed, invece i dubbi cominciarono a nascere anche a lui.
Così iniziai tutte le sere, prima di addormentarmi, a chiedere aiuto al Divino per illuminarmi su questa situazione.

Mentre vivevo tutto ciò arrivava a Milano AMMA (Madre spirituale dell'India), così decido, se me ne viene data l'oppurtunità, di chiede a lei chiarimenti su questa cosa.
Arrivati da Amma ci vengono dati i numeri per la fila dell'abbraccio. Nell'attesa proiettano dei video sulle sue attività in India, di come venivano utilizzati i soldi che Lei raccoglieva durante i suoi viaggi. Il mio pensiero andava continuamente ai soldi che avrei pagato per fare il corso ed all'utilizzo che loro ne avrebbero fatto, a me sconosciuto. Così i miei dubbi aumentavano.

Arrivato per me il momento dell'abbraccio chiedo se posso fare una domanda e mi viene detto di sì; così chiedo ad Amma se faccio bene ad andare in India a fare il corso di Diksha da questi due Avatar. Lei mi fa sedere alla sua sinistra e dice al suo Bramachari di chiedermi che cosa esattamente volevo sapere. Io gli spiegai tutta la situazione e lei volle sapere quanti giorni sarebbe durato il corso, quanto avrei pagato e che cosa avrei ricevuto alla fine da questa cosa. Io le risposi che avrei potuto dare il Diksha agli altri e a mia volta ricevere l'illuminazione. Lei volle poi sapere se ero venuta a conoscenza di questa cosa lì presso di Lei ed io le risposi di no.
A questo Lei mi dice che di solito non parla mai dell'operato degli altri, ma quando viene usato Dio per fare Business Lei è tenuta a parlare. A proposito del Diksha Amma dice queste testuali parole: "Queste persone vi fanno il lavaggio del cervello e voi di conseguenza lo fate agli altri". Poi mi ha fatto spiegare dal suo Bramachari in quale modo si raggiunge l'illuminazione: "Attraverso le nostre rette azioni, l'aiuto agli altri, attraverso l'apertura del cuore, attraverso le esperienze di tutti i giorni che ci fanno crescere ed il contatto costante con il Divino". In poche parole lavorare in prima persona perchè "l'Illuminazione non si raggiunge andando a scuola" (parole di Amma).

Dopo avermi detto queste cose ho visto nei suoi occhi, mentre mi guardava tanto amore e preoccupazione per me ed ho inteso che lei teneva al fatto che io avessi veramente capito ciò, che, in poche parole Lei aveva voluto dirmi. Ho dedotto da questo che riguardo al lavaggio del cervello, non si riferiva a un discorso teorico ma a una vera manipolazione delle cellule celebrali.

Inutile dire che a questo punto tutto mi si è chiarito, ho smesso di andare alle sedute di Diksha e naturalmente non andrò più in India a fare il corso. Ringrazio Dio ed Amma per l'aiuto che mi è stato dato in questo momento di confusione nella mia vita, così ho deciso di scrivere questa lettera per quelle persone che forse hanno dei dubbi come me e che possono beneficiare dell'aiuto delle parole di Amma, così come ne ho beneficiato io.

Con Affetto
Rosy




http://www.amoreiki.it/vie_spirituali.htm

Ecco l'esperienza di Gianluigi con il Diksha:


Premessa:
Nell'articolo che segue parlo di un'esperienza di cui sono stato testimone in quanto ho ospitato la serata presso il centro dove opero, l'ho pubblicizzata e proposta ai miei allievi. In un primo momento la cosa mi sembrava veramente bella, al punto che ne ero entusiasta, ma poi dopo alcune riflessioni e dopo aver letto su internet tutte le info su questa disciplina (?) ho cambiato idea. Al punto tale da voler disdire la serata, ma sotto pressione di persone a me care, che mi hanno fatto promettere di non farlo. Avevano paura che facessi una brutta figura, in quanto organizzatore dell'evento. La serata si è fatta, di seguito la cronaca.
Mi scuso inoltre per essermi fatto prendere dall'entusiasmo dell'illuminazione facile, anch'io sono umano con le mie debolezze e speranze. Mi scuso con le persone che ho coinvolto anche se sono state soddisfatte dalla serata (quasi tutte).

Ho meditato molto prima di scrivere quest'articolo, non ero certo che fosse corretto esprimere questo pensiero, ma poi, mi sono reso conto che le resistenze che avevo erano dettate dalla paura, paura di essere frainteso e venire giudicato come una persona rigida e poco incline alle novità, insomma un ortodosso della spiritualità. Strano, ortodosso proprio io, che ho sempre cercato nuove vie e nuove modalità di crescita, ortodosso proprio io che ho passato almeno tre anni della mia vita a scrivere il sito "Corpo di Luce".
In un momento di lucidità ho preso coscienza di non essere certo un ortodosso dello spirito, ma, semplicemente una persona che per anni ha dedicato la sua vita alla ricerca di sè stessa. Ricerca che mi ha portato a comprendere alcune semplici cose, tra cui, probabilmente la più illuminante di tutte per chi segue una disciplina spirituale: "quello che semini raccogli", cosa banale ma allo stesso tempo fondamentale per la crescita spirituale dell'essere, se semini qualcosa, raccoglierai qualcosa, se non semini niente.....
Questa presa di coscienza mi ha portato a smettere di cercare una scorciatoia, come tutti quanti anch'io ho passato molto tempo a cercare la via più breve e più semplice possibile per la realizzazione dello spirito, ma purtroppo come è naturale che sia il tempo che ho dedicato a questa ricerca è stato inutile, fatto salvo che grazie ad esso ho capito che niente ti viene dato a fronte di niente. Oggi più che mai in quest'epoca di transizione tra una paradigma e l'altro, molte persone sono alla ricerca sfrenata della via più breve, molti aspettano con ansia il 2012 come momento della grande svolta. Come se da un momento all'altro le cose possano cambiare da sole. Come ho già espresso molte volte il nuovo paradigma energetico che ci permetterà l'ingresso alla nuova età dell'Oro, non è sufficiente a trasformare le cose e cambiare il mondo. Il nuovo paradigma è solamente un'opportunità che abbiamo di sfruttare al meglio le nuove energie. Ma, se da parte nostra non c'è un vero, serio e sincero lavoro nulla cambierà, anzi probabilmente le cose potranno solamente peggiorare in quanto le nostre menti e la nostra struttura energetica non saranno in grado di comprendere ed integrare il grande flusso energetico che ci circonda. Portandoci addirittura ad allontanarci dal centro di noi stessi.
Come potete immaginare in questo periodo c'è un pullulare di mistificatori ed imbroglioni spirituali, oltre a molti maestri autoproclamati tali, in nome dell'amore cosmico. Insomma è sicuramente un'epoca strana e particolare, proprio per questo vi invito a fare molta attenzione alle nuove proposte che vi vengono fatte ed alle promesse di illuminazione.
Da diverso tempo sento parlare di iniziazioni spirituali miracolose che grazie ad esse è possibile raggiungere l'illuminazione senza alcuno sforzo da parte nostra (sono stato testimone di una di queste, quindi parlo con cognizione di causa) . Sedicenti maestri illuminati (mai sentiti prima), che anno il compito di fare illuminare tutta l'umanità, a detta loro, ed indovinate entro quando? Il 2012 naturalmente!
Come fanno tutto questo? Molto semplice, ci sono dei loro adepti preposti ad importi le mani sul capo per un paio di minuti e grazie a questa iniziazione si innesca un processo di trasformazione celebrale, di attivazione e disattivazione dei lobi parietali e temporale. Grazie a questa trasformazione si innesca il meccanismo di auto-illuminazione-irreversibile (bello questo termine, potrebbe farmi arricchire). Hanno fatto la scoperta dell'acqua calda, tutti quanti e sottolineo tutti quanti indipendentemente dal fatto di seguire una disciplina spirituale con impegno, determinazione, passione e costanza, si illumineranno. Questi maestri hanno stravolto gli insegnamenti di tutti i loro predecessori, che da sempre ci esortano a lavorare con impegno attraverso l'utilizzo di tecniche specifiche che hanno il compito di farci evolvere. Cari Gesù, Yogananda, Osho, Babaji, Yukteyswhar, Lairi Mahasaia, Amma, Anandamurti, Maharishi, Anandamoymha, Usui eccetera eccetera è per voi giunto il momento di andare in pensione i vostri insegnamenti sono ormai obsoleti e soprattutto fuori moda, andate in pensione!!! Oggi è sufficiente farsi imporre le mani in testa da incaricati di questi maestri per raggiungere l'illuminazione.
Cari ricercatori spirituali, le vostre ricerche sono finite, fatevi mettere le mani in testa, non meditate più, non fate yoga, tai chi, reiki, tantra, yantra o quant'altro, perdete solo del tempo prezioso, fatevi mettere le mani in testa e vi illuminerete. Perchè pregare? Dio è così grande che nella sua misericordia ha deciso di non farci più soffrire, sono nati i salvatori e redentori dell'umanità, i dispensatori di illuminazione.
Scusate il sarcasmo, ma questa è l'esperienza di cui sono stato testimone, persone in fila assorte nello spirito (dopo aver fatto una meditazione per attivare la kundalini, che io non ho fatto, in quanto è da incoscienti far fare una meditazione del genere a 60 persone chiuse in un locale, se non sono pronte, certe tecniche vanno fatte fare solo dai Maestri), reverenti, ansiose di farsi mettere le mani in testa. Molti dei quali al termine dell'iniziazione stavano male, altri si sdraiavano a terra, alcuni uscivano sotto il cielo stellato a farsi inondare dalle energie cosmiche. Personalmente mi sono rifiutato di prendere l'iniziazione magica, alla fine sono stato deriso, e alcuni mi hanno detto, evidentemente non eri pronto! Che Dio mi salvi! Ho pensato.
So solamente che alcune persone sono uscite barcollando con forte mal di testa, sensazione di svenimento e vomito. A quel punto io ed un amico Master Reiki, li abbiamo trattati con il caro vecchio Reiki ormai fuori moda e le persone ci hanno ringraziato, dopo essersi riprese.
Sono anni che lavoro con l'energia ed ho la presunzione di essere in grado di riconoscere energie elevate da energie basse e vi garantisco che all'interno del locale delle iniziazioni l'energia era veramente pesante, oppure, era così alta che non essendo io pronto la recepivo in modo errato? Non lo so, ma ho deciso di non assillarmi con questo dubbio.
Questo è solo un esempio delle nuove vie dello spirito, che vi ho raccontato in quanto testimone. Sono anche consapevole che perderò degli amici, o che sarò criticato duramente, ma non importa, io continuerò a seguire gli insegnamenti dei Maestri come il Cristo, Babaji, Yogananda, Usui ecc.
Lascio ai pionieri dello spirito sperimentare le nuove vie.
Voglio concludere con un battuta di un mio caro amico: "Se l'Illuminazione vuoi ottenere, Meditazione devi fare!!!! ".

P.S. La tecnica in questione si chiama Diksha, che secondo questi dispensatori di illuminazione significa letteralmente "Trasferimento di Energia", secondo un dizionario di sanscrito, la suddetta parola significa "Iniziazione Spirituale". Il Maestro di tutti i Maestri Baba Bhole Srii Srii Babaji ci ha portato i suoi insegnamenti che si racchiudono in tre semplici parole:"Verità, Semplicità e Amore".

P.S.bis- Chiunque può diventare un dispensatore di illuminazione, basta andare in India da questi maestri per 21 giorni a quel punto sarete degli illuminatori. Ah, dimenticavo....! Per far ciò e necessario fare un bonifico di 5.500,00 dollari usa, pare in una banca in California o Hong Kong.

Om Shanti Om Gianluigi




La mia esperienza di ricercatore conferma che il Diksha non è ciò che sembra e che non è stato fatto per il nostro bene.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum bisogna leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010