Oggi è dom 31 mag 2020, 23:56

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Abusi della psichiatria
Messaggio da leggereInviato: gio 27 dic 2007, 19:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
Metto qui la lunghissima testimonianza terribile di questa povera donna, una delle tantissime vittime degli abusi della psichiatria sui singoli indifesi che vengono quindi usati come cavie per farmaci velenosi e potentissimi. Io stesso ho un'esperienza su questo argomento ma prima, la parola a questa coraggiosa anonima, che serva d'esempio.



fonte: abuso

Sono una ragazza di 33 anni ed abito in Versilia.. Nell'ottobre 2005 ho subito un T.S.O.

Alcuni mesi prima mi ero rivolta ad uno psichiatra privato di Massa, il dottor G.A., per un malessere provocato da una serie di eventi stressanti che si erano verificati nella mia vita familiare e lavorativa. Il dott. G.A. mi prescrisse Anafranil 75 mg, 2 compresse al giorno, Lexotan, 20-30 gocce al bisogno. Mi sentivo un po' meglio ma il Lexotan su di me non aveva effetto: o non avevo bisogno di prenderlo o, se mi trovavo in una situazione che generava preoccupazione, non era efficace. Così nei mesi successivi torno un paio di volte dal dott. G.A. chiedendogli di prescrivermi un ansiolitico diverso. Entrambe le volte mi ha risposto: "No, non cambiamo farmaco, continua a usare il Lexotan, ne puoi prendere anche 50-60 gocce fino a 3-4 volte al giorno se ne senti il bisogno, tanto prima che ti avveleni con il Lexotan ne puoi bere anche 2 boccette". Era presente anche il mio fidanzato ( infatti nei mesi successivi è capitato che anche lui in situazioni emotivamente difficili assumesse Lexotan).

Passa un po' di tempo, durante il quale io non prendo tutte le gocce che il dott. G.A. mi ha consigliato, perché mi sembra una dose esagerata.

Il 10 ottobre io e mia madre abbiamo una discussione, un chiarimento come succede in tutte le famiglie, niente di particolare: non ci picchiamo, non volano i piatti. In quell'occasione io prendo le 60 gocce di Lexotan e mia madre vedendomi farlo, teme che possano farmi male; io le dico che è stato lo psichiatra. a dirmi che potevo prenderle e lei lo chiama per chiedergli se era vero. Lui per telefono nega, forse rendendosi conto di avermi consigliato una cosa assurda, per evitare una figuraccia. Dice a mia madre che avrebbe mandato il 118 e parlato con il medico dell'ambulanza dicendogli di prescrivermi un altro farmaco, e riaggancia senza darle la possibilità di rispondere.

Dopo 10 minuti arrivano sotto casa mia due ambulanze, una per me e una per mia madre, come spiegato la sera stessa a mia madre da uno psichiatra del reparto. La dott.ssa A.B. di Massa entra in casa parlando al telefono col dott. G.A.; si rivolge a mia madre e a mia nonna in modo aggressivo, ordinando loro di uscire dalla stanza. Io rimango lì, seduta sul divano, mentre la dott.ssa A.B. continua a parlare per telefono con lo psichiatra. Non mi guarda, non mi visita, non mi chiede niente, non mi chiede cosa è successo né come mi sento. Io chiamo mia mamma per chiederle di portarmi il telefono e lei rientra nel salotto. La dott.ssa A.B. la affronta urlando: "Cosa ci fa lei qui, le ho detto di andarsene!" Mia madre si arrabbia e le risponde: "No, a questo punto se ne va lei". La dott.ssa minaccia: "Guardi che chiamo i carabinieri" e mia madre: "No, i carabinieri li chiamo io!", riuscendo a far uscire la dott.ssa. Ma le ambulanze non se ne vanno: rimangono lì, davanti al cancello.

Mia madre, spaventata dall'atteggiamento dei sanitari, chiama un suo conoscente, il maresciallo dei carabinieri L.L., che viene insieme a un collega. Il maresciallo mi propone di chiamare il suo medico di famiglia e io accetto, perché dopo la discussione e la venuta delle ambulanze sono spaventata: il comportamento della dott.ssa A.B. mi aveva terrorizzata. Arriva il medico, dott. G.L. e si rende conto che la situazione non è poi così grave; mi fa mezza fiala di Valium. Mentre il medico mi fa l'iniezione i carabinieri dicono alla dott.ssa A.B. di andarsene perché non c'è bisogno di lei, non c'è bisogno di niente.

Le ambulanze se ne vanno, ma dopo circa 10-20 minuti tornano con un provvedimento A.S.O. (accertamento sanitario obbligatorio) firmato dal sindaco e richiesto dalla dott.ssa A.B., medico non psichiatra (del 118 di Massa, mentre io sono della provincia di Lucca, cioè fuori dalle sue competenza territoriali)

Non c'era l'urgenza di un di fare un A.S.O. altrimenti perché non lo aveva proposto il dott. G.L.? La situazione era calma, io non rifiutavo le cure, il medico era venuto a casa mia facendomi un'iniezione: mancavano le condizioni necessarie per un ricovero ospedaliero.

L'A.S.O. in ospedale verrà trasformato in T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio) con la motivazione di "agitazione psicomotoria". Dopo essere stata portata via da casa con la forza, mentre non stavo facendo niente, da una dottoressa che si è presentata senza essere stata chiamata, "agitazione psicomotoria" è proprio il minimo che potessi avere!

Mia madre non vuole far entrare il personale dell'ambulanza così loro forzano il cancello, entrano con la forza e la legano, braccia e gambe, per impedirle di difendermi. Mia nonna è spaventata e grida, ma un infermiere le dice di stare zitta. La dott.ssa A.B. mi dice che devo seguirla, altrimenti mi avrebbe portata via con la forza. Salgo sull'ambulanza e piango, sono spaventata e piango, dico che voglio dormire , che voglio essere lasciata in pace e voglio dormire. Sull'ambulanza mi viene fatta una fiala di Largactil.

Mi portano in psichiatria, mi lasciano lì e nessuno mi dice niente. Io piango, sono spaventata, sia a causa della scena violenta avvenuta poco prima a casa, sia perché non capisco per quale motivo sono stata portata lì in quel modo, senza aver fatto nulla. Non posso uscire e non so quando potrò uscire. Gli psicofarmaci che ho assunto non mi calmano ed anzi pregiudicano la mia capacità di comprendere quanto sta succedendo così come la mia capacità di esprimermi chiaramente.

Da questo momento non ricordo più niente fino a parecchie ore dopo, quando mi sveglio legata al letto senza sapere il perché e senza neanche il coraggio di chiederlo. Cerco di restare calma; non reagisco, non chiedo niente ed accetto tutto, perché capisco che reagire potrebbe essere pericoloso. Sono terrorizzata. Mi lasciano ancora a lungo legata al letto, fino alla sera, all'orario delle visite, quando mi tolgono le cinghie perché mia madre non mi veda in quel modo. La fanno entrare dopo averle perquisito la borsa, accompagnata da due guardie giurate con la pistola bene in vista.

Mia madre si rivolge subito ad un avvocato ed il 13 ottobre verrò dimessa.

Durante il T.S.O. vengo trattata con psicofarmaci, prevalentemente neurolettici, soprattutto il primo giorno: Largactil, Tavor, Valium, Risperdal, Stilnox....

Naturalmente nessuno si preoccupa di capire se la mia agitazione possa in realtà essere dovuta ai farmaci precedentemente assunti: le benzodiazepine (Lexotan, Valium, Tavor) possono provocare stati d'agitazione e i neurolettici (Largactil, Risperdal) possono anch'essi provocare forti stati di agitazione psicomotoria (acatisia) e addirittura portare a delirio e allucinazioni. Non mi hanno fatto esami del sangue volti a chiarire se la situazione potesse essere dovuta a reazioni paradosso agli psicofarmaci, ma hanno continuato a somministrarmene fino a stendermi.

In reparto dormo costantemente e sbavo continuamente. Nei momenti in cui mi risveglio mi trovo tutti i capelli appiccicati al viso e al cuscino, tutti pieni di saliva.

All'orario dei pasti non mi è permesso alzarmi dal letto per mangiare nella sala, come fanno tutte le altre degenti. Non posso uscire dalla stanza. Solo il quarto giorno, poco prima di essere dimessa, mi viene permesso di pranzare nella sala, così chiedo ad una ragazza come si trovi in quel reparto e lei mi risponde: "E' come un carcere".

Durante il T.S.O. nessun medico mi visita. La terza sera passa il primario, M.D.F. seguito da altri psichiatri, a cui dice riferendosi a me: "Questa ragazza non ha niente, ha solo litigato con la madre" e passano oltre.

Sempre la terza sera vedo un'altra cosa che mi sembra un po' strana: passa l'infermiera con il carrello dei farmaci dove ci sono tutti i bicchierini con le pasticche e i nomi delle ricoverate. Dentro i bicchierini c'è sempre lo stesso farmaco in diverse dosi: Risperdal, un neurolettico. Così tutte assumevamo lo stesso farmaco, a prescindere da quali fossero i disturbi lamentati e dal perché ci trovassimo lì.

II quarto giorno, quando vengo dimessa, vengo sottoposta ad un colloquio con la dott.ssa M.G.. Lei mi fa diverse domande e io rispondo con calma. Diversi mesi dopo, quando ritiro e leggo la mia cartella clinica, mi accorgo che lei ha selezionato e strumentalizzato le mie parole, rigirandole in modo da giustificare una diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo.

Esattamente in quell'occasione dissi che la mia vita nell'arco dell'ultimo anno era cambiata completamente e che si erano verificate molte situazioni problematiche. Ero costantemente preoccupata, al punto che non riuscivo a smettere di pensare a come avrei potuto risolvere tutte quelle situazioni nuove che si erano presentate: la mia mente era sempre occupata nella ricerca di una soluzione per i miei problemi pratici. Tutti questi problemi mi avevano buttato giù di morale e per questo mi ero rivolta al dott. G.A.. Raccontai di come la meditazione, disciplina che praticavo da anni, mi fosse di grande aiuto in quel periodo. Questa consiste in pratiche di concentrazione volte a calmare il pensiero che è indisciplinato, tendiamo cioè a pensare e reagire in modo automatico secondo modelli precostituiti ed abitudinari. Mediante questo allenamento è possibile imparare a pensare in modo attivo, slegato dai modelli abitudinari di pensieri e reazioni, al fine di risolvere in modo creativo i problemi che si presentano in base alla situazione presente, adottare soluzioni nuove a nuovi problemi, anziché vecchie soluzioni a nuovi problemi.

Leggendo la cartella clinica mi accorgo anche che sugli appunti del 10 ottobre ci sono delle cose che io ho detto il 13 ottobre alla dottoressa M.G.: mi sembra improbabile se non impossibile che io abbia detto le stesse cose e con le stesse parole in due momenti diversi.

Vengo dimessa con un prescrizione di Risperdal, 7,5 mg al giorno, un dosaggio anche abbastanza alto di un farmaco pericoloso, che tra l'altro non è neanche adeguato alla diagnosi (di un disturbo che non ho!). Naturalmente non vengo avvertita dei rischi, non mi viene data alcuna informazione sul farmaco, che mi viene consegnato direttamente dalla dott.ssa e dalla cui confezione manca il foglietto illustrativo.

Sempre al momento della dimissione vengo informata, insieme a mia madre e al mio fidanzato, che mi è stata fatta una puntura e che dovrò tornare lì a ripeterla. Tale iniezione nella cartella clinica non è stata annotata!

Subito prima di essere dimessa viene a parlarmi anche il primario: dice di aver litigato per telefono con il dott. G.A. e che non devo prendere mai più Anafranil, che DEVO scegliere uno psichiatra della struttura e andare lì a curarmi. Dice che DEVO prendere assolutamente il Risperdal (strano perché la sera prima aveva detto che io non avevo niente!). Mi parla con un tono di voce piuttosto autoritario, ripetendo le cose più volte come se si rivolgesse ad una persona che non capisce, mentre io ero solo intontita dai farmaci. Dice al mio fidanzato che non deve farmi tornare a casa, che deve tenermi lontano da mia madre e che se non si prende questa responsabilità non mi faranno uscire (ma che ne sa dei miei rapporti con mia madre, visto che non aveva mai parlato né con me né con lei?).

Tornata a casa sto molto male, sia a causa della violenza subita, sia a causa dei farmaci che continuo a prendere credendo di averne bisogno.
Sbavo, non riesco a parlare correttamente, quando cammino inciampo spesso e cado; incontinenza, insensibilità al dolore, la luce mi da fastidio e i miei sensi sono ovattati; mi viene febbre e una bronchite che durerà fino alla metà dell'estate 2006. Non riesco a far niente, non trovo la forza di alzarmi dal letto, vestirmi e uscire; non riesco più a pensare in modo attivo, ad applicarmi nella ricerca di soluzioni pratiche ai miei problemi quotidiani. Non riesco a concentrarmi su niente, a leggere e neanche a guardare programmi televisivi. Piango spesso, perché la mia vita è completamente cambiata in modo violento e improvviso in seguito al T.S.O.. Ho delle macchie marroni nell'occhio destro e tutta la parte sinistra del viso è eccessivamente rilassata e cadente, mentre la parte destra è contratta; ho spasmi intorno agli occhi e quando parlo storgo la bocca verso destra.

Stavo sempre peggio e non avevo idea che quelli fossero effetti collaterali del Risperdal che provoca ansia, tristezza, sofferenza interiore molto forte e mancanza di voglia di agire.

Ho continuato a prendere il Risperdal per circa 1 mese.

Durante questo periodo il mio fidanzato, vedendo che stavo peggiorando a vista d'occhio, si rivolse al reparto per chiedere cosa dovevo fare, ma venne fermato da un infermiere che gli disse: "Non la riportare assolutamente qui, perché te la ricoverano di nuovo e alla fine te la rovinano del tutto".

Dopo un mese trovo un libro, "Chimica per l'anima", capisco cosa sono i neurolettici e interrompo di colpo e di mia volontà l'assunzione del Risperdal.

Stavo molto male e mi ero rivolta nuovamente al dott. G.A. Nella confusione dell'accaduto e a causa dei farmaci che limitavano la mia capacità di comprensione degli eventi, non avevo capito che era stato lui a farmi ricoverare, io credevo fosse stata la dott.ssa A.B.

Ci torno diverse volte e lui cerca di mettere me e il mio fidanzato contro mia madre e il mio fidanzato contro di me. Ci fa credere che la dott.ssa A.B ha richiesto l'ASO a causa del comportamento di mia madre. Continua a insistere sia con me che con il mio fidanzato che è mia madre la causa del mio malessere, che mi avrebbe rovinato la vita (cosa che diceva spesso anche prima del T.S.O.) e che è lei che deve essere curata.

Insiste così tanto che alla fine io e il mio fidanzato convinciamo mia madre a fare una visita con lo psichiatra che ci consiglia: un certo dott. B.A. Mesi dopo leggerò sulla mia cartella clinica il nome dello psichiatra che ha richiesto il T.S.O. mentre ero in reparto: il dott. B.A., lo stesso amico del dott. G.A. da cui avevamo portato mia madre! Ripensandoci, ricordai come tale dott. B.A. durante la visita con mia madre sembrasse molto imbarazzato: io non lo avevo riconosciuto, ma lui probabilmente si ricordava di me.

Il dott. G.A. insisteva anche su un'altra cosa: io dovevo andare via da casa di mia madre. Cercava di convincere il mio fidanzato a vendere la sua casa a Massa per prenderne una per me ad Ortonovo, dove lui, così disse, aveva il controllo del 118. Gli disse letteralmente: "Così, se la porta ad Ortonovo, ce l'ho sotto la mia cappella"; questo potrebbe anche significare "sotto il mio controllo", ma è anche un doppio senso osceno perché in dialetto cappella significa glande. Mi soffermo su questo particolare poiché lo psichiatra mi aveva già fatto domande strane in passato, del genere "Ma tu desideri il tuo fidanzato? Non è che hai fantasie sessuali verso uomini più anziani di te, figure paterne, che ti diano un senso di autorità e potere?". Queste cose le avevo anche riferite al mio fidanzato, ma lui, plagiato com'era, mi rispondeva che secondo lui erano domande normali, che ero io a trovarle strane "Perché mi fisso, perché sono ossessiva compulsiva", come gli aveva insegnato a dire il dott. G.A..

Il mio ragazzo era preoccupato per me e lo aveva chiamato per telefono diverse volte, a mia insaputa, chiedendogli cosa poteva fare per me, come mi poteva aiutare (io piangevo sempre ma lui non poteva sapere che la causa erano i neurolettici). Egli gli aveva risposto che lui non poteva fare niente per me, "Che la cosa migliore era lasciarmi nelle sue mani, perché solo lui poteva curarmi, perché io ero gravemente malata e non mi rendevo conto della mia malattia. La scelta migliore sarebbe stata lasciarmi, altrimenti io avrei rovinato anche la sua vita, tanto oramai io non sarei stata più bene, sarei costantemente peggiorata, e le persone malate di mente distruggono la vita a chi gli sta vicino."

L'ultima volta che vado dal dott. G.A, c'è una signora in sala d'aspetto: è in cura da lui da 10 anni con psicofarmaci neurolettici; racconta diverse cose sulla sua vita e su come l'ha curata il dott. G.A.. Sembra innamorata di lui! Quando il dottore arriva io, già insospettita dalle parole di questa donna, noto che i due hanno un modo di parlare strano, eccessivamente confidenziale, come se ci fosse tra loro qualcosa che va al di là del normale rapporto che si instaura tra un medico e una paziente. Quindi collego diverse cose tra loro e quando parlo col dottore porto il discorso sul T.S.O., fingendo di incolpare mia madre e conducendolo così ad ammettere che era stato lui a farmi finire in psichiatria: lo ammette sia davanti a me, sia poco dopo, quando faccio entrare mia madre.

Racconto tutto al mio fidanzato e decido di non tornare più a quelle visite: il mio fidanzato, convinto dallo psichiatra durante una telefonata avvenuta subito dopo quest'ultima visita, mi lascia e rimaniamo separati per alcuni mesi. Diversi mesi dopo, quando il mio fidanzato capisce cosa era successo veramente telefona di nuovo al dott. G.A. dicendogli: "Ma cos'ha fatto! Ha fatto il TSO alla mia ragazza e le ha rovinato la vita. Ha rovinato anche il nostro rapporto, per colpa sua ci siamo lasciati". Il dottore gli rispose con un tono di presa in giro: "Oh, mi dispiace, mi scusi", Il mio fidanzato gli disse: "Ma guardi che noi la denunciamo" e G.A. rispose: "Fate pure. Tanto io sono una persona potente e la sua ragazza l'ho fatta passare per matta e nessuno le crederà mai.".

Mi rivolsi ad un altro psichiatra raccontandogli di stare male a causa del TSO: questo faceva finta di credermi ma non mi credeva. Stavo molto male: tutto quello che era accaduto era stato un grande trauma e la mia vita era completamente cambiata. Malgrado l'abuso subito non mi rendevo conto di quanto fosse pericoloso il mondo della psichiatria e continuavo a pensare che con me avevano commesso un errore, che avevo incontrato gli psichiatri sbagliati, che si era verificato un malinteso iniziale che aveva portato al disastro. Continuavo a cercare lo psichiatra giusto, il farmaco giusto.

Le umiliazioni che ho subito da parte dei medici sono innumerevoli: concludevano tutti che se mi avevano fatto il TSO e dato i neurolettici voleva dire che ero malata. Partivano da questo pregiudizio e non c'era assolutamente nessun modo di spiegare come erano andate le cose. Mi prescrivevano sempre nuovi farmaci: Cymbalta, Anafranil, Nopron, Tavor, Valium, Xanax, Lamictal,.... Si verificavano continuamente incomprensioni ed equivoci che potevano espormi al rischio di altri trattamenti dannosi e non necessari.

Questo è continuato fino all'agosto 2006. In quel periodo ero ormai convinta che non sarei mai più stata serena e felice, che la mia vita era finita e che tutto ciò che mi rimaneva era soffocare la mia sofferenza attraverso il Tavor che mi permetteva di sopravvivere, almeno finché avesse funzionato.

Ho cominciato ad informarmi a proposito dei farmaci attraverso internet e mi sono resa conto che abusi come quello che avevo subito io, o anche peggiori, succedono continuamente in psichiatria. Ho visto come molte persone stiano male a causa degli psicofarmaci. Attraverso un libro sono venuta a conoscenza della storia della psichiatria, della sua ideologia e dei metodi brutali da essa adottati nel corso dei secoli.

È stato uno shock, piangevo continuamente. È stato come se, oltre alle mie sofferenze, mi fossero piombate addosso anche quelle di milioni di persone danneggiate dalla psichiatria nel corso dei secoli e nel presente.

Un medico a cui ho raccontato l'abuso subito mi ha creduto. Gli dissi che volevo smettere gli psicofarmaci perché non volevo più assolutamente avere contatti con la psichiatria così mi ha fatto uno schemino per scalare i farmaci.

Smettere i farmaci è stato come un salto nel buio, perché avevo paura di averne bisogno, ma a quel punto la mia convinzione era che se tanto dovevo stare male, potevo farlo benissimo anche senza psicofarmaci e senza psichiatria. Invece con il passare dei mesi sono stata progressivamente meglio: non sono più triste né disperata né spaventata né ansiosa e non penso più che la mia vita sia finita.

Psicologicamente sto bene. Soprattutto non sono più drogata dai farmaci, ho recuperato la mia lucidità così come la mia capacità di interpretare correttamente gli eventi e il mio autocontrollo. Ho ricominciato a vivere e a coltivare i miei interessi e adesso ho tantissimi amici che mi stimano e che, conoscendomi bene, non riescono a comprendere come sia potuta accadere a me questa vicenda così assurda. Anche il rapporto con il mio fidanzato, che il dott. G.A.. aveva rovinato, è tornato soddisfacente, grazie alla mia determinazione di far chiarezza sull'accaduto e di riprendere in mano la mia vita.

Comunque a distanza di 2 anni dal T.S.O. continuo a soffrire di movimenti involontari del volto e talvolta anche degli arti che sono stati causati dai neurolettici. Spesso, a causa di questi spasmi, mi mordo l'interno della bocca durante la masticazione, procurandomi ferite. Inoltre rischio di soffocare, poiché cibi e pasticche mi vanno per traverso, a causa della riduzione della capacità di controllare i miei movimenti volontari.

I medici che mi hanno visitato per questi disturbi mi hanno detto che molto probabilmente oramai non passeranno più. Discinesia tardiva e distonia tardiva. Non esistono neanche cure specifiche per ridurre questi movimenti che sono molto fastidiosi, insistenti e accompagnati da dolore tipo nevralgia.

Questi spasmi rendono tutte le mie ore di veglia senza pace, senza riposo; danneggiano la mia immagine e mi è molto più difficile trovare un lavoro (io ho lavorato in un negozio ed ho esperienza come commessa): molte persone a cui mi sono proposta, vedendo le smorfie sul mio volto, mi hanno trattato con eccessiva gentilezza, una gentilezza compassionevole, dopo di che non mi hanno richiamato.

Magari molte persone mi potrebbero giudicare "malata psichica" a causa di questi movimenti, non sapendo in realtà che sono stati i farmaci a provocarli; e poi anche qualora lo sapessero penserebbero che siccome ho preso i farmaci probabilmente ne avevo bisogno.

MA NON SONO IO A DOVERMI VERGOGNARE PER QUESTA FACCIA DA MANICOMIO!

Ciò influenza negativamente la mia vita sociale e lavorativa, presente e futura, nonché la qualità della mia vita. La meditazione, che io praticavo da moltissimi anni e che era per me un elemento di arricchimento, non potrò più praticarla a causa di questi spasmi. Così come non potrò più coltivare un'altra delle mie passioni, lo snorkeling, non potendo sopportare la maschera sul volto ed avendo perso, dopo il T.S.O., la capacità di nuotare.

LA MIA VITA È COMPLETAMENTE CAMBIATA, CAMBIATA PER SEMPRE. HO UN DANNO PERMANENTE, PERCHÈ? PERCHÈ MI HANNO "CURATO" CONTRO LA MIA VOLONTÀ!!!

Anche per cercare di capire cos'era questo disturbo ho dovuto subire moltissime umiliazioni dai medici. Mi sono rivolta a diversi neurologi e ne ho dovuti girare parecchi prima di trovarne uno disposto a fare gli accertamenti. Uno di loro, dopo cinque minuti, sulla base del fatto che avevo preso per un periodo antidepressivi e per un altro neurolettici, mi chiese se avevo il disturbo bipolare! Ad un altro, che mi aveva fatto la stessa scena, chiesi come si fosse permesso di farmi una diagnosi dopo 5 minuti solo basandosi sui farmaci che avevo preso e senza considerare che il TSO era stato un errore. Mi rispose che se me lo avevano fatto sicuramente avevano ragione, "Sono sicuro che lei è matta e che di TSO gliene faranno ancora tanti nella vita, anzi se non se ne va glielo faccio fare io".

Ti possono fare veramente di tutto perché sanno che non puoi difenderti. Tutto quello che dici o che fai non ha più alcun valore, anzi tutto viene strumentalizzato per essere usato contro di te, come ulteriore prova della tua "malattia mentale". I trattamenti ti possono venire imposti con la forza e tu non li puoi discutere né rifiutare, perché questo è considerato rifiuto della terapia e ulteriore segno di "malattia mentale". Non puoi dire che un determinato farmaco ti fa male perché sei considerato "malato mentale" e quindi non in grado di capire di cosa hai bisogno (come se potessero sapere meglio di te come ti senti!). Se poi dici che non sei malato di mente ma che stai male per qualche situazione contingente allora sei ancora più grave perché non ti rendi conto della tua "malattia". La tua vita non ti appartiene più e se subisci delle violenze queste non sono poi così facili da dimostrare, perché sei screditato, perché sei considerato il "matto" che va a raccontare di aver subito un ingiustizia da parte del suo psichiatra, il quale è considerato autorevole, attendibile e di indubbia moralità. Il tuo "delirio di persecuzione" sarà un ulteriore prova della gravità della tua "malattia", un'ulteriore scusa per sottoporti a ulteriori trattamenti.

È facile entrare in questo meccanismo anche per cose banali e rimanere coinvolti in un susseguirsi di circostanze da cui si potrebbe anche non uscire mai più, anzi da cui spesso non si esce mai.

Quando dobbiamo superare momenti difficili della vita, la società, le persone che ci stanno vicine, le opinioni autorevoli ci insegnano che si può ricorrere all'aiuto di uno psichiatra e degli psicofarmaci, per superare il periodo. Ci viene insegnato che le emozioni negative sono malattie, non normali risposte dell'uomo agli eventi esterni. Ci viene insegnato che si deve essere sempre contenti e soprattutto attivi, tirare avanti in qualsiasi circostanza ed essere come gli altri ci vogliono altrimenti siamo "malati" e ci si deve rivolgere ad uno psichiatra.

LE EMOZIONI NEGATIVE NON SONO MALATTIE.

L'abuso psichiatrico è una violenza che investe il soggetto in tutti i piani dell'essere: fisico, mentale, sociale, emotivo, etc.. Penso che sia una delle esperienze peggiori che si possono fare nella vita. È una totale privazione del diritto di gestire la propria vita; è peggio del carcere: non si è accusati di un reato ma di un pensiero, non c'è un processo, non si ha diritto ad una difesa.

Loro vogliono chiamarsi medici dell'anima ma sono come poliziotti della mente. IL LORO FINE NON E' IL BENESSERE DEL PAZIENTE, MA IL CONTROLLO E LA REPRESSIONE DELLE MANIFESTAZIONI ESTERNE DELLE SUE SOFFERENZE.

Ascoltano i loro pazienti a partire da una diagnosi fatta superficialmente e questa diagnosi costituisce un pregiudizio, perché non si può assolutamente "vedere" chi ci sta davanti quando partiamo dalla convinzione che ogni pensiero e ogni comportamento siano frutto di un processo psicopatologico.

GLI PSICHIATRI PRESCRIVONO TRATTAMENTI CHE DISTRUGGONO FISICAMENTE I PROPRI PAZIENTI E LO FANNO CONSAPEVOLMENTE !!!
LORO, SONO “SANI DI MENTE” ?!


Voi che ne dite?


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 27 dic 2007, 23:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 29 nov 2008, 17:35
Messaggi: 120
Ha detto bene, è peggio del carcere! Molto peggio! E questo è quello che succede CONTINUAMENTE! Succede alla maggior parte degli addotti, creduti pazzi a prescindere, succede che i genitori e i parenti della persona si lasciano convincere da quelle teste di ca....... mmmh a me ste cose me fanno proprio incazzà. Insomma, i parenti vengono convinti che il paziente sia malato di mente, che debba curarsi. Ma non capiscono che non è una malattia che si cura con delle medicine, forse non è neanche una malattia. So di un medico che con la terapia del suono ha curato un' alta percentuale do schizofrenici, facendogli sentire un suono che comprendeva tutte le frequenze (a sentirlo è come un fruscio). Insomma, le cure ci sono, basta informarsi e non fidarsi assolutamente di un *** che, solo perchè ha una laurea, si crede di poter fare quello che *** gli pare.
O no?

_________________
Chi vuol muovere il mondo, prima muova se stesso.
Socrate

Ignorance is the night of the mind, but a night without moon and star.
Confucio


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 28 dic 2007, 0:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
Precisamente! Concordo appieno!!!!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 28 dic 2007, 15:36 
Per non parlare del ritalin, recentemente reimmesso in commercio in italia, che ha causato centinaia di morti tra i bambini che lo assumevano, principalmente per suicidio o attacco cardiaco.
Il ritalin è uno psicofarmaco messo a punto per curare una malattia inventata dalla stessa casa produttrice del farmaco, la novartis. La presunta malattia sarebbe la sindrome da iperattività e deficit di concentrazione (ADHD). In sostanza i bambini vivaci, che non hanno voglia di studiare nè di starsene fermi e buoni sono considerati malati e trattati con uno psicofarmaco. In realtà il principio attivo del ritalin è un'amfetamina, dei cui effetti reali non si sa molto.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 28 dic 2007, 17:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
Bravo, infatti questa storia del disturbo di iperattività mi è sempre sembrata una grande ***. E' venuta fuori giusto da un paio di anni con prepotenza e sembra quasi sia una malattia mortale... ma anche se fosse un disturbo reale, c'è bisogno di curarlo?? E con quel farmaco per giunta??


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 29 dic 2007, 1:36 
Ovviamente no, perchè i bambini vivaci non sono malati, però non sono adatti a vivere in questa società, cui tutti devono piegarsi, per poter essere consumati per bene dal sistema, perciò vanno sedati, inibiti.
E a questo proposito penso anche all'uso enorme che viene fatto di antidepressivi ad esempio. La depressione non è una malattia, è un sintomo di qualcosa che non va. La vera malattia è la vita che conduciamo, ed il nostro organismo e la nostra mente si ribellano a tutte queste imposizioni assurde, inaccettabili ed insopportabili. Ecco in che modo (uno dei tanti) la psichiatria si rivela la scienza del controllo sociale, permettendo alle persone di sfuggire al problema e non risolverlo, lasciandole morire lentamente senza che esse se ne accorgano, e quindi prevenendo una loro presa di coscienza ed eventualmente addirittura una loro ribellione, come può essere abbandonare la schiavitù del lavoro, rinunciare alle piccole cose cui il plagio sociale ci ha reso attaccati, come al cellulare, alla macchina, ai vestiti di marca, ed al limite anche andare a vivere di accattonaggio ed espedienti, risultando così un sassolino nella scarpa di questa società dello shopping.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 29 dic 2007, 11:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
sì, giustissimo, mi trovi pienamente daccordo. Interessante anche che in effetti la psichiatria, in uso massiccio e indiscriminato, diventa uno strumento repressivo e basta, uno dei tanti.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 1 gen 2008, 20:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
CITAZIONE (JENA78 @ 29/1/2008, 10:01)
sì, giustissimo, mi trovi pienamente daccordo. Interessante anche che in effetti la psichiatria, in uso massiccio e indiscriminato, diventa uno strumento repressivo e basta, uno dei tanti.

Quali altri sistemi repressivi conosci?Si potrebbe aprirne un thread...
152

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 1 gen 2008, 21:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
di tutti i tipi: dalla burocrazia, alle tasse, agli affitti, alle mode, all'esercito... un'infinità, in tutti i campi!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 6 feb 2008, 16:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Comunque se ne parli con uno psichiatra ti ride dietro...anzi ti dice che son ca***te!
Su un forum ho passato il link dell'abuso a una che stava parlando di psicofarmaci, e sta qua (non lo sapevo!) mi ha detto che son un mucchio di cacchiate! :woot:
Anzi ha detto che gli psicofarmaci servono nei casi di depressione grave!
Comunque secondo me, gli scientisti possano essere mandati al rogo, non è vero che il pensiero è un innesto di reazioni chimiche per cui loro evincono che dando certi reagenti si possa cambiare l'umore...no!
Noi siamo di più!
Secondo me la psicologia è un aiuto a 'sti depressi mentre la psichichiatria non mi spira
Grazie a voi che me l'avete fatto scoprire! :D
341

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 23:29 
Ma anche fossero i pensieri semplici reazioni chimiche, come fai a capire che una certa molecola va proprio a modificare QUELLA zona di mappa?
Statistica? Ma fammi il piacere. Non lo puoi notare nemmeno con la strumentazione più moderna, poiché è il contenuto della mappa che cambia. E magari ti va a beccare pesantemente anche il sistema nervoso... ah già, quelli si chiamano "effetti collaterali"!

La depressione è uno stato mentale, ed è utile tanto quanto la gioia e la felicità. C'è, quindi serve.

Assumere psicofarmaci per controllare aree già danneggiata è tutt'altra cosa, che guarda caso viene prescritta in contesti fortemente specifici.
Ma chiunque di noi, se va dallo psichiatra, se ne esce con una manciata di farmaci. Questo non va proprio bene, c'è qualcosa che non quadra.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 23:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
CITAZIONE Anonimo @ 10/3/2008, 22:29)
Assumere psicofarmaci per controllare aree già danneggiata è tutt'altra cosa, che guarda caso viene prescritta in contesti fortemente specifici.
Ma chiunque di noi, se va dallo psichiatra, se ne esce con una manciata di farmaci. Questo non va proprio bene, c'è qualcosa che non quadra.

Quoto tutto...in particolare quest'ultima frase!
Mi ha colpito, mi ha fatto subito venire in mente la medicina del cavolo (non tutta eh!) di questo periodo!
Hai mal di testa...e giù con i farmaci...starnutisci...e giù con le aspirine...febbre a 38...tachipirine "a ufo" [cit."Promessi sposi"]...hai solo un attimo di malumore e giù con gli psicofarmaci...
possibile che nessuno non si fidi più della natura?Se madre natura ha voluto che venisse la depressione in queste circostanze, ci sarà un motivo?
Chissà perchè gli hanno inventati...$?
374

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 23:52 
Se poi pensi che la depressione è una delle chiavi fondamentali della ricerca di se stessi...

Conviene più mantenere una dipendenza medico-paziente-farmaco, garantendo quindi un continuo guadagno nel tempo, oppure favorire una buona cultura sanitaria e lasciare che la gente non deleghi più nessuna figura "speciale" per la propria salute?

E' il solito meccanismo che ritrovi in ogni ambito. Persino in quello informatico, dove sono proprio le case produttrici di antivirus a sfociare continuamente virus sempre più pericolosi. Meditare, meditare...


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 10 feb 2008, 23:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
non tanto per i soldi, sef, ma per il controllo. Comunque non mi pronuncio su madre natura che con lei ciò un conto in sospeso! :P

CITAZIONE
La depressione è uno stato mentale, ed è utile tanto quanto la gioia e la felicità. C'è, quindi serve.

questa è un'ottima massima! ;) mi associo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 24 ago 2009, 12:16 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Ho avuto a che fare, di persona, con molte persone a cui sono stati somministrati molti e diversi psicofarmaci in passato.
Ci credete se vi dico che sono stati i soggetti più difficili da trattare con le tecniche di guarigione alternative?
Queste persone sono state letteralmente distrutte dagli psicofarmaci.
Non prendetene nemmeno uno, nemmeno un pò, anche se ve li prescrivono!
Volevano intossicare persino mia mamma, solo perchè non dormiva bene (sic).



Muore in reparto psichiatrico, aveva polsi e caviglie legati
da Liberazione del 13 agosto 2009
di Daniele Nalbone


Francesco Mastrogiovanni è morto legato al letto del reparto psichiatrico dell'ospedale San Luca di Vallo della Lucania alle 7.20 di martedì 4 agosto.
Cinquantotto anni, insegnante elementare originario di Castelnuovo Cilento, era, per tutti i suoi alunni, semplicemente "il maestro più alto del mondo". Il suo metro e novanta non passava inosservato. Inusuale fra la gente cilentana. Così come erano fuori dal comune i suoi comportamenti, «dolci, gentili, premurosi, soprattutto verso i bambini» ci racconta la signora Licia, proprietaria del
campeggio Club Costa Cilento. E' proprio lì che la mattina del 31 luglio decine di carabinieri e vigili urbani, «alcuni in borghese, altri armati fino ai denti, hanno circondato la casa in cui alloggiava dall'inizio di
luglio per le vacanze estive». Uno spiegamento degno dell'arresto di un boss della camorra per dar seguito a un'ordinanza di Trattamento Sanitario Obbligatorio (competenza, per legge, solo dei vigili urbani) proveniente dalla giunta comunale di Pollica Acciaroli.
Oscuri i motivi della decisione: si dice per disturbo della quiete pubblica. Fonti interne alle forze dell'ordine raccontano di un incidente in cui, guidando contromano, alcune sere prima, avrebbe tamponato quattro autovetture parcheggiate, «ma nessun agente, né vigile, ha mai contestato qualche infrazione e nessuno ha sporto denuncia verso l'assicurazione» ci racconta Vincenzo, il cognato di Francesco.
Mistero fitto, quindi, sui motivi dell'"assedio", che getta ovviamente nel panico Francesco.
Scappa dalla finestra e inizia a correre per il villaggio turistico, finendo per gettarsi in acqua. Come non bastassero carabinieri e vigili urbani «è intervenuta una motovedetta della Guardia Costiera che dall'altoparlante avvertiva i bagnanti: "Caccia all'uomo in corso"» racconta, ancora incredula, Licia.
Per oltre tre ore, dalla riva e dall'acqua, le forze dell'ordine cercano di bloccare Francesco che,
ormai, è fuori controllo. «Inevitabile » commenta suo cognato «dopo quanto gli è accaduto dieci anni fa».
Il riferimento è a due brutti episodi del passato «che hanno distrutto Francesco psicologicamente» spiega il professor Giuseppe Galzerano, suo concittadino e carissimo amico, come lui anarchico.
Il 7 luglio 1972 Mastrogiovanni rimase coinvolto nella morte di Carlo Falvella, vicepresidente del Fronte universitario d'unione nazionale di Salerno: Francesco stava passeggiando con due compagni, Giovanni Marini e Gennaro Scariati, sul lungomare di Salerno quando furono aggrediti, coltello alla mano, da un gruppo di fascisti, tra cui Falvella. Il motivo dell'aggressione ce la spiega il professor Galzerano: «Marini stava raccogliendo notizie per far luce sull'omicidio di Giovanni, Annalisa, Angelo, Francesco e Luigi, cinque anarchici calabresi morti in quello che dicono essere stato un incidente stradale nei pressi di Ferentino (Frosinone) dove i ragazzi si stavano recando per consegnare i risultati di un'inchiesta condotta sulle stragi fasciste del tempo».
Carte e documenti provenienti da Reggio Calabria non furono mai ritrovati e nell'incidente, avvenuto all'altezza di una villa di proprietà di Valerio Borghese, era coinvolto un autotreno guidato da un salernitano con simpatie fasciste.
Sul lungomare di Salerno, però, Giovanni Marini anziché morire, uccise Falvella con lo stesso coltello che questi aveva in mano. Francesco Mastrogiovanni fu ferito alla gamba. Nel processo che seguì, Francesco venne assolto dall'accusa di rissa mentre Marini fu condannato a nove anni.
Nel 1999 il secondo trauma. Mastrogiovanni venne arrestato «duramente, con ricorso alla forza, manganellate, e calci» spiega il cognato Vincenzo, per resistenza a pubblico ufficiale. Il motivo? Protestava per una multa. In primo grado venne condannato a tre anni di reclusione dal Tribunale di Vallo di Lucania «grazie a prove inesistenti e accuse costruite ad arte dai carabinieri». In appello, dalla corte di Salerno, pienamente prosciolto. Ma le botte prese, i mesi passati ai domiciliari e le angherie subite dalle forze dell'ordine lasciano il segno nella testa di Francesco.
«Da allora viveva in un incubo» racconta Vincenzo fra le lacrime.
«Una volta, alla vista dei vigili urbani che canalizzavano il traffico per una processione, abbandonò l'auto ancora accesa sulla strada e fuggì per le campagne. Un'altra volta lo ritrovammo sanguinante per essersi
nascosto fra i rovi alla vista di una pattuglia della polizia ». Eppure da quei fatti Mastrogiovanni si era ripreso alla grande, «tanto da essere diventato un ottimo insegnante elementare», sottolinea l'amico
Galzerano, «come dimostra il fatto che quest'anno avrebbe finalmente ottenuto un posto di ruolo, essendo diciottesimo nella graduatoria provinciale».
Era in cura psichiatrica ma si stava lasciando tutto alle spalle.
Fino al 31 luglio.
Giorno in cui salì «di sua volontà» sottolinea Licia del campeggio Club Costa Cilento «su un'ambulanza chiamata solo dopo averlo lasciato sdraiato in terra per oltre quaranta minuti una volta uscito
dall'acqua». Licia non potrà mai dimenticare la frase che pronunciò Francesco in quel momento: guardandola, le disse: «Se mi portano all'ospedale di Vallo della Lucania, non ne esco vivo».
E così è stato.
Entrò nel pomeriggio di venerdì 31 luglio per il Trattamento Sanitario Obbligatorio. Dalle analisi risultò positivo alla cannabis. La sera stessa venne legato al letto e rimase così quattro giorni. La misura non
risulta dalla cartella clinica, ma è stata riferita ai parenti da testimoni oculari. E confermata dal medico legale Adamo Maiese, che ha riscontrato segni di lacci su polsi e caviglie della salma durante l'autopsia. Legato al letto per quattro giorni, quindi. Fino alla morte sopravvenuta secondo l'autopsia per edema polmonare.
Sulla vicenda la procura di Vallo della Lucania ha aperto un'inchiesta e iscritto nel registro degli indagati i sette medici del reparto psichiatrico campano che hanno avuto in cura Mastrogiovanni.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 15 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010