Oggi è mar 26 mag 2020, 11:31

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 30 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 0:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
In questo topic si parla delle arti marziali e difesa personale...magari a livello generico, per ora, però più tardi si potrebbe aprire topic appositi per ogni arte marziale (come successe al combattimento ritmico)
Io faccio taijutsu-ninjutsu...in realtà, essendo arancione, non faccio ancora ninjutsu, ma solo taijutsu.
Taijutsu significa arte del corpo...si definisce così perchè si sfruttano leve, proiezioni, atemi, ginocchiate, testate calci, pugni, gomitate ed ecc...ovviamente a livello marziale!

Ad ogni modo vorrei prima aprire una piccola parentesi per i cosiddetti "scettici delle arti marziali"...
prima definisco uno "scettico delle arti marziali":
si chiama così un tipo che si ostina a dire che le arti marziali o difesa personale sono inutili sostenendo che sono difficili da imparare al livello massimo e tanto poi quando ci si trova contro 20 persone si perde lo stesso, anche dopo 30 anni di judo...almeno secondo il loro punto di vista...e privilegiano anche la loro forza (difatti questi scettici sono moooolto muscolosi, ma soprattutto "voluminosi"!) soppravalutandola riguardo alle tecniche, che invece sono inutili...
il loro ragionamento è piuttosto ottuso, se loro si trovano in difficoltà uccidono come prima cosa...fanno bene?

Ora, dopo questa premessa, sostengo le mie idee...
le arti marziali vengono praticate in gran percentuale dalle persone insicure e non molto forti (non internamente!Ma esternamente, esempio non come swazzenegher!) per svariati motivi che io non posso conoscere...il mio motivo?Perchè mi stava sul c*** quando i miei compagni in prima media mi prendevano in un certo modo...
Comunque le arti marziali sostengono che non bisogna mai opporsi alla forza dell'avversario, ma anzi bisogna sfruttarla a proprio vantaggio...infatti non si sa mai contro chi si andrà, anzi durante le tecniche si dice sempre "se oppongo la forza, lui è più forte di me e vince" e in questo modo si insegna già dalle prime cinture a non commettere l'errore di opporre la propria forza a quella del nemico...i vantaggi sono migliori, provare per credere...questo fatto lo si sfrutta talmente tanto che quelli che non hanno neanche un infarinatura di AM oppongono sempre la mia forza, e io la sfrutto a mio vantaggio in qualunque modo :D
Le arti marziali insegnano ad avere più fiducia in noi stessi, come anche con la kick-boxing per esempio, probabilmente perchè ci si sente più forti...non so esattamente il motivo...ad ogni modo sapere che ci si riesce a difendere contro un avversario più grande, magari in situazioni anche pericolose, insenga ad avere meno paura...
Le arti marziali, l'ho capito solo oggi, sfruttano molto anche la visione periferica...purtroppo in questo sistema del cavolo ci insegnano sempre a concentrarci su una cosa e basta, anche con lo sguardo e così facendo si perde l' importanza della visione periferica, invece con le arti marziali si impara a scrutare da ogni parte, con la coda dell'occhio e quindi a metterci automaticamente sulla difensiva, soprattutto in luoghi affollati come una discoteca (che tanto sicura non è!) e poi le AM aumentano anche di molto i riflessi!
Le arti marziali, cosa molto importante, sostengono che "è più difficile bloccare che uccidere"...che significa?Che vedo un bulletto che mi sta sul cavolo, gli dò un colpo forte sotto all'ascella, molto potente, e cade a terra ucciso sul colpo...una cosa del genere viene molto elogiata in questo sistema del cavolo e soppratutto da "scettici delle arti marziali" perchè considerata più spettacolare (da un certo punto di vista hanno ragione in effetti) e soprattutto "più difficile"...eggià è "molto difficile" tirare un atema alla spina dorsale per farlo atterrare paralizzato rispetto a schivare un suo pugno, fargli una tecnica, e atterrarlo e DOPO e SOLO DOPO in casi estremi di emergenza gli si può rompere un braccio o ucciderlo o scappare...mentre in questo sistema è più facile uccidere e difatti lo fanno tutti (certo che se gli danno 6 anni e mezzo ai domiciliari se investi 4 persone chiunque lo farebbe...bah chiusa parentesi!)...non so se mi avete compreso...!
Il kiai, ultima cosa, è un urlo che si emette quando si fa una tecnica o si porta un pugno o calcio...per quale motivo?Per spingere in fuori l'aria dentro gli addominali e portar così un colpo più potente...
Sono o non sono importanti le AM???Sopratutto in questi tempi, dove le donne sono sempre violentate...poverette dovrebbero imparare queste cose, anzi bastarebbe anche kick-boxing...io non so voi ma vederne una che mi urla e mi tira dei calci (con grinta ovviamente) contro mi farebbe paura e scapperei... :P

finito...oggi il mio maestro (E LO SOTTOLINEO!!!E non amico o caspiate varie...) mi ha spinto ha portare dei pugni e difatti ne ho tirati un casino, forti e con il kiai...alla fine mi ha detto "Vedi che riesci a tirare fuori la grinta?" :D ...a che bella cosa...mi è piaciuta troppo la lezioni di stasera! ^_^
I maestri di AM sono anche maestri di vita...non tutti ma alcuni sicuramente :lol:
Voi che AM avete fatto o state praticando?
253

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 14:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
Anzitutto complimenti e grazie del lungo post, sef! Molto interessante e soprattutto condivido la tua idea sugli "scettici" che tagliano la testa al toro ammazzando e basta, senza alcun buon combattimento e senza valore nella lotta. io come ti dissi facevo Judo ma ai tempi non lo capivo e così smisi, fino a riprendere col Combattimento Ritmico che mi piace un sacco e che come dicevo è praticamente indipendente dalla forza fisica, è tutto giocato sul tempo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 15:39 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Ma infatti è quello il punto...e poi il bello delle arti marziali è che non devi usare la forza, perchè non tutti c'è l'hanno, e quindi usi la tecnica e la velocità...l'unica forza che si usa è quella interna, perchè tutti c'è l'hanno (che ripetizione!)
Comunque non ho ancora visto un maestro di arti marziali che abbia commesso un delitto...strano perchè possono derubare o violentare qualcuno/a senza subire niente...sono invincibili eppure non la usano mai a fin di male!Che grandi!!!
Avevo ragione prima a dire che i maestri di arti marziali sono anche maestri della vita! :D
255

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 14 gen 2008, 15:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
sono maestri anche di vita, spesso è così ma non è tanto scontato!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 1 mar 2008, 13:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Devo fare un appunto riguardo al titolo ed al concetto iniziale di arti marziali.

Le arti marziali NON SONO NATE x difesa,ma x dominare.

Gli iniziati alle arti marziali in antichità erano un'elitè di persone con capacità fuori dal comune che dovevano da soli proteggere anche enormi città da attacchi esterni ma soprattutto di controllare e sedare rivolte anche enormi all'interno delle medesime,quindi è una forma di potere basata sul controllo.


Chi mi dice che pratica arti marziali x difesa gli sputo in faccia perchè significa che non ha capito un ***(scusate il termine ma quando ci vuole ci vuole)del loro antico significato...ora come ora le arti marziali sono inutili x controllare intere città ma sempre di controllo di tratta....stavolta si sono evolute verso uno stadio superiore(x me lo è sempre stato ma è stato sempre tenuto all'oscuro)dove si attua il controllo verso noi stessi x evolverci verso 1 stadio superiore.


Chi veramente pratica arti marziali con l'intento del dominio,non viene certo a dirtelo ne a dimostrartelo perchè sà del suo potere.....sono coloro che guardano le risse e le battaglie a distanza semplicemente osservandone i risvolti e prendendo una decisione in proposito.


Chi pratica le arti marziali non si ferma solo alla tecnica,và oltre...personalmente le arti marziali hanno un aspetto superiore alla tecnica che si basa sulla strategia,tipo il "Ping Fa" o "L'Arte della Guerra" di Sun Tsu,un testo taoista del 500 a.C. scritto da un generale cinese,il cui significato và ben oltre la guerra fisica.....si può vincere una rissa,una battaglia una guerra ancora prima di farla iniziare,si può placare l'impeto di più persone usando la testa prima ed il corpo poi.


Oltretutto chi pratica arti marziali trascende le arti stesse....in Cina la leggenda degli shien o saggi immortali ci insegna come tali arti fossero di impiego x andare oltre il materiale,oltre l'ovvio,oltre la mera conoscenza fisica ed energetica di base.



Però,e quì inizia il viaggio,senza fare pratica ossessiva(perchè di tale cosa si tratta)non si giunge da nessuna parte.

Le AM si basano sulla ripetitività delle azioni,finchè esse non vengono interiorizzate...è questo il segreto delle tecniche segrete:imparare la tecnica x poi dimenticarla.


Mao Tse Tung,aldilà se lo apprezzate o meno,diceva una cosa importantissima a tal proposito "Civilizzate le mente,rendete selvaggio il corpo",il corpo è un'entità arcaica quindi ha + esperienza della mente e l'unico modo x civilizzare la mente è sfruttare il corpo...le AM iniziano da quì.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 1 mar 2008, 21:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
un'ottima osservazione, complimenti! :)
CITAZIONE
Le AM si basano sulla ripetitività delle azioni,finchè esse non vengono interiorizzate...è questo il segreto delle tecniche segrete:imparare la tecnica x poi dimenticarla.

Anche se qui avrei da porre delle eccezioni in generale è così (nel 95% dei casi almeno).
é una buonissima riflessione, hai fatto bene a proporla!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 26 apr 2008, 11:24 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
La mia idea di arte marziale invece è un pò diversa.
Innanzitutto, esclude qualsiasi tipo di palestra e competizione regolamentata (arte della guerra e non "arte dello sport", dato che si parla di Marte).

http://www.etimo.it/?term=marziale

L'arte marziale perfetta rappresenta l'equilibrio tra Arte a Marzialità: come dire, tra la parte destra e la parte sinistra dell'uomo: del cervello, del sistema energetico...di tutto.
Come scriveva un autore in un suo libro, l'Artista Marziale perfetto è il Samurai Hippie.
Questa figura è uno specchio dell'equilibrio umano ed universale.
E, come ben sappiamo, l'equilibrio è oggettivamente la via migliore per qualsiasi cosa...penso sia l'unica cosa oggettiva al mondo.
Come è scritto nell'I:Ching, il Libro dei Mutamenti: l'unica cosa che non muta, è il mutamento stesso.

L'Arte Marziale, per raggiungere la perfezione, deve essere quindi un misto equilibrato tra creatività e disciplina, tra flessibilità e durezza, tra colpire e schivare, tra esporsi e ripararsi, tra muoversi su un asse frontale ed un asse laterale, ecc: tutto questo genera le combinazioni che derivano dall'unione di questi parametri, di queste variabili.
Nell'I:Ching, non ci sono forse delle combinazioni?
Ci sono solo combinazioni!
Il Pa Kua Chang è l'eccellenza delle combinazioni nell'arte marziale.

Ma torniamo all'equilibrio.
Per me l'Arte Marziale coinvolge il corpo fisico quanto tutte le altre nostre componenti.
L'allenamento fisico non è che una parte della via dell'arte marziale, che oltretutto è essa stessa una via di vita, in quanto si rispecchia perfettamente in qualsiasi cosa (come sopra, così sotto -> Risonanza).
L'Arte Marziale non è solo difesa, non è solo dominio, non è solo combattimento, ecc penso che a tavolino possiamo chiarire questa cosa in pochi minuti, senza bisogno di andare oltre all'usare le sole 2 parole "Arte" e "Marziale" per dimostrare questo concetto.

Un esempio interessante di Arte Marziale (Guerra Creativa -> metodo più equilibrato per ottenere qualsiasi cosa) è a pagina 79 della rivista Iron Man, abbinata a Olympian's News, di maggio 2008.
C'è una pubblicità di attrezzi per allenare la forza di mani, polsi ed avambracci, ed inizia così:
"Era grosso. Era ubriaco. E voleva fare a botte. Non c'era via d'uscita, perciò ho allungato il braccio per la stretta di mano d'inizio, e poi gli ho stritolato la mano. Incontro finito grazie al Super Gripper."

Quest'immaginario uomo-testimonial, se fosse mai esistito, sarebbe stato un Artista Marziale.
Se diverrete degli Artisti Marziali anche voi, sarete in grado di terminare illesi qualsiasi scontro in qualsiasi situazione e contro qualsiasi "artista marziale" del mondo.
Possono dire quello che vogliono, ma voi battereste chiunque al mondo, anche senza la loro preparazione ed il loro fanatismo.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 29 apr 2008, 21:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Il Pa Kua Chang è l'eccellenza delle combinazioni nell'arte marziale :huh: ?
ma siamo di fuori?


Oddio,non è tanto lontano dal punto di vista filosofico(vedi TAOISMO)però è un'arte x certi versi anacronistica,che nel corso dei decenni non s'è evoluta + di tanto...è estremamente visiva e non diretta x la pratica.


E' da dire però che il PaKua è assieme al BaJi(Hakkyokuken,in giapponese ;) )un'arte divenuta famosa solo dopo che i loro praticanti furono trovati dagli emissari dell'imperatore cinese allo scopo di difenderlo addestrandone le guardie imperiali.


L'ultimo imperatore della Cina,Pu Yi,fu ritratto mentre praticava assiduamente proprio il BaJi,quindi come stili sono ottimi perchè il loro scopo è quello di permettere ad una sola persona di combattere contro + aggressori.


Discuto personalmente moltissimo con FW nel suo forum e leggo dei suoi incontri con altri praticanti alcuni dei quali sono proprio del forum.....FW ha imparato il wing chun stile Yip Man(sulla carta è il + giovane dei 10 macrorami che compongono la genealogia dalla creazione dello stile che è tutt'altro che quella della monaca buddista...d'altronde s'era un monastero cosa cavolo ci faceva una donna in mezzo agli uomini :rolleyes: ?)ma s'è confrontato con un praticante dello stile Mea Gei Wong......entrambe gli stili sono interconnessi perchè sembra che Yip Man avesse imparato da + maestri provenienti da diversi rami del wing chun tra cui lo stesso Mae Gei Wong.


A detta di FW,entrambe i rami sono quelli che rispondono meglio alle caratteristiche del wing chun migliore anche se sono strutturalmente diversi.....sembra che lo Yip Man sia + portato x il combattimento singolo seppure è strutturato x combattere contro + avversari mentre il MGW di base è + portato al combattimento contro + avversari seppure è ovvio che si concentra anche sul singolo.


La caratteristica del wing chun è unica nel mondo delle arti marziali x via delle sue caratteristiche filosofiche.....sembra sia nato con una connotazione buddista poi s'è evoluto in stile taoista,in pratica è l'unica fusione filosofica/pratica di 2 correnti di pensiero che hanno influenzato profondamente la sua evoluzione in quanto è proprio da questo che all'interno delle caratteristiche tecniche che connotano movimenti di combattimento ci siano caratteristiche corrispondenti al Ch'i Kung.....in parole povere,il combattimento ed il mantenimento della salute sono basate sugli stessi movimenti ed è questa la + grande genialata che il mondo delle arti marziali abbia mai concepito.


Stili come PaKua,TaiChi ecc ecc hanno sia la parte tecnica marziale ma anche la parte "interna" che però è staccata da essa....in pratica loro praticano il Ch'i Kung a se stante.

CITAZIONE
Per me l'Arte Marziale coinvolge il corpo fisico quanto tutte le altre nostre componenti.
L'allenamento fisico non è che una parte della via dell'arte marziale, che oltretutto è essa stessa una via di vita, in quanto si rispecchia perfettamente in qualsiasi cosa (come sopra, così sotto -> Risonanza).
L'Arte Marziale non è solo difesa, non è solo dominio, non è solo combattimento, ecc penso che a tavolino possiamo chiarire questa cosa in pochi minuti, senza bisogno di andare oltre all'usare le sole 2 parole "Arte" e "Marziale" per dimostrare questo concetto.

Ti dò pienamente ragione....questa stessa cosa la disse Gautama il Budda 2500 anni fà....x "sbloccare" la mente e lasciarla fluire,bisogna partire dai livelli + bassi....e cosa c'è di più in basso se non il corpo fisico?se si sblocca e si guarisce a questo livello,si passa al livello mentale e poi a quello spirituale...nel pensiero pratico del buddismo v'è il partire da ciò che vibra + in basso x propagarlo a ciò che c'è + in alto.

CITAZIONE
Un esempio interessante di Arte Marziale (Guerra Creativa -> metodo più equilibrato per ottenere qualsiasi cosa) è a pagina 79 della rivista Iron Man, abbinata a Olympian's News, di maggio 2008.
C'è una pubblicità di attrezzi per allenare la forza di mani, polsi ed avambracci, ed inizia così:
"Era grosso. Era ubriaco. E voleva fare a botte. Non c'era via d'uscita, perciò ho allungato il braccio per la stretta di mano d'inizio, e poi gli ho stritolato la mano. Incontro finito grazie al Super Gripper."

Quest'immaginario uomo-testimonial, se fosse mai esistito, sarebbe stato un Artista Marziale.
Se diverrete degli Artisti Marziali anche voi, sarete in grado di terminare illesi qualsiasi scontro in qualsiasi situazione e contro qualsiasi "artista marziale" del mondo.
Possono dire quello che vogliono, ma voi battereste chiunque al mondo, anche senza la loro preparazione ed il loro fanatismo.

Ti dò ragione anche se l'esempio che hai fatto stona un pochetto nell'ambito marziale :P

Il vero praticante marziale se è forte non te lo viene a dimostrare....La PAZIENZA è la VIRTU' dei forti....questo concetto mi fu detto la prima volta quando ero ancora all'asilo ma m'è rimasto dentro x + di 20anni forse perchè in esso ci sentivo la VERITA'.

Con PAZIENZA non intendo solo l'attendere qualcosa ma avere pazienza con gli scalmanati e le loro provocazioni....finchè sono solo parole possono anche bestemmiarti in faccia ed infangare con male parole tutta la tua genealogia e chi ti conosce ed augurarti il male peggiore al mondo ma a te non te ne importerebbe....quando inizia l'azione avversaria devi essere + letale possibile....no,non uccidere,ma far comprendere che con te non hanno speranza.

Chi è fanatico è fondamentalmente CIECO perchè invece di ripetere 100 movimenti con coscienza ne fà 100'000 alla *** di cane,il fatto è che interiorizzano la tecnica e la applicano in automatico,quindi sono pericolosi perchè possono stenderti tranquillamente senza pensarci.

Questa potrà sembrarvi la solita *** che tutti ripetono sul nemico interiore,te ti crei il mondo che vuoi,te sei chi vuoi bla bla bla bla,ma è la pura realtà.....gli altri possono anche abbatterti fisicamente ma se con la pratica marziale trascendi il piano fisico allora non ci sarà nemico fisico che ti potrà battere....è su questa realtà che sono nate le leggende sugli immortali cinesi o shien:trascendere l'umanità partendo dall'assidua pratica marziale.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 29 apr 2008, 22:14 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
CITAZIONE
Il Pa Kua Chang è l'eccellenza delle combinazioni nell'arte marziale ?
ma siamo di fuori?

Guarda che l'intero Pa Kua è basato sui numeri, sulle loro combinazioni, sulla logica binaria e sulla geometria: in poche parole, sulla matematica.
Al punto da impressionare il grande matematico Leibniz, che ebbe la fortuna di viaggiare in oriente e tornare in Europa per raccontarlo.

CITAZIONE
Ti dò ragione anche se l'esempio che hai fatto stona un pochetto nell'ambito marziale

Stona nell'ambito marziale, ma non in quello dell'Arte Marziale: in un ipotetica situazione come quella, il Samurai Hippie di turno ha usato l'intero proprio cervello per terminare lo scontro senza alcuna fatica...massimo rendimento con il minimo sforzo.
Usare anche il cervello è il modo più veloce per neutralizzare qualsiasi aggressore presuntuoso e solitamente sprovveduto, forte quanto vuole: la ripetitività dei gesti fisici, da sola, esclude delle improvvisazioni (pensiero --> creatività --> Arte) come quella.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 29 apr 2008, 22:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Sulla 2a parte ti ridò ragione ma sulla 1a ne discuterei:
il pakua,leggenda vuole,sia stato creato riportando sul piano fisico ciò che era fino ad allora solo sul piano "cartaceo" e,in stretto legame con l'idea del cambiamento continuo,ha in sè la dote dell'eterna mutabilità e quindi dell'imprevedibilità dei movimenti che variano dal diretto al circolare,dal lento al veloce,dall'alto al basso in preve tempo e senza apparente logica mentre dietro una logica c'è eccome.


Quindi dal tuo punto di vista intendi il pakua come la perfetta connotazione di combinazione matematica sul piano fisico...ma se ti dicessi che magari ciò che è troppo vistoso in realtà stono sulla matematica stessa


Ritornando al wing chun,in esso sono presenti sia la filosofia buddista che quella taoista quindi anche le "mutazioni" sono all'ordine del giorno...solamente che non sono così vistose come nel pakua.


Ho visto molta + libertà nei movimenti del wing chun di quelli del pakua seppure i 2 stili hanno caratteristiche strutturali molto simili(postura della guardia,postura del corpo,esecuzione dei passi,uso dell'asse corporeo ecc ecc).....t'è mai passato x la testa che magari un pò del wing chun sia nel pakua in quanto come stile è stato creato prima di quest'ultimo?

Sò che come idea potrebbe stonare ma stando alle varie datazioni,il wing chun sarebbe nato a cavallo tra '600 e '700,mentre il pakua nell'800,quindi 2 stili simili x filosofia possono essere mai venuti a contatto tra loro?



Nel pakua ho visto però una cosa che nel wing chun non è presente.....anche se i movimenti acquistano fluidità con la pratica,rimangono comunque movimenti un pò troppo standardizzati,quasi da dogma,mentre nel wing chun ho visto una totale assenza di dogma in quanto il movimento si basa sulla effettiva funzionalità della struttura fisica.


Con questo non voglio sminuire il pakua,anche se a primo acchito sembra di sì,ma solo che non è un caso se lo stesso Bruce Lee abbia prediletto la funzionalità di ARTE e MARZIALE del wing chun alla stessa cosa del pakua pur conoscendoli entrambe(Bruce la cita come filosofia ma anche marzialmente la conosceva).

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 30 apr 2008, 8:50 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
CITAZIONE (G-chan @ 29/5/2008, 23:43)
il pakua,leggenda vuole,sia stato creato riportando sul piano fisico ciò che era fino ad allora solo sul piano "cartaceo" e,in stretto legame con l'idea del cambiamento continuo,ha in sè la dote dell'eterna mutabilità e quindi dell'imprevedibilità dei movimenti che variano dal diretto al circolare,dal lento al veloce,dall'alto al basso in preve tempo e senza apparente logica mentre dietro una logica c'è eccome.

Si basa, come hai detto, sui mutamenti, sull'I:Ching.
E l'I:Ching stesso è pura matematica :)
Infatti, per quanto imprevedibile possa essere, si passa da qualcosa di ben definito a qualcos'altro di ben definito.
Una cosa bellissima (dal punto di vista matematico\marziale) sono le combinazioni di velocità del Pa Kua.

CITAZIONE
Quindi dal tuo punto di vista intendi il pakua come la perfetta connotazione di combinazione matematica sul piano fisico...ma se ti dicessi che magari ciò che è troppo vistoso in realtà stono sulla matematica stessa

Dipende da cosa intendi.

CITAZIONE
Nel pakua ho visto però una cosa che nel wing chun non è presente.....anche se i movimenti acquistano fluidità con la pratica,rimangono comunque movimenti un pò troppo standardizzati,quasi da dogma,mentre nel wing chun ho visto una totale assenza di dogma in quanto il movimento si basa sulla effettiva funzionalità della struttura fisica.

I movimenti del Pa Kua sono "standardizzati" proprio perchè derivano da un modello matematico.
Nel wing chun c'è più azione a seconda dell'avversario (Tao) e meno matematica; però, da qui a dire che il wing chun non ha dogma, ne passa, perchè il wing chun è fin troppo legato all'esecuzione perfetta dei movimenti (seppur la concatenazione libera fra essi nasconde la cosa).

CITAZIONE
Con questo non voglio sminuire il pakua,anche se a primo acchito sembra di sì,ma solo che non è un caso se lo stesso Bruce Lee abbia prediletto la funzionalità di ARTE e MARZIALE del wing chun alla stessa cosa del pakua pur conoscendoli entrambe(Bruce la cita come filosofia ma anche marzialmente la conosceva).

Infatti contengono 2 aspetti secondo me essenziali dell'Arte Marziale...ti immagini un misto wingchun\pakua?
Uno stile estremamente flessibile ma brutale, che tiene conto di tutte le combinazioni possibili ma anche della probabilità di applicarle realisticamente a seconda della situazione.

Ho smesso di apprendere le arti marziali da palestra proprio perchè non ne ho trovata una completa: sono solo buoni a sminuire le altre tecniche, quando ovunque vada trovo sistemi rigidi e schematici al di fuori dei quali tutte le possibilità non vengono nemmeno considerate.
E' come se dovessi scegliere un sistema politico pieno di regole limitanti: non lo scelgo.
Sono anarchico nella società come nelle arti marziali: voglio fare le cose come meglio credo, senza stare alle stupide regole di chi, limitatamente, vuole dirmi come devo difendermi e come devo attaccare.
La vita passata alla ricerca dello "stile migliore", secondo me, è una vita sprecata a cercare un regolamento che vada bene per se stessi, quando ce lo si può creare da solo (scopo del Jeet Kune Do).

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 30 apr 2008, 9:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
CITAZIONE (Kenshirou @ 30/5/2008, 09:50)
CITAZIONE (G-chan @ 29/5/2008, 23:43)
il pakua,leggenda vuole,sia stato creato riportando sul piano fisico ciò che era fino ad allora solo sul piano "cartaceo" e,in stretto legame con l'idea del cambiamento continuo,ha in sè la dote dell'eterna mutabilità e quindi dell'imprevedibilità dei movimenti che variano dal diretto al circolare,dal lento al veloce,dall'alto al basso in preve tempo e senza apparente logica mentre dietro una logica c'è eccome.

Si basa, come hai detto, sui mutamenti, sull'I:Ching.
E l'I:Ching stesso è pura matematica :)
Infatti, per quanto imprevedibile possa essere, si passa da qualcosa di ben definito a qualcos'altro di ben definito.
Una cosa bellissima (dal punto di vista matematico\marziale) sono le combinazioni di velocità del Pa Kua.

Ok,e fin quì ci siamo


CITAZIONE
CITAZIONE
Quindi dal tuo punto di vista intendi il pakua come la perfetta connotazione di combinazione matematica sul piano fisico...ma se ti dicessi che magari ciò che è troppo vistoso in realtà stono sulla matematica stessa

Dipende da cosa intendi.

Sai che nemmeno io ho capito cosa ho scritto :lol: ?


CITAZIONE
CITAZIONE
Nel pakua ho visto però una cosa che nel wing chun non è presente.....anche se i movimenti acquistano fluidità con la pratica,rimangono comunque movimenti un pò troppo standardizzati,quasi da dogma,mentre nel wing chun ho visto una totale assenza di dogma in quanto il movimento si basa sulla effettiva funzionalità della struttura fisica.

I movimenti del Pa Kua sono "standardizzati" proprio perchè derivano da un modello matematico.
Nel wing chun c'è più azione a seconda dell'avversario (Tao) e meno matematica; però, da qui a dire che il wing chun non ha dogma, ne passa, perchè il wing chun è fin troppo legato all'esecuzione perfetta dei movimenti (seppur la concatenazione libera fra essi nasconde la cosa).

E quì ti sbagli....quello che abbiamo visto noi nei filmati è solo un wing chun "dimostrativo" basato su dogmi sia di concetto che di tecnica pura....FW stesso m'ha detto che all'inizio è FISSO come stile mentre già dopo vari mesi esso perde perfino la qualità basata sulla perfetta esecuzione tecnica in quanto è l'arte,a quel punto,che s'adatta al corpo e non viceversa...lui stesso,quando gli chiesi a quali concetti fosse basato il muk yan chong e le armi lui stesse m'ha risposto di fregarmene dei concetti perchè essi scaturiscono fuori dal corpo in maniera naturale.
Oltretutto anche il wing chun è uno stile basato sulla matematica,anzi,sulla geometria e sulla sua applicazione fisica(bilanciamento delle forze,sfruttamento dei + brevi spazi vuoti ecc ecc),solo che + vado avanti + comprendo del perchè è nato in quel modo e perchè si stà evolvendo verso varie direzioni.....x me è ancora oggetto di profondo studio e di riscontri matematici ne stanno venendo fuori.

CITAZIONE
CITAZIONE
Con questo non voglio sminuire il pakua,anche se a primo acchito sembra di sì,ma solo che non è un caso se lo stesso Bruce Lee abbia prediletto la funzionalità di ARTE e MARZIALE del wing chun alla stessa cosa del pakua pur conoscendoli entrambe(Bruce la cita come filosofia ma anche marzialmente la conosceva).

Infatti contengono 2 aspetti secondo me essenziali dell'Arte Marziale...ti immagini un misto wingchun\pakua?
Uno stile estremamente flessibile ma brutale, che tiene conto di tutte le combinazioni possibili ma anche della probabilità di applicarle realisticamente a seconda della situazione.

Ho smesso di apprendere le arti marziali da palestra proprio perchè non ne ho trovata una completa: sono solo buoni a sminuire le altre tecniche, quando ovunque vada trovo sistemi rigidi e schematici al di fuori dei quali tutte le possibilità non vengono nemmeno considerate.
E' come se dovessi scegliere un sistema politico pieno di regole limitanti: non lo scelgo.
Sono anarchico nella società come nelle arti marziali: voglio fare le cose come meglio credo, senza stare alle stupide regole di chi, limitatamente, vuole dirmi come devo difendermi e come devo attaccare.
La vita passata alla ricerca dello "stile migliore", secondo me, è una vita sprecata a cercare un regolamento che vada bene per se stessi, quando ce lo si può creare da solo (scopo del Jeet Kune Do).

[/QUOTE]
Quì ti dò ragione :cry: ...non esistono validi maestri in Italia di arti marziali(anch'io stò girando tra le varie palestre di Siena x capire il mondo delle AM visto da altre persone...e non è un bel vedere)se non in % estremamente bassa.


Il JKD è ricerca pura,infatti x me è solo lo stile di Bruce Lee che andava bene solo a lui....oggi è stato dogmatizzato e reso ciò che Bruce non voleva diventasse....la gente non ha voglia di sforzarsi ma solo di apprendere automaticamente e "Se andava a Bruce Lee,perchè non dovrebbe andare bene a anche a me?",quindi perchè non imparare alla perfezione i movimenti così come li faceva Bruce almeno divento come lui o anche meglio di lui?gente folle <_<


Il misto pakua/wingchun non sarebbe affatto brutale come dici perchè seppure simili sono diversi nella struttura,anche se mi sembra che in passato fosse stata fatta una fusione,ma non vorrei sbagliarmi.


Ricordati,il wingchun come lo conosciamo noi non è il vero wingchun ma una pallida "dimostrazione da circo" ;)

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 30 apr 2008, 17:53 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Sicuramente non conosco il "vero wing chun", ma il mio era solo un esempio in un discorso sulle Arti Marziali e sulle combinazioni :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: ven 10 lug 2009, 10:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Riprendiamo il discorso dove io la farò sicuramente da padrone e castigherò chiunque solo x il gusto di farlo :evil ... asd

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: ven 10 lug 2009, 10:42 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Iniziamo col riportare i messaggi dalla tag (le prossime volte però fatevelo da soli questo lavoretto), altrimenti nessuno riprenderà la discussione ripetendo le cose: potresti commentare questi, intanto.
Citazione
G-chan: io stò facendo uno sterminio di massa nei confronti di tutte le arti marziali in Italia...forse è bene agire anche x gente del genere che infama chi non dev'essere infamato...ANNICHILAZIONE TOTALE
shabatu: concordo. g-chan volevo provare quall'arte marziale ebraica, come si chiama
G-chan: krav maga? lascia perdere
shabatu: perchè?
G-chan: è *** PURA. chi riesce ad applicarla deva avere una buona base atletica alle spalle perchè è un SISTEMA,e non uno STILE,creato x il Mossad ed i gruppi di guerriglia ebraica,quindi un normale cittadini si ritrova nei casini se lo usa
Maerd: il valetudo com'è?
G-chan: con VALETUDO intendi x caso le MMA,cioè le MIXED MARTIAL ARTS?sono ottime perchè il 6 mesi di duro lavoro,e con duro intendo DURO,ottieni un fisico bello compatto ed in grado di lottare discretamente
Maerd: beh si..ma non so se dove sono andato io lo insegnano male oppure sono io una checca..ma se gli allenamenti sono cosi tra 6 mesi non ne esco vivo...
shabatu: ok per una donna cosa consigli? (e di costituzione tutt'altro che massiccia)
G-chan: io x una donna consiglio di portarsi dietro uno storditore elettrico nascosto nelle maniche perchè è illegale in Italia. io propongo sempre di fare PUGILATO...è la + semplice tra le arti marziali,forgi il fisico e tiri fuori il tuo stile di combattimento perchè in quanto ARTE,il pugilato si adatta alle caratteristiche della persona che lo usa e non viceversa
shabatu: non mi piace il pugilato....
Maerd: ma il pugilato è utile per la difesa personale?
Daniele: ecco pure a me l'aveva consigliato, ma non mi piace nemmeno a me, vedi tu
G-chan: shabatu,il pugilato forgia bene il fisico e ti fà stare bene...io adoro le donne che sanno picchiare
shabatu: ma non è grazioso e io ho le ossa sottili
Maerd: beh ma se uno ti si presenta davanti con un coltello prima di poterlo colpire lo devi disarmare...
Sefanor: sicuramente gabriele mi andrà contro, ma secondo me pugilato non va bene per difesa personale. secondo me dovrebbe fare un'arte marziale, anche se secondo lui sono ***. contemporaneamente , nelle arti marziali (in alcune) inpari anche atirare ginocchiate calci e pugni, quindi ti conviene di più
G-chan: ahahah...non è che devi massacrare una persona...e poi come t'ho detto è il pugilato che s'adatta alla persona...se senti che il tuo fisico non è adatto ad un confronto diretto,il pugilato t'insegna a sfruttare altri aspetti dell'arte stessa...ho visto persone iniziare con la stessa base "cognitiva" ma dopo appena 6 mesi ho visto diversi stili di applicare il pugilato. Sefanor...secondo te perchè lo sai o secondo te perchè te lo immagini? come ho già scritto,il pugilato E' un'arte marziale.
Sefanor: perchè se ti prendono al collo da dietro o ti puntano il coltello non puoi fare niente....se ti blocano le mani, non puoi tirare calci (visto che fai PUGILATO)...mlto meglio imparare le arti marziali, che servono per atterrare l'avversario. ad imparare a tirare pugni e calci (a livello mediocre) ci stai molto meno, puoi farlo sempre in contemporanea
G-chan: Sef,ma anche se fai karate kyokushinkai o kung fu tang lang o penkak silat,se ti prendono con un coltello da dietro fai poco. Mi sà che hai le idee eccessivamente confuse
Maerd: e poi una qualsiasi persona normale presa da dietro con un coltello se la fa addosso e non credo riesca a essere abbastanza lucida da usare mosse
shabatu: maerd..... chi fa arti marziali viene portato a mantenere ilsangue freddo
G-chan: shabatu...il sangue freddo non esiste altrimenti saresti un rettile
shabatu: ma in kung fu panda dice che bisogna dominare le emozioni

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: ven 10 lug 2009, 10:52 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Voglio fare una lista di DELIRI che hanno fatto sì che le persone averessero alcune idee errate sulle arti marziali:

1)LE ARTI MARZIALI SONO FATTE PER LA DIFESA...IDIOZIE...IDIOZIE e basta...le arti sono fatti x il dominio principalmente su di sè...se si parte con l'idea di DIFESA,la persona che praticherà arti marziali sarà sempre in guerra col mondo intero perchè si sentirà vittima costantemente e quindi si sentirà obbligata a vivere x vendetta verso gli altri o x diventare + forte degli altri senza capire che in realtà bisogna diventare solo + forti di SE' STESSI,altrimenti ci ritroveremo sempre ad avere un metro di paragone e giudizio che ci obbliga sempre a ricercare gli altri;

2)LE ARTI MARZIALI SONO SOLO QUELLE CHE T'INSEGNANO OGNI TIPO DI SITUAZIONE DI AGGRESSIONE...ennesima BOIATA...mi rifaccio a quello che ha scritto Sefanor in tag dove secondo lui l'arte marziale è quella che t'insegna ad agire quando ti bloccano i polsi e quindi puoi usare i calci,a quando ti aggrediscono da dietro o a quando lo fanno con un uso del coltello o qualsiasi arma contundente o da taglio...mi sà che quì c'è chi confonde il cinema con la vita reale...c'è chi crede che il pugilato sia uno sport fine a se stesso mentre in realtà è il miglior metodo x imparare a tirare pugni e ad evitare cose come il bloccaggio dei polsi...in vita mia i polsi bloccati li ho visti solo durante gli insegnamenti ma nella realtà nemmeno un lottatore sia esso esperto o novizio gli verrebbe mai in mente di bloccare le mani col rischio di aprire la difesa e ritrovarsi col naso fracassato;

3)LE FORME(KATA,TAO LU ECC ECC)SONO EFFICACI...sì ma,come?ci sono passato in questa fase...solo ripetizioni di una forma ovvero un insieme prestabiliti di movimenti atti a creare un combattimento immaginario o a fornire le basi delle tecniche marziali...però senza la pratica e lo "smembramento" della forma stessa attraverso un'applicazione REALE della medesima,non si và da nessuna parte;

4)LE ARTI MARZIALI TRADIZIONALI SONO ANCORA OGGI UTILI PER LA LORO EFFICACIA...punto 1,con EFFICACIA intendo la capacità di una cosa di adattarsi ad un dato evento sfruttando tutta la sua intera potenzialità...punto 2,con TRADIZIONALE intendo ciò che ha una base storica antica ma che è in costante evoluzione....scritto questo,la TRADIZIONALITA' di un'AM oggi è data dall'applicare tecniche ANACRONISTICHE,INSULSE ed INEFFICACI perchè non c'è stata evoluzione da parte dell'arte stessa o dell'individuo che la applica;

5)SE FUNZIONA PER ME,FUNZIONA PER CHIUNQUE...altra IDIOZIA...essendo esseri umani con esigenze e caratteristiche diverse,la mia esperienza può essere utile anche agli altri ma ciò non significa che la persona che ho di fronte abbia le mie stesse predisposizioni e ed il mio stesso bagaglio di esperienza e conoscenza...Non credere a niente,nemmeno a quello che ti dico io...prova e trova ciò che più si confà a te è quello che,in linea di massima,disse Gautama il Budda;

6)TUTTE LE ARTI MARZIALI SONO EFFICACI,ALTRIMENTI NON ESISTEREBBERO....diffidate da questa affermazione...se le arti marziali esistono a tutt'oggi è x 2 semplici motivi 1)la loro efficacia e 2)il business che le supporta e che abbocaa gli allocchi...di cui il mondo è fin troppo pieno.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: ven 10 lug 2009, 13:42 
Citazione (G-chan)
dove secondo lui l'arte marziale è quella che t'insegna ad agire quando ti bloccano i polsi e quindi puoi usare i calci,a quando ti aggrediscono da dietro o a quando lo fanno con un uso del coltello o qualsiasi arma contundente o da taglio...mi sà che quì c'è chi confonde il cinema con la vita reale...c'è chi crede che il pugilato sia uno sport fine a se stesso mentre in realtà è il miglior metodo x imparare a tirare pugni e ad evitare cose come il bloccaggio dei polsi...in vita mia i polsi bloccati li ho visti solo durante gli insegnamenti ma nella realtà nemmeno un lottatore sia esso esperto o novizio gli verrebbe mai in mente di bloccare le mani col rischio di aprire la difesa e ritrovarsi col naso fracassato;

Spezzo una lancia a favore della disciplina del pugilato, nella quale ho conosciuto valide persone e che ho provato personalmente per un breve periodo.
Il fatto che non si usino i calci non è necessariamente un difetto, ovvero il pugile è in grado di mantenere sempre un ottimo equilibrio. Riguardo invece il presunto blocco dei polsi, provatelo a fare con un professionista.
Un ulteriore punto a favore nel pugilato è quello che ci si trova sempre in una posizione dove vengono difese le parti fisiche più sensibili e critiche, oltre al fatto che si impara molto bene ad "incassare". Nonostante si tratti di uno sport prettamente occidentale, il controllo del dolore è una condizione fondamentale; difatti un pugile riesce ugualmente a combattere anche con un solo occhio (in questi frangenti, al livello agonistico, l'arbitro ferma l'incontro per ragioni di buon senso).

Per quanto concerne le armi da fuoco, ricordo un maestro di Ju jitsu che una volta mi disse: "se hai una pistola che ti punta, dagli pure il culo". E' vero che in determinati casi è comunque possibile disarmare l'avversario, ma se questo non si fa troppi problemi la pelle la si perde sicuramente (la semplice e immediata pressione sul grilletto, contro tutta una serie di movimenti muscolari - in termini di spazio, tempo ed energia siamo sempre svantaggiati).


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: sab 11 lug 2009, 11:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
carino l'elenco dei deliri, peccato che vengano tutti da mezze verità, se ci fai caso cambiando di poco la frase o precisando ottieni cose vere
Le arti marziali sono fatte per la difesa, è sbagliato però già se dico che le arti marziali si usano solo in caso di difesa, già mi avvicino al vero, perchè come hai detto tu le AM sono fatte per conoscere se stessi e il proprio corpo però al di fuori dell'allenamento se ho capito anche solo un briciolo non me ne andrò in giro a sfracassare di mazzate la gente
e così via con le altre :)

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: sab 11 lug 2009, 13:39 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Citazione (davide)
carino l'elenco dei deliri, peccato che vengano tutti da mezze verità, se ci fai caso cambiando di poco la frase o precisando ottieni cose vere
Le arti marziali sono fatte per la difesa, è sbagliato però già se dico che le arti marziali si usano solo in caso di difesa, già mi avvicino al vero, perchè come hai detto tu le AM sono fatte per conoscere se stessi e il proprio corpo però al di fuori dell'allenamento se ho capito anche solo un briciolo non me ne andrò in giro a sfracassare di mazzate la gente
e così via con le altre :)

Hai scritto giusto,ma le persone recepiscono quanto ho scritto sopra prendendolo x ESATTO al 100%...ecco perchè li ho chiamati DELIRI <_<

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Arti marziali
Messaggio da leggereInviato: ven 26 nov 2010, 13:40 
Non connesso

Iscritto il: mer 24 nov 2010, 22:06
Messaggi: 18
Ragazzi...troppe chiacchere!!!
Guardate un po che combina il mio Sifu =D
http://www.youtube.com/watch?v=bUe2PGZY9OE


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 30 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010