Oggi è lun 16 lug 2018, 18:37

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: mar 5 ott 2010, 22:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
Questa è una cosa che vorrei chiedere soprattutto a Luciano e agli altri che se ne intendono di più dell'argomento...
carlos castaneda è sicuramente un autore che nell'ambito della filosofia e della spiritualità ha scritto (e venduto) molto...un mio amico mi ha detto che Luciano considera castaneda pericoloso perchè i suoi libri portano a farsi parassitare o addurre (forse ha capito male lui, però mi pareva più o meno così la questione...forse sono i suoi libri ad "attrarre" gli addotti?).
Personalmente ho letto i suoi libri (che mi sono anche piaciuti), però lo considero "solo" uno scrittore, sebbene davvero molto bravo. Non mi pare però che nei suoi libri vi siano messaggi particolarmente "oscuri...mi potreste chiarire questo dubbio? come può uno scrittore portare le persone a farsi rapire?
Grazie :)





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: mer 6 ott 2010, 5:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 19:51
Messaggi: 85
io mi ricordo che a un certo momento Castaneda si è trovato ad essere insegnato da due stregoni: Don Juan che gli sussurrava ad un orecchio, e l'altro stregone, non mi ricordo il nome, sussurrava all'altro orecchio... in questo modo Castaneda è riuscito a volare su di un albero ... credo che loro siano riusciti a staccare il lobo sinistro dal destro, quindi quello che rimaneva, la volontà, l'ha aiutato a volare alla fine ... è stata una specie di scissione della realtà sedimentata dentro ciascuno di noi, quando ogni certezza e convinzione crolla ...
poi, loro come stregoni, meglio come doppi volavano sulla griglia ... usavano la griglia per spostarsi, ma io credo che loro andavano oltre l'ologramma e così che mi spiego il salto che Don Juan ha fatto in finale con il suo seguito ... e Castaneda quando è saltato nel burrone si è trovato nel suo letto a casa a Los Angeles, lui ha usato la griglia tutto qui...
comunque dovrei riprende a leggere qualcosa, dopo 10 anni non ricordo molto...
forse Luciano si riferiva agli antichi di cui parla spesso Don Juan ... eh... quelli si che vorrebbero un pò d'animuccia calda per campare qualche secolo !!!

oppure: fonte http://www.wikipedia.it
« ciò che noi crediamo essere unico ed assoluto, è solo uno in un insieme di mondi consecutivi, posizionati come gli strati di una cipolla. Egli affermò che anche se noi fossimo stati energeticamente condizionati a percepire solamente il nostro mondo, avremmo avuto ancora la capacità di entrare in quegli altri regni, che sono reali, unici , assoluti ed ingolfati come lo è il nostro mondo. (viii) »
Secondo Castaneda, il fatto più significativo nella vita di una persona è che non si rende conto di avere a disposizione altre "attenzioni possibili" (così lui le chiama), le quali andrebbero sviluppate. Incrementandole, arrivando cioè a "percepire", ad averne piena coscienza, prima, disponibilità e controllo, dopo, l'essere umano secondo lui, potrebbe arrivare addirittura a compiere una "morte alternativa".
Incrementarle richiede disciplina, ma soprattutto "forza", energia, quello che don Juan gli descrive come "potere personale".
Ecco che con la corretta applicazione dell'arte dell'agguato (abbondantemente trattata ne "il potere del silenzio" ), egli afferma che possiamo diventare dei "cacciatori di potere".
Andare a "caccia" di "potere", significherebbe "accumulare" energia tramite certe tecniche di "controllo comportamentale", ma anche dei rituali che non escludono, come già accennato, il consumo di allucinogeni, ma più spesso trattasi invece del contatto diretto con certe "forze" (spiriti, che lui chiama "alleati" di potere, appunto) naturali che ci circondano.
Un potere personale sufficiente, porterebbe dunque alla consapevolezza di tutte queste tre attenzioni e quindi, alla padronanza dell'"intento" (il controllo cosciente e volitivo della propria "forza di volontà", che Castaneda ci descrive come delle fibre luminose di energia partenti dalla base dell'ombelico).




_________________
Gli angeli possono volare perchè si prendono alla leggera - J. Cocteau


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: mer 6 ott 2010, 11:00 
Non connesso

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 10:48
Messaggi: 99
Ciao
Guarda io non sono un esperto ma riguardo a
Cita:
...un mio amico mi ha detto che Luciano considera castaneda pericoloso perchè i suoi libri portano a farsi parassitare o addurre (forse ha capito male lui, però mi pareva più o meno così la questione...forse sono i suoi libri ad "attrarre" gli addotti?).


Effettivamente sembra che alcune figure presenti nei suoi libri siano vere e proprie descrizioni degli alieni.




_________________
Alla fine tutto torna: si alza il velo, si svela l'arcano


Ultima modifica di BlueOwl il mer 6 ott 2010, 14:16, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: mer 6 ott 2010, 12:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
BlueOwl, se clicco lì mi dice:

Cita:
Non sei autorizzato a leggere questo forum.





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: ven 8 ott 2010, 10:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
si buonanotteeeeeeee ^_^' rofl





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: ven 8 ott 2010, 18:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 26 lug 2009, 11:07
Messaggi: 39
Una cosa che a me e' venuta in mente leggendo Castaneda e' che solo se ti rendi conto di esistere poi potrai continuare ,dopo la morte fisica, ad esistere come individualita'.Non tutti si rendono conto di esistere e comunque ci sono diversi livelli di risveglio, a seconda del risveglio o del livello di conoscenza fai di te stesso poi ti ritrovi l'aldila'.Dove potrai fare nuove esperienze in nuove dimensioni. Chi non si rende conto di esistere ritorna subito al tutto, viene mangiato dall'aquila. Spero di essermi spiegato bene in questi semplici concetti, perche' volendo posso fare di peggio ^_^'





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: dom 10 ott 2010, 14:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
solitamente mi astengo dal parlare di vita oltre la morte, al di là e simili, semplicemente perchè non essendoci mai stato non posso sapere se e cosa vi sia.
Devo dire però che tradizionalmente si fa una distinzione tra vita dopo la morte e sopravvivenza. Mi spiego meglio...quando Ulisse scende nell'Ade trova i morti che "sopravvivono" (e non vivono) in uno stato che potremmo definire larvare, di profonda inconsapevolezza. Sempre tradizionalmente gli unici che avevano una possibilità di mantenere la coscienza dopo la morte erano gli iniziati ai Misteri.

Insomma tradizionalmente non vi sarebbe una "democratizzazione" della vita dopo la morte...
anche sul concetto sulle "vite future" ci sarebbe molto da dire...in parte ha detto bene malanga, dicendo che la questione non è da analizzare in un'ottica temporale...io aggiungo anche: tu ti ricordi le tue vite passate? Io sinceramente no e credo che praticamente nessuno ne possa aver memoria!! (lasciamo perdere tutte le ragazzine che dicono che nella vita precedente erano principesse in stile disney, e i cazzari che dicono tutti che erano grandi samurai o imperatori romani...e ovviamente non ve n'è nemmeno uno che dica che nella vita precedente era un contadino straccione morto di fame nel medioevo rofl )
e se TU non ti ricordi le vite precedenti vuol dire che è come se non le avessi vissute, questa è la tua unica vita e dopo magari non c'è o non ricordi più nulla.





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: dom 10 ott 2010, 19:49 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 26 lug 2009, 11:07
Messaggi: 39
E' vero che si dovrebbe guardare la vita oltre la morte fisica in un ottica atemporale, ma nella virtualita' una linea temporale esiste.Per esempio Anima ,per me, vive tutte le sue vite in un attimo ma fuori dalla virtualita'. Nella virtualita' segue il tempo e le vite dei contenitori ,finche si trova a viverle, si susseguono una all'altra(quella della direzione del tempo sarebbe un altra bella questione).E la questione dei ricordi ,nel caso fosse cosi', potrebbe esserci anche se non a livello conscio.Le esperienze fatte in una vita potrebbero dare il livello di coscienza in quella seguente, senza che uno abbia i ricordi di quelle che ha vissuto.
Forse mi sto' allontanando dal tema del topic ma quest'argomento mi interessa e approfitto per approfondire. <_<





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: sab 4 giu 2011, 10:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 1 giu 2011, 9:32
Messaggi: 24
Nei libri di Castaneda vengono descritte molto bene queste oscure presenze, e dice apertamente che sono venute dal cosmo migliaia di anni fà. Descrive come sono, quello che fanno agli esseri umani e anche il perchè!
Ma la cosa più interessante e più bella in assoluto è il sistema che hanno adottato gli sciamani moderni per rendersi inaccessibili a queste presenze. La chiamano la via del guerriero. La via che ci porta a liberarci di queste "creature" e, di conseguenza, accrescere energia e consapevolezza per percepire qualsiasi cosa sia possibile per un essere umano...e non è poco!!!
La distinzione tra sciamani antichi e moderni è di basilare importanza! Gli antichi facevano dei "patti" con queste "creature" per ottenere potere personale(si potrebbero fare benissimo paralleli con i nazisti e con le massonerie).
Gli sciamani moderni (almeno quelli della tradizione Tolteca di Castaneda, di Ruiz o di Abelar) impostano la loro vita sul distacco da queste pratiche rituali antiche perchè ci renderebbero schiavi. La via del guerriero è una via di consapevolezza, libertà e amore.





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: su Carlos Castaneda
Messaggio da leggereInviato: oggi, 16:24 
Non connesso

Iscritto il: oggi, 12:31
Messaggi: 1
Ciao a tutti, sono Italiano e vivo in Perù. Ho creato l'associazione www.peruitalia.com Continuo a cercare di fare gruppo utilizzando come tema di discussione Castaneda e le sue tecniche per amplificare la percezione. Quando si arriva a questo stato è possibile arrivare a curare e guarire grazie a una connessione diretta. Una condizione di trance che ho trovato molto simile a quella usata dai curanderi del Peru e al rituale della Ayahuasca nella selva Peruviana. Da qui l'idea di fare un forum. Se avete qualche storia da compartire vi aspetto su www.carloscastanedaforum.com





Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010