Oggi è mar 27 ott 2020, 7:45

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 12:00 
image

In un paese dell’America del sud, quattro uomini sono condannati a morte. Viene però data loro una possibilità per salvarsi la vita. Ognuno di loro porta un cappello: viene detto a loro che due indossano un cappello bianco, e due nero, ma nessuno di loro sa di quale colore è il proprio cappello. Per complicare le cose, vengono bloccati al suolo, uno dietro l’altro in fila indiana in modo tale che è impossibile per loro voltarsi. Tra A e B è eretto un muro oltre il quale non è possibile vedere. Il boia spiega a loro che per essere graziati basta che in 5 minuti uno di loro indovini il colore del proprio cappello. Se però sbaglia tutti e quattro saranno immediatamente giustiziati. E’ vietato parlare tra loro e scambiarsi qualsiasi tipo di informazione.

Dopo un minuto uno dei quattro condannati risponde salvando la vita a tutti.

Sapresti dire quale dei quattro risponde esattamente e perché è così certo della sua deduzione?

Non ci sono trabocchetti (non c’è, ad esempio, uno specchio sul muro o altre cose strane). Non esiste alcun elemento esterno che li possa aiutare a rispondere né alcun mezzo per comunicare. In definitiva, A e B non possono vedere altro che la facciata del muro che sta davanti a loro , C può vedere il cappello di B, e D può vedere quelli di B e C.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 12:13 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
Risolto:

C vede che B ha un cappello nero.
Allora pensa: "se D vedesse il mio cappello e se fosse nero, vedrebbe due cappelli neri.
E quindi dovrebbe rispondere subito che il suo cappello è bianco. E invece non l'ha fatto. Allora io devo avere un cappello bianco!"
E così C salva la vita ai compagni, dicendo che il suo cappello è bianco. Lo stesso ragionamento si può applicare nel caso che il suo cappello sia nero, sarebbe sempre lui a rispondere.

PS: Sheran, con la figura è troppo semplice risolverlo. Se ti va togli la figura, io lo avevo risolto senza, prima che tu editassi.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 12:24 
Silent Town è una città molto strana. Infatti i propri abitanti non possono comunicare in nessun modo tra di loro e non esiste nulla dove potersi specchiare cosicché nessuno di loro sa quale sia il proprio aspetto fisico ma naturalmente conosce quello di tutti gli altri concittadini. Un giorno il re di questa città riunisce tutta la popolazione in piazza è ordina a tutti i cittadini con gli occhi verdi di suicidarsi. Considerate che esiste almeno una persona con gli occhi verdi e che il popolo ha grande fiducia nel re per cui nessuno si sognerebbe mai di disubbidire. Passa una notte e non succede nulla, passano due notti e non succede nulla, passano tre notti e si sentono degli spari.

La domanda è: sapete dire quanti spari si sentono (ovviamente ogni sparo indica una persona che muore) e perché? Ricordatevi che in nessun modo le persone possono comunicare tra di loro e che in nessun modo ognuna di loro può vedere il proprio aspetto fisico.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 12:46 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
Sheran, io temo che in questo "problema" vi sia un certo grado di arbitrarietà. Tuttavia ti espongo la mia interpretazione, correggimi se sbaglio:

Se la prima notte non ci sono spari può voler dire una sola cosa: gli abitanti hanno visto ALMENO una persona con gli occhi verdi. Se non ne avessero vista nessuna, avrebbero pensato di avere gli occhi verdi e si sarebbero suicidati tutti.
Però quella persona con gli occhi verdi, se fosse stata la sola, si sarebbe dovuta accorgere di ciò e si sarebbe suicidata. Ma invece la prima notte non è avvenuto.
E se dunque sia proprio il re ad avere gli occhi verdi? Ci sarebbe stato un solo sparo.

Anche se dubito.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 15:16 
Ci sei andato vicino.

Gli spari sono tre.
Ragioniamo. Se le persone con gli occhi verdi fossero state solo due il primo giorno si sarebbero incontrate e ignare del fatto che loro stessi avessero gli occhi verdi avrebbero pensato che con quegli attributi ci fosse una sola persona e avrebbero aspettato che l'altro si suicidasse nella notte. Il secondo giorno, constatato che l'altro non si era suicidato ognuno di loro avrebbe realizzato che evidentemente anch'egli doveva avere gli occhi verdi per cui nella seconda notte si sarebbero sentiti due spari.
Stesso discorso vale se le persone in questione sono tre come nel nostro caso. Nella seconda notte non ci sarà alcun suicidio e ognuno dei tre capirà che anch'egli ha gli occhi verdi per cui nella notte del terzo giorno si sentono tre spari.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 15:54 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
Ahah, divertente :D


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 17:35 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Anonimo, 4 anni fa hai fatto 148 e ora hai fatto 135. Penso a 3 possibilità, di cui forse 1 è quella (più) giusta:

1. Il test è diverso da quello di allora, anche se di poco
2. Non ti ricordavi parte del test, e facendo affidamento sulla memoria hai risposto a sentimento piuttosto che a ragionamento come invece hai fatto la 1' volta
3. Ti sei rincoglionito da 26 a 30 anni perdendo ben 13 punti QI, e temo per gli anni a venire :lol:

CITAZIONE
Da notare che molte soluzioni prevedono l'uso logico binario dell'OR, AND e XOR, quindi chi conosce bene l'informatica è molto avantaggiato.

Non è detto: io ho fatto 133, non avevo mai fatto prima d'ora un test QI completo (mi rompevo ben prima della metà, in test diversi ma simili), non ero nemmeno completamente lucido (ero stanco anche con la vista), ma sopratutto non ho pensato minimamente all'informatica.

E' un errore comune degli informatici (e degli elettronici) pensare che che OR, AND e XOR siano operatori da loro conosciuti meglio rispetto alle altre persone: in realtà, sono appunto operatori logici che chiunque può notare senza alcuna difficoltà, e che molti di noi, quando li hanno appresi nel triennio di specializzazione delle scuole superiori, o li conoscevano già senza però dargli alcun nome, o comunque non hanno fatto la minima fatica per capirli, memorizzarli, riconoscerli e usarli.

Ad esempio, basta poco a notare AND, OR e XOR semplicemente vedendo che in linea ci sono coppie figure che, se sommate (sovrapponendole mantenendo la "trasparenza"), danno delle terze figure, oppure notando che nelle figure che si "sommavano", non figuravano nei risultati le parti comuni agli addendi, ecc.

Chissà pure se c'era qualche NOT, NOR e NAND.
Chi parte con questo pensiero, cioè che verranno usati nel test gli operatori logici, allora lo risolverà più velocemente, rimanendo però in crisi negli indovinelli dello stesso test che però non lo usano.

Io, ad esempio, non ho minimamente pensato a quest'evenienza, e ho dovuto vagliare molte possibilità prima di arrivare a quella giusta. A metà test mi sono reso conto che quel tipo di quiz era molto presente, ed ho iniziato a riguadagnare del tempo provando per prime quelle soluzioni.
E così facendo, verso la parte finale del test, ho appunto sperimentato quello che ho scritto poco sopra: mi stavo perdendo in un bicchier d'acqua con indovinelli più semplici, che ho dovuto risolvere abbandonando la logica binaria. Infatti, alle volte era logica "spaziale", alle volte "spannometrica" - colpo d'occhio sulle disposizioni e le differenze, mi riesce bene - a volte "cromatica", a volte "direzionale", a volte "omotetica", ecc.

Un'altra cosa che frega è guardare il tempo: verso metà test mi agitava, poi l'ho ignorato, e non ho avuto più problemi. Pensavo di metterci di più, invece passando meno tempo a preoccuparmi e rivolgendo la mia psiche interamente al test, l'ho finito facendomi rimandere poco meno di 10 minuti (forse 7 minuti, comunque più di 5, non ricordo esattamente). Infatti, non erano in difficoltà crescente, e non avrei dovuto pensare di doverci mettere di più e quindi di dover tralasciarne alcune senza rispondere esattamente.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 17:59 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
CITAZIONE (Kenshirou @ 24/9/2008, 18:35)
Anonimo, 4 anni fa hai fatto 148 e ora hai fatto 135. Penso a 3 possibilità, di cui forse 1 è quella (più) giusta:

1. Il test è diverso da quello di allora, anche se di poco
2. Non ti ricordavi parte del test, e facendo affidamento sulla memoria hai risposto a sentimento piuttosto che a ragionamento come invece hai fatto la 1' volta
3. Ti sei rincoglionito da 26 a 30 anni perdendo ben 13 punti QI, e temo per gli anni a venire :lol:

Non ha fatto 148 su questo test, ma su quello del mensa, che è simile, non uguale.
comunque è notevole che ben due persone, su un totale di 10~15 che frequentano il forum, abbiano segnato valori sopra 130. Va decisamente contro i dati percentili: vuol forse dire che le persone intelligenti sono più propense per l'esoterismo? :P


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 18:39 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Guarda, se fossi stato intelligente come avrei voluto, o come quel test suggerisce, a quest'ora non mi troverei costretto a chiedere nozioni di computer grafica a uno, di disegno a un altro, di programmazione a un altro ancora, di fisica, chimica, matematica, ecc. e tante cose che non ho avuto la capacità di imparare perchè non ho saputo gestire la mia mente nel giusto tempo e con il giusto ordine, e che ora sono costretto ad apprendere velocemente rompendo le scatole alle persone, divorando documentari e libri, ecc. Ce l'avrei dovuta fare da solo.

Comunque non sono un esoterista, anzi quasi il contrario; una bella discussione sull'esoterismo in Coscienza, psicologia e antropologia potrebbe chiarire la cosa.

Beh nel forum siamo molto più di 15, anche attivi, e solo pochissimi di noi l'hanno fatto e hanno scritto il risultato: magari la percentuale di punteggi sopra il 130 potrebbe essere ancora più alta, o molto più bassa.

Ah sono 2 test diversi? Dal post di Anonimo, mi pareva di aver capito che erano lo stesso. Provo a fare il Mensa domani, dovrei quindi avere un punteggio più alto (se per caso affrontassi il test alla stessa maniera di Anonimo di 4 anni fa).

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 24 ago 2008, 18:41 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
L'intelligenza non ha a che fare con la capacità di gestire il tempo o la voglia di apprendere.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 30 ago 2008, 11:34 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Con il tempo, intendevo "quando ne avevo la possibilità" (quando studiavo e non ora che devo lavorare, quando avevo tempo di farlo e non ora che non ce l'ho).

Mi riferivo proprio alla capcità di apprendere, non nel solo senso di memorizzare ma anche di capire: se mi fossi gestito meglio, se fossi stato più "elastico" psichicamente, ora sarei più in grado di fare certe cose o cose nuove, per non parlare del fatto che sarei ulteriorimente più elastico e quindi più "intelligente".

Infatti parlavo non solo di tempo ma anche di capacità e di ordine, 2 cose fondamentali (secondo me) per apprendere ed espandere i propri limiti, cosa che permette di apprendere ancora, di applicare meglio, di fare test come quelli del QI con alto punteggio, ecc.

Se io avessi avuto tempo fa la capacità di capire che ho ora, senza essere pigro nell'acquisirla, penso che in questo momento avrei potuto fare più cose. Non so come spiegarmi bene, ma i concetti di mappa e territorio (per dirla con la PNL), o meglioo il saper fare l'una molto simile all'altro, è anch'esso un tipo di intelligenza (che potrei definire di tipo percettivo\logico, una dualità equilibrata insomma).

Se continuiamo in Coscienza, psicologia e antropologia penso sia meglio, almeno qui lasciamo i test e le curiosità varie, e lì approfondiamo il concetto di intelligenza razionale, emotiva e altri tipi.


Ho fatto il test prelininare del Mensa: 29 su 33.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 30 ago 2008, 11:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 13:06
Messaggi: 1229
Località: A n a r c h i A
27/33... lo sapevo che Ken era + intelligente! XD


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 30 ago 2008, 12:45 
Non connesso

Iscritto il: gio 11 dic 2008, 17:38
Messaggi: 93
CITAZIONE
Grazie per aver provato il test preliminare del Mensa Italia!
Hai risposto in modo corretto a 28 domande su 33, e quindi hai
il 75% di probabilita' di riuscita al Test Finale di Ammissione
al Mensa.

Bene... abbiamo fatto 27, 28 e 29. Chi punta per il 30? :lol:


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 30 ago 2008, 12:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 20 gen 2009, 12:50
Messaggi: 44
23/33....avrei meno del 50% di possibilìtà d'entrare!!!ahahah


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 2 set 2008, 17:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 20 nov 2008, 19:36
Messaggi: 28
l'ho fatto anche io
25/33


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: gio 4 set 2008, 15:53 
Ola io sono l'altro Vash xD

Sul test avevo fatto la prima volta 136 o 135 non ricordo bene e mi aveva stroncato il tempo. Nel senso che ho lasciato alle ultime 4-5 domande circa 1 o 2 minuti l'una e ovviamente non mi sono lontanamente bastati.

Credo che la velocità con cui si arriva alla soluzione abbia influenza sul concetto di intelligenza, quindi quello è il mio risultato senza usare il tempo come scusa.

Però per sfizio, per vedere se riuscivo a capirle, ho rifatto il test per concentrarmi sulle ultime. Sapendo la risposta alle prime ho fatto tutto veloce ma poi ho anche lasciato stare facendo altro al pc mentre risolvevo le ultime 5. Le ho risolte tutte una dopo l'altra ma quando mi sono messo a fare l'ultima il timer era scaduto [nonostante facevo altro mentre le risolvevo sarebbe comunque stato impensabile che le avessi potute risolvere tutte al primo colpo]. Per questo il 142 che è uscito so che non mi rappresenta data la mia lentezza attuale, nonostante le avessi capite.

Deciso a fare anche l'ultima, e per capire anche se il 142 significava "tutte giuste tranne una" o se ne avevo sbagliate altre credendo fossero esatte, ho provato a fare il test con le stesse soluzioni ma stavolta facendo l'ultima. Visto che 40 minuti erano troppi mi sono imposto di farla in 10 minuti.

Il risultato è stato da un lato deprimente e dall'altro soddisfacente. Nel senso che come mi capita in altre cose [e per mia sfortuna anche gli esami] sono riuscito a capire la soluzione fino ad un certo punto, credo almeno metà dell'opera, e sono riuscito a vedere la soluzione a livello intuitivo. Cioè date le info che avevo dedotto riuscivo a vedere quale era la risposta esatta nonostante non riuscissi a capire al 100% perchè proprio quella, ma scaduti i 10 minuti ho rinunciato mandando il risultato. Beh in definitiva erano tutte giuste, infatti il risultato è stato la curva piena e il QI: Above 145. Questo significa che 145 è il ceiling del test, ovvero quello che ottieni facendole tutte corrette.

Mi rode ancora non aver capito l'ultima dle tutto, quindi se qualcuno la ha capita me la spieghi xD [Questo problema negli esami è orribile, io spesso in esami informatici o matematici che richiedono ragionamento so dare la risposta anche se non sono conscio del tutto della formula o del perchè formale, cosa che mi fa perdere un mucchio di tempo. Inutile dire che senza formalizzazione non me la contano nemmeno, nell'ultimo esame di probabilità ho trovato la formula 1 mese dopo l'esame mentre ci pensavo in macchina, e ci ho messo 15 minuti abbondanti -.-]

Il test del mensa invece l'ho fatto ere fa e avevo fatto 32, credo di aver capito quale avevo sbagliato ma non avevo riprovato perchè non avevo voglia di riinserire tutte le soluzioni anche perchè non me le ricordavo tutte e avrei dovuto perderci tempo. Ora non mi ricordo quale era comunque, ma se avete dubbi su qualche risposta ditemelo che ve la spiego [sperando che non sia proprio quella xD]

Riguardo al fatto che motle persone hanno alti punteggi su questo forum , è anche vero che certi ambienti hanno frequentatori solitamente più intelligenti proprio perchè sono argomenti che non attirano chi non vuole ragionare o non ci è molto portato. Quello che intendo non è che uno che fa 90 inun quiz non si interessa di scienza pèsicologia o esoterismo, ma che sicuramente se lo facessimo fare all'utente medio del forum uomini e donne the best magari i risultati sarebbero più bassi xD

Io ho provato un esperimento facendo fare il test ad alcuni della mia famiglia, il risultato è che mia nonna professoressa di lettere ha fatto 105 ma ha quasi 80 anni, e sappiamo che il qi cala molto dopo una certa età, mia mamma non laureata ha fatto 110, mio zio architetto 119, mio fratello 128 ma ancora non è al massimo dello sviluppo anche se c'è quasi [18 anni], mia nonna contadina con la terza elementare non so dirvi il risultato perchè non avevo il pc, ma le ho stampato le prime 10 domande e ne ha fatta giusta solo una...

Invece facendolo in facoltà con altri informatici nessuno ha fatto meno di 120, dopo tutto se non sei almeno un po' intelligente è anche inutile che ci provi a fare informatica perchè sarà quasi impossibile [a me piace questo, hai meno da studiare rispetto a facoltà come medicina o legge, ma hai concetti molto più complessi da capire]

Parlando deli XOR ecc ecc credo che la spiegazione sia semplice. Quegli operatori esistono in logica da molto, credo che gli abbia introdotti formalizzandoli Bool se non erro. Il punto è che Bool ha solo codificato un modo di ragionare che comunque è implicito nell'essere umano.
Semplificando il concetto tu li applichi perchè sai cosa sono e li usi spesso, am anche chi non sa cosa sono li applica anche senza sapere che si chiamano così...
Io li conosco bene o male ma proprio perchè considero questo fatto che sono innati non li uso in modo attivo quando faccio test logici, o meglio, ragiono e basta, se c'è da appilcare qualche operatore booleano lo faccio senza pensare al come si chiama quello che sto facendo, se c'è da usare invece una qualche visualizzazione uso quella e via dicendo...

La mia visione personale di cosa devi fare per risolvere questi test e sul cosa è che distingue chi prende un punteggio più alto e chi no, è questa:

La capacità chiave per risolverli è il saper mettere ordine razionale nel caos apparente. Cioè creare collegamenti fra un oggetto del quadro e un altro, collegamenti razionali che gestiscono quelle che si possono definire regole che gestiscono la transizione da uno all'altro. Il come si creano è la deduzione che si può avere dalle differenze che hannoe il cosa, quale collegamento, può averle create.

Sono due parti distinte, la prima che si usa è quella che le cerca analizzando la situazione, la seconda gestisce le regole che hai trovato e le sperimenta e ne verifica la logicità.
Il primo processo lo ho in una fase puramente intuitiva e non cosciente, ovvero mi arrivano delle "illuminazioni" o "concetti puri" senza che io ci abbia attivamente pensato, solo osservando, la seconda invece è ragionamento attivo e per questo molto più lento.

Ho letto molto e mi sono informato, so che l'intelligenza è allenabile, ed è anche abbastanza ovvio, però ho capito anche cosa è allenabile e cosa no. La prima parte quella intuitiva credo che sia puramente innata, non ne ho controllo attivo, ma sulla seconda si, quella del ragionamento attivo. Sono convinto che se mi velocizzo nella seconda perdo molto meno tempo, perchè è quella che ha preso circa il 90% del mio tempo al test.

Per fare un esempio concreto:
Da quello che ho visto, a livello intuitivo ho risolto tutti i problemi, ma a livello dir agionamento attivo sono stato troppo lento nella verifica e nel dare ordine.

Se io fossi più veloce nella seconda, allora avrei preso subito "Oltre 145".

Se invece io non riuscivo nemmeno in un ora extra a risolvere gli ultimi, perchè non ne intuivo i meccanismi, poco importava quanto ero veloce a verificare, tanto non li risolvevo comuqnue.

Notare che questo è diverso dal dire che mi bastano ore di lavoro e provare migliaia di possibilità e li risolvo, perchè risolverli provandole tutte è totalmente diverso dal risolverli a partire da una intuizione sulla loro soluzione.

Nel mio caso sono contento perchè sto notando che la velocità di ragionamento attivo può essere migliorata eliminando anche molti vizi presi durante l'educazione, come manie che avevo di controllare varie volte la stessa cosa nella paura di sbagliare ecc. Ho provato anche altri test di tipo diverso e in tutti ho avuto risultati del tutto simili a questo, in particolare personalmente ho scoperto di essere bravo nel tipo "visualizzazione", "spaziale" e "logico", ovviamente anche se due persone sono intelligenti in senso generale avranno queste abilità specifiche diverse in certi casi.


Top
 
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010