Oggi è mer 20 giu 2018, 9:28

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
Messaggio da leggereInviato: gio 23 apr 2009, 17:18 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4545
Scoperto un oggetto gigantesco risalente all'alba dell'universo
Immensa bolla di gas, o galassia super-gigante

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scienza/grubrica.asp?ID_blog=38&ID_articolo=1251&ID_sezione=243&sezione
23/4/2009



Immagine
Un gruppo di astronomi ha riferito la scoperta di un gigantesco e misterioso oggetto celeste che risale all’alba dell’universo e potrebbe essere l’antenato di una galassia. È stato battezzato Himiko, dal nome di una leggendaria regina del Giappone.

Basandosi sulle osservazioni compiute da una serie di telescopi, gli astronomi hanno calcolato che l’oggetto esisteva quando l’universo aveva «soltanto» 800 milioni di anni. L’età dell’universo, nato dalla gigantesca esplosione nota come «big bang» è di 13,7 miliardi di anni, secondo le osservazioni più recenti.

Himiko, che sembra una immensa bolla di gas, si estende per 55mila anni luce, una misura pari al raggio del disco che forma la nostra galassia, la Via Lattea. La sua esatta natura non è chiara agli astronomi. Potrebbe trattarsi di una nube gassosa, che emette radiazioni in conseguenza della presenza al suo interno di un grande «buco nero», oppure, secondo un’altra ipotesi, del risultato della collisione di due grandi galassie. Una terza ipotesi parla di una sola galassia super-gigante contenente 40 miliardi di stelle.

Masami Ouchi, della Carnegie Institution, che guida il gruppo internazionale autore della scoperta, ha detto di essere molto sorpreso, perchè gli astronomi «non avrebbero mai immaginato che un oggetto così grande potesse esistere in un’epoca corrispondente a soltanto il sei per cento della vita dell’universo». Secondo la teoria del big bang, dalla grande esplosione sarebbero nati oggetti più piccoli, poi raggruppatisi in formazioni più grandi. Lo studio relativo verrà pubblicato sul prossimo numero dell’Astrophysical Journal.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 23 apr 2009, 17:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 27 gen 2009, 15:50
Messaggi: 235
Località: Barcellona
Fantastico.. Semplicemente fantastico!! :D




_________________
"Si è coscienti essendo coscienti, non provando ad essere coscienti"...

"Non preoccuparti della critica. Se non è vera, ignorala; se è ingiusta, evita di irritarti; se è ignorante, sorridi; se è giustificata, impara da essa".
(Tao Te Ching: Saggezza)


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: dom 19 lug 2009, 3:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 17 lug 2009, 1:37
Messaggi: 10
wow..chissà ancora cosa può celare l'universo....scoprendo certi misteri forse dovremmo eliminare anni e anni di teorie scientifiche..





Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Scoperte super nebulose planetarie
Messaggio da leggereInviato: lun 17 ago 2009, 20:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 20:46
Messaggi: 712
Località: Nocera Inferiore (SA)
Scoperte super nebulose planetarie
http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/scienza/news/2009-08-16_116416880.html
Gas e polveri intorno a stelle grandi fino a otto volte il Sole


Immagine


ROMA, 16 AGO - Scoperta una nuova classe di oggetti cosmici. Gli astronomi australiani e Usa che l'hanno scoperta la chiamano super nebulosa planetaria. Le normali nebulose planetarie osservate finora sono diverse dai giganti cosmici individuati ora. Mentre le prime sono gusci di gas e polveri espulsi da stelle morenti piu' piccole del Sole, queste si trovano attorno a stelle progenitrici anche 8 volte piu' grandi del Sole: attorno vi ruota una massa di materia piu' che doppia rispetto a quella del Sole.



Scoperte le super nebulose planetarie, giganti cosmici mai visti
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=69793&sez=HOME_SCIENZA

Immagine


E' stata scoperta una nuova classe di oggetti cosmici. Gli astronomi australiani e americani che le descrivono nella rivista "Monthly Notices of the Royal Astronomical Society" le hanno chiamate super nebulose planetarie. Le nebulose planetarie osservate finora sono molto diverse da questi giganti cosmici. Sono infatti gusci di gas e polveri espulsi da stelle morenti più piccole del Sole. Le super nebulose planetarie si trovano invece attorno a stelle "progenitrici" fino a otto volte più grandi del Sole: attorno a queste grandi stelle ruota una massa di materia più che doppia rispetto alla massa del Sole.

Da tempo i ricercatori avevano ipotizzato l'esistenza di nebulose gigantesche, ma finora nessuno le aveva osservate. Il gruppo coordinato da Miroslav Filipovic, dell'università australiana Western Sydney, le ha scoperte osservando le due galassie compagne della Via Lattea, le Nubi di Magellano. Con i radiotelescopi della Csiro (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation) gli astronomi hanno osservato 15 oggetti con forti emissioni radio la cui posizione corrispondeva a quella di altrettante nebulose planetarie osservate con i telescopi ottici. Le super nebulose sono infatti delle radio-sorgenti estremamente potenti. Gli stessi ricercatori ne sono rimasti stupiti così tanto che per tre anni hanno controllato e ricontrollato l'esattezza dei loro dati, prima di affermare di avere scoperto dei nuovi oggetti cosmici.

Alcune delle 15 super nebulose planetarie sono tre volte più luminose delle galassie più brillanti della Via Lattea. Per osservarle in dettaglio, però, saranno necessari radiotelescopi più potenti di quelli attuali, come le antenne che si estenderanno per un chilometro quadrato dello Square Kilometre Array, al quale contribuiscono 19 Paesi e che dovrebbe essere completato nel 2013 nel deserto australiano.





Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 20 lug 2011, 13:31 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 4545
Viviamo in una bolla di vuoto cosmico?
Una teoria alternativa che spiega l'espansione accelerata dell'universo
http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/viviamo-in-una-bolla-di-vuoto-cosmico.php
Tratto dal libro di Corrado Ruscica "Idee sull'Universo" (Macro Edizioni, 2010)



Immagine
Il fatto che viviamo oggi in un Universo spazialmente piatto è una conseguenza del modello inflazionario che ipotizza un periodo di rapida espansione, subito dopo il Big-Bang, durante il quale sono emerse fluttuazioni quantistiche della densità di energia da scale subatomiche fino alle dimensioni cosmiche. Per circa 20 anni, questo modello è stato considerato come la teoria di punta per spiegare la struttura dell’Universo. Infatti, l’inflazione determinò la formazione di piccole disomogeneità nella distribuzione di materia, osservate come piccole variazioni di temperatura nella radiazione cosmica di fondo, che hanno portato poi alla formazione delle strutture. La gravità dovuta alla materia scura guidò successivamente la formazione di queste strutture che vediamo oggi sottoforma di galassie e ammassi di galassie. Però verso la metà degli anni ‘90 fu notato che il livello dell’addensamento di materia previsto differiva da quello misurato. Ancora peggio, l’età dell’Universo sembrava molto più giovane dell’età delle stelle più vecchie. Fu intorno al 1995 che si capì come queste contraddizioni sarebbero scomparse se l’energia del vuoto teneva conto di circa 2/3 della densità critica. Dieci anni più tardi, le cose sembrarono andare nel posto giusto. La costante cosmologica, oltre a spiegare l’attuale accelerazione cosmica e il periodo iniziale di decelerazione, portava l’età dell’Universo a quasi 14 miliardi di anni fa e teneva conto esattamente della quantità di energia per ottenere una densità critica. Attualmente, i teorici non sono in grado di sapere se questa energia provenga dal vuoto quantistico. Il problema attuale è quello di capire perchè l’energia del vuoto è diversa da zero e allo stesso tempo perchè è talmente piccola che i suoi effetti sono diventati rilevanti circa 5 miliardi di anni fa.

Una ipotesi alternativa al problema dell’espansione accelerata dell’Universo è stata avanzata di recente da Georgi Dvali secondo il quale l’esistenza delle dimensioni extra della teoria delle stringhe potrebbe rappresentare quel termine aggiuntivo delle equazioni della relatività che ha come effetto appunto l’espansione accelerata. Ma forse, un’idea più radicale è che l’energia scura non esiste affatto e che la teoria della gravità di Einstein va rivista. Infatti, alcuni scienziati hanno avanzato di recente un’ipotesi alternativa, diciamo più “leggera”, per spiegare l’espansione accelerata dell’Universo.
L’idea che sta alla base di questa ipotesi riguarda l’assunzione che la nostra posizione nella Via Lattea si trovi in una regione rappresentativa dell’Universo. Se, ad esempio, rinunciamo al princìpio cosmologico in base al quale l’Universo spazialmente ha densità uniforme (omogeneità) e appare
uguale in ogni direzione (isotropia), gli effetti osservati dell’espansione accelerata dell’Universo restano ugualmente immutati? Lo scenario proposto da George Ellis e collaboratori prevede la possibilità che la nostra posizione sia situata in un gigantesco vuoto cosmico, o bolla cosmica, cioè è come se vivessimo in una regione dell’Universo, non completamente priva di materia, dove la densità media è la metà o addirittura meno rispetto alla densità di materia totale.
Dato che l’espansione dell’Universo è funzione della quantità di materia che determina un effetto di attrazione e perciò frena lo spaziotempo a causa della gravità, più è vuota una regione dello spazio meno materia contiene per rallentare l’espansione. Questo implica che il tasso di espansione locale dell’Universo diventi maggiore che altrove e diminuisce in prossimità dei bordi del vuoto cosmico dove gli effetti della densità di materia diventano più significativi. Quindi, regioni dello spazio si espanderanno a velocità diverse così come succede ai palloncini delle feste quando si gonfiano in maniera non uniforme. Tuttavia, secondo alcuni scienziati l’esistenza di giganteschi vuoti cosmici sembra improbabile poiché non spiegherebbe l’uniformità della radiazione cosmica di fondo per non parlare poi della distribuzione apparentemente uniforme delle galassie. Nel primo caso, affinché la radiazione cosmica sia compatibile con la presenza di una regione vuota, dovremmo assumere un vuoto cosmico sferico e con la Terra al suo centro, mentre nel secondo caso le osservazioni attuali non sono abbastanza profonde da escludere definitivamente l’esistenza di un vuoto di dimensioni tali da produrre gli effetti attribuiti all’energia scura. Certamente occorre verificare l’esistenza o meno di queste strutture per poter discriminare se l’espansione dell’Universo sia guidata dall’energia scura o se viviamo in un luogo davvero speciale, cioè una gigantesca bolla cosmica. In conclusione, fino ad oggi
nessun gruppo di ricercatori ha individuato l’esistenza di un vuoto cosmico e sembra certo che i prossimi dati del satellite Planck potranno fissare limiti più forti sull’anisotropia della radiazione cosmica di fondo per escludere o confermare l’esistenza di queste particolari strutture cosmiche.




_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")
_________________
Prima di scrivere sul Forum si consiglia di leggere il Regolamento
E' consigliata anche la lettura della Guida tecnica e del Glossario delle sigle


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

erocnA elled acinceT - tseT roloC dairT - enoizatulav-otuA id tseT


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010