Oggi è mar 22 gen 2019, 15:09

Annuncio: Il Forum è morto. Viva il Forum!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 40 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 19 gen 2008, 21:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 970
Località: Cuneo
Comunque nel primo post hai scritto "appippandoci"...meno male che non ci sono minori :o:
Ad ogni modo sono invidioso in senso buono...nel senso che anche a me sarebbe piaciuto fare una rissa per amore, ma non credo che mi avrebbe "cagato" lo stesso quella che mi piaceva :P (scusate il termine)
303

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 19 gen 2008, 21:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1329
Località: A n a r c h i A
:lol: ho capito, ho capito... ma chissà... un giorno vedremo Sefanor affrontare e sconfiggere due teppisti e un avversario in amore contemporaneamente! e molto altro! ;)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 20 gen 2008, 18:46 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
Vorrei parlare dell'anarchia proposta nel campo della politica (e non solo) :)

Se potessimo avere un altro sistema, allora parteciperei volentieri a studiarlo.

Ma dato che il sistema politico attuale si basa sul voto, non votare significa semplicemente aumentare il peso di tutti gli altri voti, con le conseguenze disastrose che sono avvenute: vengono eletti quelli votati dagli "addormentati".
Allora, prima di mollare tutto, possiamo ripartire dal basso, inserendo persone comuni come noi nella politica, per poi votarle se ci fidiamo di loro ed approviamo il loro operato (che prima era il nostro, essendo stati insieme).
Utilizzando sapientemente il nostro voto (che è una nostra possibilità di espressione e di azione, rinunciando alla quale è come se ci mettessimo un blocco alle mani) potremo far eleggere qualcuno che, se non è il meglio, almeno è il meno peggio, finchè le cose non cambiano.

Ma le cose non cambiano da sole, dobbiamo cambiarle noi :)
L'anarchia va bene nel proprio piccolo mondo, ma non quando tutti la mettono in atto nella realtà oggettiva.
Pensate alla natura: pensate sia andata avanti con l'anarchia?
No, con un ordine ben preciso.
E lo ricordano anche i moderni studi del rapporto arcaico tra la cellula e il sistema energovibrazionale umano.
E' proprio sull'ordine che si basa la vita, che non è affatto casuale :)

Si tratta dunque di capire qual'è l'ordine che funziona, dopo aver pulito il sistema attuale, possibilmente senza violare nessun essere umano.
Tutto si può fare, basta decidere se, quali e quante leggi umane e karmiche violare, a chi gioverà il nuovo sistema ed a chi no, e quanto durerà.
Non è semplice decidere correttamente: l'anarchia è sicuramente il più immediato ed efficace nel breve periodo, ma poi sarà uno sfacelo totale dopo poco tempo che peserà su tantissime persone, per non parlare di quelle che avranno sofferto per questa breve illusione.

La natura ci insegna l'ordine, ragazzi, dobbiamo capire solo quale :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 20 gen 2008, 20:10 
Non connesso

Iscritto il: ven 9 gen 2009, 18:50
Messaggi: 17
mah...l'anarchia è ordine! è il rispetto che ha una persona verso tutto e tutti... solo che noi siamo "uomini" e incappiamo troppo spesso in desideri personali che a volte danneggiano anche gli altri...oppure si potrebbe dire che sbagliamo continuamente...
ma l'anarchia è giusta, solo che è irrealizzabile...almeno per ora...
questo non vuol dire che un giorno non potrà essere raggiunta...(forse un giorno molto molto molto lontano)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 21 gen 2008, 9:06 
ehhhh lucia questa volta ti devo proprio contraddire...

Il voto ormai non conta da un bel pezzo... sia che non voti nessuno, sia che votino tutti...

Devi ben sapere che dietro lo stato esistono degli organi chiamati:

SISME e SISDE questi sono diciamo i servizi tipo CIA ed FBI italiani...

Dalle ultime elezioni è trapelato che molte delle urne non erano state spogliate, facendo intuire che le votazioni sono truccate o quanto meno manipolate...

Questi servizi interni, come molti altri di molti altri stati, hanno uno scopo politico in tutto il mondo, mentre noi poveri omini decidiamo tra il votare e il non votare, questa forma di potere invisibile, centralizza il potere stesso, attraverso sistemi bancari, e associazioni come l'onu.

Tutto cio potrebbe essere una bella trama di un bel film fantapolitico, ma stanne certo che non è cosi, la bellezza ormai è che io ne possa parlare cosi tranqillamente senza dare problemi a nessuno, poichè ormai è cosi sfottuta la cosa, che la gente vede in chi crede nella cospirazione mondiale, dei folli partiti con la testa.

Il punto è che guarda caso da quando si è diffuso l'ideale di anarchia, ogni forma di rivoluzione anarchica è stata soppressa sempre in principio, poichè non portava ad alcun favore verso questo ordine, altrimenti hanno fatto con il comunismo, il fascismo, e altre manifestazioni di ideali, poichè erano loro stessi a organizare tutto sulla scacchiera e a muovere noi pedine, molti anarchici sono morti senza senso, per nessun motivo, ricordiamo pinelli,e ce ne sonos tati altri... pinelli è il più eclatante.

La sintesi è che l'anarchia è l'unica forma di politica funzionanate, ma annulla il potere e dal momento che il potere viene annullato, coloro che lo bramano perdono il loro scopo.

Ora se vogliamo arrivare persino in un ambito fantascentifico,dopo letture e letture di kolosimov e altri autori di cui non ricordo il nome, sono venuto a conoscenza di fatti i quali riguarderebbero civiltà inteligenti, che risultano ben più vecchie di ogni civiltà conosciuta oggi sui libri di storia... in particolar specie i rettiliani, o per meglio dire "gli omini verdi" dopo tutto si possono torvare dei riscontri nei luoghi comuni, nell'ideale collettivo... In ogni legenda c'è sempre un minimo di verità... cio vuol dire che se ai giorni nostri al cinema veniamo bombardati da omini verdi un fondo di realtà deve per forza esserci quale non si sà.

Fatto sta, questi rettiliani sarebbero una stirpe superiore a quanto dicono loro, una stirpe in grado di controllare l'intera umanità, ed è cio che vogliono fare...

Ma forse qui siamo un pò oltre, per ora le cose evidenti sono la centralizzazione del potere, e l'incapacità politica dei popoli.

L'anarchia è l'unica soluzione...


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 21 gen 2008, 13:36 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
Lasciamo per un attimo fuori i rettiliani, che tanto la maggior parte delle persone non sa effettivamente cosa siano e crede di vederli ovunque :)

Sono però interessato alle indagini di SISME e SISDE, voglio essere sicuro di questa cosa e se mi dici dove hai letto in proposito potrò informarmi meglio ed eventualmente diffondere questa informazione che, a quanto pare, non è stata diffusa.

Se noi mettiamo in mezzo cose più grosse della politica, è ovvio che poi il voto passa in secondo piano.
Ma è come se mi chiedessi di lasciare perdere per fare qualcosa che, tanto, non posso fare.
Dire che qualcosa di apparentemente piccolo è inutile inesatto, perchè è comunque una nostra possibilità di azione.
Può non contare nulla da soli, ma conta molto in gruppo.

Non dimentichiamo che l'anarchia non è necessariamente ordine, come suggerisce annaclois, ma dipende da che significato le si attribuisce.

Se parliamo dell'anarchia tanto sbandierata dai ragazzini punk e simili, allora parliamo di "ognuno fa quello che vuole" ed in una società così prenderebbero comunque il potere i più forti e i più ricchi, l'uno al servizio dell'altro.

Se parliamo di anarchia nel suo senso originale, cioè "assenza di autorità", allora già ci avviciniamo ad un ordine.
Un ordine "pubblico", di tipo autoregolante dove si decide qualcosa tutti insieme, ma qualcosa di fa comunque.

Da wikipedia:
L'anarchia è una forma di società dove si tende ad annullare qualsiasi forma di autorità imposta; gli anarchici credono nella capacità naturale dell'uomo di autoregolarsi in società. L'esistenza di regole e convenzioni sociali nell'anarchia non è esclusa a priori a patto che le regole e le convenzioni vengano liberamente determinate e accettate dalla comunità interessata e non rappresentino un'imposizione derivante dal maggiore potere di alcuni rispetto agli altri.

L'anarchia totale, quindi, non può esistere, perchè ci deve essere sempre un ordine condiviso e mantenuto da tutti.

Il punto è che la maggior parte delle persone, a favore e contro, ha un'idea dell'anarchia corrispondente alla prima che ho esposto.

E sappiamo bene che per portare un'idea originale (e quindi sana) di anarchia, non potremo certo farlo "scioperando" dalle nostre funzioni sociali.
Che succede quando un gruppo di persone sul totale sciopera?
Che gli altri ne approfittano e ci guadagnano di più, e tutto torna come prima.
Non votiamo?
Vinceranno gli eletti dei restanti votanti?
E dato che oggi quasi tutti quelli che hanno capito chi non votare, rinunciano totalmente al voto, restano a votare solo quelli ancora abbindolati da truffatori e ladri che abbiamo al governo, facendoli rieleggere.

Non è con un'azione ridicola come il non votare (cosa che i signori sopracitati sperano, perchè sanno che gli altri resteranno a votare per loro) che si cambiano le cose.
Cambiare? Certo.
L'anarchia non si instaura da sola, dobbiamo cambiare qualcosa.
Cambiamenti intelligenti, non sanguinose rivolte e colpi di stato.
I mezzi li abbiamo, ma non li usiamo, sognando invece improbabili scontri armati nei quali però vorremmo vedere altri colpire senza essere colpiti noi.

Non penso di dover essere io a ricordare che per instaurare una civiltà equilibrata dobbiamo usare un metodo altrettanto equilibrato.
Altrimenti saremo solo un altro gruppo di persone, nella storia, che compie un atto estremo, con le conseguenze che abbiamo sempre avuto, cioè 2: morti e peggioramenti.

Salta fuori sempre la stessa frase: "Fai quello che hai sempre fatto, ed otterrai quello che hai sempre ottenuto".

Il mondo si cambia diffondendo l'equilibrio ed agendo intelligentemente, dandosi da fare attivamente senza limitarsi a sognare e sperare che le cose si sistemino, promettendoci di unirci agli altri "quando questi cominceranno per primi".

Il mio discorso, questo topic, vuole far notare la differenza tra anarchia totale ed anarchia equilibrata (mi scuso per non averlo specificato nel primo post), e come ci siano 2 diversi modi per ottenere rispettivamente queste 2 forme di società, possibilmente organizzata :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 22 gen 2008, 5:42 
http://aghost.wordpress.com/2006/11/14/tru...-elezioni-2006/

Per quanto rigaurda l'anarchia è vero c'è molta ignoranza in giro, e comunque sia, l'anarchia è una forma di pensiero politico in fase embrionale, l'anarchia si sta sviluppando da più o meno 200 anni ormai.

E nel corso di questi 200 anni ha subito molti cambiamenti ideologici, che la stanno portando sempre più nel diventare un progetto realizzabile, poichè sono 200 anni che si discute sui problemi sociali dell'uomo.

Della serie... Ci sarà sempre qualcuno che ruba... ma analizzando la cosa chi ruba è perchè non ha, se tutti avessero nessuno ruberebe, è un esempio basilare che fa capire bene come potrebbe essere una società anarchica, dove ognuno potrbbe permettersi il fabbisogno naturale, per la sopravvivenza.

I politicanti, e chi detiene il potere tiene molto a cuore, il diffondere l'ideale di anarchia come CHAOS, che è un luogo comune molto diffuso, e per quanto nell'anarchia non si sia mai concepito il chaos, sarebbe comunque un ideale primitivo, poichè nel corso dei secoli grazie a filosofi, e letterati, come può essere un malatesta, l'anarchia si è sviluppata, fino a giungere ad oggi in un modello federativo, integratonella società e PERFETTAMENTE FUNZIONANTE.

Per chi non ne sapesse niente invito a informarsi sulle federazioni anarchiche, quella italiana è il FAI, è un organizzazione a livello nazionale, priva di vertici, che si tiene perfettamente in piedi dalla bellezza di 70 anni circa.

E anche questa è una piccola dimostrazione di come il modello anarchico sia funzionale e integrabile adirittura nella società.

L'educazione a livello scolastico, civile , e militare viene sempre data in maniera ANTI ANARCHICA, poichè l'anarchia come gia detto mette paura ai potenti che ci sono ORA.

Per quanto riguarda il voto, l'ideale sarebbe votare partiti MINORI, cercando di scompattare il più possibile la torta dei seggi, e non dividere l'italia in 2 come al solito.

In più votando partiti minori, diminuiscono le possibilità delle schede elettorali truccate.

Poichè la contraffazzione avviene proprio nel momento in cui la gente non va a votare, e questa mossa del non andare a votare è una mossa voluta dallo stato, ed è sempre un movimento di inteligence, che ha a sua disposizione fior fiori di sociologi, psichiatri, militari... e in sintesi riescono a sistemare gli eventi, in maniera da creare altri eventi, creando questi eventi, prevedono la reazione sociale, e come pecore il popolo continua a fare cio che voglino i POTENTI, credendo di fare di testa propria.

Ma cosi non è... e per quanto ne sò l'anarchia potrebbe essere anche lei stessa, un organizzazione controllata da questi enti, per regolare l'equilibrio mondiale, ma è più difficile... spece dopo i tempi delle brigate rosse.

I centri anarchici ora sono più SERRATI e non si accettano infiltrati di alcuna sorta, per al destabilizzazione della società anarchica, chiunque viene cioccato viene espulso dal collettivo.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 22 gen 2008, 17:01 
Non connesso

Iscritto il: ven 9 gen 2009, 18:50
Messaggi: 17
CITAZIONE (Kenshirou @ 21/2/2008, 12:36)
Se parliamo dell'anarchia tanto sbandierata dai ragazzini punk e simili, allora parliamo di "ognuno fa quello che vuole" ed in una società così prenderebbero comunque il potere i più forti e i più ricchi, l'uno al servizio dell'altro.

Non intendevo quell'anarchia
CITAZIONE (Kenshirou @ 21/2/2008, 12:36)
L'anarchia totale, quindi, non può esistere, perchè ci deve essere sempre un ordine condiviso e mantenuto da tutti.

Il punto è che la maggior parte delle persone, a favore e contro, ha un'idea dell'anarchia corrispondente alla prima che ho esposto.

E sappiamo bene che per portare un'idea originale (e quindi sana) di anarchia, non potremo certo farlo "scioperando" dalle nostre funzioni sociali.
Che succede quando un gruppo di persone sul totale sciopera?
Che gli altri ne approfittano e ci guadagnano di più, e tutto torna come prima.
Non votiamo?
Vinceranno gli eletti dei restanti votanti?
E dato che oggi quasi tutti quelli che hanno capito chi non votare, rinunciano totalmente al voto, restano a votare solo quelli ancora abbindolati da truffatori e ladri che abbiamo al governo, facendoli rieleggere.
.

qui ti do ragione! è comunque nostro dovere votare.


Io parlo dell'anarchia come assenza di autorità e nella quale le persone non si concentrano + sul fare o non fare, ma pensino in primo luogo ad "essere". E mantengano il rispetto verso ogni forma di vita...

Certo questo è praticamente irrealizzabile! cioè... è così altamente improbabile che questo accada che non vale neanche la pena pensarci. comunque io credo che l'anarchia sia la cosa + giusta...ma poichè per ora non siamo ancora pronti a realizzarla e a mantenerla... ciò che ci rimane è la democrazia! e anche per ciò che è la democrazia penso sia importante andare a votare
come disse un mio prof : "è necessario che tutti vadano a votare per essere davvero sicuri che il risultato della votazione sia in rapprensentanza dell'effettiva maggioranza dei cittadini"


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 28 gen 2008, 13:46 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
CITAZIONE
Anarchia non è casino. La confusione fine a sé stessa è roba da dilettanti (pure scarsi)

Cerchiamo bene di diffondere quest'idea, visto che è l'idea originale che la maggior parte delle persone hanno trasformato...ognuno può fare un sondaggio e scoprire che ad anarchia il mondo collega entropia (caos) e non sintropia (ordine), gettando fango anche su chi porta avanti quest'ideale in modo equilibrato.
E' bene tornare a diffondere l'idea giusta di anarchia, ricordando che questa è presente, come ordine autogestito ed autoregolato, dalla più piccola cellula al più grande pianeta, per non dire dal più piccolo quark a tutto l'universo, dove l'ordine si instaura da solo senza nessuna gerarchia limitante.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 28 gen 2008, 14:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1329
Località: A n a r c h i A
esatto Ken, l'hai detto in maniera perfetta ;)
anarchia = ordine superiore sintropico. ma nessun anarchico lo capisce... per questo mi fregio di essere l'ultimo anarchico sulla terra! :D (anche il mio ego vuole le caramelline ogni tanto!)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 13:03 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
Quindi logicamente si dovrebbe:

. Risolvere la disinformazione sull'anarchia
. Unire le persone con informazione ed organizzazione
. Usare tutte le proprie possibilità per cambiare il sistema attuale, voto compreso

Questa cosa è fattibile da domani mattina, in special modo alle prossime elezioni, senza farci ingannare da Berlusconi e Veltroni, che hanno persino lo stesso programma.
L'anarchia si fa, non si sogna soltanto :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 14:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1329
Località: A n a r c h i A
l'anarchia si fa. concordo! :)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 16 apr 2008, 9:58 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
Corrado Malanga sull'anarchia:

D. Quale nostro atteggiamento mentale può disturbare gli alieni?
R. L'atteggiamento mentale che disturba un alieno è la creatività.
L'alieno è riduttivo, fa sempre le stesse cose, le fa da milioni di anni: se deve bere, prende sempre il bicchiere con la mano sinistra, sempre così, sempre nello stesso modo.
L'anima è quella cosa che invece è anarchia totale, non gliene frega niente del potere, non ha le leggi, se ne fotte di tutto, è la libertà di agire, di imparare, di comprendere; l'anima non ha regole, le regole sono un'invenzione aliena.
Bisogna essere anarchici.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mer 11 mar 2009, 23:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 21 dic 2008, 12:17
Messaggi: 83
Località: Padova
...concordo perfettamente :) e mi rendo conto sempre più che

sono un'anarchica pura :D .


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mer 8 lug 2009, 13:40 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3950
Rispondo qui a Shabatu, continuando da: viewtopic.php?f=35&t=1905&p=18986#p18986
Consiglio prima la lettura degli interventi precedenti in questa discussione.
Citazione (Shabatu)
Siccome si fa accenno all'orda, sempre per associazione di pensieri mi viene in mente il concetto di "orda primitiva" della teoria freudiana, ovvero una banda di figli "primitivi" governati da un padre forte. E questo padre è colui che "dona" gli schemi di pensieri ai figli, che sacrificano comunque il proprio intelletto. Un po' alla volta non esiste più l'Io, ma esiste il Noi (simile al sè familiare) che lotta contro tutto ciò che è esterno e pericoloso per la coesione. Ed ecco come si formano gli ordini intesi in senso di "organizzazioni attorno ad un leader".

<<Una guardia mentale è qualcuno che si assume il compito di sterilizzare le informazioni in modo da adeguarle agli schemi del gruppo. In genere ciò si esprime attraverso la pressione sociale esercitata su chi potrebbe esprimere un parere contrario; l'effetto è quello di assicurare che il consenso del gruppo (e quindi il senso di appartenenza) non venga messo in discussione.>>
Questo funziona in TUTTE le organizzazioni, e funziona assieme ad altri meccanismi di difesa quali la razionalizzazione, gli stereotipi e l'illusione di uninanimità.

Come vi suona?

E' interessante il pensiero di Freud, ma si parlava di Ordo(Ordo Templi Orientis, l'organizzazione settaria guidata da Aleister Crowley) e non di "orda", nè tantomeno primitiva.
Ordo, dal dizionario etimologico, corrisponde a ordinazione, ordine.
Orda, sempre dallo stesso dizionario, corrisponde a tribù, accampamento, termine coniato per descrivere le Torme dei Tartari erranti, che abitavano sotto le tende, e così vennero pure chiamate le loro Compagnie, nelle quali erano divisi i giannizzeri.

Quindi l'ordine di un'orda non è l'ordine di un gruppo che si basa sul "fa ciò che vuoi", e non è minimamente paragonabile ad un ordine di tipo anarchico, ovvero autoregolato; in quanto in questi gruppi il leader è uno e, come scrivi, si forma da tutti attorno ad esso, mentre nel vero e totale ordine autoregolato questo si forma da tutti e su tutti.
Quindi, NON funziona così in TUTTE le organizzazioni, perchè abbiamo organizzazioni di stampo molto differente tra loro, come quella che corre tra il corpo umano con le cellule (anarchia nel senso puro e originale del termine) e tra una monarchia o una setta o una banda (anarchia nel senso moderno del termine), dove si fa quel che si vuole ma secondo un ordine di qualcuno, secondo una corrente di pensiero a cui si aderisce.
Citazione (Shabatu)
Ah, incidentalmente:

«Ama e fa ciò che vuoi.»
Sant'Agostino

Direi che c'è una differenza abissale.

Crowley, "Fa ciò che vuoi sarà l'unica tua legge": devi fare ciò che vuoi se intendi essere del nostro ordine, ed essendo un ordine, sono io che ne definisco le leggi, che decidono chi vi appartiene e chi no.
Leggi: entropia guidata da un leader, anarchia come caos, generata dalla limitata volontà personale di un solo essere essere con interessi, giudizi, credenze e convinzioni.

Sant'agostino, "Ama e fa ciò che vuoi": vivi in armonia, non creare vincoli, apprezza senza giudicare, espandi la tua energia e quella degli altri, e fai ciò che vuoi, se vuoi, perchè nessuno ti giudicherà se lo fai o meno.
Leggi: sintropia libera, anarchia come ordine autoregolato, generata dalla volontà di un gruppo di persone che insieme hanno più ampie vedute e meno interessi, giudizi, credenze e convinzioni condivise.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mer 8 lug 2009, 14:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 784
ritorno un attimo al tema del topic a monte, sono semrpe stato contrario all'anarchia credendo sempre nella verità assoluta e nel bene e nel male assoluti, ultimamente invece mi sto accorgendo che non è così e ho rivalutato in parte l'anarchia come necessaria continuamento dell'evoluzione dell'individuo dopo la solida costruzione di un sistema di regole

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mar 11 ago 2009, 18:33 
Non connesso

Iscritto il: mer 27 mag 2009, 9:24
Messaggi: 85
Citazione (Jena)
voglio fornirti il punto di vista opposto a quello di molotov... :P

Ufff! [weep.gif] Luciano non sto parlando di regole della mente ma regole etiche [indifferent.gif] sbaglio solo ad usare la terminologia...

Definisci:
spirito
coscienza
anima
mente


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mar 11 ago 2009, 20:13 
Non connesso

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 9:13
Messaggi: 447
Citazione
Definisci:
spirito
coscienza
anima

Perchè Luciano dovrebbe ripeterti cose di cui parliamo in quasi tutti i topic? Leggi un po' in giro e scoprirai cosa pensiamo di spirito, coscienza e anima. ^^


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: gio 17 set 2009, 18:11 
Non connesso

Iscritto il: mer 27 mag 2009, 9:24
Messaggi: 85
@Percezione: sìsì


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Anarchia
Messaggio da leggereInviato: mar 24 nov 2009, 22:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 9 set 2009, 15:04
Messaggi: 215
Località: Roma
io per quello che conosco dell'anarchia e per la mia personale opinione, credo che l'anarchia abbia 3 grandi fondamenti al di fuori poi di tutte le alte interpretarzione, e che rendono l'anarchia una grande cosa...

1- Essere liberi
2- Rispettare se stessi
3- Rispettare il prossimo


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 40 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Annuncio: Il Forum è morto. Viva il Forum!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010