Oggi è mer 26 giu 2019, 14:52

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 2 set 2008, 23:08 
CITAZIONE (SunriseLight @ 2/10/2008, 20:47)
Anonimo:
Complimenti!

Grazie carissima. :wub:


CITAZIONE (SunriseLight @ 2/10/2008, 20:47)
comunque vondivido com quanto hai detto anche se, da altri punti di vista, non ha torto nemmeno Simonkai.

Mai detto che Simon abbia torto, anzi.
La sua è un'ottima analisi, ammetto di averlo un pò punzecchiato, ma solo per capire fino a che punto viveva ciò che affermava. Sono felice di averne avuto una conferma positiva. :)


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 3 set 2008, 8:11 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
CITAZIONE Anonimo @ 2/10/2008, 18:44)
che tipo di convinzione potrebbe avere una persona che cerca di vivere serena e in armonia, e poi scopre di doversi gestire un bel tumore?

Molteplici, adesempio l'aver programmato tale evento e tale esperienza per porsi nello scenario in cui puo imparare un sacco di cose sulla vita
che altrimenti non potrebbe,
vedi Terzani, quando ha appreso da lui amico tumore.....

CITAZIONE Anonimo @ 2/10/2008, 18:44)
A quale volontà o convinzione ti stai riferendo, quindi?

Mi riferisco alla volonta del nostro essere, del nostro io, tutte le altre, anima spirito ecc, sono aspetti della volonta dell'io
quella volonta che ti ha condotto qui, a incarnarti su questo piano
Le convinzioni che assorbiamo in gioventu (apparentemente involontariamente, ma volontariamente da un livello superiore di noi stessi)
sono quelle che ci serviranno per controbilanciare le nostre riflessioni e mantenerci sul cammino che abbiamo scelto.

CITAZIONE Anonimo @ 2/10/2008, 18:44)
La mente razionale ha una sua volontà, la mente istintiva ha una sua volontà, il corpo ne ha una sua, ma anche lo spirito, l'anima... Viviamo di tante componenti distinte e contemporaneamente sono un'unica entità.

Separare ed etichettare e' un vizio, che presto trascenderemo, diciamo che piuttosto non riusciamo a integrare a livello pratico un modello veramente olistico, e per quanto ci piace filosofeggiare su questi argomenti, ci sentiamo profondamente disconnessi dalla creazione....

fin tanto che questo avviene non riusciremo a sentire....
quindi dobbiamo arrivare al punto in cui razionalizziamo quello che sentiamo e non razionalizziamo quello dovremmo sentire ma che non sentiamo....

CITAZIONE Anonimo @ 2/10/2008, 18:44)
Inoltre la convinzione ha anche il suo opposto, ricordatelo. La disillusione

la disillusione e' un altra convinzione, ha una sua definizione, e funziona allo stesso modo solo che conserva una carica negativa
separazione e segregazione .....
e' per questo che batto tanto sul fatto che la parola definizione non ha opposto..... e quindi rappresenta la trascendenza della dualita'
capire che tutto e' cio che definisci essere.....
Convinzione e' definizione in movimento

CITAZIONE Anonimo @ 2/10/2008, 18:44)
La mente, l'anima, lo spirito e il corpo fisico sono soggetti a limiti, entro i quali hanno la propria libertà.

La loro liberta' sta nel potersi dare dei limiti e muoversi all interno di essi.

NON C'E' NULLA DI IMPOSTO SU DI NOI DA UNA VOLONTA ESTERNA ALLA NOSTRA............
ESITE UNA VOLONTA, UNA E NON E MAI IN CONTRASTO CON SE STESSA.....

scusate ma ci tengo a sottolineare questo, non per il fatto che sia vero o no, questo poco importa.....
ma per il fatto che da quando lo ho capito, e applicato nella mia piccola vita.... tutto e' diventato piu piacevole e sereno....
Tutto...... Ragazzi...... Tutto.....

e quando malanga parla di anima ecc... io non mi preoccupo minimamente, come dice Anonimo in un altro post
io ringrazio per ogni momento che vivo, anche se fosse l'ultimo.....

e riferito alla questione di esseri liberi, per me ha senso.

siamo liberi di cambiare sempre punto di vista quindi siamo veramente liberi.....
questa sembra una falsa liberta, ma invece nasconde la piu grande e infinita liberta che si possa immaginare...


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 3 set 2008, 13:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
Premesso che nemmeno io credo che Simonkain abbia torto (anzi, è un alter ego perfetto :P) credo che l'unica cosa che mi frena dal dire "sono completamente e in toto d'accordo con te" sia proprio quella visione unilaterale che SunriseLight ha notato. Non me la sento nemmeno di abbracciare la posizione del "sentire" e basta. Abbiamo sia la facoltà di sintesi che di analisi e quando vengono usate entrambe è il top :) In fondo, in uno scontro dialettico onesto intellettualmente non si parte dal presupposto che si abbia torto o ragione, ma che ci siano due posizioni in antitesi. Detto questo, prendo spunto solo dalle parti che mi lasciano nel dubbio, il resto puoi considerarlo come "giunto a destinazione":

CITAZIONE
l'aver programmato tale evento e tale esperienza per porsi nello scenario in cui puo imparare un sacco di cose sulla vita
che altrimenti non potrebbe,

Chi programma cosa e in che modo? cerca esperienze che lo perfezionino e lo portino a.... cosa? Il programma fatto in questo modo sarà sicuramente un programma imperfetto, visto che è necessario ancora imparare. Se è imperfetto non sarà mai perfetto. Se la strada è sbagliata... chi fa cambiare strada? La strada stessa? In base a cosa si cambieranno le convinzioni? Potrei andare avanti all'infinito.

CITAZIONE
quella volonta che ti ha condotto qui, a incarnarti su questo piano

Bene, se la volontà ti ha condotto qui. Applicala e disincarnati. Ora, non domani o in futuro. Adesso. Che *** stai a perdere tempo in un forum. Vuoi compagnia? Mandare avanti qualcun altro? Perchè resti se è così semplice?
Oppure stai bene qui? Allora perchè ti fai seghe mentali e rispondi a queste domande inutili? A che ti serve che ci spieghi come la vedi? :)

Ciau :)

Ps. Simonkain http://www.imdb.com/title/tt0113568/

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 7 set 2008, 8:13 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
CITAZIONE (Shabatu @ 3/10/2008, 14:33)
Chi programma cosa e in che modo? cerca esperienze che lo perfezionino e lo portino a.... cosa? Il programma fatto in questo modo sarà sicuramente un programma imperfetto, visto che è necessario ancora imparare. Se è imperfetto non sarà mai perfetto. Se la strada è sbagliata... chi fa cambiare strada? La strada stessa? In base a cosa si cambieranno le convinzioni? Potrei andare avanti all'infinito.

Chi programma cosa e in che modo? la coscienza quando si incarna, il modo non me lo ricordo
cerca esperienze che lo perfezionino e lo portino a.... cosa? a perfezionare cio che vuole perfezionare, e che lo portino dove vuole andare
chi fa cambiare strada? non e' mai sbagliata...... EVERYTHINGS THAT IS, BELONG HERE.....tutto quello che c'e ci deve essere
La strada stessa? noi siamo la strada, quindi noi
In base a cosa si cambieranno le convinzioni? inbase a cosa realizziamo serva di piu il nostro proposito
Potrei andare avanti all'infinito. anche io

Applicala e disincarnati. perche?
Ora, non domani o in futuro. Adesso. perche adesso?
Che *** stai a perdere tempo in un forum. non perdo tempo
Vuoi compagnia? anche........
Mandare avanti qualcun altro? che intendi?
Perchè resti se è così semplice? perche tu vuoi scappare via?
Oppure stai bene qui? non ci starei se cosi non fosse....
Allora perchè ti fai seghe mentali e rispondi a queste domande inutili? le seghe mentali erano un po di anni fa queste sono osservazioni logiche comprovate dall'esperienza quotidiana, domande inutili... nulla e' inutile nella creazione
A che ti serve che ci spieghi come la vedi? :) hihihi non te lo dico! :B):


CITAZIONE (Shabatu @ 3/10/2008, 14:33)

Grazie per la tua sincronicita.....


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 7 set 2008, 11:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
IIIIIIIIIIIIIIH.....GHOST IN THE SHELL :woot: ,il mio anime preferito assieme ad AKIRA :lol:
E dopo questo piccolo balzello di gioia :P mi appresto a dire la mia.
Quando Simonkain parla di libertà inevitabilmente ricado su Gautama il Budda.....lui non cercava l'illuminazione,quella fu una conseguenza....quello che cercava era la LIBERTA':
la libertà dai legami affettivi,dal possedere oggetti,dalla paura,dai desideri ossessivi ecc ecc
Ma propri quando una persona è libera(e non parlo x esperienza diretta attuale ma x quel ricordo di quando ero bambino)ama e fà quello che vuole(oddio,fà quello che vuole mica tanto.....ora sò perchè sono fatto un pò storto....le imposizioni programmate in quegli anni mi hann devastato ed in quelli successivi quelle programmazioni me le sono autoimposte).
Quando una persona è libera,è libera di scegliere ciò che prima vedeva come obbligato a fare.....1 dei principi su cui si basa l'esperienza di Gautama è quello di annullare il desiderio ma come mi disse mesi fà Jena "...il desiderio è alla base della vita,senza desiderio la vita non esisterebbe..." e quì mi venne il dubbio,dubbio che mi è stato dissipato quando ho letto dei commenti al DHAMMAPADA(il SENTIERO)di Gautama stesso.
Lì dentro c'è scritto una cosa interessante,dice che quando sei libero/a dal desiderio e quindi dalle costrizioni(imposte-autoimposte),dopo sarai libero/a di avere desideri oppure non averne.....si basa tutto sul concetto di libertà.
Ora,e parlo x me,mi sento in obbligo di avere dei desideri ma solamente liberandomene potrei scegliere se averne ancora oppure no.

Guatama quando si risvegliò scelse una vita pellegrina fatta di NON-POSSESSI se non di una ciottola dalla quale mangiare e bere e 3 stoffe gialle/arancioni usate come vestito,ma del resto non si privò di niente,aveva dalla natura quello che occorreva ma non tutti suoi discepoli vedevano questa vita come VITA PIENA.....effettivamente fare il mendicante al giorno d'oggi può essere tollerato solo in paesi come l'India...provate a farlo in Italia e vedrete i BRANCHI che fanno le ronde.

Gente invece come noi può comprendere il concetto di NON-POSSESSO senza x forza fare i pellegrini e senza essere costretti a possedere,possedere,possedere ma semplicemente godere di quello che ha oppure di desiderare qualcosa senza senza sentirsi in oblligo verso di essa.

Solo su di un foglio completamente bianco si può scrivere qualcosa,non ricordo chi lo disse o lo scrisse,ma è quello che penso anch'io...quando Bruce Lee era vivo disse una cosa interessante:
"Quando iniziai a praticare arti marziali,x me un PUGNO era solo un PUGNO ed un CALCIO era solo un CALCIO....successivamente compresi che quello che facevo non era affatto così semplice ma era complesso,articolato e che un PUGNO ed un CALCIO non erano solo un PUGNO ed un CALCIO ma molto di più......solo quando le nozioni e le esperienze fatte divennero tante,compresi che in realtà un PUGNO era solo un PUGNO ed un CALCIO era solo un CALCIO!"
FARE PER DISFARE,è questa la libertà...non mi sento di dire che questa sia LA libertà,ma è la mia visione.....quando nella vita ti senti in obbligo di fare qualcosa,la fai solo perchè DEVI farla,ma solo comprendendola puoi fare di più facendo di - e solo lì sai cosa è essenziale e quanto tu possa essere essenzialmente abbondante x te stesso/a.

Pare che tutta la nostra vita sia basata sulla ricerca seppure spesso ciò avviene inconsciamente anche da parte di chi non ricerca,ma solo quando la ricerca è finita,si può davvero iniziare a vivere e godere appieno di tutto ciò che c'è e di tutto ciò che non c'è.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: dom 22 feb 2009, 15:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 gen 2009, 23:45
Messaggi: 212
Località: Modica (RG)
secondo me non ha importanza l'essere o no un atto il conoscere te stesso; l'importante è farlo.
l'importante è conoscere se stessi...

_________________
Even if the morrow is barren of promises
Nothing shall forestall my return,
To become the dew that quenches the land,
To spare the sands, the seas, the skies,
I offer thee this silent sacrifice.
(Loveless, act V)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: dom 26 apr 2009, 20:19 
Non connesso

Iscritto il: dom 26 apr 2009, 19:27
Messaggi: 76
Citazione (marionicolas)
secondo me non ha importanza l'essere o no un atto il conoscere te stesso; l'importante è farlo.
l'importante è conoscere se stessi...


Si è importante. Credi che sia sufficiente?
Io dico proprio di no. C'è ben altro dopo il conoscere se stessi e ben più difficile


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: lun 27 apr 2009, 17:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 20 gen 2009, 12:50
Messaggi: 44
cosa c'è dopo?


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: lun 27 apr 2009, 17:32 
Non connesso

Iscritto il: dom 26 apr 2009, 19:27
Messaggi: 76
Citazione (GAN8)
cosa c'è dopo?


Supponiamo che tu abbia conosciuto te stesso. E se non ti piaci che fai? Non èscavando trovi solo oro, tutt'altro.

Ecco che allora bisogna "accettarsi"


quando si capisce il valore dell'accettazione alora si capisce ce conoscere se stessi è un inutile illusione.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: lun 27 apr 2009, 17:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Citazione (GAN8)
cosa c'è dopo?

Forse le nostre effettive infinite possibilità?
Ho come l'impressione,e ripeto IMPRESSIONE,che il conoscere noi stessi sia "solo" il primo passo verso una conoscenza ancora + grande...una conoscenza che riguarderà sempre noi stessi in quanto siamo dei processi in continua ed inarrestabile evoluzione.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: lun 27 apr 2009, 18:58 
Non connesso

Iscritto il: dom 26 apr 2009, 19:27
Messaggi: 76
Citazione (G-chan)
Citazione (GAN8)
cosa c'è dopo?

Forse le nostre effettive infinite possibilità?
Ho come l'impressione,e ripeto IMPRESSIONE,che il conoscere noi stessi sia "solo" il primo passo verso una conoscenza ancora + grande...una conoscenza che riguarderà sempre noi stessi in quanto siamo dei processi in continua ed inarrestabile evoluzione.


c'è solo 1 possibilità: accettarsi per ciò he si è e accettare l'universo (=gli altri) per ciò che è: ecco che tra te, me, gli altri non ci sarà nessuna differenza e nessuna conoscenza: la conoscenza di sè è un'illusione.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: mar 28 apr 2009, 10:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:23
Messaggi: 591
Località: Torino
Citazione (Orloch)


c'è solo 1 possibilità: accettarsi per ciò he si è e accettare l'universo (=gli altri) per ciò che è: ecco che tra te, me, gli altri non ci sarà nessuna differenza e nessuna conoscenza: la conoscenza di sè è un'illusione.


No, la conoscenza di sè è tutto, anche perchè noi rispecchiamo l'universo. Il sè è un'illusione, in quanto non è soltanto sè, diciamo..

_________________
È difficile vedere un gatto nero in una stanza buia, specialmente quando il gatto non c'è.
(Proverbio cinese)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: mar 28 apr 2009, 18:20 
Non connesso

Iscritto il: dom 26 apr 2009, 19:27
Messaggi: 76
Citazione (Eddy)
Citazione (Orloch)


c'è solo 1 possibilità: accettarsi per ciò he si è e accettare l'universo (=gli altri) per ciò che è: ecco che tra te, me, gli altri non ci sarà nessuna differenza e nessuna conoscenza: la conoscenza di sè è un'illusione.


No, la conoscenza di sè è tutto, anche perchè noi rispecchiamo l'universo. Il sè è un'illusione, in quanto non è soltanto sè, diciamo..


Tu hai fatto l'uguaglianza: sè=illusione (l'ho messa in grassetto)

Allora la conoscenza di sè è illusione (in quanto tutto da te definita)

se il sè non è soltanto sè (tu dici in quanto non è soltanto sè) allora è incompleta e parziale

la conoscenza di sè allora non è tutto (la tua prima proposizione è dunque errata)


Puoi chiarire il tuo concetto dato che è evidente che così smentisce sè stesso?


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: mar 28 apr 2009, 19:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
Citazione (Orloch)
Citazione (Eddy)


No, la conoscenza di sè è tutto, anche perchè noi rispecchiamo l'universo. Il sè è un'illusione, in quanto non è soltanto sè, diciamo..


Tu hai fatto l'uguaglianza: sè=illusione (l'ho messa in grassetto)

Allora la conoscenza di sè è illusione (in quanto tutto da te definita)

se il sè non è soltanto sè (tu dici in quanto non è soltanto sè) allora è incompleta e parziale

la conoscenza di sè allora non è tutto (la tua prima proposizione è dunque errata)


Puoi chiarire il tuo concetto dato che è evidente che così smentisce sè stesso?

penso che con quel sè da te grassettato volesse intendere, "quello che tu credi di essere" per cui diventa "quello che credi di essere è un illusione in quanto non è soltanto Sè"

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: mar 28 apr 2009, 21:03 
Non connesso

Iscritto il: dom 26 apr 2009, 19:27
Messaggi: 76
Citazione (Orloch)

Citazione (Eddy)


No, la conoscenza di sè è tutto, anche perchè noi rispecchiamo l'universo. Il sè è un'illusione, in quanto non è soltanto sè, diciamo..


Tu hai fatto l'uguaglianza: sè=illusione (l'ho messa in grassetto)

Allora la conoscenza di sè è illusione (in quanto tutto da te definita)

se il sè non è soltanto sè (tu dici in quanto non è soltanto sè) allora è incompleta e parziale

la conoscenza di sè allora non è tutto (la tua prima proposizione è dunque errata)


Puoi chiarire il tuo concetto dato che è evidente che così smentisce sè stesso?

Citazione (glorfindel92)

penso che con quel sè da te grassettato volesse intendere, "quello che tu credi di essere" per cui diventa "quello che credi di essere è un illusione in quanto non è soltanto Sè"

E' quello che si potrebbe capire e infatti ho chiesto delucidazioni perchè il concetto espresso così com'è non sta in piedi negando se stesso. Inoltre sè quello che pensiamo di essere non è solo sè così come tu la interpreti rimane sempre il fatto che viene smentita la proposizione iniziale perchè allora la conoscenza di sè non sarebbe tutto ma solo una conoscenza parziale. Insomma, messa così la proposizione non sta in piedi :)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: ven 1 mag 2009, 13:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 gen 2009, 23:45
Messaggi: 212
Località: Modica (RG)
secondo me bisogna seguire le parole di Lao Zi (grazie Luciano, che hai messo quella splendida frase nella tua firma).
bisogna porsi un obiettivo.
dopodichè bisogna conoscere se stessi (non è un atto, ma è una cosa continua perchè non si impara mai tutto di niente), o meglio imparare a conoscere se stessi.
poi bisogna dominare se stessi; è molto difficile, ma se uno riesce a fare questo riesce a fare tutto (il dominare se stessi quindi preclude il fatto di cambiare quello che non va).

questo è il mio punto di vista

_________________
Even if the morrow is barren of promises
Nothing shall forestall my return,
To become the dew that quenches the land,
To spare the sands, the seas, the skies,
I offer thee this silent sacrifice.
(Loveless, act V)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Conosci te stesso
Messaggio da leggereInviato: ven 19 feb 2010, 18:34 
Non connesso

Iscritto il: ven 19 feb 2010, 17:16
Messaggi: 1
Conosci te stesso: uscire dal giudizio, altrimenti ciò che viene conosciuto non è che effimero ed erroneo "SOGGETTIVO".
Quindi non giudicare ma OSSERVARE.
E' l'inizio del cammino...


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010