Oggi è lun 1 giu 2020, 1:40

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
Messaggio da leggereInviato: mer 24 feb 2010, 17:40 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Di seguito riporto un articolo del New York Times che ho tradotto io stesso in italiano, in quanto l'unica traduzione presente su internet è stata fatta malissimo in quanto effettuata con un traduttore automatico e da chi non si è preso nemmeno la briga di correggere le traduzioni palesemente sbagliate o addirittura mancanti. Ho deciso di tradurre l'articolo io stesso perché conosco il problema, lo ritengo importante e non ho mai letto nulla in proposito in Italia.



Attenzione: mai bere acqua calda di rubinetto
Fonte: http://www.nytimes.com/2008/01/29/healt ... ref=slogin
Articolo originale del 29 gennaio 2008
Traduzione di Luciano


(!empty($user->lang['IMAGE'])) ? $user->lang['IMAGE'] : ucwords(strtolower(str_replace('_', ' ', 'IMAGE')))
L'avviso sembra una bufala, ma gli scienziati ambientali assicurano che è tutto vero.

La ragione è che l'acqua calda dissolve gli elementi contaminanti molto più velocemente di quella fredda, e molte tubature casalinghe contengono piombo che può percolare nell'acqua corrente. Il piombo può danneggiare il cervello e il sistema nervoso, specialmente nei bambini.

Il piombo è raramente presente dell'acqua di sorgente, ma può entrarci attraverso tubature corrose. L'Environmental Protection Agency (Agenzia di Protezione Ambientale, ndt) assicura che le case più vecchie hanno più probabilità di avere tubi e impianti in piombo, ma che anche le più recenti tubature pubblicizzate come "senza piombo" possono ancora contenerne l'8% circa. Uno studio pubblicato su The Journal of Environmental Health (La Gazzetta della Salute Ambientale, ndt) nel 2002 ha scoperto che l'acqua di rubinetto rappresenta dal 14% al 20% della totalità dell'esposizione al piombo.

Gli scienziati sottolineano che il rischio è piccolo. Per minimizzarlo ulteriormente, L'EPA (Environmental Protection Agency, ndt) consiglia di usare sempre l'acqua fredda per preparare omogeneizzati per i bambini, per cucinare e per bere. Avverte inoltre che l'acqua bollente non rimuove il piombo (dalle tubature, ndt) ma può effettivamente aumentare la sua concentrazione. Altre informazioni su http://www.epa.gov/lead/.

Riassunto: l'acqua calda di rubinetto non dovrebbe mai essere utilizzata per cucinare o per bere.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: mer 24 feb 2010, 22:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
l'idea di fondo è giusta, ma le tubature del sistema idraulico interno (che è dove l'acqua si riscalda) non sono di plastica?

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 25 feb 2010, 1:59 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:23
Messaggi: 591
Località: Torino
Non ho mai sentito parlare di tubature di piombo (nell'era moderna): se così fosse sarebbero velenosissime anche con l'acqua fredda.

Riporto questo pezzo che ho trovato in questo articolo:
Citazione
Le tubature in piombo oggigiorno non possono più venire utilizzate, ma sono molto diffuse nelle case vecchie, costruite, presumibilmente, prima del 1930. Si usa ricordare questa data un po' approssimativamente, ma non siamo in grado di garantire che la pratica si sia estinta del tutto anche successivamente. Fino al 1986 ad esempiosi usava questo metallo anche per saldare i tubi di rame.

_________________
È difficile vedere un gatto nero in una stanza buia, specialmente quando il gatto non c'è.
(Proverbio cinese)


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 25 feb 2010, 14:37 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Se l'EPA, che non è proprio il giornalino della scuola, ha trovato ciò nelle case, è evidente che c'è. Non sarebbe di certo la prima volta che ci truffano sui materiali e poi anni dopo vengono fuori gli scandali vari e tutte le malattie. E' stato precisato che non solo nei vecchi impianti, ma anche nei nuovi succede.

L'unica cosa di cui si può tener conto è che l'indagine è statunitense e non italiana, ma qui le cose vanno anche peggio a volte, quindi non me ne stupirei.

Aggiungo infine che a livello popolare si sa da molto che non è bene bere l'acqua calda dal rubinetto o usarla per cucinare: e non è solo l'acqua in sé, ma il suo riscaldamento. Chi ha una caldaia sa di che parlo: altissima temperatura nelle tubature che passano vicino alla fiamma. E lì di sicuro non è in plastica, ma in metallo.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 25 feb 2010, 15:56 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:23
Messaggi: 591
Località: Torino
Meno male che vicino alla fiamma è metallo e non plastica ^^
L'acqua calda di sicuro non è il massimo perchè oltre a sciogliere numerosi contenuti chimici è anche di solito più ricca di cloro, in quanto nel caldo i batteri si sviluppano più facilmente.
Ma riguardo al piombo ieri riflettevo su una cosa: se è vero che l'acqua calda sia più vicina come temperatura al punto di fusione del piombo rispetto a quella fredda quindi potrebbe disciogliere qualche atomo in più, rispetto all'uso che ne si fa la quantità di piombo sarebbe comunque inferiore a quello nell'acqua fredda, che comunque ne discioglierebbe in parte anche se minore. Cioè mi riferisco al fatto che nonostante la differenza di temperatura sono entrambe lontanissime dal punto di fusione del piombo, e anche l'acqua fredda trasporterebbe un quantitativo considerevole di piombo.
Quindi se davvero ci fosse piombo nelle tubature, sarebbe bene non usarla per bere nè per cucinare, indistintamente dal fatto che sia calda o fredda.

_________________
È difficile vedere un gatto nero in una stanza buia, specialmente quando il gatto non c'è.
(Proverbio cinese)


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 25 feb 2010, 16:42 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Ma infatti:
Citazione
l'acqua calda dissolve gli elementi contaminanti molto più velocemente di quella fredda
[...]
l'acqua bollente non rimuove il piombo (dalle tubature, ndt) ma può effettivamente aumentare la sua concentrazione

Pare si tratti non tanto del piombo nelle tubature ma di sostanze superficiali con cui le tubature sono rivestite: sciogliendo anche di poco quelle sostanze, si libera un po' di piombo, sono tracce ma nel nostro organismo non dovrebbero esserci comunque, tant'è vero che anche pochissimo piombo causa avvelenamento.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
Messaggio da leggereInviato: gio 22 apr 2010, 16:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Che io sappia l'acqua di Cuneo (non so la vostra) viene quotidianamente controllata. Una volta trovarono tracce di mercurio (e per piccole intendo che se bevete due piscine al giorno potreste morire di avvelenamento da mercurio) e probabilmente per un pò dovettero bloccare l'approvigionamento idrico. Ma se le tubature di piombo sono della mia ultima casa, che è una residenza di cento anni fa? (esempio) Bè, effettivamente non c'è nessuna analisi che controlli l'acqua nell'ultimo percorso, poco prima dell'approvvigionamento dell'utenza (altrimenti chissà che costi XD), ovvero dove potrebbero esserci tubature al piombo.
Comunque, come dice giustamente lo scienziato "il rischio è piccolo".
Secondo me cambia poco se calda o fredda(come dice Edo), se il piombo rimane nell'acqua senza sciogliersi (cioè come precipitato, e non so se vi è mai capitato di trovare precipitati nell'acqua di casa) fa male lo stesso, a meno che non vi mettiate a filtrare l'acqua ogni volta :P E se le quantità del piombo son piccole, son invisibili a occhio nudo, data la loro microscopicità.
Citazione
l'idea di fondo è giusta, ma le tubature del sistema idraulico interno (che è dove l'acqua si riscalda) non sono di plastica?

infatti, ho pensato la stessa cosa! Dopotutto il riscaldamento dell'acqua avviene dopo il presunto raccoglimento di piombo.
Citazione
L'acqua calda di sicuro non è il massimo perchè oltre a sciogliere numerosi contenuti chimici è anche di solito più ricca di cloro, in quanto nel caldo i batteri si sviluppano più facilmente.

Quasi tutti i gas diminuiscono la solubilità all'aumentare della temperatura, come so di per certo che succede per l'ossigeno e l'azoto, quindi forse è il contrario di quello che dici tu. Non so se i batteri si sviluppino maggiormente col caldo, ma tanto il cloro li dovrebbe ammazzare (guarda, ti assicuro che l'acqua prima di arrivare nel rubinetto fa tanti di quei trattamenti che non hai idea, l'ho dovuto studiare, anche se come argomento non mi è mai piaciuto xD). E quando l'acqua arriva nel bicchiere si spera abbia disperso l'ossigeno ma soprattutto il cloro :lol , penso che comunque basti tenere il bicchiere aperto per un pò.
Morale della favola: porto l'acqua di casa mia in laboratorio e cerco se ci sono ioni tossici in circolo =|

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010