Oggi è dom 24 mar 2019, 1:11

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 25 set 2008, 16:45 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Pi Greco: Il teorema del delirio

Wikipedia


Pi Greco: Il teorema del delirio ("π" o "Pi" o "Pi greco") è un film del 1998 del regista americano Darren Aronofsky.

Pellicola indipendente a basso costo, ingegnosa e paranoica, approda a temi metafisici partendo da un presupposto razionale. Il film è caratterizzato dall'impiego di camere a spalla, di pellicole bianco e nero dal contrasto e dalla grana molto spinti e dal montaggio ipercinetico. L' atmosfera alienante è enfatizzata dalla colonna sonora in cui figurano Orbital, GusGus, Clint Mansell, Aphex Twin, Massive Attack e Spacetime Continuum. Un film impegnativo e, proprio per questo, affascinante, che ha trionfato al Sundance Film Festival ed ha ricevuto numerosi altri riconoscimenti a livello internazionale.


Trama

Maximillian Cohen (Sean Gullette), matematico geniale quanto eccentrico, soffre di continue emicranie causate dall'aver guardato direttamente il sole a 6 anni; è costretto a fare uso massiccio di pillole per ridurre i dolori. Uomo solitario, vive quasi in reclusione nel suo appartamento-laboratorio ed il suo unico amico è il professore Sol Robeson (Anonimo Margolis). Max crede in alcuni principi che regolano la sua vita: la matematica è il linguaggio della natura; ogni cosa esistente può essere spiegata e rappresentata con i numeri; in qualsiasi situazione, se analizzata a fondo, emergono degli schemi. Sulla base di tali principi, Max cerca di ottenere uno schema che gli permetta di predire le quotazioni in borsa. La sua ricerca lo porta ad essere oggetto di pericolose attenzioni da parte di alcuni emissari di un'azienda quotata a Wall Street, la quale spera di speculare sulle eventuali scoperte di Max, e che pertanto si spinge fino a sponsorizzarlo e minacciarlo per incentivare le sue ricerche. Max, inoltre, viene in contatto con un ebreo ortodosso seguace della Torah, che gli spiega come ad ogni lettera dell'alfabeto ebraico corrisponda un numero: a questo punto il misticismo cabalistico e le credenze ebraiche si fondono con ciò che Max (ebreo egli stesso) ritiene puro e razionale.
Quando, finalmente, Max sembra essere riuscito nell'impresa, il suo computer si guasta irreparabilmente; non prima, però, di aver stampato una sequenza di oltre 200 cifre. A questo punto ne parla con il suo amico Sol, che gli spiega di essersi già imbattuto in un caso del genere quando da giovane faceva ricerche sul pi greco; tuttavia il suo consiglio è di desistere da ulteriori ricerche, perché in gioco vi è la sanità mentale. Poco dopo, Max viene rapito e condotto a forza al cospetto del rabbino Cohen (suo omonimo). Il rabbino, dapprima apparentemente benevolo, gli spiega che il vero nome di Dio altro non è che la traslitterazione della serie numerica da lui scoperta. Quando Max dimostra di non volerne sapere, il Rabbino si mostra per ciò che è veramente, ossia un uomo senza scrupoli, disposto a tutto pur di avere quella serie, poiché il vero nome di Jahvé è un segreto sacerdotale andato perduto in seguito alla distruzione romana del Tempio di Gerusalemme. Max si ribella e scappa, una fuga delirante e allucinata che lo conduce lontano dagli sterili interessi economici e dalle sterili speculazioni ortodosse. Fugge anche dalla sua stessa razionalità giunta al punto da rendere irrazionale, paradossalmente, la sua stessa esistenza. Verso la fine del film, una scena emblematica apre la possibilità di interpretare il film in maniera opposta: Max, infatti, dopo aver evidenziato con un pennarello una protuberanza che possiede poco sopra l'orecchio destro, prende un trapano e lo infila proprio nel punto evidenziato. Una prima possibilità è che con una sorta di nemesi volontaria, egli abbia dimenticato il significato della sua ricerca e la prodigiosa capacità di elaborazione, sua forma mentale: rivelazione conclusiva che mostrerebbe come l'incomprensibile e l'inconcepibile non possano essere spiegati né calcolati se non rischiando la dissoluzione personale. Pertanto, la scena con il trapano avrebbe solo valenza simbolica. Una seconda possibilità è che egli si sia effettivamente suicidato e che sia invece la scena finale (cioè mentre parla con una bambina e non riesce a calcolare una semplice moltiplicazione) ad avere valenza simbolica: egli si è spinto talmente oltre, nelle sue ricerche matematiche, da perdere completamente il contatto con la vita e la realtà e, dopo aver perso l'ultimo barlume di equilibrio mentale, si suicida perché conscio di non poter più vivere serenamente.



image
Titolo originale: Pi
Paese: USA
Anno: 1998
Durata: 84'
Colore: bianco e nero
Audio: sonoro dolby
Genere: thriller fantascientifico
Regia: Darren Aronofsky
Soggetto: Darren Aronofsky (romanzo)
Sceneggiatura: Darren Aronofsky

Interpreti e personaggi
* Sean Gullette: Maximillian Cohen
* Anonimo Margolis: Sol Robeson
* Ben Shenkman: Lenny Meyer
* Pamela Hart: Marcy Dawson
* Stephen Pearlman: Rabbi Cohen

Premi:
* Thessaloniki Film Festival - premio FIPRESCI con menzione speciale (1998)
* Sundance Film Festival - Premio alla regia (1998)
* Málaga International Week of Fantastic Cinema - Premio come menzione speciale (1999)
* Independent Spirit Awards 1999: miglior sceneggiatura d'esordio
* Independent Spirit Awards - Miglior film di debutto
* Gotham Awards - Premio Open Palm al regista (1999)
* Gijón International Film Festival - Grand Prix Asturia al regista (1999)
* Florida Film Critics Circle Awards - premio FFCC rivelazione dell'anno al regista (1999)
* Fant-Asia Film Festival - terzo posto come miglior film internazionale (1999)
* Deauville Film Festival - Candidato come Grand Special Prize (1999)
* Chlotrudis Awards - candidato al premio Chlotrudis Award come miglior film

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: ven 16 gen 2009, 18:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 21 nov 2008, 22:46
Messaggi: 699
questo l'ho visto, veramente molto bello se vi piacciono i film strani :DD
da apprezzare la tecnica del bianco e nero e le inquadrature, specie nella scena dell'inseguimento, danno proprio il senso della tensione, della realtà vista dal protagonista ;)

_________________
Ma cosa crede che noi cattolici siamo tutte pecorelle-signorsì come piacerebbe a qualche eminentissimo prelato? Ma non ha ricordato lei stesso che abbiamo per maestro uno che non amava il potere, meno che mai il potere religioso? (V. Mancuso)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: gio 14 mag 2009, 22:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 20 dic 2008, 19:23
Messaggi: 291
Località: Messina
Deve essere estremamente bello e interessante :woot
Vediamo se riesco a trovarlo in qualche videoteca ^^


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: sab 16 mag 2009, 11:22 
"mia madre mi diceva sempre di non guardare il sole in modo diretto... un giorno però a 12 anni lo feci..."


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 13:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
è un piccolo capolavoro. il matematico: insostenibile! la sua vicina di casa: Sostenibile! :wub


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 15:18 
Citazione (Jena)
è un piccolo capolavoro. il matematico: insostenibile! la sua vicina di casa: Sostenibile! :wub

Il ruolo del matematico mi piace da matti, così saggio e antico.

Immagina la medesima scena tra dieci anni:
...
Luciano: ...le abduction spiegano tutto nella natura umana... La Torah! Gli alieni!
Malanga: Questa è insanità, Luciano.
Luciano: O forse è genio! Posso provarlo!
Malanga: Calmati! Ti stai confondendo, fai un respiro! Ascoltati! Stai associando un bug ipnotico con qualche cretinata religiosa. Se vuoi trovare gli alieni sulla terra, sarai capace di trovarli ovunque. Alieni dal tuo incrocio fino alla tua porta. Alieni che contano i piani del tuo ascensore. Quando la tua mente si ossessiona con qualcosa, filtri ogni cosa affine e te la ritrovi ovunque.
Malanga: Luciano. Nel momento in cui tralasci il rigore scientifico, non sei più un ricercatore, ma un fanatico.

rofl rofl rofl rofl rofl


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 15:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Ahahahahah :lol Anonimo perchè invece di stare lì ad ammuffirti a fare il programmatore,non ti metti a fare lo sceneggiatore asd ?Il talento non ti manca di certo e nemmeno gli argomenti.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 15:41 
Citazione (G-chan)
Ahahahahah :lol Anonimo perchè invece di stare lì ad ammuffirti a fare il programmatore,non ti metti a fare lo sceneggiatore asd ?Il talento non ti manca di certo e nemmeno gli argomenti.

Ahahahah.... dai no, ho semplicemente cambiato un paio di termini nel dialogo originale.
Al posto di Luciano metti me, togli "alieni" e mettici "archetipi".
Al posto di me mettitici te, togli "archetipi" e mettici "***".

Direi che è quasi da polygen. :lol

P.S.: Jena, ma che fine ha fatto la siga nel tuo avatar?


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 15:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Anonimo...ERRORE...non *** ma ***...mica sono un milanese o pseudo tale asd

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 17:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
Citazione
P.S.: Jena, ma che fine ha fatto la siga nel tuo avatar?

il mio avatar non lo amministro + dal 1958 :lol


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Pi Greco: Il teorema del delirio
Messaggio da leggereInviato: dom 14 giu 2009, 17:19 
Citazione (Jena)
Citazione
P.S.: Jena, ma che fine ha fatto la siga nel tuo avatar?

il mio avatar non lo amministro + dal 1958 :lol

Capito, l'avatar ha smesso di fumare.


Top
 
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010