Oggi è lun 25 giu 2018, 6:26

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Domanda su ipnosi e inconscio
Messaggio da leggereInviato: lun 16 ago 2010, 16:20 
Non connesso

Iscritto il: dom 10 gen 2010, 21:30
Messaggi: 42
Ho letto le teorie di Freud, e lui divideva la psiche dell'essere umano in tre parti: l'io, il super io e l'es. L'io per Freud rappresentava il conscio, il superi io rappresentava l'inconscio e l'es rappresentava l'insieme delle pulsioni dell'individuo. Successivamente la psiche è stata divisa in tre parti: il conscio, il subconscio (l'insieme delle convinzioni di una persona) e l'inconscio, e da questo sito ho capito che la mente risiede nel conscio, ma non è il conscio, lo spirito risiede nel subconscio e l'anima nell'inconscio. Dato che con l'ipnosi si addormenta il subconscio, in modo che l'inconscio possa parlare direttamente alla mente che ne traduce gli archetipi,vorrei sapere, se una persona è anima, allora tramite l'ipnosi si può parlare direttamente alla sua anima, ma se una persona non è anima , quando la si mette sotto ipnosi, allora si accede solamente al registro delle esperienze che la persona ha vissuto, dato che l'inconscio è come un disco fisso a sola lettura che non si può modificare, e sul quale sono registrate le esperienze che essa ha vissuto da quando è nata, fino ad oggi?
Grazie delle risposte,





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Domanda su ipnosi e inconscio
Messaggio da leggereInviato: mar 17 ago 2010, 11:56 
Non connesso

Iscritto il: mar 17 ago 2010, 11:25
Messaggi: 1
Penso che ci sia un po' di confusione... :S le teorie psicologiche, psicanalisi compresa, sono teoria, e, purtroppo, non hanno fondamento scientifico: praticamente, sono ipotesi che permettono a chi utilizza la psicologia in pratica, generalmente praticando la psicoterapia, di orientarsi nelle scelte professionali. La psicologia esclude comunque l'anima: non la nega, ma non se ne occupa, come non se ne occupa il medico. Con l'ipnosi non si accede all'inconscio: in ipnosi, semplicemente, aumenta la suggestionabilità. Anche se la gente non lo sa, quando si va al cinema e si piange perché si sta seguendo una scena, dimenticando i problemi che ha a casa, e dimenticando che si tratta di attori strapagati per commuovere la gente, chi piange è in trance ipnotica. In ipnosi quindi non emerge né il passato né la verità: tant'è vero che non viene utilizzata nei tribunali per far confessare chi ha commesso un reato. In ipnosi il soggetto ubbidisce all'ipnotista, e se questi gli ordina di regredire al passato, il soggetto inventa un passato che possa, secondo lui, andar bene all'ipnotista. Per questo, molti, non trovando riscontri tra quanto dice il soggetto e quanto è avvenuto in passato al soggetto, hanno pensato che si trattasse di regressione a vite precedenti. Se vuoi saperne di più sull'ipnosi, puoi trovare, gratuitamente, al link http://books.google.it/books?printsec=f ... &q&f=false il testo che ho utilizzato per insegnare ipnosi ai laureati in psicologia iscritti alla Scuola Superiore in Psicoterapia a Cremona.
Cordiali saluti!
dr. prof. Alessandro Zucchelli
http://www.sanzuc.com





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Domanda su ipnosi e inconscio
Messaggio da leggereInviato: lun 23 ago 2010, 15:16 
Alessandro Zucchelli ha scritto:
In ipnosi quindi non emerge né il passato né la verità: tant'è vero che non viene utilizzata nei tribunali per far confessare chi ha commesso un reato.

Finalmente qualcuno che l'ha detto, grazie Alessandro. :)
Senza poi considerare altre tecniche, spesso appartenenti al paradigma della PNL, che assumono un grado di oggettività tale da riuscire a differenziare a colpo secco se si tratta di un ricordo realmente vissuto o di un ricordo immaginato.
Se fosse davvero così, perché mai non utilizzarle sempre e comunque in tribunale? Ci risolverebbero una marea di casi dubbi... [renske.gif]

Alessandro Zucchelli ha scritto:
In ipnosi il soggetto ubbidisce all'ipnotista, e se questi gli ordina di regredire al passato, il soggetto inventa un passato che possa, secondo lui, andar bene all'ipnotista.

Ne approfitto per chiederti un punto di vista a riguardo.
Ipotizziamo che il soggetto subisca un vuoto di memoria, e che quindi non riesca a ricordare consciamente cosa è accaduto in una particolare situazione. Ipotizziamo anche che il soggetto e l'ipnotista non si conoscano e fino ad ora non abbiano mai condiviso alcuna esperienza.
Assumiamo anche, e soprattutto, che l'ipnotista sia talmente abile da mantenersi in uno stato neutro, ovvero riuscire a non condizionare il soggetto ("imboccarlo") durante il riporto della regressione ipnotica (mi rendo conto che può essere quasi impossibile, trattiamolo comunque come un caso ideale).

A questo punto, alla domanda "cosa è accaduto in data..." il soggetto può rispondere in due modi: "non mi ricordo/non lo so", oppure qualcosaltro.
In quest'ultimo caso, secondo te il soggetto dove andrà ad attingere informazioni? C'è inoltre qualche possibilità remota che il soggetto possa in qualche modo allinearsi al sistema di credenze dell'ipnotista? Ti è mai capitato nella tua esperienza professionale?





Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Domanda su ipnosi e inconscio
Messaggio da leggereInviato: gio 26 ago 2010, 20:34 
Non connesso

Iscritto il: dom 22 ago 2010, 19:05
Messaggi: 7
Alessandro Zucchelli ha scritto:
In ipnosi quindi non emerge né il passato né la verità: tant'è vero che non viene utilizzata nei tribunali per far confessare chi ha commesso un reato. In ipnosi il soggetto ubbidisce all'ipnotista, e se questi gli ordina di regredire al passato, il soggetto inventa un passato che possa, secondo lui, andar bene all'ipnotista. Per questo, molti, non trovando riscontri tra quanto dice il soggetto e quanto è avvenuto in passato al soggetto, hanno pensato che si trattasse di regressione a vite precedenti.



Ma il fenomeno per cui molti in ipnosi regressiva parlano lingue antiche allora sarebbe falso?

E come mai nelle ipnosi regressive del Professore Malanga, alla domanda "e poi cosa succede" oltre mille ipnotizzati rispondono tutti le medesime cose?

Chiedo solo, non essendo esperto, di chi ci dobbiamo fidare.





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Domanda su ipnosi e inconscio
Messaggio da leggereInviato: gio 26 ago 2010, 22:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 19:51
Messaggi: 85
@ Zucchelli:
io non sono stata ipnotizzata, ma sono andata in trance ed ho visto una mia vita passata come pescatore di sesso maschile !!! Ero sicura invece che in una vita passata fossi stata un gheisha !!!
Mica un pescatore ignorantone e povero !!! Forse faceva comodo al mio ego vedermi così !!!
un saluto affettuoso da
prettywoman




_________________
Gli angeli possono volare perchè si prendono alla leggera - J. Cocteau


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010