Oggi è mer 20 giu 2018, 9:21

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: ven 11 dic 2009, 21:02 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4545
Potete aprire una nuova discussione per parlare di altro, come la terra cava, anche perché non solo non c'entra molto con questa discussione, ma nemmeno con l'intera sezione (è più da "Informazione e disinformazione", e se usate la funzione di ricerca dovreste trovare già qualche discussione aperta in proposito). Altrimenti chi cerca le informazioni non le trova in quanto sono nel posto sbagliato. Grazie :)




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 14 dic 2009, 4:23 
L'immagine riportata da Maxdg è il famoso Tzolkin, il sacro calendario Maya che intepreta lo scorrere del tempo sottoforma di cicli da 260 elementi (giorni) su base 20:13.
La cosa davvero interessante è che il sistema temporale Maya è solilunare, ovvero si basa sull'osservazione dell'interazione Terra-Luna-Sole, a differenza del nostro Gregoriano prettamente solare. Inoltre nel sistema Maya non vi è alcun bisogno di correzioni nel tempo (tipo per i nostri anni bisestili), insomma, mostra una precisione sorprendente insieme ad un'innata conoscenza astronomica, impossibile con i mezzi umani di misurazione di quel periodo.
Tanto per fare un rapido esempio, il calendario più completo (solilunare) di cui la nostra cultura dispone e ancora usa è quello ebraico, ma per brevità preferisco evitare di riportare la bella mole di aggiustamenti matematici di cui necessita.

Credo sia importante parlare di Maya e del loro modo di osservare lo scorrere del tempo. Non tanto per il sistema in sé, piuttosto per entrare nel punto di vista di chi l'ha sviluppato.
Insomma, per capire davvero un maya, dovrei esserlo o al limite sforzarmi di pensare come lui.

Non so quanti di voi hanno notato l'estrema sinergia tra cicli temporali e divinazione, leggiucchiando sul sistema dei Maya. A me sinceramente apparve molto evidente, soprattutto nell'affiancamento tra glifi e treceni, che da un certo punto di vista ricorda il nostro sistema divinatorio astrologico.
Vi sono toni peculiari e frequenze di fondo, il tutto basato su relazioni specifiche tra distanze astronomiche, ripetizioni temporali e ripetizioni scalari.
Tutto ciò mi ha portato sempre a pensare che non è detto che dobbiamo aspettarci obbligatoriamente qualche cataclisma fisico o chissà quale salto-fantomatico-quantico-multi-dimensionale. Così come non è detto che in ogni inverno si metta a nevicare anche a bassa quota.
Altresì potrebbe benissimo manifestarsi una sorta di risonanza globale, con chissà quale tipo di manifestazione. Magari apparentemente nessuna. Magari un cambiamento interno ad un livello poco percepibile, chissà.

Ciò che secondo me conta è principalemente prenderne coscienza, e quindi iniziare a fidarsi davvero di ciò che sentiamo e proviamo in proposito. Ricordate quel famoso undici settembre? Che sensazioni avevate? Ho sempre intuito che anche lì si trattava di un ciclo in chiusura, ed uno in apertura. Eppure ciò che abbiamo messo a terra, in contrasto a qualsiasi forma di coscienza consapevole, fu principalmente una bella idea di "terrorismo" insieme ad una dose d'odio e complottismo.
E se in questo possibile 2012 accadesse qualcosa di simile, un evento sì fisico ma preparato a tavolino, inconsapevolmente legato alla ciclicità delle manifestazioni ataviche, come ci comporteremmo? Saremmo pronti a carpirne l'ennesima analogia simbolica, oppure via al prossimo capro espiatorio?
Anche volessimo concederci la possibilità di quel "verranno a prenderci", saremmo davvero preparati ad affrontare la situazione con sacrificio cosciente, di chi comprende l'evoluzione ad ampio spettro, anziché agire ognuno per sé e "sticazzi gli alieni e i poveri di anima"?

Perché è proprio questo che capisco nel leggere i vari articoli sul 2012 e le previsioni Maya: tanta discussione sulla forma, e poco sulla sostanza.





Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 14 dic 2009, 4:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
Anonimo ha scritto:
Perché è proprio questo che capisco nel leggere i vari articoli sul 2012 e le previsioni Maya: tanta discussione sulla forma, e poco sulla sostanza.


Pure io. Come vedi, scrivo poco.
Ho già sviscerato l'argomento a sufficienza in altri forum per trovarmi alla fine con un pugno di mosche.
Interverrò senz'altro, rispondendo a questioni che mostrino un minimo di conoscenze acquisite.
Lo so che sembro presuntuoso, forse lo sono ma il problema non è questo.




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mar 15 dic 2009, 0:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Ci sono troppe teorie al riguardo.. C'e' chi crede al cataclisma e alla fine del mondo, c'e' chi crede all'arrivo degli alieni, c'e' chi crede ad un risveglio ed al salto quantico, c'e' chi crede in tutte e tre le possibilita'.
Ma scusate, perche' sbatterci tanto la testa, devastarsi la mente con informazioni, il piu' delle volte errate e vivere nell'ansia di sapere cosa accadra' in sto benedetto 2012..
Come scrivo quasi sempre al termine di un intervento che faccio, basta aspettare ragazzi, mancano 3 anni alla data ''fatidica''.
Stiamo tranquilli e rilassati. [cheerful.gif]

Se un problema ha la soluzione, allora non c'e' di che preoccuparsi, se invece il problema la soluzione non ce l'ha, preoccuparsi e' inutile.




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mar 15 dic 2009, 3:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
Fulvio ha scritto:
Ci sono troppe teorie al riguardo..

Io non le chiamerei teorie ma rumore di fondo..
Cita:
Ma scusate, perche' sbatterci tanto la testa, devastarsi la mente con informazioni, il piu' delle volte errate e vivere nell'ansia di sapere cosa accadra' in sto benedetto 2012..

Probabilmente tu ti puoi permettere di vivere senza responsabilità di sorta.
Io, che alla fine del mese ho delle bollette da pagare, non posso starmene sul divano ad aspettare..
Se trasli il concetto a ciò di cui si parla ti sarà anche chiaro il motivo per cui esistono ricercatori che si sbattono anche per quelli che stanno sul divano.
Meno male che Malanga non la vede come te.. se no saremmo stati freschi.. ;)

Praticamente la tua proposta è di aspettare e di non fare un ***..
Non so.. se a te sembra un ragionamento maturo... beato te.. [cool3.gif]

EDIT: .. mi sono permesso di sbirciare sul tuo profilo e ho visto che hai appena 21 anni.
Dunque è quasi ovvio il tuo modo di porti, per cui perdonami il sarcasmo.. :blush2




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 16 dic 2009, 3:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Cita:
Probabilmente tu ti puoi permettere di vivere senza responsabilità di sorta.
Io, che alla fine del mese ho delle bollette da pagare, non posso starmene sul divano ad aspettare..
Se trasli il concetto a ciò di cui si parla ti sarà anche chiaro il motivo per cui esistono ricercatori che si sbattono anche per quelli che stanno sul divano.
Meno male che Malanga non la vede come te.. se no saremmo stati freschi..

Praticamente la tua proposta è di aspettare e di non fare un ***..
Non so.. se a te sembra un ragionamento maturo... beato te..

Non mi conosci e non puoi permetterti di giudicarmi. Cosa c'entra che hai delle bollette da pagare, e che non puoi startene sul divano ad aspettare? Ripeto che non mi conosci, e non alludere al fatto che io me ne sto sul divano, perche' e' chiarissimo. La risposta che ho dato riguarda il 2012, qui si parla del 2012, non di chi paga piu' bollette o di chi si sbatte di piu', ti informo che e' da 4 anni che sono iscritto in questo forum, e' da 4 anni che mi informo e collaboro con la gente di questo sito per analizzare i fatti ed arrivare ad una conclusione. Dici che la mia risposta e' del tipo di aspettare e non fare un ***, ma dov'e' che l'ho scritto? non mi mettere in bocca cose che non ho detto, perche' poi sembra che io sia un ***.
Cita:
hai solo 21 anni, dunque è quasi ovvio il tuo modo di porti, per cui perdonami il sarcasmo

Cosa sai tu di me? Prima di uscirtene con queste cose, pensaci su due volte...
Non giudicare le persone senza conoscerle, e' una brutta cosa.




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 16 dic 2009, 12:56 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4545
Mi permetto di spezzare una lancia in favore di Fulvio, giusto perché chi gli parla non lo conosce. Ma si potrà notare verso la fine del mio intervento che non sto difendendo nessuno, ma anzi anche apprezzando il discorso di maxdg. Infatti il mio obiettivo sono le idee e non le persone. C'è semplicemente stata un'incomprensione che ha prodotto dei giudizi affrettati che non hanno tenuto conto di altre possibilità, e sono questi i casi in cui sento di dover (o di voler) intervenire per evitare problemi di comunicazione.

Ciò che ha proposto Fulvio è essenzialmente un "evitare di farsi delle seghe mentali", perché tanto se qualcosa deve avvenire, avverrà.
In questo concordo: posso sbattermi come voglio, ma stasera il sole tramonterà. Mi conviene vivere al meglio l'esperienza: questo è tutto ciò che posso fare. Magari, anche provare a farla vivere meglio a qualcun altro.
E' infatti questo il massimo che possiamo fare per questo "2012", che sia anche un "2010" o un "2036" o qualsiasi altra data: viverlo al meglio, arrivare preparati, e se vogliamo, dare una mano a qualcun altro, mettendo qualche pulce nelle orecchie, e lasciando che siano loro a fare il loro percorso senza interferire eccessivamente, che tanto non possiamo fare nulla per gli altri né è detto che ci abbiamo capito di più.
La proposta di Fulvio, rafforzata dalla frase di colore più chiaro in fondo al suo intervento, è una semplice proposta di sbattersi il giusto perché tanto, qualsiasi cosa facciamo o troviamo (dato che si è fatto appello all'essere "ricercatori"), sempre quello accadrà (o potrebbe anche non accadere). Che noi paghiamo o no le bollette, non cambierà nulla, quindi quella parte del discorso non ha molto senso.
Stando tranquilli e rilassati (e non "fermi") possiamo affrontare più lucidamente la questione. Ad esempio, io mi interesso del 2012 da quand'ero ancora minorenne, non esisteva un solo sito internet al riguardo, in Italia l'unica cosa seria che si trovava (e forse al momento è ancora l'unica cosa seria) era un libro di Giorgio Terzoli, "Intervista agli dei". Quasi nessuno sapeva del 2012, solo molti anni dopo sarebbe dilagata la cosa su internet per poi arrivare anche in televisione e al cinema, diventando una barzelletta. Eppure, dopo aver passato un piccolo periodo di forti pensieri, smisi di preoccuparmi perché tanto non è qualcosa che potrò controllare io, solo io. Appena aprii il forum nel 2004 ci misi anche una sezione al riguardo, ma proprio come oggi ci scrivevo solo di tanto in tanto, per aggiornare su quello che avevo appreso, ma senza preoccuparmene troppo perché quell'atteggiamento non avrebbe aiutato né me né altri in alcun modo.
Ogni giorno che passa sono fiero di definirmi Ricercatore ma sono anche conscio che qualsiasi cosa io possa fare non cambierà le cose che riguardano tutti, ma potrà cambiare solo il mio modo di vivere quelle cose. Succederà qualche cataclisma? Chi ha lavorato dentro e fuori di sé su questa cosa, sicuramente lo vivrà meglio di altri, perché (si) sarà preparato. E con preparato non intendo che si sarà fottuto di paura ogni giorno della sua vita sempre più fino ad arrivare alla fatidica data, ma che avrà conosciuto e accettato le possibilità che ci offre quest'universo olografico, e avrà imparato a viverle e a vivere meglio.
Fulvio, nel suo breve intervento, suggerisce questo. Niente di più, niente di meno.
Lo dico perché lo conosco, e so che è un ragazzo tutt'altro che pigro e inattivo. Io avrò girato tutta l'italia per via del fatto che entro i 25 anni non pago il treno grazie alla professione di mio padre, ma lui senza alcuno sconto si è girato il mondo intero e l'ha fatto per studio, tant'è vero che ci conoscemmo via internet quando lui era in Africa. Senza che io riveli altri luoghi in cui è stato per lunghi periodi per dovere e non per piacere, o che riveli comunque altri dettagli della sua vita, posso però dire anche che è tanto se questo ragazzo ha qualche minuto libero per leggere e scrivere nel forum, perché usa tutto il suo tempo a studiare come un matto per l'università e tra l'altro molto lontano da casa. Al suo confronto, sotto quell'aspetto, io sono praticamente un nullafacente, dato che al momento fatico addirittura a trovare un lavoro, ed è solo per questo che ho molto tempo da dedicare a ciò che faccio e di cui parlo qui.
Riguardo l'età, non è detto che chi è giovane accetti meglio la cosa. Quando lessi il libro sul 2012 ero ancora minorenne, e potete immaginare cosa scatta nella mente di un ragazzo quando qualcosa gli dice che il mondo come lo conosce, finirà, e continuerà in un altro modo. Chi è giovane non lo accetta perché della vita fisica non ha ancora sperimentato nulla al confronto di quello che crede di aver vissuto, e fa di tutto per ignorare avvertimenti come questo, così come pure i pericoli di ogni giorno, sentendosi invincibile.
E' infatti raro che una persona giovane accetti la cosa, e se lo fa è perché non si è ancora legata eccessivamente a questo mondo: ma direi che a 21 anni, lui, e a 24, io, ci siamo già legati abbastanza al punto di desiderare che tutto ciò non avvenga o comunque non avvenga così presto. Io personalmente sento che ancora qualcosa devo fare, e se succedesse tutto domani mattina temo che non sarei "pronto" (qualsiasi cosa voglia dire questa parola, dato che non abbiamo la certezza assoluta di cose potrebbe succedere e di come e se potremo affrontarla in qualche modo).
Un adulto invece può accettare molto più facilmente la dipartita da questa vita in favore di un'altra (migliore?), tranne se non vi è eccessivamente legato per via delle sue esperienze.
Ognuno la vive a modo suo, ed è molto difficile giudicare obiettivamente qualcun'altro sotto questo punto di vista se poi siamo noi i primi che hanno un po' di paura.
Concludo infine dicendo che condivido il discorso di maxdg quando propone di non stare con le mani in mano, perché tanto chi dorme non piglia pesci. Lo condivido perché mi sento un Ricercatore e so che posso trovare qualcosa, fuori e dentro di me, che mi potrà dare qualche risposta in più e forse anche un modo per vivere bene tutta questa faccenda. Del resto, non si parla solo di morte ma anche di "salto", e se c'è una possibilità di non crepare ma anche di vivere coscientemente qualcosa che si trova ad un livello successivo, perbacco, perché non coglierla?
Ma lo farò con tranquillità perché non mi sento agitato. Sono uno di quelli che sin da quando è piccolo, prima ancora che esistesse internet o che si parlasse di certe cose, sentiva che nel suo futuro sarebbe successo qualcosa, che la sua ultima parte della vita sarebbe stata molto diversa dalla prima, come se dovesse succedere qualcosa nel mezzo che cambierà tutto. Non ho mai avuto una sensazione o un'emozione spiacevole riguardo quel pensiero, quella percezione. Penso di essere uno di quelli che si sente tranquillo perché in un certo senso sa che gli andrà bene (percezione temporale di Anima?). Ci sono poi gli addotti che hanno questo genere di sogni e percezioni in misura maggiore, e anche fra loro c'è chi è tranquillo perché sente che gli andrà tutto bene. Ma questo non vuol dire che non farà nulla, ma solo che affronterà la cosa in modo rilassato. Altrimenti Fulvio, per fare un esempio fra tanti, non si sarebbe mai sbattuto in questi anni per scoprire e capire cose fuori e dentro di sé che inizialmente non pensava nemmeno esistessero.

Scusatemi se sono intervenuto in questa discussione più per esporre un mio punto di vista che i pochi dati tangibili che ho su questo "2012", ma ho pensato che fosse giusto così al momento.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 16 dic 2009, 20:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Ovvio che e' giusto analizzare i fatti, sperimentare, e verificare i dati che si hanno, ma e' quello che faccio anche io, ho passato 4 anni a collaborare con voi altri e a darmi da fare su tutto cio' che trattiamo qui sul forum, solo che maxdg ha interpreato male quello che ho detto.




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: gio 17 dic 2009, 14:14 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1181
Mi permetto di dire la mia(come sempre):
non conosco Fulvio di persona ma posso confermare la sua collaborazione da anni al forum(iniziò da quello vecchio che era su forumfree.net)e non conosco nemmeno maxdg(com'è ovvio che sia)ma mi piace il suo modo di parlare,seppure alle volte(spesso)punge di più dell'ortica usata come carta igienica(l'esperienza non è personale,ma di un mio conoscente)e ciò ammetto che mi piace(non la pianta asd ).
E' stato travisato qualcosa da parte di Fulvio che non ha "specificato" approfonditamente il suo "disinteresse"(se così dobbiamo chiamarlo...cosa che per altro non è)per l'argomento della discussione,e la stessa cosa da parte di maxdg che ha dato un colpo di acceleratore laddove magari doveva inchiodare un pò prima.
La mia non è una critica a favore o sfavore di qualcuno(anche perchè l'unico a cui dò ragione è il sottoscritto)ma solamente di specificare laddove ci sia una carenza d'informazione(Fulvio)sul proprio punto di vista per evitare problemi di sorta e critica eccessiva laddove non ce n'è bisogno(maxdg).

L'idea di Fulvio è simile alla mia ma anche quello che dice maxdg è simile anch'essa,cioè informarsi per informare e non lasciare che gli eventi ci travolgano più di quanto sia necessario...con questo non dico di diventare o solo un fancazzista o solo un topo da biblioteca,ma di sapere le "cose" per quanto più possibile e nel frattempo godersi la vita senza aspettare gli eventi futuri e proiettarsi verso qualcosa di cui al momento non si ha una certezza PRECISA AL 100%.




_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI...OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.
_________________
Prima di scrivere sul Forum bisogna leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: ven 18 dic 2009, 3:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Mi interesso del 2012 da quando sono iscritto a questo forum, mi sono superinformato anche io su tutte le teorie, o ''rumore di fondo'' che esistono, ma la vivo in modo tranquillo.
Quello che dice Maxdg e' vero, cioe' di non starsene con le mani in mano, cosa che io non faccio.




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 28 dic 2009, 22:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
G-chan ha scritto:
seppure alle volte(spesso)punge di più dell'ortica usata come carta igienica(l'esperienza non è personale,ma di un mio conoscente)e ciò ammetto che mi piace(non la pianta asd )


Poi sono io quello che giudica.. ;) ma tranquilli.. sono corazzato più di quanto possiate immaginare.
Il problema non sono io (l'ortica) il problema sono i culetti di velluto..

Fulvio, dici che non ti conosco, bene. Conosco quello che mi fai conoscere attraverso questo forum e tu puoi anche essere il padreterno ma io mi baso su quello che scrivi. Sei in ogni caso giovane, renditene conto e renditi conto che lo sono stato anch'io e prima di te. Il mio vantaggio è che ora sono qui pur essendo stato anche lì.
Considera che forse hai capito anche tu molto poco del mio intervento.

Ciò che dice Luciano su ciò di cui si interessava da (più) giovane mi fa sorridere un bel po'.. quando ha iniziato lui non c'era internet.. quando ho iniziato io non c'erano nemmeno i libri tradotti e li si dovevano leggere in lingua originale.. cercate di recuperare il valore dell'esperienza dei "vecchi".. anche se io sono giovanissimo, con i miei 45 anni..
Io l'ho imparato, benché sono convinto che i vecchi di cui parlo io per voi sono "antichi", oramai.. però io li rispettavo pur se mi tiravano calci nel culo (quelli veri, non quelli dei videogiochi)
In ogni caso ho capito che la discussione ormai concerne solo l'ego delle persone per cui, perdonatemi.. me ne disinteresso.

Suggerisco solo di notare che lo Tzolkin ha come base il 20 e il 13 e che 20 sono le vostre dita e 13 le vostre articolazioni principali.
Uno dei miei "maestri" mi ha fatto costruire un portale con chiave di volta in mattoni.. altro che ortiche..




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 11 gen 2010, 20:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Io ho capito proprio tutto del tuo intervento, non ci vuole una laurea per capire che sono giovane e non c'e' bisogno che me lo dici tu. Continui ad alludere al fatto che sia uno scansafatiche con la frase ''culetti di velluto'', e ti dico di smetterla perche' cominci ad infastidirmi.




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 11 gen 2010, 20:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
Fulvio ha scritto:
Io ho capito proprio tutto del tuo intervento, non ci vuole una laurea per capire che sono giovane e non c'e' bisogno che me lo dici tu. Continui ad alludere al fatto che sia uno scansafatiche con la frase ''culetti di velluto'', e ti dico di smetterla perche' cominci ad infastidirmi.


Guarda che se tu la percepisci come rivolta a te si tratta di un problema tuo sul quale non intendo e non credo di avere facoltà di intervenire.
La mia allusione è verso coloro che mi considerano un'ortica pungente, al che ribadisco che non è un problema mio ma "generalmente" dei culetti di velluto. Ti ritieni tale? Bene. No? Bene lo stesso.

Luciano mi dice che tu sei uno che viaggia, che conosce etc etc.. ok, mi sta bene, conosco Luciano e mi posso fidare del suo giudizio ma non è che con questa risposta tu contribuisca in modo eclatante a modificare il mio.. sembreresti più cha altro "piccato", più che desideroso di conoscere o di interfacciarti.

Per quanto riguarda il tuo infastidimento, parliamone.
Di solito ripondo "in solido" a qualsiasi questione che mi riguardi direttamente.
Magari in privato però, che sia sbagliato?




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 13 gen 2010, 11:41 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4545
Suggerisco la via privata, dato che qui siamo completamente off topic; in futuro eliminerò da qui ogni post che non riguardi la discussione. Grazie




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 13 gen 2010, 12:31 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1181
maxdg ha scritto:
La mia allusione è verso coloro che mi considerano un'ortica pungente, al che ribadisco che non è un problema mio ma "generalmente" dei culetti di velluto.

Di culetti di velluto ne è pieno il mondo asd
Torniamo IT và,sennò s'entra in un bel ginepraio egoico.




_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI...OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.
_________________
Prima di scrivere sul Forum bisogna leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 13 gen 2010, 12:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
Chiedo perdono..
Dunque ho un nuovo documento che mi hanno passato, Mayastronomico.
Appena finito magari vi informo o ve lo passo.




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mer 13 gen 2010, 14:48 
Passa passa passa passa passa passa passa passa passa passa .... [cheerful.gif]





Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: gio 21 gen 2010, 11:07 
Non connesso

Iscritto il: mar 19 gen 2010, 13:08
Messaggi: 16
io sono nuovo del forum e mi trovo nel mezzo
e devo dire che vista l 'età non mi dispiacerebbe assistere ad un evento traumatico o sensazionale(forse anche ad una nuova società brutale-giriamo la clessidra fino in fondo- e non molle,comoda e abulica...buonista... come l'attuale)...ed è vero che per un giovane di oggi vorebbe dire troncare...forse...il futuro...e capisco

ma 50 anni (dal dopo guerra)non sono forse una punta di un ciclo,un accezzione nella storia,che nei millenni si è dimostrata più dura ma piu vera e giusta...forse

e ora di questi 50 anni siamo forse al culmine...ed i crolli non sono sempre repentini ed improvvisi...quindi in relazione alla durata del ciclo...forse è probabile che almeno qualche manciata di anni a venire sarà del genere più tremendo ...inimmaginabile a noi ora





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: mar 26 gen 2010, 0:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Per ora ci si puo' informare e farsi una propria opinione, non si e' ancora capito cosa accadra', se un cataclisma, se arriveranno gli alieni, se magari non succedesse niente, o se davvero assisteremo e saremo protagonisti di un salto quantico, di un evoluzione del genere umano...
Posso dire pero', che un aumento di coscienza sta gia' avvenendo si sente, come una cosa che sai e che ti senti dentro, la ''profezia'' dei Maya mi sembra alquanto attendibile, anche se non ho ancora capito bene se parlano di un cataclisma e di un aumento di coscienza o se parlano solamente del passaggio all'era dell'acquario, non menzionando quindi niente che sia relativo alle cose che ho citato prima.. ho le idee un po confuse, perche' comunque alla gente piace parlare, ci sono un sacco di ''rumori di fondo'' sulla questione del 2012..




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2012: quanto c'è di vero?
Messaggio da leggereInviato: lun 27 set 2010, 4:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 4 dic 2009, 18:35
Messaggi: 93
Anonimo ha scritto:
Passa passa passa passa passa passa passa passa passa passa .... [cheerful.gif]


ops.. mi ero perso... e mi son pure dimenticato di cosa parlavo... :rolleyes
Si vede che non era importante.. asd




_________________
http://ufocast.ufomachine.org/




Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010