Oggi è lun 25 mar 2019, 0:08

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: mar 8 giu 2010, 22:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
Salve, volevo porvi questa questione che mi era venuta in mente da un po' di tempo.
Dunque malanga sostiene che a ciascun archetipo/elemento (terra, acqua, fuoco e aria) corrisponda un elemento appartenente all'uomo.
In particolare le corrispondenze secondo malanga sarebbero:

Terra -> corpo
Aria -> anima
Fuoco -> spirito
Acqua -> mente

ora vorrei considerare l'ultimo elemento..l'acqua: l'acqua nelle tradizioni esoteriche antiche (mi riferisco in particolare alla tradizione ermetico-alchemica) non rappresenta assolutamente la mente..anzi la mente viene quasi considerata un tutt'uno con il corpo. L'acqua rappresenterebbe invece, dal punto di vista archetipico, un corpo energetico, che in alchimia viene chiamato anche corpo lunare o mercuriale. Nel "sistema malanghiano " viene completamente ignorato questo elemento, che però viene citato in tutte le tradizione antiche, pur essendo chiamato con nomi diversi: Ka, doppio, corpo acqueo, corpo sognante..ma malanga sembra averlo completamente ignorato, ma non solo, attribuisce l'elemento "acuqa" a qualcosa che sarebbe legato maggiormente all'elemento terra..


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: mer 9 giu 2010, 13:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
infatti io credo che l'osservazione di Malanga non sia corretta o comunque non del tutto, non penso sia possibile trovare negli elementi un significato comune a tutte le culture, credo che si dovrebbe salire ancora di più per trovare degli archetipi universalmente validi

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: mer 9 giu 2010, 18:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
secondo me la corrispondenza c'è, ma quella che dà Malanga è errata.. non riesco a capire appunto perchè non prenda in considerazione il doppio; ad esempio l'anima quando esce dal corpo, lo fa sempre attraverso un corpo, anche se sottile. In questo caso sarebbe un corpo identico a quello fisico, ma fatto di "energia sottile", ma non mi pare che Malanga ne abbia mai parlato, nemmeno come ipotesi. Scogny, che ne pensi? =D


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 10 giu 2010, 18:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 23 mar 2009, 18:31
Messaggi: 256
Località: Torino
Mi pareva che nel caso di un obe dell'anima, essa si presenti tipo come una pallina luminosa (mi pare stessa descrizione di come si vedono le anime dall'altra parte quando non stanno qua a far esperienza).
Che non è proprio da considerarsi come un corpo, ma forse come si vedono loro. (magari loro credono di essere fatte così e si danno quella forma nell'universo)


Per la storia dell'acqua, non credo che sia sbagliato associarlo alla mente come archetipo,però ci son da fare alcune valutazioni: io penso che l'acqua possa identificare noi stessi, ovvero il noi che adesso parliamo scriviamo e pensiamo; quindi alla mente.
Ma mi hanno detto che per Malanga la mente non siamo noi (infatti non funzionerebbe la triade), è più simile a uno strumento quasi come il corpo ma più evoluto.
Mi han dato una spiegazione non molto chiara, e per questo che forse acqua deve essere associata a --> noi o al pensiero.
Forse malanga intende mente come noi e i nostri pensieri, ma per sveltire la chiama solo mente; non intendendo la mente come lo strumento razionale.
Anche se la mente come strumento potrebbe essere l'inconscio.

Probabilmente noi saremmo il quinto elemento (ovvero la somma dei 4), ma chi non ha anima cosa sarà allora?

esisterà un archetipo per descrivere la completezza degli elementi, o solo quello per gli elementi singoli?!

( forse sto un po' divagando, scusate).

_________________
Cacciatrice di sogni


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 10 giu 2010, 18:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
l'anima in obe appare in quel modo quando l'esperienza extracorporea viene indotta con l'ipnosi. Ma quando si fa una proiezione astrale volontaria l'anima usa comunque un veicolo/corpo seppur sottile.

Per quanto riguarda la mente, noi non siamo la mente, né tantomeno i pensieri..potremmo dire che il vero Io è l'anima e che il resto è un'illusione nella quale però a volte l'anima si identifica. Ecco allora che crediamo di essere un corpo, una mente o un pensiero.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 10 giu 2010, 19:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 23 mar 2009, 18:31
Messaggi: 256
Località: Torino
se noi siamo anima (che pensa di essere un' altra cosa). chi non è anima cosa è?

inoltre non mi sembra molto coerente con quello che dice malanga, che vede anima un po' ingenua, poichè anima dovrebbe anche sapere bene come funziona questo mondo ecc..

_________________
Cacciatrice di sogni


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 10 giu 2010, 19:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
Non tutte le anime sono allo stesso "livello". Ci sono anime più "esperte", altre meno, alcune sanno le cose, altre no.. È come se ci fossero anime bambine, adolescenti o adulte.

Chi non è anima è solo "un insieme" di mente spirito e corpo


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 14 ott 2010, 4:14 
Caspita che bell'argomento, me l'ero proprio perso!
Cerco di rispondere in maniera sufficientemente esaustiva e donare ciò che so, anche perché da quanto ho potuto notare è facilissimo fare una confusione della madonna con questi quattro elementi.

Fuoco, Acqua, Aria, Terra.
Innanzitutto una premessa doverosa: si tratta di elementi che tendono a coincidere con il concetto di archetipo, quindi se dobbiamo trattarli come tali è fondamentale che vengano considerati in modo paritetico, astratto, senza alcun ordine cronologico spaziale o energetico che sia. Valgono tutti allo stesso modo, l'importanza è la medesima per tutti e quattro dato che sono complementari.
Gli archetipi difatti, concettualmente identificano una sorta di "spazio delle possibilità", ovvero come si trattasse dei tasti di un pianoforte: l'ordine è puramente tecnico, di comodo, in realtà l'importanza di una nota anziché di un'altra dipende esclusivamente dal modo in cui le si suonano, dalla melodia che si vuole esprimere.

Procediamo a riassumere -molto brevemente- le corrispondenze simboliche di questi quattro elementi:
(!empty($user->lang['IMAGE'])) ? $user->lang['IMAGE'] : ucwords(strtolower(str_replace('_', ' ', 'IMAGE'))) Fuoco
Elemento attivo e "celeste" (notare l'icona alchemica, con la punta verso l'alto e l'assenza della stanghetta che ne rimarca la forma astratta, ideale).
Alchemicamente è definito come caldo e secco.
I greci e i romani lo associavano all'energia creativa, alla passione e alla pulsione.
Nella tradiziona indiana è associato al sole e alla luce.
L'astrologia, la cabala, i tarocchi e altre dottrine esoteriche occidentali lo associano alla volontà e all'intenzione.
Si può definire come l'elemento maschile per eccellenza (il lato Yang di Yang).

(!empty($user->lang['IMAGE'])) ? $user->lang['IMAGE'] : ucwords(strtolower(str_replace('_', ' ', 'IMAGE'))) Aria
Elemento attivo e "terreno" (notare l'icona alchemica, con la punta verso l'alto e la presenza della stanghetta che ne rimarca una forma cristallizzata, più materiale).
Alchemicamente è definito come caldo e umido.
I greci e i romani lo associavano all'intelligenza e la psiche (la sfera dei sentimenti).
Nella tradiziona indiana è associato a saturno.
L'astrologia, la cabala, i tarocchi e altre dottrine esoteriche occidentali lo associano all'intelletto, la logica e il raziocinio.
Si può definire come l'elemento maschile mediato (il lato Ying di Yang).

(!empty($user->lang['IMAGE'])) ? $user->lang['IMAGE'] : ucwords(strtolower(str_replace('_', ' ', 'IMAGE'))) Acqua
Elemento passivo e "celeste" (notare l'icona alchemica, con la punta verso il basso e l'assenza della stanghetta che ne rimarca la forma astratta, ideale).
Alchemicamente è definito come freddo e umido.
I greci e i romani lo associavano all'emozione e all'intuizione.
Nella tradiziona indiana è associato a venere e alla luna (ecco qui che torna il "doppio", contrapposto al Fuoco solare).
L'astrologia, la cabala, i tarocchi e altre dottrine esoteriche occidentali lo associano all'empatia, l'immaginazione e l'intuito.
Si può definire come l'elemento femminile mascolinizzato (il lato Yang di Ying).

(!empty($user->lang['IMAGE'])) ? $user->lang['IMAGE'] : ucwords(strtolower(str_replace('_', ' ', 'IMAGE'))) Terra
Elemento passivo e "terreno" (notare l'icona alchemica, con la punta verso il basso e la presenza della stanghetta che ne rimarca una forma cristallizzata, più materiale).
Alchemicamente è definito come freddo e secco.
I greci e i romani lo associavano alla materialità terrena.
Nella tradiziona indiana è associato alla terra.
L'astrologia, la cabala, i tarocchi e altre dottrine esoteriche occidentali lo associano al materialismo, alla cristallizzazione delle idee e alla sfera delle azioni fisiche.
Si può definire come l'elemento femminile per eccellenza (il lato Ying di Ying).

Ci sono molte altre associazioni, anche per quanto riguarda le varie divinità coinvolte, ma preferisco fermarmi qui anche perché di elementi utili all'analisi ce ne sono. Tra l'altro se cercate per vostro conto vi potrete rendere conto che alla maggiore molte tradizioni si rifanno a significati simbolici simili, soprattutto complementari nei riguardi dei quattro archetipi.

Tiriamo qualche conclusione.
Si può vedere immediatamente che l'associazione Anima-Aria e Mente-Acqua sono piuttosto forzate, anche se prendiamo come unica base la tradizione greca: sembrano invertiti. Associando invece Anima-Acqua (le emozioni) e Mente-Aria (l'intelletto) i conti sembrano tornare.
C'è però qualcosa che non torna, ovvero i sentimenti (Aria) e le emozioni (Acqua). Questo perché, se vogliamo analizzare attentamente i termini (cito testualmente):

"Le emozioni sono stati mentali e fisiologici associati a modificazioni psicofisiologiche a stimoli interni o esterni, naturali o appresi. In termini evolutivi, o darwiniani, la loro principale funzione consiste nel rendere più efficace la reazione dell'individuo a situazioni in cui si rende necessaria una risposta immediata ai fini della sopravvivenza, reazione che non utilizzi cioè processi cognitivi ed elaborazione cosciente. Le emozioni rivestono anche una funzione relazionale (comunicazione agli altri delle proprie reazioni psicofisiologiche) e una funzione autoregolativa (comprensione delle proprie modificazioni psicofisiologiche). Si differenziano quindi dai sentimenti e dagli stati d'animo."

"Con il termine sentimento (derivato dal latino sentire, percepire con i sensi) si intende una condizione affettiva che dura più a lungo delle emozioni e che ha una minore incisività rispetto alle passioni. Per sentimento genericamente si indica ogni forma di affetto: sia quella soggettiva, cioè riguardante l'interiorità della propria individuale affettività, sia quella rivolta al mondo esterno.
Quando il termine viene usato nel significato di "senso (sentimento) di sè" esprime la coscienza della propria esistenza come complesso dei moti spirituali e corporei. [...] In Blaise Pascal il sentimento, chiamato "sentire del cuore... [...] Allo stato attuale non è possibile affermare che gli animali provino anche i sentimenti, perché ciò richiederebbe che abbiano una forma di coscienza."



In parole povere, se accettiamo il significato condiviso dei termini "sentimento" ed "emozione", viene addirittura fuori che Anima prova sentimenti invece che emozioni, al contrario di come è stato scritto più volte. Per questa ragione, allora, l'associazione Anima-Aria tornerebbe al suo giusto posto, ma resterebbero irrisolti altre associazioni di differenti tradizioni.
Non solo, se il Fuoco-Spirito è "celeste" e maschile/attivo, così come Aria-Anima è "celeste" e femminile/passiva, d'altro canto Fuoco e Aria sono attivi nei confronti di Acqua e Terra, quindi viene fuori che Anima e Spirito sono "della stessa pasta" (risiedono in alto) ma così facendo si perde l'associazione tra Sole (Fuoco) e Luna (Acqua) che invece rivestono un ruolo più che fondamentale nel contesto simbolico mistico.
Senza poi considerare che una Mente, una razionalità forte e calcolatrice associata all'Acqua che è profondamente femminile/passiva (e pure umida), ha poco senso.

Insomma, per come la si mette si rischia di volersi dare ragione per forza, o addirittura autosmentirsi.
La ragione di tutta questa confusione a mio parere è nel mancato ragionamento sulla complementarietà dei quattro elementi: si vuole per forza associare un singolo elemento con una specifica componente umana... tutto questo assolutismo mi spiace ma io non lo vedo.
E' invece più logico e intuitivo considerare Anima come Aria quando effettua un'operazione diretta e creativa (il lato maschile del femminile), e Anima come Acqua quando si pone in antitesi passiva nei confronti di Spirito (il lato lunare, ricettivo femminile per eccellenza). In entrambi i casi si sviluppano sentimenti ed emozioni.
Allo stesso modo una Mente illuminata fungerà da Aria (l'intelligenza creativa verso un fine specifico), oppure Acqua quando si annoda su se stessa (le seghe mentali, il sognare ad occhi aperti, la riflessione fine a sé stessa).
Oppure, Spirito in Fuoco quando c'è una forte pulsione ideale (l'idea, la botta di genio), oppure Spirito in Terra per il mero istinto biologico (l'azione-reazione meccanica, fisica, naturale).

Provateci anche vuoi: qualsiasi idea, concetto, emozione o sentimento che vi salta in mente potrete distinguerlo in misura variabile nei quattro elementi.
Dopotutto... "Many philosophies and worldviews have a set of classical elements believed to reflect the simplest essential parts and principles of which anything consists or upon which the constitution and fundamental powers of anything are based." :)


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: sab 23 ott 2010, 15:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
grazie, molto interessante. Tuttavia non condivido questo:
Citazione
Associando invece Anima-Acqua (le emozioni)

L'anima dovrebbe essere un principio ben superiore alle emozioni che sono qualcosa che sta anche al di sotto della razionalità.
E' una confusione questa che mi sembra abbastanza ricorrente. Ho sentito spesso dire, ad esempio, "E' così perchè sento che me lo dice Anima"...e qui c'è la confusione tra un principio metafisico con le emozioni o addirittura con il sentimentalismo. :S


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: lun 1 nov 2010, 11:33 
Ciao Carmelo,
tutto dipende dalla tua interpretazione di emozioni/sentimenti e raziocinio, cioé cosa sta "sotto" e cosa viene "prima".
Non mi riferisco all'ordine di importanza, piuttosto all'ordine cronologico cioé nel processo creativo quale elemento si attiva prima favorendo l'elemento successivo. Ad esempio è risaputo che le emozioni si sviluppano un istante prima di qualsiasi processo di pensiero, e questo è stato verificato anche in ambito prettamente scientifico, quindi secondo questo punto di vista si potrebbe dire che l'Acqua (l'emozione) favorisce l'Aria (l'intelligenza), ma a sua volta viene provocata dal Fuoco (la pulsione, istintiva o creativa che sia).

Tieni a mente anche un aspetto fondamentale: se prendi come riferimento assoluto uno dei quattro elementi, cioé se osservi tutto il processo creativo dal punto di vista di un elemento in particolare, è normale che tutto ciò che si percepirà il più delle volte apparirà "sotto".
Agli occhi della mente razionale l'emozione la pulsione e il sentimento hanno una particolare struttura logica; ma agli occhi del sentimento, il raziocinio la pulsione e l'emozione avranno una differente struttura e così via.
A mio parere il principio metafisico, quando esiste, lo ritrovi in tutti e quattro gli elementi, in aspetto differente. In alternativa si potrà parlare di percezione (e quindi manifestazione) più che altro parziale, con tutti i pro e contro annessi.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: mer 3 nov 2010, 13:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
Citazione
tutto dipende dalla tua interpretazione di emozioni/sentimenti e raziocinio, cioé cosa sta "sotto" e cosa viene "prima".

Il punto è che non stiamo parlando della classifica delle "10 ragazze più belle d'Italia", dove io posso mettere prima la mora bassina e tu la biondona alta asd
L'ordine esiste ed è preciso. Sul fatto che le emozioni siano spesso legate all'istintività (e quindi a ciò che ci avvicina di più agli animali), ci dovrebbe far sospettare che si tratti di qualcosa di inferiore e non di superiore.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: mer 3 nov 2010, 17:43 
Citazione (-Carmelo-)
L'ordine esiste ed è preciso. Sul fatto che le emozioni siano spesso legate all'istintività (e quindi a ciò che ci avvicina di più agli animali), ci dovrebbe far sospettare che si tratti di qualcosa di inferiore e non di superiore.


Può anche non essere così preciso come sembra, lascia che ti faccia un esempio.
L'istinto si basa sulle pulsioni cioé un aspetto maschile che genera azioni dirette, ed emozioni cioé un aspetto femminile che sviluppa percezioni e quindi un minimo di consapevolezza sulla circostanza che ci ritroviamo a vivere. Questi due concetti in realtà puoi applicarli a qualsiasi livello, difatti anche nella sfera puramente psichica siamo soggetti alla pulsione (la volontà) e alla percezione (l'idea da sviluppare e l'emozione scaturita).
Un pò come l'idea di creatività, che puoi rapportarla al biologico (ottenendo l'istinto, l'unione e la riproduzione fisica), oppure ad un livello più sottile e "superiore" (la creatività artistica).
Tutto dipende dal livello di riferimento che vuoi adottare. Se è il raziocinio a fungere da osservatore, è chiaro che il livello più importante (di riferimento) sembrerà quello mentale e tutto il resto verrà dopo.

Dopotutto chi è in grado di darti certezza assoluta sull'inferiorità evolutiva dell'istinto biologico? Anche il DNA può essere più "mistico" di quanto possa sembrare, se lo si osserva con la giusta ottica.
[credo sia evidente che dal mio punto di vista gli animali non sono assolutamente inferiori, ma differenti]


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 14:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
l'istinto non ha affatto una natura maschile. Al contrario ha una natura femminile, passiva ed inferiore...pardon la parola "inferiore" è una bestemmia, non può essere detta in una società "democratica"... asd
l'istinto è passivo, su questo non c'è dubbio, tanto che abbiamo su di esso un controllo attivo molto limitato... e credo che non sia necessario dire che ciò che è passivo ha una natura femminile.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: ven 5 nov 2010, 10:36 
Rileggi bene ciò che ho scritto: quando parlavo di istinto mi rifacevo ad aspetti maschili e femminili.
Tra l'altro non capisco la tua affermazione "tanto che abbiamo su di esso un controllo attivo molto limitato"... di chi/cosa stai parlando?


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: ven 3 dic 2010, 13:11 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Citazione (-Carmelo-)
Salve, volevo porvi questa questione che mi era venuta in mente da un po' di tempo.
Dunque malanga sostiene che a ciascun archetipo/elemento (terra, acqua, fuoco e aria) corrisponda un elemento appartenente all'uomo.
In particolare le corrispondenze secondo malanga sarebbero:

Terra -> corpo
Aria -> anima
Fuoco -> spirito
Acqua -> mente

ora vorrei considerare l'ultimo elemento..l'acqua: l'acqua nelle tradizioni esoteriche antiche (mi riferisco in particolare alla tradizione ermetico-alchemica) non rappresenta assolutamente la mente..anzi la mente viene quasi considerata un tutt'uno con il corpo. L'acqua rappresenterebbe invece, dal punto di vista archetipico, un corpo energetico, che in alchimia viene chiamato anche corpo lunare o mercuriale. Nel "sistema malanghiano " viene completamente ignorato questo elemento, che però viene citato in tutte le tradizione antiche, pur essendo chiamato con nomi diversi: Ka, doppio, corpo acqueo, corpo sognante..ma malanga sembra averlo completamente ignorato, ma non solo, attribuisce l'elemento "acuqa" a qualcosa che sarebbe legato maggiormente all'elemento terra..

In questo messaggio c'è molta confusione. Hai praticamente detto che manca una cosa che apparterrebbe ad un elemento mentre invece hai confuso più enti diversi (peraltro già presenti e considerati) accomunandoli ad un'unico elemento (l'acqua) al quale oltretutto non corrispondono nemmeno.

Parto dalla parola più sicura che hai nominato e che dici non esistere nel sistema che abbiamo individuato. Ovvero parto dal "Ka".

Ka è lo Spirito: basta vedere la traduzione e la tradizione egizia. Elemento Fuoco, totale quantizzazione nell'asse dell'energia (dipende da essa) e nessuna quantizzazione nell'asse dello spazio (non ha limiti in esso).

Non c'entra nulla con il "corpo lunare".
Questo appartiene alla classificazione Saturniano, Lunare, Mercuriale e Solare, dove il saturniano è il fisico, il lunare è qualcosa di legato al fisico che vive attraverso di esso (quindi Anima, in special modo per via dell'aspetto femminile della luna), il mercuriale è la mente ovvero mercurio il dio messaggero che si sposta nello spazio che è anche l'asse da cui dipende la mente, e infine il solare è lo spirito, principio maschile contrapposto al femminile di anima, elemento fuoco, sempre secondo la definizione del sistema preso in considerazione è qualcosa senza cui la vita non esiste, e vive sia fisicamente che non (spirito alimenta il fisico e ne viene influenzato, idem per anima alla quale fornisce energia e vi comunica).
Il corpo lunare quindi è Anima e il Ka ovvero spirito è il corpo solare. E' ovvio che non v'è corrispondenza del il corpo lunare né con l'acqua di mente né con il fuoco di spirito.

Il "doppio" è il famoso "doppio eterico" che si nota in OBE. Ovvero il mezzo, percepito archetipicamente (e tradotto dalla mente, a volte in modi diversi quindi non è oggettivo) in cui ci si muove in OBE. Ovvero l'Anima. Esistono infatti due tipi di OBE (quella di Anima e quella della triade completa) ma in entrambe è sempre Anima il "corpo" della psiche. Il più delle volte esperienze riportate come OBE sono solo sogni, lucidi o no, e lo si può facilmente dimostrare analizzando le singole esperienze. In tutte le altre Anima è il cosiddetto doppio eterico, che erroneamente nelle culture è stato confuso con il corpo eterico. L'etere infatti è l'energia sottile e si tratta quindi del corpo energetico, cioè Spirito, che è il "vero" corpo eterico. Anima in OBE da anni la ribattezzo, se proprio dobbiamo, "corpo etereo", laddove etereo è molto più corretto di eterico (si vedano i rispettivi significati).
Ergo il "doppio" è Anima ed è elemento aria, che non c'entra nulla con l'acqua di Mente, la quale oltretutto non ha un "corpo".

Il corpo energetico non è assolutamente l'acqua. Dove mai è stata associata l'acqua all'energia? L'energia è fuoco per definizione. Vedasi infatti il corpo solare che è Spirito.

Corpo lunare e mercuriale, quindi, non sono la stessa cosa. Se c'è questa confusione incredibile mi domando come sia possibile affermare che "x corrisponde archetipicamente a" che è un'affermazione molto intensa e presuppone una conoscenza vasta e soprattutto esatta, che va anche nel campo della Coscienza.

L'acqua non viene tralasciata nel nostro sistema ("malanghiano" è un termine oltretutto inesatto e dal tono vagamente settario in quanto non solo relega ad un soggetto o ad un gruppo di soggetti un insieme di informazioni, ma oltretutto non sono nemmeno nuove e il riscoprirle, metterle insieme e dimostrarle per quello che si può fare, direi che non è qualcosa da etichettare con un nome). L'acqua infatti è la mente, quella cosa che dipende dallo spazio, dalla forma, la forma che contiene il contenuto (l'energia di spirito e quindi le FP), quella cosa che a seconda di dove la metti cambia forma, ed è sinonimo della forma mutante, cangiante, come l'acqua sempre in movimento, che scorre, sulla cui superficie si possono formare le figure di interferenza.

"corpo acqueo" è qualcosa di ben poco appartenente a "tradizioni antiche". Ma suppongo che basti prendere l'elemento corrispondente e quindi farne il nome. Laddove "corpo terrestre" (o terreno) è il fisico (e si usa anche nel linguaggio comune), il corpo solare è spirito, etc e quindi corrisponderebbe al corpo mercuriale o meglio alla Mente cioè elemento Acqua.

"corpo sognante" mi sembra un'altra definizione tutt'altro che antica ma semplicemente dovuta al bisogno di dare un nome a quella parte di noi che più ha a che fare con i sogni e che vive come fosse costantemente in un sogno, e dalla quale possiamo percepire quella sensazione di distacco, leggerezza, emozione ed atemporalità analizzando come viviamo i nostri sogni. Ovvero si parla di Anima, elemento Aria. Di sicuro non acqua.

Affermi infine che la mente sarebbe maggiormente legata all'elemento Terra, laddove invece la mente è tutt'altro che fisica, anzi in verità non ha nemmeno un corpo sottile (quantizzazione assente nell'asse energetico).

Ecco dunque chiariti alcuni aspetti delle corrispondenze tra elementi e componenti umane.
I sistemi di classificazione a volte sono corrispondenti ed a volte sono totalmente diversi: non li si può confrontare frettolosamente senza averli prima analizzati (e, perché no, vissuti) a fondo.

Ricordo infine che i simboli alchemici, come riportati da Anonimo, sono disponibili sulla rete con le relative corrispondenze. Esperienze di simulazione mentale ed ipnosi ci riconfermano che l'elemento aria richiama Anima e non Mente, anzi questa viene come addormentata, laddove invece l'elemento acqua la richiama ed a volte in modo incontrollabile, instaurando un'intensa attività mentale che diminuisce la profondità della seduta. Prossimamente pubblicherò un metodo veloce e pratico, derivato da alcune mie osservazioni su molti soggetti nella pratica della FMS, per sperimentare questi elementi e chiarire finalmente i dubbi. La pratica è "la morte" di ogni teoria, intesa non come distruzione ma, proprio in accordo con il modo di dire legato agli accostamenti culinari, intesa come realizzazione, scopo, manifestazione, fine.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Malanga e gli archetipi
Messaggio da leggereInviato: ven 3 dic 2010, 14:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
ho capito.
La cosa che però non mi torna è: lo spirito che è un principio maschile (fuoco) non dovrebbe essere superiore all'anima (aria) che è di natura femminile e passiva?


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010