Oggi è gio 21 mar 2019, 20:40

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Quando più farmaci interferiscono...
Messaggio da leggereInviato: dom 12 feb 2012, 14:36 
Non connesso

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 10:44
Messaggi: 250
Località: Savona!
Oggi ho fatto un controllo ai polmoni di mia mamma, che da diversi anni soffre di tosse cronica. L'omeopata continua a cambiargli cura perchè dopo un po' non fa più effetto..ultimamente gli aveva dato una cura a base di natrum arsenicosum, e la tosse per un bel mese sembrava essere quasi scomparsa...salvo tornare un po' più decisa in questo ultimo periodo. Oggi ho testato e ho percepito le seguenti cose: il pomone destro ( quello colpito) sta meglio, perchè non sento più quel rosso-canceroso che percepivo l'anno scorso, e inoltre le congestioni sono più superficiali. Ora c'è un po' di arancione, parecchio azzurrino-blu..però è pieno di aghettini, un bel po' di congestioni psichiche/legami, e un'aria frizzantina, quasi di agitazione. Lei dopo i test mi ha confermato di sentirsi parecchio irrequieta in quest ultimo periodo, in un continuo stato di agitazione. Ho testato il ming meng, l'ajna e le ghiandole surrenali; l'ajna non è granchè attivo, mentre nelle ghiandole c'è grande agitazione e questa "aria frizzantina"; ho saputo poi che alle ultime analisi le hanno trovato il glucosio un po' troppo alto, potrebbe essere collegato a questa disfunzione nelle ghiandole..Ho testato quindi il medicinale, come se lui stesso avesse un sistema energetico; la sensazione di freddo, di blu-azzurrino è predominante, ma insieme c'è un senso di calma e immobilità...niente aria frizzantina e agitazione! Allora ho testato il medicinale che prende per la menopausa, non omeopatico..in confronto all'altro è una mezza bomba, e ovviamente agisce sul mingmeng, attivandolo. In questo medicinale ho percepito parte di quell'agitazione avvertita nel sistemico di mia madre, anche se la corrispondenza non è totale, nel senso che la sensazione nel medicinale è leggermente minore; a questo punto mi viene da pensare che i due medicinali abbiano fatto interferenza, andando a "indebolire" ming meng e ghiandole, e col tempo esse abbiano iniziato a soffrire e a lavorare male...Le ho dunque consigliato di fare un altra analisi per controllare il glucosio...e di rilassarsi un po' XD avete qualche consiglio su come procedere o su dove andare a testare? Non vorrei smuovere troppo, l'equilibrio del suo sistema energetico mi sembra alquanto delicato..


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 13 feb 2012, 2:47 
Non connesso

Iscritto il: lun 19 dic 2011, 1:47
Messaggi: 135
Località: teramo
Mi perdoni se intervengo,il mio consiglio non è quello che lei cerca ,ma sarà da infermiere...
Spero il controllo a sua madre fosse di tipo pneumologico (con tanto di lastra ) e mi auguro che i tassi di glicemìa non siano indicativi di un diabete sul nascere (da non trascurare assolutamente).
Non sono un difensore della medicina tradizionale a priori,anzi (se penso a come agiscono le lobbies farmaceutiche qui in ospedale....o a come siano cambiati i valori di riferimento di certe analisi,tanto che oggi giorno pare tutti abbiano bisogno di pasticche per qualcosa....) e convengo col punto di vista del dr Hamer, ma certi strumenti diagnostici sono imprescindibili (in mancanza di altri più naturali.....) e il punto di vista di un medico "allopatico" va almeno sentito.Come credo lei abbia già fatto,d altronde.
Immagino lei non avesse bisogno di queste mie puntualizzazioni,ma almeno se le servisse pure un aiutino del mio tipo non esiti a contattarmi,ok?Ciao


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 13 feb 2012, 20:02 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Zeratul si riferisce alle energie sottili come intervento complementare a quello della medicina allopatica, su cui da quanto ho capito la madre sta già facendo affidamento.
Parlando dunque puramente dal punto di vista energetico, confermo che ogni farmaco ha la sua energia, seppur non abbia un sistema energetico: dunque può essere testato come ogni altra cosa, anche in risonanza con l'oggetto dei nostri test. E' possibilissimo, anzi frequente, che una qualsiasi sostanza influenzi l'intero organismo anche a livello sottile, sia direttamente che indirettamente, ovvero come reazione alla sostanza stessa. In questo caso, Zeratul, puoi provare a trattare il farmaco allopatico con il CL (non toccherei per ora il farmaco omeopatico, dovrei testarlo per sapere se l'intervento del CL può alterarne la caratteristica vibratoria). Il CL tenderà ad evidenziare tutto ciò che nel farmaco allopatico, a livello sottile, è in risonanza con l'essere umano, ed a "diminuire" tutto ciò che, sempre energeticamente, non lo è.
Confermo che il CK Ming Men può produrre quegli effetti, andrebbe trattato approfonditamente dopo i sistemici per far sì che si pulisca a riduca man mano alla sua dimensione naturale, che come per il CK Ombelicale è inferiore a quella degli altri primari.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: lun 13 feb 2012, 21:26 
Non connesso

Iscritto il: mar 30 giu 2009, 18:44
Messaggi: 121
Citazione
Ho testato quindi il medicinale, come se lui stesso avesse un sistema energetico;

Anch'io ormai da tempo ho preso questa abitudine.
Immagino che al posto del farmaco omeopatico, che è notorio essere un farmaco "vibrazionale" in quanto sine materia, ci sia un omino....., e cerco di sentire i suoi chakra. Non è del tutto corretto, ma come primo approccio può andare molto bene.
C'è da dire anche però che il farmaco omeopatico funzionerà tanto più la sua Caratteristica Vibratoria sarà simile alle condizioni energetiche di chi lo deve assumere.
Anche in questo caso vale quindi il principio di similitudine. C'è solo da segnalare che la risonanza farmaco-paziente avviene stranamente tramite le congestioni.
Cioè le congestioni del farmaco devono essere simili a quelle presenti nel sistema energetico cui il farmaco è destinato.


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 14 feb 2012, 11:22 
Non connesso

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 10:44
Messaggi: 250
Località: Savona!
Citazione
Parlando dunque puramente dal punto di vista energetico, confermo che ogni farmaco ha la sua energia, seppur non abbia un sistema energetico

...e un "testare come se avesse un sistema energetico nel senso di andare a testare il rapporto che sussiste tra farmaco e quel particolare chakra" potrebbe andar meglio? Ok, comunque trattero' il farmaco tradizionale. Come si fa a capire se un farmaco omeopatico potrebbe risentire negativamente del CL? Premetto che eviteri comunque di trattarlo, con i sistemici posso benissimo rimediare...

@sdf117: abbiamo gia' scomodato un bel po di medici, che non hanno riscontrato niente :) e' una "malattia" - se cosi' si puo' definire- psicosomatica, dovuta ad anni di stress lavorativo che le hanno causato un indebolimento generale del sistema immunitario, denso e sottile..e alla primo occasione utile - si fa per dire - un cumulo di congestioni fisico/psichiche ne ha approfittato, e ora ha i polmoni ridotti un po' male...questa, almeno, e' la mia interpretazione :)


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mar 14 feb 2012, 22:05 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Citazione (Zeratul)
...e un "testare come se avesse un sistema energetico nel senso di andare a testare il rapporto che sussiste tra farmaco e quel particolare chakra" potrebbe andar meglio?

Esattamente ciò che intendevo con il testarne la risonanza sull'oggetto della nostra indagine (CK, sistema, etc).
Citazione (Zeratul)
Come si fa a capire se un farmaco omeopatico potrebbe risentire negativamente del CL? Premetto che eviteri comunque di trattarlo, con i sistemici posso benissimo rimediare...

Non risente negativamente, ma essendo che è basato sulla CV non come "effetto collaterale" dell'interazione denso-sottile (come per il farmaco allopatico) ma come propria natura, eviterei di alterarla. Altrimenti basterebbe prendere un bicchiere d'acqua e cleanergyzzarlo :) Penso invece che se si utilizza un farmaco omeopatico è perché si vuole quell'esatta CV, in quella dose e senza nient'altro, almeno in quel momento. Poi ben venga un ciclo di trattamenti complementare a quella cura!

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 15 feb 2012, 14:18 
Non connesso

Iscritto il: lun 19 dic 2011, 1:47
Messaggi: 135
Località: teramo
ok! (semplicemente,non potevo non accertarmene...)


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010