Oggi è lun 25 mar 2019, 18:33

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: dom 18 ott 2009, 17:35 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Salve a tutti. In apparenza potrebbe sembrare che io sia nuovo di questo forum. In realtà sono un utente, seppur occasionale, sin dai tempi in cui si chiamava ancora il tempio della luce.

Mi sono iscritto con questo nuovo nickname perchè la discussione che vorrei proporre mi riguarda molto da vicino, e sento la necessità di una certa privacy. Il fatto di non utilizzare il nickname con cui voi mi conoscete, non è un modo per nascondermi da voi utenti del forum, ma da ben altre persone. Il problema di fonndo è che uso lo stesso nick su questo ed altri forum, e lo usavo anche su msn. Pertanto se io scrivessi in questa discussione col mio reale nickname, persone che conosco sia da internet, sia di persona, leggerebbero cose che preferirei tenere il più private possibile.

Gli amministratori ovviamente possono capire chi sono guardando il mio IP, e confrontandolo con gli IP presenti in tag board (vi ho postato di recente col mio nickname reale). Non ho nulla da nascondere a voi.

Fatta questa premessa, vorrei proporvi una discussione sull'amore, ma forse più che una discussione, è la richiesta di un parere, o addirittura di un aiuto. Purtroppo c'è moltissimo da scrivere, e vi chiedo scusa in anticipo se dovrete passare parecchi ma parecchi minuti a leggere tutto quanto. Scriverò il tutto spalmato su vari post, anche solo per prendermi una pausa tra un paragrafo e un altro.

Mi è capitata una cosa stupenda, che allo stesso tempo però mi sta facendo soffrire molto. Per farvi capire meglio le cose come stanno, vi racconterò brevemente degli ultimi anni della mia vita. Sono di sesso maschile. In sostanza, negli ultimi anni della mia adolescenza, ovvero poco prima di finire il liceo, mi sono capitate due cose che hanno influenzato pesantemente la mia vita. Ho cominciato a non trovarmi più bene con i miei coetanei. Loro riuscivano a divertirsi andando sempre a qualche festa, oppure andando in discoteca, oppure altri ancora giocavano a calcio e altri formavano delle band. Io non mi sono più ritrovato bene in nessuna di queste attività. Mi sono confinato con pochi amici intimi con cui andavo d'accordo.

Un altro avvenimento importante è stato dettato dal mio credo religioso. Ho perso la fede quando avevo 12 anni, senza un motivo particolare, semplicemente non credevo più alle favole della chiesa. Un giorno, quando avevo 17 anni, improvvisamente mi pongo una domanda che da bambino non mi ero mai posto seriamente: cosa succederà quando morirò? La portata dei sentimenti che mi investirono è qualcosa di indescrivibile: il panico più totale. Ho pensato che se non esiste un'anima, la mia esistenza terminerà in chissà quale oblio o sonno eterno o una inimmaginabile non esistenza. E se esiste, mi ritroverei in chissà quale paradiso o inferno per l'eternità. Il pensiero stesso dell'eternità a volte mi spaventa più della non esistenza. Quei pensieri mi investirono con tanta violenza che caddi a terra in ginocchio, piangendo disperatamente, sentendomi una stretta al cuore.

Cominciò dunque un periodo della mia vita in cui non mi prendevo più cura di me stesso. Sì, frequentavo l'università e andavo discretamente bene, frequentavo i soliti 3-4 amici fidati. Ma non vivevo realmente. Non mi preoccupavo più del mio corpo o del mio modo di vestire o del mio aspetto. Ero arrivato a quasi 20 chili di sovrappeso.

Poi mi sono avvicinato all'esoterismo, e da allora sono sempre andato alla ricerca di un equilibrio spirituale. Ho meditato e praticato pranayama. Ho fatto tai chi con dei bravi maestri. Ho tentato più volte di andare in OBE. Tuttavia non mi ero mai reso conto che un equilibrio spirituale prevede anche un equilibrio nel mondo strettamente fisico in cui viviamo. La spiritualità non deve essere un modo per sfuggire alle incertezze della vita, semmai è un modo per migliorarci, sia nello spirito che nel corpo.

Fatto sta però che negli ultimi 5 anni avevo praticamente smesso di vivere la vita. Non ero triste nè depresso, ero solamente passivo, disinteressato. Come già detto ho continuato gli studi e ho frequentato delle persone, e sono anche andato in palestra, ma nulla più di questo. Non ho più sentito il bisogno di una donna al mio fianco, non ho più viaggiato, non ho più fatto esperienze interessanti. Peraltro con quei pochi amici che avevo ero anche piuttosto freddo e insensibile.

Ora la mia vita si è completamente ribaltata. Sono tornato a vivere, e lo devo a una ragazza a cui voglio un bene infinito. Chiamiamola M. Facciamo il compleanno nello stesso mese, ad Ottobre, e entrambi i nostri nomi cominciano per M. L'ho conosciuta nell'estate del 2006, quando io avevo 19 anni, quasi 20, e lei 12, quasi 13. Era la festa di compleanno di mia sorella, e M, nostra vicina di casa, era tra gli invitati.

Sin dal primo istante che l'ho vista mi sono sentito come scosso. Lei era troppo giovane per piacermi dal punto di vista strettamente fisico e sessuale. Ma i suoi occhi mi magnetizzavano. Nell'arco temporale in cui si è svolta la festa l'ho guardata spessissimo, e spesso abbiamo incrociato lo sguardo. E in quegli istanti mi sembrava di scorgere l'infinito, o di incrociare lo sguardo con una creatura divina. In lei vedevo anche un'incredibile dolcezza, e la gioia di vivere. Esattamente ciò che io in quegli anni avevo perso.

A seguito della festa mi è capitato di vederla almeno un paio di volte al mese, quando si frequentava con mia sorella. Non ci sono stati più scambi di sguardi, perchè era troppo imbarazzante per me ritrovarmi a osservare una ragazzina di neanche 13 anni, e quindi limitavo il più possibile il contatto visivo. E ovviamente, per via della differenza di età, non abbiamo mai stretto un rapporto di amicizia.

Mi limitavo ad osservare questa ragazza da lontano, quando giocava con mia sorella, e mi sembrava un angelo, una fata. Dopo qualche mese seppi che si era presa una cotta per me. Ovviamente M non me lo disse mai, furono mia sorella e sua sorella a confidarmelo. E ovviamente, io presi la notizia con un sorriso. Ero lusingato di piacere a questa giovane fata, ma non mi passava neanche per la testa di alimentare i sentimenti di una 13enne.

Poi però lei è cresciuta ed è diventata, almeno ai miei occhi, una ragazza stupenda. Mi sono accorto che mi piaceva quando lei aveva 15 anni. Pensavo fosse solo attrazione fisica, ma poi mi sono reso conto che vedendola crescere mi ero affezionato a lei. E non riuscivo a fare a meno di pensare all'infinito che scorgevo nei suoi occhi sin dai primi momenti che l'ho vista. E quando mi salutava, semplicemente con un sorriso e un "ciao", mi sentivo al settimo cielo.

(...CONTINUA...)


Ultima modifica di Emme il dom 18 ott 2009, 19:02, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 18 ott 2009, 17:59 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Ma i sentimenti di affetto e attrazione che nacquero in cuor mio, non derivavano da alcunchè di pratico e razionale. Non è una ragazza particolarmente intelligente. Non si distingue dalla massa dei ragazzini moderni. Anzi a volte è decisamente immatura e non sa gestire le situazioni e le relazioni. E' difficile da spiegare, ma i miei sentimenti in un certo senso nascevano da qualcosa che mi sembrava andare oltre la realtà materiale.

Io non riuscivo a capirmi. Era una ragazzina imbranata, scadente a scuola, a volte superficiale. Ma non riuscivo a fare a meno di interessarmi a lei. Non capivo da dove provenissero i miei sentimenti. Non capivo cosa mi piacesse di lei, a parte le emozioni che mi regalava il suo sguardo e il suo sorriso.

Ma era inutile porsi certe domande, in fondo era ancora troppo giovane. Volevo aspettare che compisse 18 anni prima di conoscerla. Poi un giorno ho saputo che si sarebbe trasferita. Mi ha colto il panico: non l'avrei più vista? Non avrei più avuto occasione di conoscerla meglio? Per fortuna poco dopo seppi che andava ad abitare solo 100 metri più in là, ma il panico che mi ha colto mi ha fatto capire quanto fossero forti i sentimenti che stavo reprimendo.

Bene o male nei 3 anni che siamo stati vicini di casa, per questioni di vicinanza e per via del fatto che ogni tanto, seppur raramente, si frequentava con mia sorella, avevo sempre modo di vederla e conoscere frammenti della sua vita. Sapere i dettagli della sua vita mi faceva sentire tranquillo. Non sapere nulla invece mi faceva sentire come se mi mancasse qualcosa. Infatti quando si è trasferita, e non ho più saputo nulla di lei, ho sentito un vuoto dentro di me. Si è trasferita poco prima dell'inizio dell'estate, e ad Agosto non riuscivo più a smettere di pensare a lei.

Mi ritrovavo a chiedermi se aveva senso stringere un'amicizia o una relazione amorosa con una 15enne, laddove io avevo ben 22 anni. E proprio il giorno in cui mi posi la domanda, squillò il telefono e dall'altra parte c'era proprio lei!! Molto cordialmente mi salutò e mi chiese come stavo, poi mi chiese se potevo passarle mia sorella. Non aveva chiamato per me dunque, ma in 3 anni e mezzo non mi era mai capitato di parlarle al telefono. Lo presi come un segno del destino: quel giorno decisi che sarei cambiato in meglio, e che avrei provato a conoscerla.

Da allora tutto cambiò, inizialmente solo nel mio aspetto esteriore, poi tutta la mia vita. Ho eliminato quasi tutto il grasso in eccesso, avvicinandomi molto al peso forma. Ho intensitificato la frequenza delle docce, una al giorno anzichè ogni due. Ho cominciato a lavarmi i denti 3 volte al giorno anzichè una. Ho cominciato ad utilizzare un deodorante profumato. So che possono sembrare sciocchezze e sterili vanità, ma il concetto di fondo è che stavo cambiando me stesso. Mi stavo prendendo cura di me, stavo tornando a vivere. Nei giorni del "miglioramento" mi sono confidato coi miei amici, che hanno scoperto in me una sensibilità e una dolcezza che credevano inesistente. Ho anche cominciato ad uscire più spesso.

A settembre, quando io avevo ormai quasi 23 anni e lei quasi 16, mi decisi a farmi avanti. Ma per capire l'evolversi degli avvenimenti, dovete conoscere un po' della sua vita recente. Un paio d'anni fa i suoi genitori hanno cominciato a litigare ogni giorno, poi inevitabilmente si sono separati. Lei ha passato due anni d'inferno, anche perchè di carattere suo è debole e immatura. Ha passato tutto l'anno scorso nei bagni della scuola a piangere, ed è stata bocciata.

Peraltro la madre iperprotettiva non le concede di uscire coi ragazzi, e spesso neanche con gli amici se non il sabato pomeriggio oppure nei dintorni di casa sua. Da questo sono scaturiti molti litigi con la madre, e anche un rapporto problematico con l'altro sesso, sempre costretta ad incontri fugaci e segreti, senza quasi la possibilità di innamorarsi veramente di qualcuno, passando da un ragazzo all'altro quasi per gioco. In realtà c'è stato uno con cui è rimasta assieme per 9 mesi, ma poi l'ha lasciato, nonostante lui la amasse tantissimo, adducendo la strana motivazione che dopo così tanti mesi non ne poteva più.

L'iperprotettività di sua madre ci ha costretti a frequentarci sempre nei dintorni di casa, con le sorelle al seguito, senza che io avessi mai l'occasione di portarla da qualche parte o di rimanere solo con lei. Nonostante non potessi farle fare qualcosa di interessante o assumere atteggiamenti espliciti, le mie intenzioni erano comunque evidenti. Lei inizialmente non sembrava interessata. Diceva che frequentava un ragazzo, anche se solo per gioco, e a mia sorella confidò che ero troppo grande per lei. Tuttavia, a un certo punto è stata lei a chiamare ogni giorno per vederci. Una sera mia sorella l'ha chiamata al telefono e ha messo il vivavoce, facendomi ascoltare, e seppi che mi riteneva bello, simpatico e romantico.

(...CONTINUA...)


Ultima modifica di Emme il lun 19 ott 2009, 12:02, modificato 3 volte in totale.

Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: dom 18 ott 2009, 18:51 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Non ero ancora riuscito a convincerla a uscire con me, ma sapevo di esserle piaciuto, sia per quell'ascolto telefonico "segreto", sia perchè era stata lei a cercarmi e perchè mi ha fatto capire che le piacevano molto i miei sms romantici. Ero preso da lei, anima e corpo. Lei è stata l'unica ragazza negli ultimi 5 anni che abbia destato il mio interesse. Lei, o meglio il pensiero di lei, mi ha risvegliato dal torpore e mi ha fatto cambiare. Ero pazzo di lei, era il centro del mio universo. Poi tutto andò a rotoli. La madre scoprì che ci vedevamo e le vietò di vedermi. Abbiamo continuato ad avere contatti telefonici per qualche giorno, poi seppi che le erano successe delle cose molto brutte.

Problemi in famiglia, sostanzialmente, e una brutta notizia che non riporterò per non ledere la sua privacy. Lei era molto triste, era quasi incapace di agire. Mi ha chiesto di non vederci più. E in un momento di debolezza si è rimessa con l'ex ragazzo, quello dei 9 mesi. Il motivo è comprensibile: lui l'aveva accompagnata dolcemente nel periodo più triste della sua vita, era forse il suo unico punto di riferimento quando il mondo le stava crollando addosso. E nei momenti di grande tristezza è chiaro che venga rievocato il suo ricordo.

Io ci sono rimasto male, ma ancora una volta mi sono stupito di quanto fossero intensi e particolari i miei sentimenti. Infatti da un lato ero felice che avesse ritrovato l'amore, perchè una relazione con me sarebbe stata estremamente problematica visto che eravamo stati scoperti da sua madre. Dall'altro lato però ero devastato. Per quasi 20 giorni sono stato incapace di studiare o impegnarmi in qualsiasi cosa. Non l'ho più vista nè sentita, se non una volta al telefono.

Però non avevo perso la speranza. Sapevo che il suo ritrovare l'ex-ragazzo era solo frutto di una debolezza momentanea, e che si sarebbero lasciati presto. Infatti è andata proprio così. Ovviamente lei non ha perso tempo, e si è consolata con un altro ragazzo con cui sta da pochi giorni. Non per amore tuttavia, ma per gioco. Ancora una volta dà prova della sua instabilità e della sua incertezza.

Ma andiamo con ordine. La settimana scorsa ha compiuto 16 anni, ed io le ho fatto avere un regalo con allegata una lettera. La lettera era davvero stupenda. Da quando mi ha chiesto di non vederci più, effettivamente non ci siamo più visti. Però ha fatto sapere a mia sorella che la lettera era così bella che si è messa a piangere e che voleva lasciare il suo ragazzo, col quale in fondo stava da pochi giorni e per cui non provava niente, e incontrarmi.

Questo incontro purtroppo non è mai arrivato, e lei non risponde ai messaggi ed evita le domande di mia sorella. Questa ennesima prova di incertezza e immaturità mi ha fatto riflettere, ho pensato che forse non è davvero il caso. Ma d'altro canto non me la sento ancora di demordere, e vi spiego perchè.

Innanzitutto la portata dei miei sentimenti. Normalmente ero sempre riuscito a gestire le delusioni amorose in 2 giorni, massimo 1 settimana di tristezza. Stavolta invece sembra che io non riesca ad uscirne, almeno nel breve periodo. Piango, nonostante la mia veneranda età. Passo tutta la giornata con la sensazione di lacrime in gola. Penso a lei in ogni istante di noia. E' il mio primo pensiero prima di addormentarmi e il primo pensiero al risveglio. La sogno ogni notte, dormo male, mi sveglio con la sensazione di soffocare.

Beh, in fondo è normale sentirsi così dopo una grossa delusione amorosa. Ma questo di solito succede ad uno stadio avanzato, non certo nella fase di conquista. Se si sta con una persona per mesi, o anni, lasciarsi è atroce, ed è normale piangere, dormire male, non avere fame. Ma noi non siamo mai stati assieme, non ci siamo mai neanche baciati. E nonostante questo soffro come un cane, e provo ancora un amore infinito nonostante la sua immaturità e il suo silenzio.

Poi ci sono le coincidenze. Ci siamo ritrovati ad abitare a 5 metri l'uno dall'altra. Entrambi siamo nati ad Ottobre, a pochi giorni di distanza (siamo entrambi della Bilancia) e i nostri nomi cominciano con la M. Sin dal primo momento che l'ho vista mi sono sentito scosso, e i nostri sguardi si sono spesso incrociati, nonostante lei fosse una bambina e io maggiorenne. Poi la sua cotta, e poi la mia. E poi quella fatidica chiamata proprio nel giorno in cui mi domandavo se conoscerla o meno.

E come si spiega il mio affetto per lei nonostante l'evidente mancanza di qualità, e la notevole presenza di difetti?

Non riesco davvero a fare a meno di pensare che siamo in qualche modo legati da un destino comune. Forse è un mio modo disperato di aggrapparmi alla persona che mi ha fatto uscire dal mio torpore, o forse no. Non so che fare. La mia mente mi dice che una relazione con una 16enne immatura sarebbe un disastro, e che in ogni caso lei non sembra realmente interessata a me. Ma il mio cuore mi dice di perseverare, i miei sentimenti quasi paterni mi dicono che devo conquistarla e donarle un nuovo equilibrio e felicità. Non c'è cosa che più desideri al mondo di poterla rendere felice, di rimettere a posto i tasselli della sua vita. Di renderla una persona migliore, come lei ha reso migliore me.

Ed io non so che fare. Lasciar perdere per smettere di soffrire, oppure accogliere i segni del destino?

Questo ci porta ad uno spunto di riflessione. L'amore impossibile, appunto. Impossibile nel senso che non sembra poggiare su alcunchè di reale o razionale. Perchè lei è così giovane e piena di difetti. Perchè non c'è motivo che io sia affezionato a lei, non avendola mai frequentata se non pochi giorni. Perchè non siamo mai stati assieme. Eppure l'amore c'è, o quanto meno una grandissima affezione, un bene immenso.

Secondo voi, per vostra esperienza di vita, è possibile che un amore di questo genere si sviluppi dal nulla, poggiando su basi inesistenti, e si manifesti in maniera così forte? A tal punto da cambiarmi radicalmente come persona? Il mio modo di pensare, la mia allegria, il mio rapporto con gli amici e le persone, il mio modo di prendermi cura di me e di me stesso, le mie aspirazioni nella vita, tutto è cambiato! In meglio.

O forse c'è davvero un filo rosso del destino che ci collega? A volte mi son ritrovato a chiedermi se lei per caso potesse essere la mia anima gemella, ammesso che esista. In fondo siamo così diversi, e non penso che staremmo insieme per la vita, quindi non ritengo che possa esserlo, ma sento che le nostre esistenze sono in qualche modo collegate.

Vorrei tanto trovare una risposta, ma non so come fare. Non riesco a raggiungere una meditazione profonda. E ho cominciato da pochissimo con le tecniche di percezione, e non voglio affidare una domanda così grande alla mia poca esperienza in merito. E ho paura ad andare in OBE perchè il mio stato d'animo è pessimo. E peraltro temo ancora una volta di fuggire le "questioni materiali" cercando conforto in una qualche illusione spirituale.

Non so che fare, cosa mi consigliate? Ma soprattutto, cosa ne pensate?

>>> FINE <<<


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: lun 19 ott 2009, 15:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
*** che storia! io di solito sono molto contrario alle storie con grosse differenze di età, perchè si devia il normale decorso delle proprie esperienze di vita però in questo caso forse mi trovo davvero di fronte a un'eccezione; tra l'altro per certi versi ti capisco, la voglia di "equilibrare" la vita di qualcun'altro come la tua è una cosa che capisco perfettamente :)

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: lun 19 ott 2009, 20:48 
Non connesso

Iscritto il: gio 9 lug 2009, 12:53
Messaggi: 48
wow sembra la storia di un libro...
comunque credo che tu abbia solo due alternative:
1. lasci perdere
2. non lasci perdere
ok, all'apparenza è banale ma l'importante è decidere, ma decidere sul serio e rimanere fedeli alla scelta.
quindi analizzando le due possibilità:
la prima è di lasciar perdere. questo in teoria non risolverebbe il problema, ma lasciar perdere come intendo io vuol dire proprio non pensarci neanche più, mai più, non dico dimenticare, ma accettare ad esempio di non vederla mai più, come se non esistesse più, come se fosse stata solo un sogno o un'illusione, cambiare pensieri, trovarsi qualcosa da fare, però se scegli questa alternativa devi essere davvero convinto. questa alternativa vuol dire smettere di lottare, di sperare, ma anche di soffrire...
l'altra alternativa è quella di non lasciar perdere, di provare il tutto e per tutto, di persistere, di non darsi per vinti, di cercare di non sprecare la tua unica vita, di ottenere la felicità. se poi fallisci vuol dire che doveva andare così, am io t consiglio di provare la seconda alternativa, per la prima ci sarà sempre tempo. non lasciare mai nulla di intentato! meglio fare qualcosa di cui ti potresti pentire che continuare a roderti per tutta la vita di non averlo fatto. ricordati che è la tua unica vita. non sprecarla!!!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: lun 19 ott 2009, 23:13 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
E' bello vedere che avete trovato la voglia e la pazienza di leggere tutto il racconto :) Vi ringrazio per l'interesse.
Ma il succo della questione non è tanto se lasciar perdere o se perseverare. Mi domandavo piuttosto se credete nella possibilità che tra due persone possa esistere un collegamento che trascende la realtà materiale, tanto da provocare sentimenti come quelli che io sto provando.

Perchè io veramente non riesco a capire il motivo per cui una bellissima 22enne bionda, intelligente, affidabile e simpatica non mi ha fatto alcun effetto. Mentre una ragazzina giovane, incasinata ed immatura mi ha stravolto la vita. E non penso di essere ninfofilo perchè le altre under-16 neanche le guardo. E poi tutte quelle coincidenze... Vorrei vederci chiaro, e speravo che poteste aiutarmi in tal senso.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 20 ott 2009, 13:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
guarda se ci non ci credevo ora forse ho cambiato idea, è proprio incredibile quello che provi, forse perchè la identifichi come la tua salvatrice(in parte è così anche per me nei riguardi di una mia amica, ma non a questi livelli) non so che dirti se non...mi presenti la bionda? XD

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 20 ott 2009, 13:33 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Purtroppo con la bionda ho perso i contatti :)
comunque sì, in un certo senso identifico in M una sorta di salvatrice, perchè mi ha praticamente rimesso al mondo. Tuttavia i sentimenti che ho sviluppato per lei sono nati molto prima che cominciasse il mio percorso di ritorno alla vita. Cioè mi piaceva a prescindere ecco. Quando l'ho vista la prima volta era poco più che una bambina e non riuscivo a levarle gli occhi di dosso. E quando incrociavo il suo sguardo mi sentivo... non lo so, qui cominciano a mancare davvero le parole per descriverlo.

Io voglio che lei viva una magia, darle qualcosa che probabilmente nessuno dei ragazzi con cui sta per gioco potranno mai darle. Vorrei trovare la forza e la capacità di andarla a trovare di notte in proiezione astrale e farla volare sopra le luci della città. Vorrei convincere la madre che può fidarsi di me, e farla uscire finalmente la sera in sella alla mia moto. Vorrei solo poterla amare.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 20 ott 2009, 18:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 14 dic 2008, 13:40
Messaggi: 95
Località: Marche
Emme scrivi molto bene :) Ho letto tutto il topic e voglio darti anche la mia opinione da vecchiarda quale sono.
La tua storia mi ha colpito molto per alcune analogie con una mia vicenda passata.
E' meraviglioso conoscere una persona che ci colpisce profondamente senza far nulla e ci scatena dentro l'energia per attuare dei cambiamenti positivi in noi, sono dei momenti magici e niente, di certo, avviene per caso.
Però io personalmente non credo nel destino o nelle anime gemelle e così via. E ti spiego anche perchè: perchè sono dei momenti. A volte anche lunghi, spesso basati e "rinforzati" da determinate nostre convinzioni, ma sopratutto scatenati da nostre necessità interiori di cui probabilmente nel momento stesso non ne siamo neanche consapevoli. E' per questo che ci si può innamorare più volte nella vita. In un certo senso tu l'hai già spiegato a te stesso. Quando hai conosciuto M sei stato colpito dal suo entusiasmo e dalla sua vitalità, che erano qualcosa che tu non ricordavi più.
E ci sono si dei collegamenti invisibili tra le persone, ci sono coincidenze che sfiorano la telepatia, ma non è detto che durino tutta la vita o che rimangano della stessa intensità nel tempo o che significhino veramente qualcosa al di là di quello che noi vogliamo che significhino. Perchè alla fine siamo noi a prendere le decisioni. Io vorrei solo metterti un po' in guardia a non focalizzarti troppo su questi episodi, perchè rischi di andare a vivere un amore mentale, idealizzato dentro di te! Infondo la donna della tua vita sei tu a renderla tale :)
Noi bilancia ce l'abbiamo un po' la tendenza ad idealizzare i nostri amati ^_^' e nella mia personale esperienza questo non porta a nulla di buono :ehm 8(

qualunque cosa farai, farà M o qualcun'altra, ti auguro felicità :)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 20 ott 2009, 21:46 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Citazione (Semyase)
In un certo senso tu l'hai già spiegato a te stesso. Quando hai conosciuto M sei stato colpito dal suo entusiasmo e dalla sua vitalità, che erano qualcosa che tu non ricordavi più.


Vero, ma prima ancora di notare la sua vitalità fui colpito dal suo sguardo, che mi ha penetrato l'anima.

Citazione (Semyase)

E ci sono si dei collegamenti invisibili tra le persone (...) ma non è detto che durino tutta la vita o che rimangano della stessa intensità nel tempo


Eh già, pensa che sfortuna che io le piacevo quando ancora lei era troppo piccola per essere presa in considerazione :(

Citazione (Semyase)

qualunque cosa farai, farà M o qualcun'altra, ti auguro felicità :)


Grazie :)
Quella sono sicuro di raggiungerla con o senza M. Ma mi sarebbe tanto piaciuto che fosse lei. Non è detta l'ultima parola, speriamo bene.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: gio 22 ott 2009, 21:13 
Non connesso

Iscritto il: dom 27 set 2009, 21:21
Messaggi: 28
Secondo me ha ragione Semyase non devi focalizzare tutta la tua vita lì.
Lascia che le cose accadano perchè devono accadere e se è destino qualcosa accadrà sennò no, fidati dell'universo. Magari quando tu avrai 28 anni e lei 21 la differenza d'età non si sentirà più tanto e vi incontrerete nuovamente per caso.
Comunque se ti piace tanto perchè non fai altro che dire che è piena di difetti e immatura???

In bocca al lupo!!! :)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: gio 22 ott 2009, 22:02 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Citazione (Morgana)

Comunque se ti piace tanto perchè non fai altro che dire che è piena di difetti e immatura???


Lo dico perchè effettivamente è così. I difetti non le mancano, ma io sono stregato dai suoi pregi.

Citazione (Morgana)

In bocca al lupo!!! :)


Crepi!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 27 ott 2009, 14:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
..... non ho parole.
Questo è il mio punto di vista.

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Amore impossibile
Messaggio da leggereInviato: mar 27 ott 2009, 14:36 
Non connesso

Iscritto il: dom 18 ott 2009, 16:37
Messaggi: 14
Ahah in senso negativo o positivo? ^_^'


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010