Oggi è sab 23 mar 2019, 1:24

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 16 apr 2008, 18:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Recentemente si sono svolte a Madrid le FinalFour dell'Eurolega,in pratica la Champions League del basket,nel quale si sono affrontate in 2 semifinali ed in 2 finali le migliori 4 squadre d'Europa....queste squadre sono il CSKA di Mosca(RUSSIA),il Tau di Vitoria(SPAGNA),il Maccabi di TelAviv(ISRAELE.....la squadra che rappresenta un popolo)e la piccola MensSana di Siena,la squadra x la quale tifo(non eccessivamente,sia chiaro :P ...non sono un ultrà).

Ebbene durante la manifestazione sono successi dei fatti che hanno riguardato di persona la "pericolosissia" tifoseria di Siena(è da premettere che la città ha appena 60mila abitanti,quindi m'immagino che ceffi girano dalle mie parti :rolleyes: ) che è stata presa di mira dalla Guardia Civil,ovvero un corpo di polizia paramilitare creata dal nazionalista Franco nel periodo della sua dittatura.


Tali fatti sono stati pubblicati su di un giornale locale in quanto ne le televisioni ne i giornali a tiratura nazionale(sia italiani che spagnoli)se ne sono preoccupati.


Quanto riporto è l'articolo pubblicato.

Un viaggio di festa tramutato in incubo...
Cronaca di un sopruso!!!


Tra il 2 ed il 4 Maggio a Madrid si sono svolte le Final Four dell’Euroleague di basket; partecipavano alla kermesse oltre alla Mens Sana Siena, il CSKA Mosca, il Maccabi Tel-Aviv ed il Tau Vitoria. Il giorno 2 nel primo pomeriggio il Commandos Tigre, gruppo organizzato della curva senese, giungeva al di fuori del palasport dove stavano affluendo gruppi di tutte e 4 le tifoserie. Il clima era palesemente di festa, come deve essere in simili occasioni, gruppi di tifosi senesi ed israeliani si incrociavano, ognuno fiero dei propri colori, senza che questo sfociasse nella minima provocazione reciproca. Fin dai primi momenti in cui il gruppo si è avvicinato all’ingresso del palasport è apparso evidente che qualcosa stonava in questo clima di festa: coloro i quali avrebbero dovuto garantire l’ordine al di fuori ed all’interno del palasport erano gli unici evidentemente a non cogliere, o se non altro a non apprezzare, questo clima di festa. Attorno alle 16 i cancelli dell’arena sono stati aperti ed è iniziato l’afflusso di tifosi verso le porte di ingresso, a monitorare la folla che si accalcava erano presenti alcuni agenti della Guardia Civil spagnola che, già da queste prime fasi, non hanno mancato di far notare la propria presenza con atteggiamenti provocatori quali piccole spinte o sguardi intimidatori dedicati, in particolar modo, ai tifosi senesi.
Una volta all’interno del palasport la situazione non è certo migliorata: si è passati da difficoltà all’ingresso per poter introdurre delle bandierine la cui asta era pochi centimetri più lunga del metro consentito, durante le quali, al minimo dissenso con la polizia, si era minacciati col manganello, a continue provocazioni fatte di spinte, offese e minacce durante tutto il pre-gara. Vorremmo inoltre sottolineare come solo noi italiani ed in particolar modo gli appartenenti al gruppo organizzato siamo stati fatti oggetto di questo tipo di attenzioni.
Dopo una lunga odissea per poter trovare i nostri posti nel palazzetto passando più volte in mezzo ai gruppi delle altre tifoserie (evidentemente l’attenzione alla sicurezza era tale solo in certi momenti) siamo riusciti ad occupare il settore a noi destinato ed ad iniziare a tifare per la nostra squadra. Ma ancora non era successo quasi nulla. La gara scorre tranquilla ma gli episodi di provocazione si moltiplicano: nel palazzetto le uniche forze di polizia presenti sono attorno ai temibili ultrà senesi, veniamo squadrati ed indicati con aria di scherno più volte durante la gara dalla Guardia Civil ma, ben consci della durezza dei loro modi, cerchiamo di resistere ad ogni tipo di provocazione. Tanto per fare un esempio durante l’intervallo della partita un signore che stava fumando un sigaretta sulle scale di comunicazione tra i diversi anelli del palasport (dove non era indicato alcun divieto) veniva invitato a spengerla da uno stuart ma, mentre la sta spengendo a terra, viene colpito da una manganellata su una mano da un efficientissimo poliziotto. Il crescendo della provocazione e il vero e proprio campanello d’allarme per quello che stava per avvenire è giunto durante la seconda metà di gara: con la squadra in difficoltà ed il tifo avversario che saliva di tono alcuni componenti del gruppo si sono spostati nella zona laterale del settore e hanno iniziato a cercare di coinvolgere il resto del pubblico senese da lì più facilmente raggiungibile. Uno dei “pericolosi tifosi” che aveva preso posto lateralmente ha la brillante idea di colpire un plexiglass in maniera ritmata per sostenere la squadra e per tutta risposta la Guardia Civil assiepata sopra di noi sguaina i manganelli ed entra nel nostro settore travolgendo chiunque trovi sulla sua strada tra lo stupore generale; ristabilita la “calma” e menata qualche manganellata a chi osava chiedere spiegazioni, tornano al loro posto continuando a ridacchiare ed a indicare a turno i vari membri del gruppo.
La gara termina, vi è una sconfitta amara ma preventivabile, inizia qualche sfottò reciproco con i tifosi israeliani (posti a debita distanza ed assolutamente irraggiungibili dal nostro settore salvo fare un salto di circa 7-8 metri) ma nulla più, nessuna degenerazione violenta. Il gruppo si divide, alla spicciolata il settore viene momentaneamente abbandonato da chi usciva per fumare o per bere qualcosa all’adiacente bar. Nel frattempo le luci nel palasport si spengono per un cerimonia di premiazione che si teneva tra le due partite ed ecco che giunge il momento tanto atteso: uno dei ragazzi della curva che per lungo tempo era stato squadrato nell’uscire passa tra due ali di poliziotti, viene urtato da uno di essi e mentre si gira per vedere cosa fosse successo viene colpito da una manganellata che lo butta a terra, gli viene messo un ginocchio sul collo per tenerlo a terra ed inizia ad essere percosso, un amico che gli era vicino si getta nel tentativo di sottrarlo a queste situazione ma fa la sua stessa fine, gli altri che erano attorno vengono spinti via, manganellati e stessa sorte tocca non solo a chi cercava di intervenire, ma a chiunque passasse di lì ed avesse la sventura di indossare abiti biancoverdi o cercasse di fotografare il sopruso; tale è la furia che rischia di essere colpita una donna incinta, che solo grazie al tempestivo intervento del marito viene salvata; una madre è colpita per salvaguardare il figlio di tre anni, ed ignari signori occupanti il settore adiacente che avevano fatto l’errore di passare di lì subiscono la stessa sorte. Chiunque con pacatezza e tranquillità (per quanto possibile in una situazione simile) chiedesse spiegazione, anche tra le lacrime, veniva spintonato, minacciato col manganello ed, alla prima reiterazione di protesta, colpito. Eravamo tenuti in trappola nel nostro settore mentre due amici venivano massacrati di botte e portati via ammanettati senza alcun motivo.
Nell’impotenza più totale abbiamo atteso che la situazione si tranquillizzasse ed abbiamo abbandonato il palasport senza guardare l’altra semifinale; nessuna notizia dei nostri amici ma almeno alcune cariche istituzionali senesi che avevano assistito alla scena, almeno parzialmente, si sono fatte carico assieme alla società Mens Sana Basket, di curarsi del loro destino.
I due sono stati portati all’interno del vicino posto di polizia dove hanno subito ulteriori umiliazioni e percosse. Uno in particolare è stato lasciato in mutande ammanettato in una stanza dove tre membri della Guardia Civil si sono “divertiti” con lui per circa mezzora col risultato di rompergli tre costole (c’è un referto medico che lo dimostra) e di sfondargli un timpano tralasciando le altre lesioni non evidenziabili da una radiografia. Un piccolo particolare sul tipo di umiliazioni a cui sono stati sottoposti: dopo le percosse uno dei due aveva difficoltà a respirare e doveva rimettere al che le guardie lo hanno invitato a farlo addosso al suo amico, girandolo in modo che non potesse far altrimenti, non credo ci sia da aggiungere altro.
Dopo di che i due sono stati messi in una celletta del commissariato e lì hanno atteso la Domenica pomeriggio quando sono stati processati per resistenza a pubblico ufficiale e per aver colpito un plexiglass durante la gara e non per gesti o cori razzisti come si vociverafa a Siena il giorno successivo! (per chi non lo sapesse il Commandos Tigre partecipa da 5 anni ai Mondiali Antirazzisti) Il processo si è rivelato una farsa, assoluzione completa per entrambi con rilascio immediato solo che a nessuno dei due è stato consegnato nessun documento che testimoniasse né l’arresto né le accuse né tantomeno il proscioglimento: come dire non esistete, vi abbiamo menato un po’ ma adesso vi rimandiamo a casa come se nulla fosse!
Per la partita di domenica il gruppo decide di non presentarsi al palazzo, sia per protesta ai soprusi subiti, sia per consiglio dell’Ambasciata Italiana.
Tralasciando le condizione morali in cui si trovano i due malcapitati, che immaginiamo siano facilmente intuibili, vorremo infine aggiungere un ultimo inquietante particolare: domenica notte (stesso giorno del processo) tre ragazzi della curva stavano girando per Madrid nei pressi della piazza dove si svolgeva la festa per celebrare lo scudetto vinto dalla squadra di calcio; la piazza era presidiata da alcuni gruppi di poliziotti che controllavano l’andamento dei festeggiamenti; mentre passavano da uno dei posti di blocco il gruppetto di senesi è stato riconosciuto da alcuni membri della Guardia Civil, sono stati accerchiati, insultati in quanto italiani, apostrofati come “companeros di XXX” aggiungendo il nome di uno dei due arrestati, dopodichè due di loro sono stati separati dall’altro che è stato portato dietro una camionetta approfittando del caos della festa; qui dopo ulteriori insulti, è stato fatto oggetto di percosse e di pesanti scherzi per alcuni minuti, ostaggio di questi personaggi che dovrebbero tutelare l’ordine pubblico. Fortunatamente con lui non si sono accaniti ulteriormente (ma prendere delle botte gratuite mi pare sia già abbastanza) e lo hanno lasciato andar via senza ripetere le incresciose scene di due giorni prima.

Questo è il fedele resoconto dei fatti, si invita inoltre tutti coloro che hanno visto altro, o sono anche solo stati testimoni dell’accaduto ad inviare la propria testimonianza ai giornali ed al Commandos Tigre, in particolar modo le tante persone credibili ed influenti di questa città che non solo hanno visto, ma sono state fatte anche esse oggetto di intimidazioni. Qualora si fosse in possesso di materiale video o fotografico relativo ad alcuni dei fatti narrati saremmo molto grati se ci fossero fatti pervenire in qualsiasi forma.

COMMANDOS TIGRE
Mens sana siena


Questo quì sotto è lo striscione esposto durante il pregara 1 dei quarti di playoff scudetto tra Siena e FortitudoBologna lo scorso sabato 10 maggio al PalaSclavo di Siena dalla curva del Commandos Tigre
image

Oltre a questo,è stato pubblicato un articolo da parte di tifosi non ultrà

Non sappiamo quanto possa essere utile ma il documento inviato dal Commando Tigre relativo ai fatti di Madrid dopo la semifinale della Mens Sana il 2/5/2008, racconta quello che purtroppo è successo a tutti noi tifosi anche non ultras che si trovavano lì, e riproduce fedelmente gli accadimenti. Anche noi abbiamo assistito personalmente a quelle scene vergognose. Spero venga dato ampio spazio alla divulgazione del comunicato del Commandos Tigre, anche per mettere a tacere le voci false di persone che non erano presenti ai fatti e che sono a prescindere contro il mondo degli ultras.

I tifosi non ultras:

Simona Calzoni
Serena Gallo
Luca Palazzi
David Palazzi
Caterina Scali
Maddalena Sartini
Giuseppe Gasparri



E' bello poi quando notizie del genere bollano l'Italia come razzista quando la Guardia Civil s'è comportata esattamente se non peggio(ho ascoltato di persona i fatti di Madrid)della polizia italiana.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 19 apr 2008, 8:35 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Su youtube non ho ancora trovato nessun video sulla guardia civil risalente al periodo 2-3-4 maggio 2008 :(

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 20 apr 2008, 15:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
CITAZIONE (Kenshirou @ 19/5/2008, 09:35)
Su youtube non ho ancora trovato nessun video sulla guardia civil risalente al periodo 2-3-4 maggio 2008 :(

Non ci sono perchè se iniziavi a girare i filmati o fare foto,loro venivano da te e ti bastonavano....e se ci fossero non li metterebbero in rete ma sarebbero al vaglio della magistratura di Siena.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 22 apr 2008, 10:40 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Ci sono degli appunti da fare riferito all'articolo scritto dal gruppo Commandos Tigre del Siena basket.


Aldilà delle conseguenze dei tafferugli in cui svariate persone hanno riportato danni ingenti(calci nei testicoli,costole rotte,timpano sfondato ecc ecc),ci sono altre testimonianze che confermano gli avvertimenti fatti dalla Guardia Civil presente al Palazzo dello Sport della Comunità di Madrid ai tifosi del C.T.:
era stato detto loro di non salire sulla balaustra(e loro sono saliti),era stato detto loro di non denudarsi(e loro si sono denudati),era stato detto di creare rumore in eccesso battendo le mani sul plexiglass(e loro,o meglio,1 di loro lo ha fatto).



Non contento sempre 1 del C.T.(e questa testimonianza è stata fatta da parte di gente che lo conosce bene)gridava alle guardie,sfidandole,"Oh datemi le manganellate sull'occhio"...detto fatto:3 costole rotte e timpano sfondato.


Quindi se la G.C. ha ecceduto ha comunque intimato a rispettare determinate regole che,ovviamente,non sono state rispettate.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010