Conosci Te Stesso
https://conoscitestesso.ipself.it/forum/

Stanotte mi è successa una cosa strana.
https://conoscitestesso.ipself.it/forum/viewtopic.php?f=7&t=3097
Pagina 1 di 1

Autore:  Ortega [ mar 14 dic 2010, 18:46 ]
Oggetto del messaggio:  Stanotte mi è successa una cosa strana.

Stanotte mi è successa una cosa strana. Ieri sera ero molto stanco ma ho comunque cercato di finire di vedere un film. Quando sono andato per addormentarmi,avete presente l'ultimo stadio della coscienza che precede il sonno che non è quasi mai tangibile? Ecco ieri sera questo passaggio è come se fosse amplificato. Parlo di quello stadio quando la mente inizia a vagare in quello che potrebbe essere riconosciuto come l'inizio del sogno. Non si è proprio nel sogno ma ci si sta immergendo. Stono entrato nel sono ma ero più cosciente e stranamente felice e ricordo di aver pensato "ma che bello questo momento" cioè come se fossi cosciente del passaggio tra veglia e sonno. Che io ricordi,non mi è mai capitata una cosa del genere ed è stata una bella esperienza che cercherò di comprendere per ripeterla. Tuttavia non ho ben capito di cosa si trattasse.

Autore:  Blackrazor [ mar 14 dic 2010, 19:06 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

figoso!

Autore:  Luke [ mar 14 dic 2010, 22:49 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

E' la fase ipnagogica :)

Autore:  Ortega [ mar 14 dic 2010, 22:52 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Può darsi che sia solo questo? Voglio dire in fase ipnagogica vi vado spesso (ovviamente) però stavolta mi è apparso molto diversa.

Autore:  Edoardo [ mar 14 dic 2010, 23:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Forse hai avuto una fase ipnagogica lucida :P

Autore:  maxdg [ mer 15 dic 2010, 1:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Citazione (Ortega)
Può darsi che sia solo questo? Voglio dire in fase ipnagogica vi vado spesso (ovviamente) però stavolta mi è apparso molto diversa.


Riflettici un attimo. Vigevano le stesse leggi della fisica del mondo "reale"?

Autore:  Ortega [ mer 15 dic 2010, 8:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Direi che l'ambientazione era molto simile ad un sogno,però a differenza del solito ero più cosciente. In un sogno molto spesso si è spettatori di se stessi . Ci si rende conto che siamo noi stessi ma a sua volta interagiamo in un modo più automatico senza aver la possibilità di poter fare gran che proprio intenzionalmente come nella veglia. Le emozioni sono più piatte. Quello che accade nel sogno,solitamente non pare correlate il lato emotivo. Questa volta era diverso cioè la sensazione di essere là era più forte. Potrei dire in sogno lucido ma guidato. Altrove mi è stato suggerito che quella era esattamente la fase theta. Se così mi fa piacere ma allo stesso modo mi fa un po arrabbiare. Piacere perché significa che in una serie di circostanza riesco ad andarci. Arrabbiare perché se lo devo fare volontariamente non riesco. Come dire il metodo c'è ma è molto nascosto e a questo penso.

Mi è stata fatte presente anche un'altra cosa che pensandoci in questo momento potrebbe avere una correlazione anche solo relativa e non diretta. Mi hanno spiegato che l'uomo ha tre diverse tendenze ed è un concetto derivato dall'Aura Soma . La azzurra, la gialla e la rossa. La azzurra accetta tutto , la gialla sceglie e la rossa invece rifiuta tutto. Quello che sto intuendo in questo momento e che ho il sospetto che ci sia una capienza massima di cose che una persona può tenere aperte consecutivamente. Quando questa capienza e satura e non vi è più spazio allora qualsiasi tentativo di aprirsi a qualcosa di nuovo fallisce perché non ve ne è lo spazio . Parlando informaticamente è un po come un hard disk. Quando esso e quasi pieno i dati girano più lentamente e le prestazioni diminuiscono. Quando lo spazio è esaurito o si libera lo spazio da quello che non serve più oppure ci si tiene la testa piena di cose. Questo avviene anche inconsciamente. Non è che siamo coscienti di tutto quello che c'è nella testa. Possiamo magari ricordarci quello con cui lavoriamo spesso (ram) ma è facilissimo dimenticarsi di avere qualcosa in un angolo remoto della mente/disco. Per fare una "pulizia" e rilasciare quello che non serve più ,potrebbe venire in aiuto la meditazione.Sempre che ci sia spazio per essa. Applicando la regola delle tendenze che ho menzionato prima potrei dire che attualmente il mio stato potrebbe essere riconosciuto in rosso ma non lo è di natura. Poteva essere gialla o ancora più facilmente azzurra. Sono sempre stato una persona curiosa nel senso che volevo capire il funzionamento delle cose questo va dalle cose materiali sino alle più sottili. Allora detto ciò è possibile che ho lasciato aperti troppi interessi. Mi rendo conto che le similitudini con un Hard Disk possano sembrare un po strane ma poi non più di tanto essendo il funzionamento di ambedue i dispositivi ( cervello e disco) molto simile. Servirebbe un Task Manager mentale e questo potrebbe essere la meditazione.

Autore:  maxdg [ mer 15 dic 2010, 19:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Citazione (Ortega)
Aura Soma . La azzurra, la gialla e la rossa.


Più o meno i colori della Triade.. (dove però Mente sarebbe verde e non giallo ma capendo la "tendenza" di chi scrive queste cosa da un punto di vista prettamente spirituale si potrebbe capire che la sua parte mentale "vira" verso Spirito = rosso, producendo un colore mentale più giallo)

Citazione
Parlando informaticamente è un po come un hard disk


E se invece fosse una rete?
;)

Visto che sei curioso, leggiti il documento che cito in firma.. presta attenzione alla parte finale, il Triade Color Test

Autore:  Ortega [ mer 15 dic 2010, 20:20 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Effettivamente si parla anche delle Trinità che per quanto ne so è la stessa cosa di Triade. Non saprei max se per quanto mi riguarda è più rete che hard disk. Cioè io ho fatto un esempio dell'hard disk pieno che deve essere svuotato. La rete al massimo può essere congestionata il che è sempre un problema di saturazione ma visto in modo diverso.Cioè io lo vedo più un problema locale mio.Non so se è chiara la similitudine. Perché parli di rete in specifico?

Darò un occhio al doc che hai in firma.

Autore:  Blackrazor [ mer 15 dic 2010, 21:33 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Citazione
Possiamo magari ricordarci quello con cui lavoriamo spesso (ram) ma è facilissimo dimenticarsi di avere qualcosa in un angolo remoto della mente/disco.


Finalmente posso sfoggiare le mie doti da elettronico e cazziare qualcuno per la prima volta : D
In realtà ciò che fa l' operazione quotata è una serie di registri all' interno del microprocessore detta "stack memory" e/o "program memory" che funzionano appunto, come magazzino per i programmi più usati. (presente quando accendete il pc e aprite ad esempio photoshop? ci impiega mezza vita a caricarlo... Poi magari lo chiudete per errore e bestemmiate in turco perchè lo dovete riaprire, con somma sorpresa scoprite che lo riapre in un nanosecondo).

Autore:  Ortega [ dom 19 dic 2010, 21:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Stanotte mi è successa una cosa strana.

Non ho finito di leggere FMS però potrei già postare qualcosa:

Pag 17:

“Questo tipo di situazione può provocare nell’addotto una certa situazione di stress emotivo perché comunque anima si sente continuamente assediata fino a quando la sua coscienza non esplode e non si fa più avvicinare da nessuno in tutto l’universo.”

Questa situazione sembrerebbe essere molto simile a ciò che viene riconosciuta come “tendenza rossa” nell’Aura Soma. Va detto però che una situazione come questa non è salutare perché per il fatto di essere isolata dal resto del mondo.

Pagina 1 di 1 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
http://www.phpbb.com/