Oggi è dom 25 ago 2019, 13:46

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 6 gen 2008, 16:19 
Lo Shemhamphorasch è un epiteto del nome di Dio formato da 72 lettere ebraiche.
Il termine Shemhamphorasch deriva da Shem ha-Mephorash, che in ebreo significa "il nome esplicito" o "il nome interpretato".
Studiato da cabalisti medievali, lo si trova nel libro dell'Esodo, analizzando un verso di 216 lettere e dividendo questo a gruppi di 3 lettere.

Ricordo che l'antico testamento di cui disponiamo è una traduzione dell'originale in lingua ebraica, e che questa lingua non prevede né punteggiatura né vocali, ma soltanto una lunga serie di consonanti, dove per ognuna di queste corrisponde un numero. Per tale motivo non può esistere un'assoluta interpretazione del testo, ma differenti interpretazioni possono essere ugualmente accettate (il fascino dell'ebraico è proprio nel fatto che una frase, benché la sua forma sia la medesima, può contenere differenti interpretazioni parallele tutte contemporaneamente esatte).


I versi dell'esodo, in italiano, che andremo a studiare sono i seguenti:

CITAZIONE
Esodo XIV:
19. Allora l’Angelo di Dio, che precedeva il campo d’Israele, si mosse e si pose alle loro spalle; contemporaneamente la colonna di nuvola si mosse dal loro fronte per poi fermarsi alle loro spalle
20. e si mise tra il campo egiziano e quello israelita; e la nube era tenebrosa per gli uni, mentre rischiarava gli altri nella notte. E i campi non si accostarono l’un l’altro per tutta la notte.
21. Ora Mosè stese la sua mano sul mare; e l’Eterno fece sì che il mare si ritirasse a causa di un furioso vento d’oriente che durò tutta la notte, e ridusse il mare in terra asciutta; e le acque si divisero.

image



Dividendo l'intero flusso dei tre versi in tre righe ci farà ottenere 72 colonne in totale. Prendendo quindi le tre lettere per ciascuna colonna, otterremo quindi 72 parole.
Da notare che non si tratta affatto di un procedimento esotico, ma si basa su un particolare tipo di scrittura detta bustrofedica, molto usata nei testi antichi (maggiori info da wikipedia).

Ognuno dei 72 è definito come un'intelligenza particolare dell'Altissimo, rappresentato simbolicamente da un appropriato Angelo.

Per comprendere meglio questo concetto in chiave moderna, pensate alla chimica che forma ogni sostanza. La chimica è un qualcosa di totale, compatto, è un'idea che dà luogo ad una moltitudine di sostanze e infinite forme. Per comprenderla però dobbiamo astrarla e sintetizzarla in un numero di 118 elementi di base, ovvero gli elementi di base della chimica (Tavola periodica degli elementi), che non rappresentano in maniera totale la chimica, certamente, ma in quanto uomini che non comprendono l'infinito è l'unico modo pratico per avvicinarci alla sua comprensione.
Allo stesso modo non possiamo "vedere direttamente" l'Altissimo, ma possiamo comprenderlo - seppur in minima parte - analizzando alcuni dei suoi singoli lati caratteriali (le modalità per le quali Egli "crea").
Quindi ogni angelo avrà determinati aspetti, agirà in un determinato modo e la sua funzione sarà appropriata in relazione al ruolo che copre all'interno del progetto divino (il creato).

C'è da dire che lo Shemhamphorasch è stato poi luogo di speculazioni di ogni tipo, organizzazioni e raggruppamenti, come ad esempio la riorganizzazione in tre principali gerarchie (approfondimento: Le tre Triadi - di Jena).
Cito da Wikipedia: "La classificazione più influente fu discussa da Pseudo-Dionigi nel quarto o quinto secolo, nel libro De Caelesti hyerarchia. In questo suo lavoro, l'autore aveva indicato alcuni passaggi del Nuovo Testamento, nello specifico gli Efesini 6,12 e i Colossesi 1,16, sulla cui base costruire uno schema di tre Gerarchie, Sfere o Triadi di angeli, nella quale ogni Gerarchia contiene tre Ordini o Cori"

Ma aldilà di eventuali classificazioni, alla base abbiamo sempre 72 angeli, entità, aspetti di Dio o come vi piace definirli.

image



Sempre in epoca medievale è stata ipotizzata, studiata e praticata la possibilità di avere un contrapposto per ogni angelo, definito come "demone". Quindi 72 angeli e 72 demoni, accoppiati e opposti tra loro.
Secondo la tradizione europea il primo uomo che lavorò e catalogò questi demoni fu Re Salomone. La loro catalogazione è presente in vari grimori dell'epoca, primo tra tutti il Lemegeton, dove se ne trovano i nomi, le descrizioni delle varie proprietà e il modo con i quali "lavorare".

L'angelo e il demone possono essere intesi come esterni a noi (entità divine), interni a noi (aspetti del Sé interiore quale specchio di Dio - "a immagine e somiglianza"), slegati o legati tra loro*. Ma alla base l'uno è sempre il corrispettivo dell'altro, ed entrambi al servizio di Dio.
L'analogia può essere notata con il fuoco. Esso è attivo poiché scaldando e illuminando favorisce l'evoluzione della vita, ma allo stesso tempo brucia, consuma e distrugge, inibendo quindi la vita. Allo stesso modo quel particolare carattere (X) di Dio creerà in un certo modo (Angelo X) e distruggerà in modo analogo (Demone X).
Non si tratta di una contraddizione in termini, anzi, i due aspetti duplici e opposti fanno sì che accada una particolare trasformazione, elemento alla base dell'intera meccanica universale (è veramente affascinante studiare il genio dell'Altissimo, non credete?).

In ottica esoterica, invocare o evocare un angelo vuol dire mettersi in frequenza con quel particolare aspetto (carattere) attivo (costruttivo, espansivo) di Dio. Mentre invocare o evocare un demone se ne attirerà l'aspetto passivo (distruttivo, contrattivo).


*** SPECULAZIONI INTELLETTUALI ***
E' interessante notare come il numero 72 sia strettamente legato al 12, altro numero sacro per la nostra tradizione occidentale (12 apostoli, 12 mesi dell'anno, 12 note dell'ottava musicale...).

Cit. Agrippa: "… questo numero presenta molta analogia col dodici; così, ciascun segno celeste essendo diviso in sei parti ne risultano settantadue numeri quinari ai quali presiedono settantadue angeli e altrettanti nomi divini; ciascun numero quinario presiede un linguaggio particolare con tanta efficacia che gli astrologi e i fisionomi possono divinare l’idioma di cui uno è oriundo"

Inoltre - piccola chicca dai miei studi - 72 è il numero di intersezioni nella stella a 6 punte (o a 12 nodi):
image
(nota: la stella a 6 punte, chiamata Stella di Davide, definisce graficamente la struttura dell'alfabeto ebraico, la trinità nonché le dimensioni dell'universo in una forma molto simile all'olografia - di questo parlerò in un altro post)

72 è un multiplo di 12, e se per un attimo ci azzardiamo a sommare tutti i caratteri (angeli + demoni), otteniamo 144:
- 144 è il quadrato di 12;
- 144 è il dodicesimo numero nella sequenza di Fibonacci;
- 144 è il numero delle tribù d'Israele al quadrato. È inoltre la misura, in braccia, delle mura della nuova Gerusalemme indicata dal settimo angelo (Apocalisse 21:17).



------------

* Una particolare nota riguardo a come ognuno di noi può intendere, raffigurare o rapportarsi con un Angelo.
Come ho appena detto possiamo intenderlo in modi differenti (interno, esterno, legato, a sé stante...), questo perché essendo noi gli osservatori, a seconda del contesto assumerà forma differente, ma la natura sarà sempre la medesima.
C'è chi li intende in un modo, chi in un altro, e tutti a scornarsi a favore della propria assoluta verità. Lo sciamano lo chiamerà "spirito fondamentale", il cristiano "angelo di Dio", l'alchimista "legge divina", il magus "entità" e via dicendo.
Ma per mantenere una corretta visione d'insieme, è consigliabile tenere sempre a mente il termine "carattere", "proprietà" o "natura". Poiché mentre la forma può cambiare in funzione dell'osservatore, la natura intima resta sempre la stessa (su questo concetto legato al simbolo Jena è un ottimo maestro).


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 6 gen 2008, 21:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
:woot:
Mio Dio... ma sei un grande!!!! Totalmente daccordo, non pensavo di trovare proprio su internet uno con cui condivido così completamente l'esegesi della realtà! Eccezionale Anonimo, tanto di cappello; un vero antropologo! In pratica diciamo le stesse cose... solo che tu le dici in maniera molto ma molto più chiara di me (che sono un caotico!) ;)

GRAZIE MILLE VERAMENTE del contributo... spero di continuare a interagire!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 6 gen 2008, 22:36 
Daaaai, troppi complimenti ;)
Mi fai arrossire


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 13:55 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Non so se può essere di alcuna utilità, ma la tavola periodica degli elementi è sbagliata. Leggete le scoperte di Massimo Corbucci sul Vuoto Quantomeccanico, che gli hanno permesso di costruire la corretta tavola degli elementi :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 14:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
mmmm Corbucci?... corro a cercare! grazie della dritta...


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 15:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Siamo a posto...io studierò chimica :lol:...spero sia una cosa che si approverà al più presto, non che resti solo una "teoria"
254

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 15 gen 2008, 10:58 
>Leggete le scoperte di Massimo Corbucci sul Vuoto Quantomeccanico

Semplicemente affascinante!
In pratica è la conferma che tutto è realmente connesso a tutto, con nuovi effetti collaterali possibili (l'antigravità).
Bello, molto bello...


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 16 feb 2008, 11:27 
Non connesso

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 9:13
Messaggi: 417
...boh... io non credo che angeli e demoni siano parti di Dio... credo siano spiriti... mah...

comunque Dio è colui che è, lui è da sempre, lui è l'esistenza, ecco cosa è... lui è l'essere...


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 17 feb 2008, 13:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
L'Essere Supremo come dicono i maghi di periferia.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 17 feb 2008, 13:42 
aggiungerei l'Altissimo per i cabalisti e il Grande Architetto per i massoni.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 17 feb 2008, 14:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
già però per i massoni è lucifero non è Dio, molti di loro non lo sanno magari ma la stupidità ripaga sé stessa! :) viva questo bel mondo di merda oggi mi girano e sto lavoro mi sta sulle palle :) ohhhh yeah


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 1 mag 2008, 9:34 
La Sehmamforash è uno dei migliori perni centrali dei miei studi, ma la preferisco studiare come teurgia attraverso l’angelologia ebraica, e devo dire che ho avuto dei risultati di grande lunghe soddisfacenti.
All’epoca, avevo scritto queste righe per spiegarlo un po:

Gli angeli sono denominati differentemente secondo le razze, le religioni e le epoche. Possono chiamarsi Djinn, Deva, Gandharva, Entità, Geni, ecc…che designano nature diverse nel particolari, ma uniche nel principio e nella sorgente.
Il loro fine è, nella loro sfera di evoluzione, di collaborare, sia alla creazione che per la conservazione dell’Universo. Sono chiamati a secondare i vari tipi di esistenza, come l’umanità per questo scopo. Non possono prendere corpo con l’uomo, ma possono, a volte, farsi riconoscere come energia o rivestirsi di materia per avere un apparenza fisica.
La loro esistenza si estende su diversi piani, ma spesso sono comunque in quelli alti. Sono sottomessi al tempo come allo Spazio come l’umanità, ma hanno maggiore libertà in quanto sono fatto di energia maggiore all’uomo.
In quanto creature spirituali, gli Angeli della Cabala hanno un esistenza che consiste nel conoscere e nell’agire. In essi si trova la conoscenza puramente intellettuale. Gli Angeli sanno necessariamente tutto quello che riguarda la loro particolare energia creatrice e la diffondano con vero piacere a tutti colore che la richiedono.
Portano con loro quello chiamato “il Potere Personale” o “Talenti Personali” con loro, ed ogni uno degli Angeli ha le sue proprie caratteristiche.
Sono in 72 e sono definiti, dagli cabalisti, “Soffio di Dio” o “Nomi di Dio” ed esso, l’intero nome, si chiama Shemamphorash, o nome esteso di Dio.
I lori nomi divini sono presi dell’Esodo, nei capitoli 19, 20 e 21.
Si prende la prima lettera del versetto 19, poi l’ultima della 22, poi la prima della 21. Cosi, si ottiene la sorgente dell’Angelo, la sua causa primordiale di energia. Poi, si aggiunge i termini –el o –iah in quanto gli Angeli sono ho convergenti o divergenti (certi dicono femminile o maschile).
Gli 72 Angeli sono distribuiti sui i 360° astrologico dell’anno solare. Ogni Angelo regna su 5°.
Nell’Angelologia, dunque, si deve capire quale Angelo governava il giorno di nascita secondo le effemeridi del giorno di nascita e anche dell’Anno ebraico, ovviamente. Per gli ebrei, il primo mese è quello della pasqua, e dunque si parte con la numerazione da fine marzo.


L’aneglologia è un Arte molto complessa e certamente molto seria che deve essere presa con le pinze. Muovere degli eggregori di queste entità è un lavoro molto minuzioso.
Pero, come dicevo prima, personalmente è un arte che mi è molto affine, e per la quale ho un immensa passione.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 6 giu 2008, 17:07 
CITAZIONE Anonimo @ 6/2/2008, 16:19)
72 è un multiplo di 12, e se per un attimo ci azzardiamo a sommare tutti i caratteri (angeli + demoni), otteniamo 144:
- 144 è il quadrato di 12;
- 144 è il dodicesimo numero nella sequenza di Fibonacci;
- 144 è il numero delle tribù d'Israele al quadrato. È inoltre la misura, in braccia, delle mura della nuova Gerusalemme indicata dal settimo angelo (Apocalisse 21:17).

Nella bibbia non c'è anche un capitolo (non so se si chiamano così) chiamato "Il canto dei 144'000"?


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 12 giu 2008, 16:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Mamma mia che casino.....mi sono messo solo ora a leggere cosa sia la cabala e m'ha lasciato stupito.

@Anonimo....è un OT,ma quello che stò x scrivere è una similitudine con l'interpretazione dell'ebraico che,come tu hai scritto,essendo privo di punteggiatura,risponde a varie interpretazioni però tutte valide.

Nell'antica Roma,i soldati che si prestavano ad andare in battaglia,andavano da una sibilla x farsi leggere l'esito....la sibilla,volutamente,diceva la solita frase ma,con la dovuta punteggiatura(essendo però una versione orale,doveva dare credito alle pause)ribaltava completamente il significato:
Ibis rebidis non morieris in bello
le cui 2 versioni sono
Ibis,rebidis,non morieris in bello->Andrai,tornerai,non morirai in guerra
Ibis,rebidis non,morieris in bello->Andrai,non tornerai,morirai in guerra

E' solo un appunto x dire come spesso le frasi che devono dare un responso,sono di diretta responsabilità di chi ne è coinvolto e non di chi le pronuncia.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: dom 7 feb 2010, 15:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 4 feb 2010, 11:28
Messaggi: 14
Boh io uso i nomi di dio per sigilli, funzionano... ma solo perchè la parola ha un alto significato.
Diciamo è come il lattino usato nell'esorcismo... i demoni mica parlano lattino, ma i preti per esorcizare si.


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010