Oggi è lun 25 giu 2018, 21:51

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: sab 12 set 2009, 9:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 20:46
Messaggi: 712
Località: Nocera Inferiore (SA)
LE OSSA sono VIVE
http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/le-ossa-sono-vive.php
Se l'osso diventa friabile, non succede perché manca il calcio, ma perché, in reazione alla scomposizione degenerativa della sostanza ossea del tessuto connettivo, prevale la parte di calcio. Quindi avviene proprio il contrario rispetto a quello che continuiamo a sentirci dire.
Dott. Bodo Köhler, 7/09/09



Immagine
Nonostante l'opinione unanime della medicina scolastica in merito alla causa dell'osteoporosi e di solito anche della relativa trasposizione molto coerente delle loro strategie terapeutiche, siamo ben lontani da un miglioramento della situazione generale.

Da che cosa può dipendere? Eventualmente potrebbe essere sbagliato l'approccio? Cosa c'è di vero nella tesi osteoporosi = carenza di calcio?

Per iniziare ecco un piccolo esperimento: mettiamo un osso di animale per alcune ore in aceto. Questo procedimento ha notoriamente un effetto decalcificante. Dopo tentiamo di spezzarlo. Ora dovrebbe essere fragile e duro, come l'osso osteoporotico, demineralizzato, o no? Con stupore dobbiamo riconoscere che l'osso è diventato morbido e flessibile, di conseguenza è successo il contrario. Conclusione: la decalcificazione delle ossa rende elastico, non frangibile!
Perché l'osso del paziente osteoporotico si spezza?

Lo scheletro è costituito, come tutti i tessuti connettivi, da silicio ed è elastico. Per rendere l'osso duro e caricabile, vi vengono introdotti dei cristalli di apatite di calcio. Se l'osso diventa friabile, non succede perché manca il calcio, ma perché, in reazione alla scomposizione degenerativa della sostanza ossea del tessuto connettivo, prevale la parte di calcio. Quindi avviene proprio il contrario rispetto a quello che continuiamo a sentirci dire.

L'osso però non è un oggetto passivo. Le ossa sono vive! Gli Osteoblasti lo strutturano, lo modificano e gli osteoclasti lo decompongono a loro volta. Questo a seconda del tipo di carico e….della situazione metabolica.

Gli osteociti sono parte del sistema di regolazione di base secondo Pischinger e dipendono di conseguenza da un funzionamento normale della matrice. Sono soprattutto le cariche da metalli pesanti che hanno effetti deleteri. Inoltre alle ossa sta appeso un intero essere umano con la sua storia, il suo modo di vivere e la sua psiche.
Ne consegue:

1. Ogni patologia cronica degenerativa viene causata da un deragliamento metabolico catabolico. (Malattie infiammatorie croniche come reuma sono deragliamenti a livello anabolico).
2. Una situazione prevalentemente anabolica stimola gli osteoblasti, una prevalentemente catabolica gli osteoclasti e di conseguenza la decomposizione della sostanza ossea.
3. Lo stress psichico permanente ha un effetto svantaggioso sull'osteoporosi allo stesso modo di un'assunzione eccessiva di carboidrati (inibisce l'emissione di dell'STH ad effetto anabolico) o la somministrazione di minerali ad effetto catabolico (calcio!).
4. La struttura della matrice, che regola l'approvvigionamento e lo smaltimento delle cellule organiche, perde la propria funzione a causa di metalli pesanti e altre tossine.
5. I lipidi delle membrane di importanza vitale (lipoproteine) vengono distrutti da iperacidità o tossine ambientali, arrivando fino ai conservanti.
6. Il flusso informativo necessario per il metabolismo cellulare (in ambito di microonde) può essere influenzato notevolmente dalla presenza di elettrosmog.

Con questo abbiamo detto tutto. La tabella 1(a fine articolo) mostra danni e vantaggi di certe terapie, la scelta dovrebbe essere effettuata sempre in base a criteri del tutto individuali.

Arriviamo al punto: l'osteoporosi si forma - come tutte le malattie degenerative della civilizzazione - a causa di un deragliamento metabolico, a causa di un'attività metabolica insufficiente. Responsabile ne è lo stress a tutti i livelli dell'Essere, dalla psiche fino ad arrivare a cariche secondarie o un'offerta eccessiva di carboidrati che aumentano il livello di insulina (tra le altre cose farina bianca, zucchero), così come la carenza di determinati minerali, soprattutto silicio e magnesio.

L'apporto di calcio, che ha effetto catabolico, peggiora la situazione metabolica degenerativa e risulta quindi probabilmente controproducente.
A qualcuno parrà strano, ma l'esempio dell'osteoporosi mostra quanto sia grande la necessità di approfondimenti nella medicina. La medicina scolastica sottolinea in ogni occasione la propria scientificità, ma fallisce fondamentalmente con le malattie croniche. Da che cosa dipende?

La medicina scolastica fa uso di una scienza naturale che segue un modello di pensiero statico meccanicistico di sistemi chiusi e non può, di conseguenza, spiegare processi vitali dinamici.

Ogni essere umano è un singolo individuo e rappresenta un sistema complesso che elabora informazioni e che si autoregola, che è capace di apprendere e che, di conseguenza, non fornisce risultati riproducibili. Abbiamo bisogno di una scienza in grado di dare affermazioni conformi alla vita, senza distruggere l'unità dell'Essere. Dev'essere in grado di descrivere, in modo corretto, i processi funzionali con tutte le relative interazioni. Solo allora saremo in grado di risolvere i problemi del nostro tempo. Si tratta quindi di un sogno futuribile?

Una tale scienza esiste da molto, ma viene inibita nel suo sviluppo da strutture di potere e ignoranti. E' arrivata l'ora di ricordarci dei nostri valori basilari, cioè della vita in quanto tale e della Creazione Universale di Dio. In questo modo ogni terapeuta potrà decidere, in base alla convinzione retta da un alto senso etico, quale medicina desidera applicare ai pazienti a lui affidati.

Si tratta di un segreto noto a tutti: i medici tedeschi fanno parte dei medici peggio formati del mondo, come recentemente è stato riconfermato dalla televisione e dalla stampa. I medici non solo sono stati formati male, sono anche stati istruiti in un sistema (statico) sbagliato. La selezione secondo il numero chiuso inoltre ha scelto i meno adatti, perché in questo modo le teste creative vengono escluse dal principio. In realtà la creatività dovrebbe far parte delle caratteristiche emergenti dell'arte medica.

I 25.000 morti e le 500.000 persone danneggiate in modo permanente a causa di interventi medici all'anno, solo in Germania, sono il prezzo che dobbiamo pagare per questo. "Scoperte" e strategie terapeutiche della medicina scolastica dovrebbero essere valutate per questo motivo in modo estremamente critico.

A titolo puramente di calcolo l'osteoporosi divora più di miliardo di Euro all'anno solo in Germania. Questa cifra imparziale però non dice nulla in merito all'enorme sofferenza che accompagna questa malattia degenerativa. Per diversi motivi si dovrebbero di conseguenza fare tutti i conti per fermare questa situazione, senz'altro con le basi necessarie di conoscenze scientifiche. Ma visto che ciò non viene trasmesso presso le università, purtroppo è compito di ogni singolo collega istruirsi e formarsi per sanare questa carenza.

Consigli per l'osteoporosi

Consigliati:
apporto di silicio -
apporto di magnesio (come citrato) -
attività fisica regolare -
limitata assunzione di carboidrati -
acidi grassi insaturi (come lipoproteine) -
olio di fegato di merluzzo -
prodotti biologici di soia -
pesce e carne biologica (misurati) -
eliminazione dello stress permanente psichico -
sostegno renale (TCM) -
acqua -
irradiazione solare, ev. Solarium -
assunzione di vitamina D in inverno -
vitamina C, E, K, B6, zinco, rame, manganese -
fitoestrogeni anabolici naturali (pre-menopausa) -
evitare Raloxifen per donne di una certa età -
evitare bifosfonati -
evitare anabolici -
disintossicazione da metalli pesanti -

sconsigliati:
somministrazione di calcio -
troppo o troppo poco movimento -
carboidrati a catena corta -
grassi saturi, riscaldati -
soia geneticamente modificata -
cibo esclusivamente vegetariano -
conflitti, preoccupazioni, difficoltà -
carenza di liquidi -
rumore, techno music -
fluoridi -
acque minerali ricche di calcio -
cola, limonate -
insufficiente esposizione solare -
vitamina D3 (non sufficiente) -
corticosteroidi, ipertiroidosi -
calcitonina -
cibi ricchi di fosfati -
amalgame -
elettrosmog -
carenza di ossigeno, fumo -
tossine ambientali -

Il dott. Bodo Kohler e i sui studi reperibili in lingua italiana

Bodo Kohler - "Nuovi esiti di ricerche di fondamentale importanza sulle malattie croniche il cui trattamento avviene secondo l'impiego conseguente della legge della popolarità " - NAMED
B. Kohler - "Terapia di informazione biofisica " - NAMED
B. Kohler - " Il manuale pratico della Terapia Biofisica dell'informazione (BIT) " - CO MED
B. Kohler - "Schema diagnostico dei 5 elementi "

Per approfondire: http://www.simf.it/rassegna_stampa.asp





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: dom 13 set 2009, 0:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 9 set 2009, 15:04
Messaggi: 222
Località: Roma
molto interessante e questo fa riflettere tanto...è anche vero che pero esistono medici che se pur scelti in numero chiuso spiccano per le loro capacita innate e per la loro creativita, mi sembra un po catastofistico come articolo, ma diciamo che la relata ci va molto vicina...





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: lun 14 set 2009, 22:42 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4546
Questo dovrebbe far finalmente capire la bufala del latte (e dei latticini) come panacea, cosa mai confermata scientificamente ma solo commercialmente e a livello mediatico, anzi puntualmente smentita, anche storicamente.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: mar 15 set 2009, 0:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 9 set 2009, 15:04
Messaggi: 222
Località: Roma
guarda io lessi su focus un paio di anni fa, che il latte da quello che dicevano di aver scoperto faceva male alle ossa e non il contrario come si credeva, per vari motivi uno per la concentrazione di calcio, e per gli ormoni e proteine contenute nel latte che noi da dopo svezzati non dovremmo piu assumere ecco perche molti sono intolleranti etc...





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: mar 15 set 2009, 10:14 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4546
Sì, questo ed altro. Non so se abbiamo già scritto qualcosa sul latte nel forum, comunque farò un paio di discussioni, una in Alimentazione e una in Libri.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: gio 17 set 2009, 21:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 827
tra gli sconsigliati:
cibo esclusivamente vegetariano -
me la spiegate? perchè va contro la maggior parte delle cose dette nel resto del forum




_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: ven 18 set 2009, 12:11 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1181
Ooooh,finalmente un argomento utile.
@davide...veramente non và contro quanto scritto sul forum...se ci fai caso noi non diciamo di fare una dieta vegetariana e ti spiego anche il motivo:
nella dieta vegetariana,e sopratutto quella vegana,non v'è presenza delle proteine animali che hanno un alto valore biologico rispetto a quelle vegetali cioè risultano,in %,maggiormente assimilabili e dedite alla costruzione di massa muscolare e non solo...il fatto è che nelle proteine vegetali mancano gli aminoacidi essenziali,cioè quelli atti a costruire e mantenere il nostro fisico.

Anche se ci sono fortissimi dibattiti contro l'una e l'altra dieta,una giusta via di mezzo non guasta mai...è anche vero che la proteine animali inducono all'acidità nel corpo umano ma non nelle esagerate proporzioni a cui spesso si attengono i vegani per invalidare le diete altrui.
I vegetariani almeno mangiano le uova...e se non sono proteine animali allo stato puro,cosa può esserlo?

Non dico che mangiare carne faccia bene soprattutto se è frequente ma che una volta ogni tanto oppure un'alimentazione a base di pesce è utile per la salute ed il mantenimento dell'apparato muscolo-scheletrico.

Insomma un'ottima dieta,anzi,REGIME ALIMENTARE,prevede un'alimentazione mista di carboidrati a basso IG(Indice Glicemico)cioè a catena lunga(in questo modo gli stimoli della fame sono attenuati nel tempo,forniscono energia diluita e non danneggiano inutilmente il corpo),proteine ed aminoacidi essenziali(carne e uova),acidi grassi insaturi(olio extravergine di oliva in primis,perchè contiene acido
oleico che è monoinsaturo ma soprattutti gli acidi linoleico,linolenico ed arachidonico che sono polinsaturi...linoleico ed arachidonico sono Omega6 mentre il linoleico Omega3...e pesce per gli Omega3),minerali ed antiossidanti(frutta,verdura e frutta secca....di quest'ultime le mandorle sono letteralmente da includere ad ogni occasione).

Ovviamente tutto nelle giuste prozioni e senza mai eccedere...ovviamente ci sono poi i rimedi della tradizione "contadina" di cui io ne sono un sostenitore tra cui l'uso di bicarbonato di sodio nell'acqua per purificare l'organismo e riassestare l'equilibrio dei sali minerali e del pH.

Ovviamente acqua,soprattutto se osmotizzata o addolcita,ovvero acqua priva di metalli pesanti dannosi perchè nell'articolo è stato omesso che non tutti i metalli pesanti sono da togliere come ad esempio calcio(ovvio che è utile ma nelle giuste quantità),zinco,ferro e sodio.




_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI...OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.
_________________
Prima di scrivere sul Forum bisogna leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: ven 18 set 2009, 23:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 9 set 2009, 15:04
Messaggi: 222
Località: Roma
per la carne bianca che mi dite, da quello che sapevo è sicuramente meglio delel carni rosse o sbaglio ?





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: sab 19 set 2009, 11:52 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1181
La composizione chimica tra le 2 carni è fondamentalmente la stessa ma cambia la % di alcune sostanze:
CARNE ROSSA->maggiore presenza della proteina mioglobina estremamente ricca di ferro(che conferisce il colore rosso)che permette una maggior scambio di ossigeno,quindi una maggiore funzionalità muscolare...contengono più grassi sia saturi che insaturi(omega3 e omega6),zinco,vitamine B6 e B12,aminoacidi,proteine e ferro;

CARNE BIANCHE->contiene maggior glicogeno(polisaccaride di riserva presente nel fegato)che viene trasformato,attraverso catabolizzazione,in glucosio per essere usato come "carburante" dai muscoli.

La differenza tra le 2 carni,da un punto di vista nutrizionale,vede quelle rosse come maggiormente utili per la crescita ed mantenimento muscolare ma presenta troppe tossine e troppi grassi saturi,assai dannosi per la salute,mentre quelle bianche no.




_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI...OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.
_________________
Prima di scrivere sul Forum bisogna leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: dom 27 set 2009, 22:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 827
ok grazie G a questo punto mi viene un altra domanda ul bicarbonato? è un antimicotico? questa cosa mi è venuta in mente facendo un piccolo raginamento sulle cose lette in questa sezone, però non so se è confermato




_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Le ossa sono vive
Messaggio da leggereInviato: gio 28 gen 2010, 15:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 11 dic 2009, 22:58
Messaggi: 24
Dunque, ho trovato questo post per puro caso e dal momento che sto lavorando ad un progetto istologico legato al tessuto osseo e muscolare proverò ad esprimere la mia.

Cita:
Per iniziare ecco un piccolo esperimento: mettiamo un osso di animale per alcune ore in aceto. Questo procedimento ha notoriamente un effetto decalcificante. Dopo tentiamo di spezzarlo. Ora dovrebbe essere fragile e duro, come l'osso osteoporotico, demineralizzato, o no? Con stupore dobbiamo riconoscere che l'osso è diventato morbido e flessibile, di conseguenza è successo il contrario. Conclusione: la decalcificazione delle ossa rende elastico, non frangibile!
Perché l'osso del paziente osteoporotico si spezza?

Lo scheletro è costituito, come tutti i tessuti connettivi, da silicio ed è elastico. Per rendere l'osso duro e caricabile, vi vengono introdotti dei cristalli di apatite di calcio. Se l'osso diventa friabile, non succede perché manca il calcio, ma perché, in reazione alla scomposizione degenerativa della sostanza ossea del tessuto connettivo, prevale la parte di calcio. Quindi avviene proprio il contrario rispetto a quello che continuiamo a sentirci dire.


Il tessuto osseo è un connettivo specializzato per il sostegno. Essendo un tessuto anomalo, poichè presenta una conformazione solida, che si sostituisce alla cartilagine degli individui embrionali e fetali attraverso un processo di ossificazione, per essere STUDIATO deve essere sottoposto a processi di DEMINERALIZZAZIONE o DECALCIFICAZIONE, in cui l'osso viene immerso in acido che rimuove il Calcio e ciò che resta viene messo su vetrino.
Può essere studiato attraverso MACERAZIONE, ovvero l'osso viene posto in salamoia portando in questo modo la distruzione delle componenti cellulari o attraverso EROSIONE o USURA dove viene assottigliato il più possibile. Lo scheletro osseo non è assolutamente costituito solo da silicio ma presenta un'infinità di componenti cellulari ben più specifiche e funzionali tra cui glicoproteine, CONDRONECTINA, OSTEOPORINA, BIGLICANI E DECORINA ( che sono proteoglicani ). I cristalli d'apatite sono la parte più dura, che restano intatti nel corso degli anni, e la loro analisi è l'unico modo per studiare carcasse provenienti dalla preistoria.
Il tessuto osseo non diventa friabile se manca il calcio, o meglio la carenza di calcio indebolisce l'osso, ma l'osso spesso diventa più debole a causa degli OSTEOCLASTI, che derivano da una particolare linea dei monociti; questi degradano la matrice ossea, dove c'è il lavoro di erosione di questi macrofagi ci sono anche le lacune di Howship. L'ordine di mangiare la matrice arriva mediante stimoli ormonali. L'oromone PTH ( paratiroideo ) colpisce gli osteociti che rilasciano il fattore di stimolazione per gli osteoclasti e il ligando della OSTEOPROTEGERINA. Ma il PTH non è l'unico ormone coinvolto in questo processo, perchè anche la CALCITONINA è deputata a regolare la calcemia e la fosfatemia.
Da quanto ho appena asserito si deduce facilmente che anche uno scompenso ormonale può influenzare, e molto, la retta conservazione del tessuto osseo.

Cita:
L'osso però non è un oggetto passivo. Le ossa sono vive! Gli Osteoblasti lo strutturano, lo modificano e gli osteoclasti lo decompongono a loro volta. Questo a seconda del tipo di carico e….della situazione metabolica.

Gli osteociti sono parte del sistema di regolazione di base secondo Pischinger e dipendono di conseguenza da un funzionamento normale della matrice. Sono soprattutto le cariche da metalli pesanti che hanno effetti deleteri. Inoltre alle ossa sta appeso un intero essere umano con la sua storia, il suo modo di vivere e la sua psiche.
Ne consegue:


Come ogni tessuto l'osso ha una componente cellulare specifica, gli osteoblasti si differenziano in osteociti, ma la funzione degli osteoblasti è quella di sintetizzare e depositare la matrice organica del tessuto osseo ed inoltre provvedono alla mineralizzazione con il rilascio di ioni fosfato. Gli osteociti sono invece quasi del tutto incapaci di andare in sintesi e sono IMPIGLIATI nelle lacunee ossee. Quindi gli osteoblasti COLLABORANO solamente alla strutturazione del tessuto, ma non sono i fautori, mentre gli osteociti sono cellule praticamente inattive.

Cita:
. Ogni patologia cronica degenerativa viene causata da un deragliamento metabolico catabolico. (Malattie infiammatorie croniche come reuma sono deragliamenti a livello anabolico).
2. Una situazione prevalentemente anabolica stimola gli osteoblasti, una prevalentemente catabolica gli osteoclasti e di conseguenza la decomposizione della sostanza ossea.
3. Lo stress psichico permanente ha un effetto svantaggioso sull'osteoporosi allo stesso modo di un'assunzione eccessiva di carboidrati (inibisce l'emissione di dell'STH ad effetto anabolico) o la somministrazione di minerali ad effetto catabolico (calcio!).
4. La struttura della matrice, che regola l'approvvigionamento e lo smaltimento delle cellule organiche, perde la propria funzione a causa di metalli pesanti e altre tossine.
5. I lipidi delle membrane di importanza vitale (lipoproteine) vengono distrutti da iperacidità o tossine ambientali, arrivando fino ai conservanti.
6. Il flusso informativo necessario per il metabolismo cellulare (in ambito di microonde) può essere influenzato notevolmente dalla presenza di elettrosmog.

Con questo abbiamo detto tutto. La tabella 1(a fine articolo) mostra danni e vantaggi di certe terapie, la scelta dovrebbe essere effettuata sempre in base a criteri del tutto individuali.

Arriviamo al punto: l'osteoporosi si forma - come tutte le malattie degenerative della civilizzazione - a causa di un deragliamento metabolico, a causa di un'attività metabolica insufficiente. Responsabile ne è lo stress a tutti i livelli dell'Essere, dalla psiche fino ad arrivare a cariche secondarie o un'offerta eccessiva di carboidrati che aumentano il livello di insulina (tra le altre cose farina bianca, zucchero), così come la carenza di determinati minerali, soprattutto silicio e magnesio.


Patologie come l'osteoporosi dovute a RIMANEGGIAMENTO del tessuto osseo, ahimè sono correlate a fattori metabolici, in questo caso a problemi di sintesi di Osteoporina. Le patologie a carico del sistema muscolo-scheletrico non possono essere unicamente correlate a fattori di stress o a squilibri alimentari, dietro ci sono motivazioni quasi sempre ormonali. Non si può (PURTROPPO) puntare l'indice contro i fattori psichici ambientali o chicchesiano. Non ho una visione meccanicistica del corpo umano, piuttosto lo interpreto come un insieme di massa e di energia, la massa, che ci sorregge e ci porta avanti, non è sotto il nostro controllo, possiamo influenzare tuttavia la nostra parte energetica, l'anima, il nostro cuore, il nostro cervello, ma no il nostro motore. Ciò che possiamo fare è dargli di tanto in tanto una controllatina ( mangiare correttamente, svolgere attività fisiche in maniera adeguata ) questo può funzionare come forma di prevenzione, ma non di abbattimento di determinati problemi che ripeto, a mio modesto avviso, non sono nella nostra sfera di potere.




_________________
Director and actor of my own life. What's better?


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010