Oggi è sab 18 ago 2018, 10:01

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Sincronicità Junghiana e SST
Messaggio da leggereInviato: mar 6 ott 2009, 10:56 
In natura non esiste soltanto il nesso di causa ed effetto, ma grande rilevanza ha anche il concetto di “significato“. Per questo motivo si parla di sincronicità come di una “coincidenza temporale di due o più eventi non legati da un rapporto casuale che hanno uno stesso o un analogo contenuto significativo“.
La sincronicità è dunque una coincidenza significativa, un'associazione di eventi, una corrispondenza che si manifesta talvolta fra un evento esterno e una situazione psichica. In pratica, mentre un’immagine inconscia si presenta (letteralmente o simbolicamente) alla psiche, un evento esterno oggettivo e quindi obiettivo coincide con il contenuto di tale immagine senza che vi sia fra loro alcun rapporto di causa-effetto.
Carl Jung studiò questo tipo di fenomeni, definendoli "sincronicità". È interessante notare come l’immagine simbolica interiore e l’evento esterno possano anche presentarsi lontano nel tempo e nello spazio, distinguendo così tre tipi di sincronicità (distinzione promossa dallo stesso Jung):
a) La contemporaneità dei due avvenimenti (coincidenza tra contenuto psichico ed un evento esterno).
b) L’evento esterno si svolge a distanza di spazio dal soggetto e fuori della sua percezione.
c) L’evento esterno si svolge a distanza di tempo dalla corrispondente manifestazione psichica.


Fin qui è letteratura.
Ora però vorrei farvi notare quanto la precedente catalogazione sia in linea con il modello SST. Avete notato che ognuno dei tre gruppi fa perno su l'idea di un asse virtuale?
Nello specifico:

a) Sincronismo psichico e fisico: indipendenza energetica, ovvero sincronia tra interiore ed esteriore, passivo e attivo, realtà e sensazione etc.;
b) Sincronismo non locale: indipendenza dallo spazio, ovvero nello stesso istante lo stesso fenomeno in più luoghi (o persone);
c) Sincronismo premonitorio: indipendenza dal tempo, con alta località spaziale ma non temporale.

Se ne può dedurre, quindi, che lo zampino è:

a) di Mente;
b) di Spirito;
c) di Anima.

Se l'ipotesi è verificata, vuol dire che nei sogni (vedi topic relativo), come nella realtà quotidiana, la fenomenologia sincronica è data dall'apporto di una o più componenti umane.
Il fatto che vi sia spesso confusione d'indagine è semplicemente perché, probabilmente alla base, non si ha quella distinzione teorica di parti fornita dal modello SST.

A questo punto mi sorge una domanda: esistono esperienze di sincronismi (coincidenze significative) appartenenti contemporaneamente a più gruppi? Ad esempio una premonizione sul futuro, ma anche non locale (relativa a più persone)... qualcuno di voi ne ha mai avuta una?





Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sincronicità Junghiana e SST
Messaggio da leggereInviato: mar 6 ott 2009, 11:23 
Non connesso

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 10:48
Messaggi: 99
Ciao Anonimo, scusa, un’osservazione più di termini che di sostanza.
Se si parla di sincronicità, cioè di coincidenza di tempo, siamo nella necessità di doverlo misurare il tempo, quindi io escluderei la sincronicità a distanza di tempo che sinceramente mi pare una contraddizione in termini o per lo meno un caso limite, quando siamo Anima e per noi il tempo è un puntino…
sincronia sin (insieme) cronos (tempo), nello stesso tempo, quindi non può esserci distanza nel tempo. Viceversa se il tempo non è ponderato dal nostro SdS (perché siamo a - temporali), non è definito, come facciamo a misurarlo?E’ una sorta di “puntatore nullo”




_________________
Alla fine tutto torna: si alza il velo, si svela l'arcano


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sincronicità Junghiana e SST
Messaggio da leggereInviato: mar 6 ott 2009, 12:08 
Ottima considerazione, BlueOwl.
Quando si parla di sincronicità, lo si fa comunque per mezzo di un sistema di riferimento. E' chiaro che senza questo riferimento va tutto a farsi friggere.
Nella sincronicità atemporale, quindi, si identifica un certo evento percepito ora (riferimento) che però si verificherà in un tempo successivo.

Sarebbe come dire che mentre il corpo fisico è quantizzato fisso su tre coordinate, Anima Spirito e Mente gli ruotano attorno con un grado di libertà rispetto ad un asse specifico.
Per Anima, che è indipendente (non conosce) l'asse temporale, oggi e domani è la stessa cosa - come tu hai puntualizzato giustamente.
Ma attenzione: secondo Mente che osserva Anima (cioé la tua razionalità che percepisce questa strana sensazione), si tratta di una premonizione. Mente è si quantizzata nell'asse temporale, quindi sarà in grado di percepire questo particolare sincronismo.

Sarebbe come dire che per Anima non esistono i sincronismi atemporali (è la sua normalità), per Spirito non esistono i sincronismi alocali, per Mente non esistono i sincronismi aenergetici (non a caso quest'ultima ti fa capire l'intera faccenda, se ci fai caso nei tre gruppi il primo, aenergetico, sembra banale e inutile - cioé racchiuso già negli altri due insiemi di sincronismi).





Top
 
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010