Conosci Te Stesso
https://conoscitestesso.ipself.it/forum/

Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche
https://conoscitestesso.ipself.it/forum/viewtopic.php?f=7&t=840
Pagina 2 di 3

Autore:  Nephil87 [ gio 25 nov 2010, 14:21 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Il problema è che non so assolutamente da dove cominciare.. Tu come fai?

Autore:  Nephil87 [ gio 25 nov 2010, 14:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Il problema è che non so assolutamente da dove cominciare. Tu come fai a rievocare quello stato mentale?

Autore:  volo [ gio 25 nov 2010, 15:12 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Chiudo gli occhi e rievoco quel tipo di percezione che, secondo me, non ha nulla a che vedere con le immagini create nella memoria CAD a breve termine (quelle dei ricordi o delle immagini costruite dalla fantasia o nelle comuni visualizzazioni).
E' simile a quando ti strizzi gli occhi con le dita e cominci a vedere luci e colori. Però le immagini delle quali parliamo sono secondo me, per così dire, più "esterne", più... "anteriori" rispetto a quelle "strizzate".
Su queste immagini non ho alcun potere: accadono, cambiano, vanno dove vogliono. Ecco perché le ho usate poco: in genere immagino per cambiare qualcosa nella mia realtà virtuale o in quella più intima, quindi ho bisogno di creare io ciò che voglio vedere.
Ti do' un po' di sensazioni, forse aiuteranno a capire ciò che si può solo provare:
- guardare dentro un binocolo;
- guardare lontano oltre le normali possibilità della vista;
- guardare e aspettare, un po' come si fa quando s'indossa un paio d'occhiali non propri (solo che qui non c'è una vista che si aggiusta, ma una che si forma sopra uno sfondo generalmente rossastro);
- la pazienza è importante, così come l'arrendevolezza verso la magia delle immagini che verranno (come quando guardi un film);
- è un tipo di vista esterno, proiettato in avanti. Per questo mi fa ipotizzare qualche tipo di facoltà propria del terzo occhio.
In genere, quando la uso (ripeto, sin qui molto raramente), cerco di vedere con gli occhi chiusi, ma usandoli come se fossero aperti e riuscissi, con un briciolo di pazienza, a guardare ben più lontano di qualsiasi occhio fisico.
E' anche una vista nella quale hai tutto contemporaneamente a fuoco. Ogni particolare risulta nitido, non solo quelli che osserveresti sul punto focale (credo si chiami così) della retina.
Ripeto: sei puro e semplice spettatore. Più volte mi sono riproposto di esplorare la possibilità di guidare queste immagini, ma finora non ho mai cercato di farlo.

Autore:  Nephil87 [ gio 25 nov 2010, 17:19 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Devo provarci... credo comunque che, per riuscire a concretizzare qualkosina, è necessario comunque raggiungere uno stato di coscienza alterato ( Theta forse) e, una volta raggiunto, provare ad avvertire quelle percezioni di cui mi hai parlato e vedere se accade qualcosa.
Io sono convinto che, quel tipo di visualizzazioni, abbiano a che fare con una produzione di dimetiltreptamina da parte dell'epifesi.
Devi sapere che l'epifesi, in determinate situazione, è capace di sintetizzare velocemente triptofano in melatonina, e quest'ultima in dimetiltreptamnina ( DMT)... le cause Bio-chimiche per le quali questo fenomeno avvenga non sono ancora chiare.
Un noto ricercatore, Ananda Bosman, sta analizzando il fenomeno... credo che scriverò a breve qualkosina in tema.

Autore:  LittleDreamer86 [ lun 10 gen 2011, 20:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Citazione (volo)
Queste immagini erano un continuo, caleidoscopico, nitidissimo trasformarsi di forme e colori per lo più mai visti prima, e le vedevo anche a occhi aperto, sovrapposte agli oggetti reali.


Anche a me è successo, durante un falso risveglio. Eheheh. E' stata una cosa assurda, ero sveglia da un pezzo ma non avevo voglia di alzarmi. Erano le 7.00. Mi dico "Dai, ancora un minuto". Non so quanto tempo fosse passato, ad un certo punto, apro gli occhi e vedo la porta della mia camera aprirsi e richiudersi. o.o Ero stupita. Volevo alzarmi per vedere chi ci fosse, ma non riuscivo, però sentivo i miei piedi allungarsi e muoversi sul pavimento, e ne sentivo il contatto. Capisco cosa stava succedendo allora. Cerco di ruotarmi di voltarmi, di togliermi il lenzuolo che avvertivo con il pensiero. Non lo sento più infatti, pochi secondi dopo c'era ancora. Tendo le mani verso il comodino. La porta si apre e si richiude di nuovo. Risento i piedi a terra, perchè volevo andare verso la porta. MA i piedi in realtà erano sotto le coperte. Ero come sdoppiata in alcune parti. Allora chiudo gli occhi, e quando li riapro mi sembrava di guardare verso l'alto. E lì in quel nero, c'erano forme, spirali di trinagoli e rombi, forme geometriche di tutti i colori che compongono la luce. UNa cosa pazzesca. Voglio tornare a vedere la camera, e penso di voltarmi lateralmente. Rivedo la camera e la porta che si apre e si chiude ancora. Ripenso ai piedi a terra, e li risento. Ma non riuscivo a svegliarmi. Per l'ennesima volta la porta si apre e si richiude. Però questa volta vidi una specie di creatura colorata uscire dalla porta. Bassa, aveva gambe strane, coloratissime. Quando mi calmo, alla fine mi risveglio anche. Erano passati 20 minuti.

Autore:  fenriz86 [ gio 27 gen 2011, 2:15 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Salve a tutti
Eccomi qua..ieri notte mi è ricapitato per la quinta o sesta volta.e stavolta ho deciso di interrogare il web circa questo fenomeno strano e inquietante,e ho scoperto questo mondo..ho trovato la dicitura esatta,ho trovato la spiegazione del fenomeno,ho scoperto che è un disturbo alquanto comune,riconosciuto e studiato..quasi mi è venuto da piangere nel leggere tutte le vostre esperienze,così dannatamente simili alle mie..L'unico pensiero che ho in mente adesso è:"ma tu guarda che cavolo è capace di fare la natura.."
Io sono abbastanza novello quanto a esperienze..nel senso che quelle che ho avuto si contano sulle dita di una mano,e la prima volta è stata 2-3 anni fa..ed è stata la più brutta come molti concordano,perchè la prima volta non sei in te,sei del tutto impreparato.Sono state tutte uguali le paralisi che ho avuto,sia come modalità di svolgimento,sia come durata..Praticamente, nelle prime ore del sonno dopo essermi completamente addormentato mi sveglio,cioè apro gli occhi(vedo tutto) e sento una vibrazione uditiva di fondo(rumore sordo) e percepibile come se nel mio corpo circolasse energia elettrica..io cerco di muovermi,e ovviamente :-) non ci riesco neanche di un millimetro,e ogni volta che provo a muovermi questa energia e questa vibrazione uditiva aumentano smisuratamente d'intensità amplificandosi e concentrandosi "dolorosamente" in una zona che sommariamente delimita la nuca.una volta che agisco nel cercare di muovermi, mi accorgo dell'impossibilità a farlo e mi accorgo dell'aumento della energia-vibrazione e quindi "mollo la presa",solo che ormai sono vittima di questo vortice progressivo di dolore per circa(credo)5-6 secondi..poi di nuovo altri 5-6 secondi "di base" e ci riprovo,e altri 5-6 secondi di scossa..gli occhi sono sempre aperti,cerco di gridare ma solo mugugni(è qui l'apice del panico!),il respiro è sempre più affannato(ho paura di soffocare)..dopo circa un minuto abbondante di questa mia lotta incosciente,perchè non riesco a realizzare nulla,mi rassegno a metà strada tra il lasciarmi morire e l'aver capito che forse devo aspettare che passi tutto,e passo un altro minuto scarso "di base".Credo che gli ultimi momenti io riesco a convincermi e a realizzare del tutto che sono caduto da capo in una di quelle strane paralisi e che non devo far altro che aspettare che passi..e mi sblocco,sempre in concomitanza con un profondo respiro.Punto.
Non ho visioni,non sto sognando in quei momenti.Semplicemente vigile di cervello,ma paralizzato col corpo.
Soltanto una volta si è svolto in maniera leggermente diversa,nel senso che:uguali vibrazione-energia,incapacità di gridare e muoversi con aumento di vibrazione-energia e dolore,occhi aperti(però non vedevo nulla),respiro affannoso,ma..avevo la sensazione di trovarmi a testa in giù con le gambe vicine ad essa,piegato dalla parte delle schiena tipo ponte..ed ero convinto di aver avuto un colpo di sonno mentre tornavo dal paese della mia ragazza a casa mia(25km),di aver fatto un incidente e di essermi cappottato con la macchina rimanendo paralizzato..2-3 minuti e mi sblocco come da prassi :-)
Questo è tutto.Chiedo scusa per la lunghezza del post,ma non si riesce a descrivere in poche parole quello che ci accade.Anche perchè a parole neanche riusciamo perfettamente a esprimere quelle sensazioni così fuori dal reale..
Sinceramente mi sento profondamente turbato da tutto ciò..ancora di più dopo aver scoperto la "normalità" del fenomeno in natura.
Saluti!

Autore:  magicJohnny [ lun 1 ago 2011, 2:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Ciao a tutti, è il mio primo post in questo forum...

ma io dico... ma perchè state cercando tutti i sistemi per farvi accadere le paralisi notturne?
a me capitano parecchio di frequente, e quando succedono io muoio ogni volta di paura, ho talmente tanto di quel terrore che non si può spiegare, ed ogni volta che succedono ne soffro, potessi magari cedervele a voi, anche se non ve le augoro affatto.

Alle volte mi dico: bene addesso sto fermo ed aspetto che tuto finisca.
Ma non ci riesco mai, vivo queste esperienze in uno stato di terrore assoluto, il quale mi spinge a concentrarmi per potermi sbloccare, infatti ci riesco ogni volta in poco tempo.
Ma perchè ho tutto questo terrore ?

Si ricordi che mi è capitato di fare dei sogni lucidi bellissimi dove mi sono divertito parecchio, percui io non ho paura in generale dello stato di coscienza alterato, ho fatto sogni lucidi bellissimi e alcuni bruttissimi, quelli bellissimi mi vedevano protagonista di paesaggi straordinari con dei colori stupendi ed ad ogni passo che facevo tutto attorno a me si modificava ed era un'esperienza fantastica.
Quelli brutti invece me li ricordo veramente poco... vorrei provare la tecnica delle ancore, ma temo di inventarmi di tutto...

io non riesco ada avere delle paralisi notturne senza rischiare l'infarto... secondo voi perchè?
ci sono magari delle tecniche che mi permettano di non avere paura in quelle circostanze?

Autore:  ivanprocida1972 [ lun 1 ago 2011, 11:25 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Luciano vorrei chiederti un parere sulla mia esperienza.
Puoi leggere il messaggio che ho lasciato dal titolo "brivido, leggera vibrazione e ronzio. Sogno lucido o OBE?"
Grazie, Ivan.

Autore:  croccus [ mar 3 dic 2013, 20:34 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Ho di queste paralisi, anche ieri notte. Non sono un evento che mi succede spesso, direi 1 volta la mese, forse più, forse meno.

La cosa che mi lascia stranito è che ho iniziato ad averle e a accorgermene solo dopo aver iniziato ad indagare su probabili problemi di interferenze aliene... Prima non le avevo.

Autosuggestione o campanello d'allarme dovuto al fatto che inizio a capire cosa mi succede?

Autore:  lexlater75 [ mer 4 dic 2013, 16:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

eh bò? indaga iniziando a fare il tav e racconta tutto quanto in un topic nuovo :)

Autore:  croccus [ mer 4 dic 2013, 18:34 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Già ma per ora qualche giorno lo passerò a leggere quello che è stato scritto da altri, sia mai che trovi già parte delle risposte che cerco. :-)

Autore:  _mu [ mer 2 apr 2014, 23:08 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Ciao a tutti, sono nuova del forum e vorrei raccontarvi la mia esperienza in materia di paralisi notturne.
Premetto che soffro di attacchi di panico sin da quando ero bambina, e ora che ho vent'anni e studio se non è per gli esami trovo sempre un altro motivo per farmi sopraffare dall'ansia.
Ho avuto il primo episodio grave di paralisi ipnagogica lo scorso ottobre, e da quella volta mi capita almeno una volta a settimana; di solito mi sveglio nel cuore della notte con il corpo completamente immobilizzato dalla tensione muscolare, come spesso da voi descritto, ma la caratteristica peggiore delle mie crisi è che mi si blocca totalmente anche la respirazione, e vado nel panico perchè temo di soffocare.. l'unica cosa che riesco a muovere sono gli occhi (ma non le palpebre: mi si spalancano e non riesco nè a chiuderle nè ad abbassarle anche di poco), ed essere costretta a guardare la mia stanza buia, nello stato confusionale in cui mi trovo, è terribile (per di più ho normalmente paura del buio, infatti non apro mai gli occhi senza una luce accesa).. non ho allucinazioni vivide come per alcuni di voi, ma spesso ho sentito una presenza maligna e ho l'impressione che voglia impossessarsi del mio corpo. è come se questa mi mantenesse immobile e mi impedisse il respiro per indebolirmi e spaventarmi, per possedermi più facilmente.
Un'altro aspetto che accompagna queste crisi sono i sogni, dei quali ricordo solo la parte finale che si fa angosciosa per farmi prendere coscienza e poter contrastare questa essenza negativa.
Scusate il post lungo ma la situazione mi fa sempre più paura e ho bisogno di un confronto con qualcuno che sappia di cosa sto parlando.

Autore:  Nagual [ gio 3 apr 2014, 11:24 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Ciao Mu :)
tranquilla, il primo post che scrissi su questo forum durava un'èra, qualcuno lo ha pure letto e mi ha risposto!. non ho consigli utili, ma scrivo per dirti di non preoccuparti, io sono sicura che qui troverai chiarimenti! Vedrai che qualcuno saprà consigliarti.
ti succede spesso questa cosa?

Autore:  _mu [ gio 3 apr 2014, 16:35 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

grazie del conforto :)
purtroppo sì, mi succede almeno una volta a settimana, e da ottobre ci sono stati periodi in cui mi è successo anche per venti, venticinque notti consecutive.. la situazione si fa critica perchè più vado avanti e più sforzo devo fare per riappropriarmi del mio corpo e della mia respirazione, e questo contribuisce ad aumentare la paura

Autore:  Nagual [ gio 3 apr 2014, 21:22 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Accidenti...
Mi riporti alla mente certe situazioni.. Posso capire il disagio, e oltre a quello, l'estrema rottura di scatole e frustrazione per il non riuscire a capire che succede!

Vedrai che presto la via si illuminerà e pian piano farai sempre più luce.
Su questo non devi avere alcun dubbio!:)

Autore:  POEoeta [ sab 24 mag 2014, 2:41 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

scusami Luciano, solo che leggere di una Fonte del Cicap, e di quella di wikipedia, dove piero angela, CI ILLUMINA così tanto, che avrei potuto scriverlo io, non mi dà nè + sicurezze di prima su tale fenomeno, nè + convinzioni su cosa io penso di esso.

Citazione (Eiko86)
Questo è capitato anche a me un paio di volte... però stranamente io non ho avvertito la paura che qui ha avvertito la maggioranza. Premetto che quando mi è successo non ero per nulla informata sull'argomento... Ho aspettato lì zitta e senza muovermi finchè non fosse passato .. in un certo senso ho intuito che il mio corpo stesse ancora dormendo e l'ho vissuta come una cosa normale.. Poi a distanza di tempo mi è risuccesso in seguito ad un esperimento che ho fatto prima di andare a dormire ma non so se fosse collegato X°D... ma non è così spiacevole in realtà :shock2 . Ma io sono particolare.. :unsure tipo quando sto in una posizione e mi viene il formicolio ci resto perchè mi piace :woot .


Molto :tao: quello che dici, è così che dovrebbe essere OGNI ESPERIENZA qui sulla terra!(universo ecc. xP) e in questa direzione avrà anche i suoi lati positivi, creativi ed istruttivi...
Purtroppo quando l'ebbi da piccolo era legato a brutti sogni, come mi è capitato alcuni giorni fà...
se ci penso, sò che si potrebbe pure gestire....ma la sensazione in cui ci si sente Totalmente indifesi, lascia un'idea di paura nell'aria che non è bene...

Peccato, chissà in futuro... :fear

Autore:  Luke [ gio 29 mag 2014, 10:43 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

Fonti come Wikipedia o il CICAP, sono attendibili per questi argomenti? La seconda direi di no, la prima sembrerebbe essere imparziale... che ci siano delle omissioni è normale, ma come base di partenza può andar bene. Sta ad ognuno approfondire secondo percezione e curiosità ;)

Autore:  POEoeta [ ven 30 mag 2014, 3:27 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

si, Bravo!

solo che, non mi spiego, come mai di queste COSE non ne ho mai avute, ed ultimamente mi BLOCCO al risveglio dal sonno, e a volte non riesco neppure a parlare...insomma, mi si bloccano anche i muscoli della mascella...che LOL

Autore:  Dimmu [ ven 30 mag 2014, 14:23 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

eh bò, le prenderai troppo grosse ^_^'

Autore:  POEoeta [ ven 30 mag 2014, 14:36 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Paralisi ipnagogiche e ipnopompiche

???
S|

Pagina 2 di 3 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
http://www.phpbb.com/