Oggi è dom 16 giu 2019, 11:26

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 9:09 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
In attesa di continuare la discussione su The Secret, vorrei parlare qui dell'Abbondanza :)
Per iniziare, riporto di seguito una storia.


Il villaggio ai piedi del castello fu svegliato dalla voce dell'araldo del castellano che leggeva un proclama nella piazza.
«Il nostro signore beneamato invita tutti i suoi buoni e fedeli sudditi a partecipare alla festa del suo compleanno!Ognuno riceverà una piacevole sorpresa! Domanda a tutti però un piccolo favore:
chi partecipa alla festa abbia la gentilezza di portare un po' d'acqua per riempire la riserva del castello che è vuota...».
L'araldo ripeté più volte il proclama, poi fece dietrofront e scortato dalle guardie ritornò al castello.
Nel villaggio scoppiarono i commenti più diversi.
«Bah! È il solito tiranno! Ha abbastanza servitori per farsi riempire il serbatoio...
Io porterò un bicchiere d'acqua, e sarà abbastanza!».
«Ma no! È sempre stato buono e generoso! Io ne porterò un barile!».
«Io un... ditale!».
«Io una botte!».
Il mattino della festa, si vide uno strano corteo salire al castello.
Alcuni spingevano con tutte le loro forze dei grossi barili o ansimavano portando grossi secchi colmi d'acqua.
Altri, sbeffeggiando i compagni di strada, portavano piccole caraffe o un bicchierino su un vassoio.
La processione entrò nel cortile del castello.
Ognuno vuotava il proprio recipiente nella grande vasca,lo posava in un angolo e poi si avviava pieno di gioia verso la sala del banchetto.
Arrosti e vino, danze e canti si succedettero,finché verso sera il signore del castello ringraziò
tutti con parole gentili e si ritirò nei suoi appartamenti.
«E la sorpresa promessa?», brontolarono alcuni con disappunto e delusione.
Altri dimostravano una gioia soddisfatta:
«Il nostro signore ci ha regalato la più magnifica delle feste!».
Ciascuno, prima di ripartire, passò a riprendersi il recipiente.
Esplosero allora delle grida che si intensificarono rapidamente.
Esclamazioni di gioia e di rabbia.
I recipienti erano stati riempiti fino all'orlo di monete d'oro!
«Ah! Se avessi portato più acqua...».


«Date agli altri e Dio darà a voi:
riceverete da lui una misura buona, pigiata, scossa e traboccante.
Dio infatti tratterà voi allo stesso modo con il quale voi avrete trattato gli altri»
(Vangelo di Luca 6,38).


Nella vita nessuna azione va mai perduta.
Nella misura con cui diamo, riceveremo.
Questo vale sia nelle azioni positive che in quelle negative.


Azione e conseguenza = Karma = Risonanza :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 12:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Questa storia è stupenda, l'avevo già sentita.
Il punto è che le buone azioni devono essere fatte per puro piacere personale, non per la ricompensa del karma.
Io devo fare il buono perché VOGLIO fare il bene, anche se questo mi farà faticare.
Io non voglio fare il cattivo perché non mi piace, non perché poi vado "all'inferno".
Intendevo questi ragionamenti... altrimenti è troppo facile fare il buono soltanto perché ci si aspetta di avere indietro azioni buone, almeno io la vedo così, voi che dite?
595

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 13:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
sì hai ragione sef, infatti la penso anche io così, magari sarà presunzione ma è più soddisfacente


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 13:33 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Infatti la storia non si riferisce a cosa è giusto o sbagliato, ma al fatto che ad un'azione (o un pensiero o un'intenzione) corrisponde una conseguenza: l'intero meccanismo dell'abbondanza si attiva solo se si è abbondanti, perchè un'azione provoca una reazione uguale o contraria (complementare), e quindi attira e va verso qualcosa che risuona (risponde, interagisce) con essa o con la psiche di chi l'ha fatta.
Se ci fai caso, tutte le opere che parlano di abbondanza cercano di far capire, come diceva Gandhi, che per far avvenire un cambiamento, bisogna essere il cambiamento: per manifestare qualcosa, bisogna sentirsi come se quel qualcosa fosse già avvenuto.
Tanto è vero che ci sono delle tecniche che sono nate, anche involontariamente, proprio su questo concetto :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 13:56 
Giustissimo discorso.
E aggiungerei: l'idea da sola attira altre idee, ma per cristallizzarsi necessita dell'azione (Cabala docet).
Non basta soltanto pensare alla cosa, e credere che sia già avvenuta. Come non basta credere che il nostro campo fiorirà d'estate - occorre sempre gettare un seme.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 14:34 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
E io sono d'accordo con te :)

Infatti:
Pensare principalmente attira, agire principalmente porta verso

Dualità:
Attirare - Andare verso
Pensare - Agire

Mi piacerebbe tanto sapere perchè The Secret, ed i fenomeni di Abbondanza simili ad esso (fortunatamente non tutti), si perdano per strada esattamente metà della cosa, quasi insegnando a comportarsi come Gastone dei fumetti, cugino di Paperino :P
Infatti, non riesce a tutti quella logica parziale così pubblicizzata.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 17 mag 2008, 18:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
aggiungiamo che l'abbondanza viene impedita dalla termodinamica sul piano fisico e il quadro è completo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 18 mag 2008, 9:28 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
In che senso? :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 18 mag 2008, 11:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
che sul piano fisico la II legge della termodinamica impedisce la "moltiplicazione" dell'abbondanza e la I influisce sul risultante... e la III sostiene l'opposto-complementare


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 18 mag 2008, 11:23 
CITAZIONE (JENA78 @ 18/6/2008, 12:16)
che sul piano fisico la II legge della termodinamica impedisce la "moltiplicazione" dell'abbondanza e la I influisce sul risultante... e la III sostiene l'opposto-complementare

Sempre se si possa parlare di "moltiplicazione".
"Accordarsi" (o "risuonare", come dice Ken) su qualcosa non implica necessariamente una creazione, magari una sorta di cambio vibrazionale di ciò che ci sta "attorno". (tocca pigliare tutto con le pinze, mannaggia)


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 18 mag 2008, 18:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
CITAZIONE
non implica necessariamente una creazione, magari una sorta di cambio vibrazionale

quindi viene rispettato il primo principio della termodinamica. non si sfugge.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 19 mag 2008, 22:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Io sono un pò centrista in questo ambito.

Nel cristianesimo c'è quella famosa frase che recita Aiutati che il cielo t'aiuta....cosa significa?
Significa,come giustamente dite voi,che solo facendo del bene s'attira del bene,che gli impegni presi e l'azioni x portarli a termine o proseguirli saranno aiutati da quella che può essere definita come la Spintarella di DIO,cioè dell'universo intero...ma il discorso è + concentrato e concreto:
nel buddismo prima dell'aiutare gli altri viene una fase che può essere definita egoistica....ciò suona male dato che Gautama il Budda diceva che l'unico modo x essere realmente libero è lasciar scivolare via l'EGO,che rappresenta il nostro principale limite(infatti in questo caso si tratterebbe di EGOICITA')....ma con EGO intendo ACCENTRAMENTO.....prima di dare all'esterno,bisogna dare a noi stessi.


Io spesso non capisco l'insegnamento della pietà cristiana secondo il quale se dai amore a chi non ama,esso ti amerà....ciò può solo accadere se te dai vero amore in quanto tu l'hai dato a te stesso...è un insegnamento spesso tralasciato.


Dai prima di tutto a te stesso,poi dai agli altri,perchè solo a quel punto avrai veramente compreso ciò che puoi donare e ciò che puoi ricevere.


Quindi l'abbondanza funziona solo sè PRIMA hai dato a te stesso(in maniera cosciente,quindi non egoica)e poi dai agli altri,in modo tale che essi ti donino quanto tu hai dato.


La storia del ricco signore che chiede l'acqua ne è un chiaro esempio:
se il signore non capiva il reale valore del denaro,non ne avrebbe dato agli abitanti del villaggio in quanto li avrebbe traditi e si sarebbe tenuto tutto x sè,rischiando così l'ira ed il probabile linciaggio....chi non ha compreso,o forse lo ha fatto in maniera matematica(se solo avessi portato + acqua,avrei attenuto + soldi),ragiona x quantità,e non x valore effettivo dell'oro rapportato al valore effettivo dell'acqua.


Il gesto del ricco signore è solo un GESTO di bontà misurato sulla sua gratitudine nei confronti di coloro che vogliono dare un bene prezioso(acqua)x 1 meno prezioso dal punto di vista nutritivo(oro)ma ugualmente prezioso.


E' inutile ottenere qualcosa dagli altri se non si dà prima a noi stessi...magari si comprende che quello di cui effettivamente abbianmo bisogno è solo il dare a noi stessi la possibilità di capire e cambiare in meglio.....ciò che danno gli altri è una specie di mancia,di riconoscenza del nostro lavoro "interiore" svolto....come fosse un premio x un traguardo già raggiunto...una specie d'incentivo.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 20 mag 2008, 12:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
CITAZIONE
se dai amore a chi non ama,esso ti amerà.

e chi l'ha detto, non lo sapevo.
io sapevo la parafrasi: se ami chi ti odia vcompi un equilibrazione che trascende i tuoi limiti e cresci automaticamente senza per questo dover studiare mille libri.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 6 ago 2008, 9:26 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
CITAZIONE (G-chan @ 19/6/2008, 23:23)
Nel cristianesimo c'è quella famosa frase che recita Aiutati che il cielo t'aiuta....cosa significa?
Significa,come giustamente dite voi,che solo facendo del bene s'attira del bene,che gli impegni presi e l'azioni x portarli a termine o proseguirli saranno aiutati da quella che può essere definita come la Spintarella di DIO,cioè dell'universo intero...ma il discorso è + concentrato e concreto:
nel buddismo prima dell'aiutare gli altri viene una fase che può essere definita egoistica....ciò suona male dato che Gautama il Budda diceva che l'unico modo x essere realmente libero è lasciar scivolare via l'EGO,che rappresenta il nostro principale limite(infatti in questo caso si tratterebbe di EGOICITA')....ma con EGO intendo ACCENTRAMENTO.....prima di dare all'esterno,bisogna dare a noi stessi.

A dire la verità significa un'altra cosa: oltre ad aspettare le cose, datti da fare per trovarle.
Non è un proverbio religioso, quindi nemmeno cristiano.
E' come: chi inizia bene, è già a metà dell'opera.
In realtà è una cosa giustissima: pensa a The secret.
Lì viene osannato il non far nulla per ricevere qualsiasi cosa, tipo Gastone, il cugino fortunato di Paperino.
Il punto è che per ottenere qualcosa, un pò devo mettermi in condizione di attirarla e di essere pronto a riceverla, un pò mi devo muovere e andarmela a cercare.
Aiutati che il ciel t'aiuta significa proprio questo: datti da fare, che il resto viene da sè.
Azione attiva oltre che passiva: equilibrio.
CITAZIONE
Io spesso non capisco l'insegnamento della pietà cristiana secondo il quale se dai amore a chi non ama,esso ti amerà....ciò può solo accadere se te dai vero amore in quanto tu l'hai dato a te stesso...è un insegnamento spesso tralasciato.

Secondo me quest'insegnamento della pietà cristiana è sbagliato.
Perchè se dai amore a chi non ama, esso ti amerà...se vorrà: non è certo automatica la cosa.
CITAZIONE
Dai prima di tutto a te stesso,poi dai agli altri,perchè solo a quel punto avrai veramente compreso ciò che puoi donare e ciò che puoi ricevere.

Giustissimo: se non sappiamo trattare noi stessi, come speriamo di poterlo fare bene con gli altri?
CITAZIONE
Quindi l'abbondanza funziona solo sè PRIMA hai dato a te stesso(in maniera cosciente,quindi non egoica)e poi dai agli altri,in modo tale che essi ti donino quanto tu hai dato.

Infatti l'abbondanza si ottiene richiamandola per sè stessi ed essendo disponibili a stare bene: è un'atto di intenzione e di amore verso sè stessi. Poi, una volta capito il concetto, si riesce bene a manifestare anche per gli altri.
Ad esempio, in Theta Healing si prova che, finchè non si levano le proprie convinzioni limitanti sull'abbondanza, non si riesce a manifestarla: prima c'è sempre il lavoro su noi stessi, e non è una cosa egoistica, ma una cosa normalissima.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 12:18 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
ABBONDANZA

La mia definizione di abbondanza è fai cio che vuoi, quando hai bisogno di farlo

dio ci ha dato l'abbondanza ovunque solo che noi siamo un po maffi nel vederla

l'abbondanza è l'unica cosa che non possiede opposto

c'è un abbondanza di ricchezza ma anche un abbondanza di miseria

L'abbondanza è il riscoprire che la realtà è un specchio
e che l'abbondanza la dobbiamo trovare solo dentro di noi
e la realtà riflettera cio che noi abbiamo trovato dentro di noi

c'è abbondanza di abbondanza e abbondanza di scarsità........


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 12:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Hai scritto giusto,Simonkain...hai scritto giusto.
In effetti da quello che m'ha detto Luke bisogna stare attenti a cosa si chiede:
mi raccontò la storia di una persona che volle usare il TH x avere abbondanza di soldi ma non specificò COME ottenerli...ebbene,quella persona ebbe un grave incidente d'auto dal quale ebbe un risarcimento veramente cospicuo.
Già,ma rimettendoci la salute.....sembra sia una cosa intelligente?

L'abbondanza bisogna manifestarla con intelligenza e senza dare spazio al nostro + grande nemico:l'EGO.
Seppure l'ego possa essere responsabile di richieste fatte x l'abbondanza,esso non ha fine...è un pozzo infinito dove abita il desiderio ed il desiderio(Budda docet)x sua natura è assolutamente IRREALIZZABILE....ma 1 dei lati dell'ego è quello di aggrapparsi a qualsiasi cosa di conosciuto quindi se si conosce il dolore,la paura,la sofferenza,essa verrà amplificata perchè è sicuro di ancorarvicisi in quanto tale "negatività" è + facile da ottenere rispetto ad un qualcosa di "positivo"....le cose "non buone" si manifestano velocemente,quelle "buone" necessitano di più tempo....il modo x evitare la sofferenza,è distruggere gli appigli al quale esso si tiene,solo così quando si vuole manifestare abbondanza di qualcosa di buono,esso si manifesterà.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 13:03 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
é gia abbondanza ovunque

la cosa + sana da fare e la cosa che ci porta piu lontano è il chiedersi perche.....

perche un individuo ha bisogno di soldi?
perche i soldi sono il mezzo attraverso puo fare liberamente cio che gli piace

il paradosso è che solo quando si fa qualcosa che ci piace i soldi arrivano

abbondanza è supporto dall' universo nell essere noi stessi

"chiedete nel mio nome e vi sara dato"
"fino ad adesso nel mio nome non avete chiesto niente"

ps: fin tanto che vediamo l'ego con un nostro nemico egli avra il potere, quando lo percepiremo come un fedele compagno
il sui compito è essenziale per il nostro sviluppo, avremo fatto un enorme passo avanti


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 13:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Giusto anche questo,ma proprio come hai scritto te "fin tanto che vediamo l'ego con un nostro nemico egli avra il potere"...però l'ego può essere lasciato andar via senza problemi,il fatto è finchè non ne comprendiamo la natura lo continueremo a vedere allo stesso modo.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 14:32 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
l'ego non è da eliminare, bensi è da incorporare e identificare per quello che è senza etichettarlo diversamente
l'ego esiste perche ha un lavoro da svolgere
il compito del ego è quello di mantenere la coscienza focalizzata come da richiesta su piano fisico

quella porzione della nostra coscienza che etichettiamo negativa deriva dal pensare troppo alle cose, dall' illusione di dover controllare tutto intorno a noi

ricordati che la tua personalità è una maschera nasce e muori su questo piano

il tuo vero io è diverso...

nella ricerca di se stessi non bisogna distruggere l'ego come tanti sparlano
ma bensi comprendere la sua posizione e natura e far si che li rispetti

non te lo volevo dire ma l'ego sei tu....

è una parte di te, non è uno che ha una porzione della tua coscienza in appalto....

bisogna lavorare sulla propria identità integrando paradossi su paradossi

siamo molto + complessi, di quanto pensiamo e allo stesso tempo siamo molto + semplici di quanto ci immaginiamo complessi


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 21 ago 2008, 14:41 
CITAZIONE (Simonkain @ 21/9/2008, 13:18)
La mia definizione di abbondanza è fai cio che vuoi, quando hai bisogno di farlo
dio ci ha dato l'abbondanza ovunque solo che noi siamo un po maffi nel vederla

Fa molto Thelema o Sant'Agostino.
Anch'io la penso così :)

CITAZIONE (Simonkain @ 21/9/2008, 13:18)
l'abbondanza è l'unica cosa che non possiede opposto

Phil Hine affermava che è la risata a non avere opposti (è il bando più efficace di cui disponiamo).
Ho notato che molti tendono a formulare un qualcosa che non abbia opposti, come fosse una ricerca di un giustificante per ciò che percepiamo come "oltre" l'universo meccanico. Una ragione d'esistere, insomma.
Potrei confutare con l'ipotesi di una mancanza di ricchezza come una mancanza di miseria, in fin dei conti possiamo comprendere qualcosa proprio quando questo qualcosa manca, appunto perché la nostra mente valuta per mezzo della differenza e il rapporto.
I soliti giri di parole, io capisco quando parli di abbondanza appunto perché ho potuto sperimentare la scarsità.

Il discorso di fondo comunque resta, e lo condivido appieno.




Top
 
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010