Oggi è mer 20 giu 2018, 9:21

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
Messaggio da leggereInviato: sab 18 dic 2010, 16:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 25 nov 2009, 17:22
Messaggi: 28
salve, leggevo ieri con non poca aprensione l'ultima testimonianza su ufomachine riguardante un ex adotto, trattato da Luciano se non sbaglio, in cui racconta la sua 'avventura' avvenuta con l'uomo primo all'età di 11 anni, sinceramente non mi capacito di come possa essere stata pubblicata una cosa del genere. Non vorrei essere troppo duro ma prende tutte le pieghe di una rivelazione mariana, malanga l'unico uomo, con un 'anima evoluta' (come no) in grado di porre fine al problema alieno, ma a parte la 'particolarità' della forma del messaggio, esso, se fosse vero avrebbe delle implicazioni che non dovrebbero farci rimanere molte speranze sul nostro destino, l'uomo primo è infatti riuscito a prevedere nei minimi dettagli cosa avrebbe fatto il soggetto in questione, quando sarebbe successo, e da chi sarebbe dovuto andare, prevedendo di conseguenza anche le azioni di malanga anticipando il tutto di ben 18 anni! se così fosse la speranza di una liberazione definitiva ora sarebbe solo un'illusione.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: dom 19 dic 2010, 11:41 
E' normale che l'uomo primo conosca il nostro futuro visto che il tempo non esiste. Nell'ologramma in cui ci troviamo il tempo e tutto il resto è concentrato in un punto...
che up conoscesse Malanga è normale, perchè è già successo tutto. Siamo noi che, con la nostra mente, leggiamo l'ologramma come se si svolgesse qui e adesso, ma in realtà tutto si è già compiuto. Nel qui e adesso siamo noi che, con l'aiuto della volontà e di anima, riscriviamo ciò che è già successo cambiando la storia.
Scusa non riesco ad essere più chiara. Pensa che io, un anno fa, ho scritto un romanzo dal quale poi ho potuto trarre le premesse per il risveglio della coscienza. Tra le varie cose che ho scritto, raccontavo che anima si "scarica" se non si reincarna e, dopo quasi un anno, ho letto questa cosa proprio nella testimonianza di cui parli. In verità, credo che l'uomo abbia una straordinaria capacità di risalire alle informazioni che vuole, basta chiederle dentro di sè in un momento di massima concentrazione. Io ho scritto più di duecento pagine in pochi mesi ed ero come sotto dettatura. Quel momento mi ha cambiato la vita e ho negato a me stessa per mesi la valenza di quello che avevo fatto, ma il processo era ormai irreversibile. Adesso ho superato "l'imbarazzo" per ciò che ho capito e mi sento libera da condizionamenti, per cui concludo dicendo che la storia sull'up è già scritta, ma la possiamo anche riscrivere in ogni momento.
ciao





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: dom 19 dic 2010, 22:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 25 nov 2009, 17:22
Messaggi: 28
grazie per la risposta, conosco bene ciò di cui parli, il fatto che il tempo non esista e che up ne sia fuori (chi l'ha detto) mi è chiaro, ma la questione è un'altra, se le cose stesserò così, ovvero avrebbe previsto ogni singola mossa, persino i dettagli dei loro incontri, (adotto e malanga) significa che essi non hanno cambiato nulla del loro futuro in 18 anni di tempo! quindi come si può sperare di contrastare qualcosa di simile che già dunque saprà come va a finire (e magari pilota lui stesso alcuni eventi) non me lo spiego. Rinnovo i miei dubbi in quanto la testimonianza è parecchio strana nella forma e nel contenuto.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 20 dic 2010, 9:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
davvero strano...
Cita:
malanga l'unico uomo, con un 'anima evoluta'


Già il concetto di evoluzione spirituale (W Darwin, anche nella spiritualità!) è una cosa assurda, che deriva per lo più dalle idiozie dei teosofisti...ma a quanto pare a malanga piace la Blavatski (& co.), visto che la cita positivamente sia nel suo libro che nelle varie conferenze. Questo la dice lunga, secondo me, sulle "entità" con cui parla malanga in ipnosi...può credere che siano anime fin che vuole, ma alla fine come operazione rimane molto simile a quella dei "medium canalizzatori" o degli spiritisti.

Un medium va in stati alterati di coscienza e si mette in contatto con entità che crede positive (ma che sono ovviamente di tutt'altra natura). Malanga mette in stati alterati di coscienza altre persone e crede di parlare "con l'anima, con lo spirito, con l'uomo primo". Mi si dovrebbe spiegare dove sta la differenza.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 20 dic 2010, 15:49 
Dal mio punto di vista, infatti, non esiste il libero arbitrio...come lo intendiamo noi. L'altissima percentuale di versioni di noi stessi che ogni giorno sceglie una via piuttosto che un'altra, non costituisce un un numero infinito di possibilità, quanto piuttosto un numero finito, molto grande, immenso, ma pur sempre quantificabile. Questo che cosa vuol dire? Vuol dire che, per quanto noi scegliamo e operiamo in apparente libertà, siamo invece invischiati all'interno di un "programma" già scritto che comprende tutti i futuri possibili. Abbiamo l'illusione che il caos che ci circonda sia lo specchio della nostra libertà di movimento, ma in verità forse la rosa di opportunità che ci viene offerta è ingannevolmente infinita. Il numero delle scelte a cui possiamo giungere, può essere vastissimo, ma non sarà mai indeterminabile. Quindi, libero arbitrio sì, ma pur sempre circoscritto.

D'altra parte, se ci riflettiamo un attimo, se coscienza è infinita, conterrà tutte le versioni possibili del futuro, quindi perchè non anche quella in cui Malanga ipnotizza gli addotti ecc...





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 20 dic 2010, 20:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 27 set 2010, 17:00
Messaggi: 52
Località: Bologna (Minerbio)
Cita:
crede di parlare "con l'anima, con lo spirito, con l'uomo primo". Mi si dovrebbe spiegare dove sta la differenza.


Queste entità oltre che stare dentro di noi formano anche ciò che vediamo. Ad esempio spirito forma il piano definito dall' asse dell' energia e dello spazio, mentre anima occupa quello compreso tra l' energia ed il tempo. Rispettivamente campo magnetico e campo elettrico se non vado errato.
In definitiva (forse ho sbagliato qualche assegnazione ma poco conta) non si può negare l' esistenza di queste entità o confutarne la natura, in quanto facenti parte della trama stessa dell' universo e di tutto il creato.




_________________
[img750]http://image.forumfree.it/7/3/0/2/3/9/1293192740.jpg[/img]


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 20 dic 2010, 22:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
Blackrazor, non intendevo dire che ad esmpio l'anima o lo spirito non esistono. Intendevo dire che dubito fortemente che "quelle cose" con cui parla Malanga siano l'anima e lo spirito.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 20 dic 2010, 22:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 27 set 2010, 17:00
Messaggi: 52
Località: Bologna (Minerbio)
Intendi dire che sono impostori? O che magari hanno un' altro nome... perchè se così fosse il nome è totalmente arbitrario dato che non cel' hanno.




_________________
[img750]http://image.forumfree.it/7/3/0/2/3/9/1293192740.jpg[/img]


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 21 dic 2010, 14:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 25 nov 2009, 17:22
Messaggi: 28
Cita:
D'altra parte, se ci riflettiamo un attimo, se coscienza è infinita, conterrà tutte le versioni possibili del futuro, quindi perchè non anche quella in cui Malanga ipnotizza gli addotti ecc...


certo tutto chiaro, ma forse si sta perdendo il punto focale della mia critica, anche amettendo che le nostre scelte siano un numero finito, esse (tutte quelle possibili in 18 anni!) sono state tutte previste fino a coincidere con una visione del primo incontro con malanga che l'up aveva gia dato all'adotto, quindi o questa testimonianza è artefatta (non dico non sincera) oppure l'up ha così tanta Coscienza che può fare cose che noi ci sognamo (ma forse questo era già chiaro) e quindi tutti i nostri tentativi di contrastarlo sarebbero pure illusioni.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 21 dic 2010, 17:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 27 set 2010, 17:00
Messaggi: 52
Località: Bologna (Minerbio)
Cita:
tutti i nostri tentativi di contrastarlo sarebbero pure illusioni


Se così fosse credo che lo sapremmo per certo... e comunque, resta il fatto che le possibilità di farlo fesso sono comunque esimere...




_________________
[img750]http://image.forumfree.it/7/3/0/2/3/9/1293192740.jpg[/img]


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 21 dic 2010, 21:29 
Cita:
sono state tutte previste fino a coincidere con una visione del primo incontro con malanga che l'up aveva gia dato all'adotto


Per come la vedo io, l'up ci ha provato...
Forse lo scopo di sto "gigante asessuato" (è il soprannome che ho dato all'uomo primo) era quello di irretire l'addotto, facendogli credere di essere un "alleato" di Malanga. Il suo fine era quello di condizionare le scelte future della giovane anima, influenzandone il percorso. Per cui ne deriva che l'addotto, avendo appreso con anticipo il cognome del prof. dalle parole di up, sia stato condizionato a prendere coscienza della ricerca compiuta da Malanga 18 anni dopo.
Il tizio in questione, l'up, gioca sporco, cioè può muoversi come vuole tra le dimensioni, per cui le tenta tutte andando avanti e indietro nel tempo per confondere le acque. Lo scopo è quello di raggirarci per mistificare l'evidenza dei fatti e cioè che è uno str.. e che opera solo per scopi personali, spacciandosi invece per padre eterno. Dovremmo pensare che questi "personaggi" vivono atemporalmente e per noi è molto difficile riuscire a comprendere questo stile di vita, perchè il nostro cervello è fortemente limitato nella comprensione di paradossi come questo.

Credo che per up la sequenza temporale sia un gioco da ragazzi, come un cassetto che apre e disfa a piacimento. Noi, invece, siamo strutturati in "procedure" che si srotolano in una sola direzione: passato-presente-futuro; abbiamo coscienza del presente e lo consideriamo unico, ma in altre forme di esistenza tutto ciò è chiaramente un'illusione.





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 21 dic 2010, 22:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
Cita:
Intendi dire che sono impostori? O che magari hanno un' altro nome... perchè se così fosse il nome è totalmente arbitrario dato che non cel' hanno.


Non è questione di nome...è questione che proprio ha a che fare con entità di dubbia provenienza.

Come ho detto...un medium crede di parlare con "maestri spirituali ascesi"...perchè malanga non potrebbe credere di parlare con l'anima e venire ugualmente ingannato? Su questo argomento vorrei scrivere un post fatto bene, dove illustro tutto i punti che non mi tornano, ma dubito che riceverei una risposta.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 22 dic 2010, 15:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 27 set 2010, 17:00
Messaggi: 52
Località: Bologna (Minerbio)
bhe io sarei curioso di leggerlo questo post e se possibile, anche di controbattere!




_________________
[img750]http://image.forumfree.it/7/3/0/2/3/9/1293192740.jpg[/img]


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 23 dic 2010, 2:34 
alroc68 ha scritto:
E' normale che l'uomo primo conosca il nostro futuro visto che il tempo non esiste. Nell'ologramma in cui ci troviamo il tempo e tutto il resto è concentrato in un punto...

A mio parere basterebbe questa semplice (ma efficace) affermazione per spiegare la questione.
Se è vero che il tempo non esiste, così come la realtà altro non sarebbe che un eterno presente da dove tutto si sviluppa, allora è altrettanto vero che passato e futuro per come li intendiamo (cioé linearmente) sono proiezioni di questo attuale istante. Questo lo affermò lo stesso Malanga in qualche sua conferenza.

Ricapitolando: nella concezione tradizionale del tempo che scorre linearmente dal passato al futuro, le cause fanno parte del passato e gli sviluppi nel presente e successivamente nel futuro.
Nella concezione dell'eterno presente, invece, si ribalta completamente la percezione assumendo come vera e unica causa il presente e le conseguenze simmetriche nel passato (nei coerenti passati) e nel futuro (nei coerenti futuri).

Secondo questa logica (che a tal punto, per questioni di coerenza, dovrebbe essere sempre adottata) non ha senso parlare dell'uomo primo che fa previsioni in puro stile oracolo, bensì di un passato probabile, cioé il più coerente con questo attuale momento, dove c'è l'uomo primo che conosce l'operato di Malanga.
Detto terra terra: se questo è il presente e questa è la condizione attuale dell'addotto, allora lancia il dado e molto probabilmente spunterà fuori l'uomo primo. E visto che nell'attuale condizione dell'addotto c'è coinvolto anche Malanga, risulterà molto probabile che l'uomo primo conoscerà addirittura Malanga.





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 23 dic 2010, 16:05 
Piccola premessa: ultimamente riesco a pensare prevalentemente per immagini-concetto; ciò mi crea non pochi problemi quando tento di tradurre quello che vedo in frasi comprensibili.

Detto questo, desidero aggiungere che il tempo non è lineare... io lo vedo piuttosto come una sfera. Questa sfera interagisce tra le sue parti in un moto perpetuo. Il centro di essa è l'eterno presente, mentre la sua periferia costituisce le probabili versioni del presente e futuro. Queste ultime variano a seconda del presente che si compie. Il movimento che mi riesce di intuire si snoda dal centro alla periferia, per cui ad ogni presente, cambia in modo automatico anche il passato e il futuro. Tutta questa struttura comunque si muove non in modo lineare, come siamo abituati noi, quanto piuttosto in modo rotatorio. S|





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 23 dic 2010, 17:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
infatti, gli antichi avevano una visione ciclica del tempo..e non era una logica "evoluzionistica", lo ripeto





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 29 dic 2010, 11:29 
Non connesso

Iscritto il: mer 3 feb 2010, 11:56
Messaggi: 55
La triade umana è composta da Anima, Spirito e Mente, cioè 3 coscienze distinte, che quindi percepiscono il tempo in 3 modi diversi.
Mente percepisce il tempo linearmente, come una retta costituita da punti (il qui e ora);
Spirito percepisce il tempo circolarmente, come un eterno ritorno (i cicli della natura ricorrenti);
Anima percepisce il tempo come stati, c'è il mai-più come c'è un prima, ma solo come condizioni (un insieme di cerchi distinti che formano una spirale). Il movimento tridimensionale della spirale è evoluzione.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 29 dic 2010, 11:50 
Cita:
infatti, gli antichi avevano una visione ciclica del tempo..e non era una logica "evoluzionistica", lo ripeto




Perchè escludi l'evoluzionismo nel ciclo temporale?
Immagina un sasso che cade nell'acqua...esso produrrà tanti cerchi concentrici, prima piccoli e poi via via più grandi. Immagina adesso questa formazione di cerchi in una espansione tridimensionale, simile a sfere che si sovrappongono, per cui la più grande ingloba la più piccola. In questa fantasiosa ricostruzione dei cicli pemporali, io vedo una espansione della conoscenza che per me equivale ad evoluzione, cioè ogni ciclo non si esaurisce in sè, ma prende e ingloba gli altri aggiungendoli alla "memoria". Ciò produce uno scambio continuo di informazioni dalla sfera più piccola alla sfera più grande, il problema serio è: come si comunica tra le sfere? Noi evolviamo, ma allo stesso tempo non siamo connessi con tutte le esperienze che abbiamo vissuto ed è per questo che siamo invischiati in uno spazio-tempo ingannevole che non ci permette di vedere tutto. Riusciamo con molti sforzi a intuire piccoli spiragli di evoluzione già compiuta, ma non ci è chiaro il quadro generale. L'esistenza ci pone spesso di fronte delle difficoltà, ostacoli da superare...ci crucciamo per le nostre vite malandate, ma cosa saremmo senza di esse? Saremmo degli esseri statici (due risate con gli amici, tante cose da fare, fino a quando non passiamo a miglior vita). Invece, persone come te sentono che il nocciolo della questione non finisce nell'esistenza fine a se stessa, quanto piuttosto si pongono delle domande, la cui risposta è moooolto ardua... Quindi concludo con: difficoltà da superare= evoluzione... :lust





Top
 
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 29 dic 2010, 16:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 8 giu 2010, 21:16
Messaggi: 64
Cita:
Perchè escludi l'evoluzionismo nel ciclo temporale?
Immagina un sasso che cade nell'acqua...esso produrrà tanti cerchi concentrici, prima piccoli e poi via via più grandi.


Appunto. I cerchi saranno sempre più grandi (prevale la quantità) ma diventano man mano sempre più deboli (diminuzione della qualitità).

La perfezione sta invece della parte opposta, cioè nel centro di quei cerchi concentrici...in un punto invisibile ed immutabile.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 29 dic 2010, 17:55 
Il centro siamo noi. Produciamo scelte che cambiano la periferia dei cicli temporali, ma non credo che ci sia indebolimento in questo passaggio, non è un'energia che si scarica (forse l'esempio del sasso non era azzeccata perchè ti ha fatto pensare appunto all'energia cinetica...ma non era quella a cui mi riferivo) l'energia di cui parlo è infinita, permea tutto (il vuoto quantico) e ci sincronizza non appena riusciamo a pervenire alla giusta lunghezza d'onda o vibrazione se preferisci. L'indebolimento piuttosto avviene quando non siamo agganciati a questa energia e non riusciamo ad essere vigili sulle esperienze che compiamo, mancando il bersaglio che ci fa evolvere. Questa energia credo che sia spirito... (in altri tremini lo spirito santo rivisitato) ovvero un collante energetico universale che tiene tutto insieme e che corrisponde all'Amore. Per Amore intendo ovviamente non quello fisico, ma piuttosto una aderenza intima tra le persone e le cose (piante, pietre, pianeti ecc.) :wub





Top
 
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010