Oggi è gio 18 lug 2019, 9:23

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 38 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 29 apr 2008, 9:35 
Dio è amore?
Certo, anche se non è un amore come il nostro, lui ama in modo incondizionato e in modo perfetto... Dio ama il suo creato per questo che ogni volta che insultiamo una persona, e tutto ciò che creato , insultiamo Dio...


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: dom 9 ago 2009, 20:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
ma di che dio parliamo? quello che ognuno ha in testa? XD
perchè sennò sono sbagliate le ipotesi per il dio cristiano cattolico :)

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re:
Messaggio da leggereInviato: mer 3 nov 2010, 12:53 
Non connesso

Iscritto il: mar 26 ott 2010, 12:56
Messaggi: 12
Citazione (Luciano)
Il "problema" è che amore ed amore incondizionato sono 2 cose diverse.C'è un complementare per l'amore, ma tantissimi per l'amore incondizionato (tutto ciò che non lo è).Dio infatti non è solo "amore", ma Amore Incondizionato - nessuna condizione, nessun vincolo, nessun limite, libertà totale: ecco quindi la vastità della creazione ed il libro arbitrio.E' l'amore incondizionato che permette di accettare ma anche di trasmutare qualsiasi altra cosa (quindi, Dio è tutto).Solo apparentemente non "rispetta" il principio del Tao (la dualità).


mi sfuggono un paio di aspetti:
1 se Dio e'
Citazione
Amore Incondizionato - nessuna condizione, nessun vincolo, nessun limite, libertà totale
, questo e' un amore irragiungibile per gli esseri umani, i quali bene o male, amano sempre per avere qualcosa in cambio. es. il Paradiso, la Grazia di Dio... inoltre per Amare Dio, gli umani limitano fortemente i proprio istinti, es. i Cristiani seguono i 10 Comandamenti.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 11:18 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Esattamente.

Regole, comandamenti, vincoli, leggi... sono tutte divisioni, fra di noi, fra noi e l'universo... fra noi e la Coscienza (Dio, e non parlo quindi di un "dio" religioso, dato che la religione è un insieme di vincoli e quindi non potrà mai definire un "dio" che sia veramente "tutto").

Amare dio è qualcosa che solo un religioso può fare, credendo di amare qualcosa al di fuori di sé... amare sé stessi, gli altri e il tutto, invece, o quanto meno accettare tutto ciò (che è già più realistico relativamente al nostro stato attuale di esseri formati da una psiche incarnata), significa veramente amare Dio inteso come totalità, come tutto, ovvero come Coscienza (in un certo senso, a livello reale, tutto è Coscienza, essendo che tutto deriva da essa).

E l'amore incondizionato è qualcosa di "divino", o di coscienziale potremmo dire, che non può (per forza di cose, per limiti energo-spazio-temporali) essere vissuto ed espresso dal Corpo, dalla Mente, dallo Spirito, ma forse solo dall'Anima, e neanche totalmente (anch'essa è composta da una parte virtuale, seppur meno delle altre componenti). Ascoltando Anima, o meglio essendo Anima (cioè lasciandosi andare all'Emozione e ancora meglio al Sentire di Coscienza), abbiamo la possibilità di vivere uno stato di coscienza (personale) il più vicino possibile alla Coscienza, e quindi provare amore incondizionato (non importa verso cosa, essendo che per sua natura non è selettivo).

E' un'esperienza che ben pochi secondo me hanno fatto tra tutti coloro che ne parlano; ma, seppur non totalmente, è comunque un'esperienza fattibile.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 12:39 
Non connesso

Iscritto il: mer 3 feb 2010, 11:56
Messaggi: 25
"- il cristianesimo, che nasce proprio dall'ebraismo (l'antico testamento ne è una parte), come anche le testuali parole

del messia Gesù, ci dice invece che deve essere l'uomo stesso ad affacciarsi direttamente a Dio, che non ha bisogno di

alcuna chiesa, e che può "salvarsi" da solo."

L'ebraismo nasce da Mosè, e il cristianesimo da Gesù.
Mosè era anche un capo politico, un condottiero che ha dato origine a una religione per creare una nazione che non c'era.

Inoltre si serviva della classe sacerdotale (suo fratello Aronne) e applicava la Legge alla lettera.

Gesù non era un capo politico (anche se è stato ucciso per questo motivo fittizio) e non volle creare una nazione, mentre i

suoi contemporanei attendevano un messia che restaurasse la grandezza della nazione ebraica e per questo non è stato

riconosciuto. Inoltre Gesù incontrava personalmente le persone e ha insegnato, come sostieni anche tu, che ognuno deve

cercare Dio in se stesso, nel suo posto più segreto. Egli ha anche dato prova che la Legge non va applicata alla lettera,

ma interpretata sulle esigenze dell'uomo, perché è la Legge che dev'essere al servizio dell'uomo e non viceversa.

Direi che essi sono molto diversi, e in questo senso Gesù affermava che era venuto a completare la Legge di Mosè.

E' solo la chiesa cattolica che, gelosa dei privilegi sacerdotali, ha pensato bene di innestare il cristianesimo

nell'ebraismo con la scusa che Gesù era ebreo. Se qualcuno ne ha voglia, vada a leggersi la corrispondenza tra Pilato e

Augusto dove Gesù è descritto DI ALTA STATURA, DI PELLE CHIARA E DI CAPELLI ROSSI (mentre l'ebreo dell'epoca era piccolo e

scuro sia di pelle che di capelli).
*
"Il culto egocentrico occidentale, per antonomasia, è il Satanismo. Già il Luciferismo fa perno su di una divinità, ma il

Satanismo no, comprende l'uomo che regna su tutto."
Quindi tu lo equipari al cristianesimo, proprio come facevano i Farisei e gli Scribi contemporanei di Gesù, che furono

redarguiti sul fatto che il loro era un peccato contro lo Spirito, cioè contro Dio, il Dio nell'uomo.

Secondo me la differenza non sta tanto nel fatto dell'autorealizzazione, quanto nel significato che si dà alla parola

"regnare" e nella sua applicazione pratica. "Regnare" si può intendere come dominio sull'altro, sopraffazione e

annullamento del libro arbitrio altrui, oppure come superamento della propria dualità trascendendo le pulsioni di cui

sopra.
D'altronde anche nell'apocrifo di Tommaso, Gesù invita l'uomo a conoscersi, in modo da "stupirsi e regnare su tutto".
*
Amore è espansione E ANCHE contrazione: il genitore manifesta l'amore nei confronti dei figli sia quando li acarezza, sia quando li redarguisce, PURCHE' L'INTENZIONE SIA QUELLA DI DAR LORO CIO' DI CUI HANNO BISOGNO IN QUANTO LI AMA.

Nell'apocrifo di Filippo si viene avvertiti di stare attenti, perché il diavolo è molto bravo a giocare con le parole.

Occorre trascendere le parole, che sono essenzialmente duali in quanto prodotto della Mente.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 14:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
maxmerlino, secondo me il cattolicesimo dicendo che l'uomo, in ambito spirituale, ha bisogno di un tramite, non fa altro che ribadire un situazione di fatto.
Quando si è sviluppato il cristianesimo, e ancora di più è così oggi, l'uomo medio non era in grado di "comunicare con Dio" da sè, per questo ha bisogno di un tramite.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 15:31 
Non connesso

Iscritto il: mer 3 feb 2010, 11:56
Messaggi: 25
Certo che si ribadisce una situazione di fatto! Il cristianesimo all'origine era rivoluzionario proprio per questo, poi è stato "gestito" dalla solita classe sacerdotale, e giunti a questo punto le religioni sono tutte uguali: fatte di riti, esteriorità e privilegi.
Che cosa avrebbe questo "tramite" in più? Il sacramento che lo sancisce? Allora non è vero che siamo tutti uguali di fronte a Dio e che uno solo è il maestro, non trovi?
Dato che Dio è in lui, se l'uomo medio come dici tu con riesce a comunicarci, c'è un chiaro problema di scarsa conoscenza di sé. E siamo tornati al "conosci te stesso".


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 16:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
Citazione
Il cristianesimo all'origine era rivoluzionario proprio per questo


Il cristianesimo non è affatto "rivoluzionario", anzi, è perfettamente coerente con la Tradizione.

Citazione
Allora non è vero che siamo tutti uguali di fronte a Dio


Ma di fronte a Dio certo che siamo tutti uguali. Non lo siamo qui, nel mondo "manifestato", tra gli uomini le differenze esistono eccome! E appunto, visto che tra gli uomini le differenze esistono... e poichè il cristianesimo è perfettamente coerente con la tradizione, non poteva certo lasciarsi andare a "democratizzazioni" e a "democraticismi spiritualisti" tipici della new age

Certo che c'è una scarsa conoscenza del Sè, ma questo non è qualcosa che ha stabilito la chiesa. Semplicemente è andata perdendosi nella storia, e lo sarà sempre più...fino ad un certo punto, ovviamente ;)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 17:22 
Non connesso

Iscritto il: mer 3 feb 2010, 11:56
Messaggi: 25
A me risulta che Gesù avesse accese discussioni coi Farisei nell'interpretazione della Legge e i Farisei la Tradizione la conoscevano, anche se solamente la Lettera e non lo Spirito.
Più volte Gesù diede scandalo, sempre secondo i Farisei, con quello che diceva e faceva. Sia che frequentasse i ricchi, sia che frequentasse i poveri.
Più volte gli chiesero con quale autorità parlasse e agisse così, dando a intendere che essi non lo riconoscevano per niente nella propria Tradizione e di lui non capivano nulla. E i mercanti del tempio, e il perdono dell'adultera, e il lavorare di sabato, ecc. ecc.
Naturalmente i CATTOLICI hanno pensato bene di reintrodurre la "sacralità del sabato", ma per distinguersi hanno adottato la domenica, e i musulmani naturalmente hanno ricalcato adottando il venerdì. Ci sarebbe quasi da sorridere del modo ovvio e scontato col quale lavorano quelli dietro le quinte.

Siamo tutti diversi tra noi, ma con pari dignità: questo intendo con "uguali di fronte a Dio". Tu sei tempio del Dio vivente, e io lo sono, e tutti lo siamo allo stesso modo. Mi pare che qui la new-age c'entri poco.
La new-age c'entra, invece, quando vuol sostituire la figura del sacerdote celebrante con quella del medium, e qua la new-age somiglia parecchio a una religione, naturalmente riscritta in chiave moderna.
Come il medium vive dell'ignoranza spirituale dei suoi adepti, così il sacerdote vive sulle spalle dell'ignoranza di sè, altrimenti perderebbe il lavoro. Eh sì, perché fare il sacerdote è diventato un lavoro...
Chiunque permetta il perpetuarsi dell'ignoranza, ne è in certa misura responsabile, specie se la sua missione è quella di "portare luce".


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 4 nov 2010, 18:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
I Farisei erano solo una corrente all'interno dell'ebraismo...ed era anche una corrente relativamente tarda e di sicuro non la più tradizionalista, sebbene all'epoca di Gesù fosse probabilmente la più diffus.

cosa intendi più precisamente con "cristianesimo delle origini"?


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re:
Messaggio da leggereInviato: ven 5 nov 2010, 17:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 54
Citazione (AYAME.SAN)
Dio è amore?Certo


Dunque è imperfetto.

_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: lun 8 nov 2010, 10:42 
Non connesso

Iscritto il: mer 3 feb 2010, 11:56
Messaggi: 25
"Quando si è sviluppato il cristianesimo, e ancora di più è così oggi, l'uomo medio non era in grado di "comunicare con Dio" da sè"
Gesù diceva che si doveva pregare nella propria stanza nel segreto, e non in gruppo in qualche tempio. Con "propria stanza" io intendo in se stessi come forma di meditazione. Gesù rimproverava ai contemporanei che pregavano con la bocca e andavano al tempio per farsi vedere mentre DENTRO erano marci e pieni d'ossa di morti.
Il cristianesimo è quindi nato così, e "sviluppandosi" è diventato a poco a poco l'ipocrisia che pretendeva di cancellare: cattolicesimo.

"Certo che c'è una scarsa conoscenza del Sè, ma questo non è qualcosa che ha stabilito la chiesa"
Tu cosa intendi con "chiesa"?
Se è solo il clero, allora ti dico che il cristianesimo originale con distingueva tra clero e fedele.
Se invece con chiesa intendi clero+fedeli, allora ti ripropongo la questione: "che cos'ha il sacerdote in più del fedele"?


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 11 nov 2010, 11:11 
Non connesso

Iscritto il: mar 26 ott 2010, 12:56
Messaggi: 12
Citazione
E l'amore incondizionato è qualcosa di "divino", o di coscienziale potremmo dire, che non può (per forza di cose, per limiti energo-spazio-temporali) essere vissuto ed espresso dal Corpo, dalla Mente, dallo Spirito, ma forse solo dall'Anima, e neanche totalmente (anch'essa è composta da una parte virtuale, seppur meno delle altre componenti).


seguendo questo ragionamento, con cui mi trovo del tutto d'accordo, mi verrebbe da dire che allora questo Amore Incondizionato, soprattutto quello che pretendono di avere alcuni religiosi, sia solo una pia illusione per gli esseri umani nella forma in cui effettivamente esistono...

se ammettiamo che l'Umano non è perfetto, secondo me dobbiamo ammettere che non è neanche capace di provare Amore Incondizionato oqualunque altro sentimento assoluto.


Ultima modifica di incontro il mar 16 nov 2010, 10:57, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 11 nov 2010, 17:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 54
Citazione (incontro)
seguendo questo ragionamento, con cui mi trovo del tutto d'accordo, mi verrebbe da dire che allora questo Amore Incondizionato, soprattutto quello che pretendono di avere alcuni religiosi, sia solo una pia illusione per gli esseri umani nella forma in cui effettivamente esistono...


In un universo duale qualsiasi cosa incondizionata è un inganno, un'illusione.
Vedi l'onnipotenza.

_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: sab 13 nov 2010, 21:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 49
Citazione
"Certo che c'è una scarsa conoscenza del Sè, ma questo non è qualcosa che ha stabilito la chiesa"
Tu cosa intendi con "chiesa"?
Se è solo il clero, allora ti dico che il cristianesimo originale con distingueva tra clero e fedele.
Se invece con chiesa intendi clero+fedeli, allora ti ripropongo la questione: "che cos'ha il sacerdote in più del fedele"?


La questione è più complicata di quanto possa sembrare. Il "cristianesimo delle origini" (che NON è lo gnosticismo) aveva un carattere esoterico, e solo successivamente si è avuta una certa apertura ed è così diventato il culto essoterico noto a noi oggi. Dunque il cristianesimo delle origini non aveva la distinzione sacerdote/fedele (o quantomeno non così netta) ma ovviamente era presente una gerarchia spirituale.

Tu mi chiedi che cos'abbia di diverso un sacerdote rispetto ad un fedele. Un ateo ti dirà "nulla", e magari tu vorresti questa risposta. Bisogna vedere quindi anche il punto di vista. Stiamo parlando però (anche) di religioni quindi si può dire che secondo la religione, chi riceve certi sacramenti riceve anche certi "influssi spirituali". Quindi il sacerdote sarebbe qualificato effettivamente per "dare il sacro".


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 6 set 2012, 15:18 
Non connesso

Iscritto il: gio 28 apr 2011, 16:27
Messaggi: 16
Citazione
è qualcosa di "divino", o di coscienziale potremmo dire, che non può (per forza di cose, per limiti energo-spazio-temporali) essere vissuto ed espresso dal Corpo, dalla Mente, dallo Spirito, ma forse solo dall'Anima, e neanche totalmente (anch'essa è composta da una parte virtuale, seppur meno delle altre componenti).

seguendo questo ragionamento, con cui mi trovo del tutto d'accordo, mi verrebbe da dire che allora questo Amore Incondizionato, soprattutto quello che pretendono di avere alcuni religiosi, sia solo una pia illusione per gli esseri umani nella forma in cui effettivamente esistono...

se ammettiamo che l'Umano non è perfetto, secondo me dobbiamo ammettere che non è neanche capace di provare Amore Incondizionato oqualunque altro sentimento assoluto.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: gio 6 set 2012, 21:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 26 lug 2011, 12:18
Messaggi: 6
Località: Bari
Quando ero piccolo ed in qualche modo vicino alla religione cattolica amavo pensare a dio in
questi termini:

La cosa piu' grande e complessa che riesco ad immaginare è il nulla... Bhe se dio esiste allora è ancora più grande del nulla!

_________________
Ho visto lontano perchè stavo sulle spalle dei giganti - Isaac Newton


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Dio è amore?
Messaggio da leggereInviato: ven 7 set 2012, 13:36 
Non connesso

Iscritto il: dom 5 dic 2010, 12:07
Messaggi: 32
Secondo me ,amore è una delle tante componenti .Voglio dire che se Dio è il creatore di tutto,è creatore anche dell'amore.Secondo la ''genesi '' di Malanga sembrerebbe che Dio più che altro è curioso,curioso di sapere come è fatto .L'amore nasce nella dualità perchè viene contrapposto a qualcos'altro come odio,indifferenza superficialità o altro.Un creatore come si intende Dio è tutto in sè.Noi,con la nostra anima siamo molto sensibili a ciò che è ''amore'',senza amore ci pare inutile vivere ,ma se lo intendiamo come cosa pura e semplice che esiste come esistono tante altre cose,allora io mi sento di dire che Dio è anche amore.Forse Anima è amore,ma questo potrebbe essere un altro argomento.
Non dimentichiamoci che quando si parla di Dio con qualche appartenente di qualunque religione darà una opinione per forza ''viziata'' da un preconcetto.
La domanda più banale ma vera da fare sarebbe :dov'è il tuo dio quando un bambino o degli innocenti muoiono?Perchè c'è la sofferenza .....e via così. La mia personalissima opinione è che Dio (il mio) ha creato tutto,bello brutto,piacevole e spiacevole,giusto ingiusto e la dualità appena espressa.L'amore te lo crei da te,se vuoi.


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 38 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010