Oggi è ven 22 nov 2019, 13:21

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 25 ago 2008, 19:37 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Dai che se ci capiamo meglio, evitiamo veramente discussioni inutili: è già successo in passato, e purtroppo qualcuno ci ha anche mandati al diavolo per delle stupide incompresioni sulle parole.
CITAZIONE
dopo tutto questo"discutere" qualcuno è riuscito a conoscere un pò di più se stesso??

Sopratutto tramite gli altri.
E' a questo che serve un forum (ci specchiamo), specie un topic del genere, che è l'emblema del Conosci Te Stesso: nota dove siamo arrivati a puntualizzarci reciprocamente e in così poco tempo da quando ci siamo conosciuti tutti e 3 :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 12:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
Eccerto :) ... di solito rasentando i discorsi completamente inutili giustificati da argomentazioni ancora più inutili emerge la personalità di chi scrive :)
E si vedono i voli contorti della mente. Io amo la mente e come autoproclama il suo potere. Non smette mai di stupirmi ;)

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 13:00 
Io non ho capito una cosa...
Dov'è uscito il discorso dell'annientamento dell'ego?
Non mi sembra che Shabatu l'abbia proposto qui, e nemmeno io in un altro post, benché qualcuno l'abbia supposto - citando un discorso tra me e Shabatu: è impensabile che l'ego voglia abolire sé stesso.
Un conto è leggerlo, ben altro supporlo.
Boh...

CITAZIONE
e assieme ai discorsi ermetici ed esoterici, non ci sono di alcuna utilità.

Ken, sbollisci per favore.
Non ci sono (e qui torna il plurale), per chi? Per te? Per tutti gli utenti? Per una parte?
Ti ho dato già prova personalmente che determinati discorsi, esoterici ed ermetici, hanno un diretto riscontro sulla realtà. Cambia solo il punto di vista, come ben sai (altrimenti possiamo smettere pure di parlare di archetipi).

Sembra quasi che si stia istaurando un meccanismo del tipo "cerchiamo di pensare tutti con un'unica testa", il ché è piuttosto inquietante.
E' una mia personalissima opinione, sia chiaro.

Attendo l'apertura di un topic sull'ego, noto che è un argomento valido da affrontare.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 13:40 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 1 dic 2008, 13:04
Messaggi: 26
dopo queste "disussioni" su chi ha ragione e cchi no, ci sta bene questo:

Quando passeremo oltre la comprensione, avremo la Conoscenza.
La ragione fu l’aiuto, la ragione è l’ostacolo.

Quando passeremo oltre la volontà, avremo il Potere.
Lo sforzo fu l’aiuto, lo sforzo è l’ostacolo.

Quando passeremo oltre i piaceri, avremo la Beatitudine.
Il desiderio fu l’aiuto, il desiderio è l’ostacolo.

Quando passeremo oltre l’individuo, saremo vere Persone.
L’ego fu l’aiuto, l’ego è l’ostacolo.

Quando passeremo oltre l’umanità, saremo l’Uomo.
L’animale fu l’aiuto, l’animale è l’ostacolo.

Trasforma la ragione in un’intuizione ordinata; che tutto in te sia luce.
Questa è la tua meta.

Trasforma lo sforzo in un flusso uniforme e sovrano di forza d’animo; che tutto in te sia forza cosciente.
Questa è la tua meta.


Trasforma il piacere in un’estasi uniforme senza oggetto; che tutto in te sia divino. Questa è la tua meta.

Trasforma l’individuo diviso nella personalità cosmica; che tutto in te sia divino.
Questa è la tua meta.

Trasforma l’animale nel mandriano; che tutto in te sia Krishna.
Questa è la tua meta.

Ciò che non posso fare ora è il segno di ciò che farò più tardi. Il senso dell’impossibilità è l’inizio di tutte le possibilità. Proprio perché questo universo era un paradosso e un’impossibilità, l’Eterno l’ha creato dal suo essere.

L’impossibilità è semplicemente una somma di più grandi possibilità ancora irrealizzate. Essa vela una tappa più avanzata e un viaggio ancora incompiuto.

Se vuoi che l’umanità progredisca, abbatti ogni idea preconcetta.
Così colpito, il pensiero si sveglia e diviene creativo.
Altrimenti esso si fissa in una meccanica ripetizione che confonde con la vera attività.

Girare sul proprio asse non è l’unico moto per l’anima umana.
Vi è anche la gravitazione intorno al Sole, di una inesauribile illuminazione.

La gioia d’essere non è limitata nel tempo, è senza fine e senza inizio.
Dio esce da una forma solo per entrare in un’altra.

Che cos’è Dio dopotutto?
Un eterno bambino che gioca un gioco eterno in un eterno giardino.

La gioia è il segreto.
Conosci la pura gioia e Conoscerai Dio.

Il mondo intero aspira alla libertà, eppure ogni creatura è innamorata delle proprie catene.
Questo è il primo paradosso e l’inestricabile nodo della nostra natura.


(Sri Aurobindo)

_________________
E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da
un'altra prospettiva.
(Robin Williams in "L'attimo fuggente")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 13:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
Caro Lemuriano.... Grazie :)

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 13:59 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 1 dic 2008, 13:04
Messaggi: 26
CITAZIONE (Shabatu @ 26/9/2008, 14:54)
Caro Lemuriano.... Grazie :)

Hahhahha
Al massimo lemuriana :-)

Prego...

Ciao

_________________
E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da
un'altra prospettiva.
(Robin Williams in "L'attimo fuggente")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 14:38 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Ho usato il "noi" al posto del me, chiedo scusa. Modifico:
CITAZIONE
Discorsi [...] esoterici, non mi sono di alcuna utilità.

Definizione di esoterismo:
Esoterismo è un termine indicante genericamente le dottrine di carattere segreto i cui insegnamenti sono riservati agli adepti, ai quali è riservata la possibilità della rivelazione della verità occulta, del significato nascosto.

Ciò che ne esce, infatti, è assolutamente limitato, ma gonfiato con aria fritta perchè, all'atto pratico, manca di qualsiasi conoscenza e spiegazione sulla meccanica del funzionamento delle tecniche e delle teorie proposte. Ultimi fra i tanti, ho sottomano 4 libri di Om Oskraham e Halladhah Hanahit (...italiani...), e con loro penso che l'esoterismo abbia raggiunto il ridicolo.

Ognuno pensa con la sua testa, come abbiamo sempre fatto. Mi limito, come faccio spesso, a ricordare ai nuovi utenti di formazione ed impostazione esoterica, che non si meraviglino se i loro discorsi in questo forum non incuriosiscono come in altri forum, in quanto mancano completamente dei principi di verificabilità e falsificabilità, essendo per lo più concetti che richiedono fede e che si instaurano nel tempo come certezze sempre meno pratiche. Scrivere parole altisonanti, poi chiedere di ricevere domande per dare spiegazioni, poi spiegare e far capire di non aver afferrato il concetto, come è successo in questa discussione...non è molto producente nè equilibrato. E' tutto qui quello che intendevo.

Non sto "bollendo": a volte scrivo poco, a volte molto. Ogni tanto me ne frego, ogni tanto puntualizzo.
Come avrai notato, ci sono moltissime discussioni dove non sono ancora intervenuto, perchè non farei altro che smontare castelli di carte. Ogni tanto lo faccio, e cerco di farlo educatamente e realisticamente.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 16:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
CITAZIONE
Mi limito, come faccio spesso, a ricordare ai nuovi utenti di formazione ed impostazione esoterica, che non si meraviglino se i loro discorsi in questo forum non incuriosiscono come in altri forum, in quanto mancano completamente dei principi di verificabilità e falsificabilità

:) posso esprime il mio pensiero?
... ahahhahahahahahahah

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 16:17 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Di uguale consistenza :)

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 16:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 20 gen 2009, 12:50
Messaggi: 44
kenshirou ...shabatu...non so perchè ma vi percepisco bene come coppia!!! image


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 26 ago 2008, 17:23 
CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Ho usato il "noi" al posto del me, chiedo scusa. Modifico:

Nessun problema ;) , l'ho detto solo a tuo uso e consumo, dato che è un pò di volte che noto che ti capita.

CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Esoterismo è un termine indicante genericamente le dottrine di carattere segreto i cui insegnamenti sono riservati agli adepti, ai quali è riservata la possibilità della rivelazione della verità occulta, del significato nascosto.

Occhio a non prendere fischi per fiaschi.
Compara i termini opposti "esoterismo" ed "essoterismo" per comprendere meglio la faccenda.
Quando si parla di adepti c'è una ragione specifica. Tu riusciresti a comprendere la scienza senza una valida iniziazione (scolastica) alla matematica?
Esoterismo = ciò che viene percepito individualmente, quindi incomunicabile per sua ragione intima e soggettiva.
Essoterismo = ciò che è stato percepito ma posto in una forma utile alla comprensione dei più.
Pensa agli insegnamenti di stampo cattolico, intrisi di regole morali e norme comportamentali. Quello è l'essoterismo.
Ora pensa alle metafore spesso fraintese di Gesù: quello è esoterismo.
E' chiaro che la segretezza, l'occulto e la rivelazione hanno una precisa collocazione in quel contesto. Prova a comprendere razionalmente un simbolo, prova poi a percepirlo. Otterrai un "significato nascosto".



CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Ciò che ne esce, infatti, è assolutamente limitato, ma gonfiato con aria fritta perchè, all'atto pratico, manca di qualsiasi conoscenza e spiegazione sulla meccanica del funzionamento delle tecniche e delle teorie proposte. Ultimi fra i tanti, ho sottomano 4 libri di Om Oskraham e Halladhah Hanahit (...italiani...), e con loro penso che l'esoterismo abbia raggiunto il ridicolo.

Ciò che esce dall'essoterismo, volevi dire.
Perché per chi lo vive da dentro le spiegazioni ci sono eccome, solo che la chiave di lettura è un'altra (sicuramente non razionale, si va per simboli).
Se tu lo vedi in questo modo buon per te, vuol dire che quella non è una strada a te affine. Ma ti prego di rispettare chi percorre in altro modo, senza sparlare dell'aria fritta e ciò che non riesci a comprendere. Giusto per sottolineare: lo sapevi che quella tecnica (non è l'unica, ce ne sono molte più elaborate) che ti insegnai a casa mia nasce proprio da un contesto esoterico? Tu puoi cercare di spiegarla in un'altra forma, sotto un altro tipo di modello, magari la PNL o quello che vuoi, benissimo. Ma è nata in un preciso contesto, il ché vuol dire che quella fonte non è proprio da buttar via.
E' solo una possibilità, che va comunque rispettata.


CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Mi limito, come faccio spesso, a ricordare ai nuovi utenti di formazione ed impostazione esoterica, che non si meraviglino se i loro discorsi in questo forum non incuriosiscono come in altri forum, in quanto mancano completamente dei principi di verificabilità e falsificabilità, essendo per lo più concetti che richiedono fede e che si instaurano nel tempo come certezze sempre meno pratiche.

Posso ovviamente parlare solo per me.
Lo sai che in questo forum mi è capitato tutto l'opposto?
Mi è stato più facile esprimere concetti agli utenti (soprattutto via chat quando si va sul personale) sotto forma simbolica piuttosto che matematico-scientifica. Sono proprio i post più scientifici che hanno avuto meno visite e risposte, tipo quello dove analizzavo la casistica dei generatori di numeri casuali.
Il problema non è la verificabilità e ripetibilità (che in esoterismo comunque c'è ed è usato in vari ordini), piuttosto il fatto che la matematica è più comprensibile alla moltitudine e quindi più efficiente. Ma la strada si allunga, come puoi comprendere.


CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Scrivere parole altisonanti, poi chiedere di ricevere domande per dare spiegazioni, poi spiegare e far capire di non aver afferrato il concetto, come è successo in questa discussione...non è molto producente nè equilibrato. E' tutto qui quello che intendevo.

Ok, se ho capito questa cosa riguarda te e Shabatu, chiaritevi voi perché a me non riguarda.


CITAZIONE (Kenshirou @ 26/9/2008, 15:38)
Come avrai notato, ci sono moltissime discussioni dove non sono ancora intervenuto, perchè non farei altro che smontare castelli di carte. Ogni tanto lo faccio, e cerco di farlo educatamente e realisticamente.

Fallo, fallo pure, siamo qui per questo. :)
Non ti sopporto quando dici "non è così, aprirò un topic a parte ma ora non ho tempo". :P




Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 27 ago 2008, 12:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
Se ho troncato la polemica quasi sul nascere c'è un motivo. Non è per puro spirito polemico, ma semplicemente perchè ho trovato una chiusura che non mi sarei aspettata. Non è questione di offesa, non vedetela così, solo che ho notato un po' di confusione e nessun desiderio di confronto... anzi, è dominante il desiderio di proclamare dei dogmi, delle posizioni e delle dottrine. Un po' c'ho giocato, lo ammetto, ma è come presentare un vasetto di miele a Winnie Pooh (notare le citazioni e i confronti altamente iniziatici che vi propongo).

Credo nella libertà (nella mia libertà, quella degli altri non mi riguarda) di parlare quando se ne ha voglia e ritrarsi se si vede che non ne vale la pena.
Il mio scopo (e ci tengo a metterlo per iscritto) non era quello di cercare di convertire all'esoterismo nessuno (perchè l'esoterismo, cari miei, non esiste. Ora cercate di capire perchè l'ho detto). Cercare di far capire dei concetti mitico-religiosi a dei razionalisti è quasi come inneggiare all'amore libero in un convento di suore.. non mi interessa.

Quello che invece mi colpisce è il fatto che nessuno si renda conto dei parallelismi tra la sfera non-scientifica e quella scientifica... prima dell'Illuminismo dominava il pensiero magico-religioso, la gente era manipolabile in base a questi presupposti, il potere era prerogativa dei Dottori (Ken, prenditi il dizionario e vedi chi sono stati i primi ad usare il titolo di dottore), il popolo pendeva dalle loro labbra. Certo, capitava che ci fosse qualche rivoluzionario (Lutero ad esempio) ma in genere tutto era assorbito ed integrato dal potere della Chiesa. Coloro che invece professavano qualcosa di troppo diverso e quindi non usabile venivano soppressi (devo elencare tutti i modi?). Tra questi c'erano i primi razionalisti, coloro che si ribellavano esercitando esattamente la qualità opposta alla fede: la ragione.
Non voglio fare una lezione di storia per Dummies, ma solo far notare che siamo arrivati al punto che Oggi la Chiesa è la Scienza che ha i suoi sacerdoti e Dottori, sono state create delle leggi che la giustificano, ci sono gli outsiders, i mistici, i rivoluzionari, il rapimento dei profeti in cielo (toh, gli ufo)... la gente... il potere.

Abbiamo esattamente sviluppato la qualità opposta (e guarda caso, Chiesa e Scienza non vanno proprio d'accordo) e noi tutti ne paghiamo le conseguenze.

Vogliamo parlare ora di libertà? Quale libertà e libero arbitrio ha l'uomo al giorno d'oggi? E' più libero ora quando prospettano la malattia mentale ad esempio in base a squilibri non individualmente verificabili rispetto a quando tutti temevano l'inferno, ma potevano regolarsi?

Quindi, invece di puntare la bacchettina presupponendo che l'etichetta dell'esoterista sia un valido bias per catalogare chiunque si rifà a un certo pensiero, provate ad applicare quel principio di falsificabilità di cui parlate. Un po' di coerenza, santo cielo.

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 27 ago 2008, 15:26 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
la liberta va contestualizzata e il libero arbitrio pure
indubbiamente abbiamo ora la capacita di farci un idea piu chiara di cio che siamo
cosa che in quel periodo era giusto riservata ai dotti (dottori)
quindi prima di parlare di liberta' in senso di paragone tra x e y
definiamo liberta' e libero arbitrio prima di proseguire

che ne dite?

liberta, capacita di scegliere

libero arbitrio, idem la possibilita' di dare una definizione unica e personale a qualcosa priva di senso per natura.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mer 27 ago 2008, 16:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 1 dic 2008, 13:04
Messaggi: 26
CITAZIONE (Simonkain @ 27/9/2008, 16:26)
la liberta va contestualizzata e il libero arbitrio pure
indubbiamente abbiamo ora la capacita di farci un idea piu chiara di cio che siamo
cosa che in quel periodo era giusto riservata ai dotti (dottori)
quindi prima di parlare di liberta' in senso di paragone tra x e y
definiamo liberta' e libero arbitrio prima di proseguire

che ne dite?

liberta, capacita di scegliere

libero arbitrio, idem la possibilita' di dare una definizione unica e personale a qualcosa priva di senso per natura.

Io non credo che si abbia il libero aribitrio totale come si pensa o crede.
Altrimenti non ci sarebbero le conseguenze. il karma, evoluzione, eccetera.

Penso che unico totale libero arbitrio lo si ha solo nella scelta di quale strada seguire.. bene o male, luce o buio.
Non c'è giudizio in questo (lasciamo perdere chiesa e preti), ma solo scelta, con relativo percorso, ostacoli, cose da comprendere, imparare eccetera.

Per quanto riguarda la libertà è solo illusione.
L'unica vera libertà è interiore... liberi dai condizionamenti mentali, paure eccetera.
Al di fuori di questo, NON si è liberi perchè qualsiasi cosa decidi di fare può invadere la libertà di un altro.



_________________
E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da
un'altra prospettiva.
(Robin Williams in "L'attimo fuggente")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 29 ago 2008, 7:57 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
pensa quanto è potente il potere dell illusione

se cosi tanto libera da poter aver la liberta di pensare di non esserlo

questa è la radice dell' amore indondizionato del tutto


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 29 ago 2008, 10:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 1 dic 2008, 13:04
Messaggi: 26
CITAZIONE (Simonkain @ 29/9/2008, 08:57)
pensa quanto è potente il potere dell illusione

se cosi tanto libera da poter aver la liberta di pensare di non esserlo

questa è la radice dell' amore indondizionato del tutto

Questa non la ho capita ... :huh:

E' altrettanto illusione pensare di essere totalmente liberi, specialmente se non c'è stata una evoluzione a livello spirituale e di coscienza... non ci si è "alzati" a livello vibrazionale.

Ho notato che spesso si ha una visione distorta di cosa significhi "amore incondionato"... sarebbe un argomento da discutere :P

Rispetto a come vedo le cose e persone attorno a me, penso di essere molto più libera a livello interiore di tanta altra gente, ma a livello materiale, fisico, non sono in grado di materializzare quello che voglio o modificare la vita, la materia come voglio.
Eh ho la libertà materiale limitata :P

Ciao

P.S. Forse oggi non capisco le cose, sarà perchè ho trovato una barra per browser dove ci sono delle radio di tutti i tipi e da varie parti del mondo.
Sto ascoltando Al Jazeera ... non ci capisco una mazza, ma c'è uno che parla in modo molto alterato e in fretta rispetto allo speaker ... che sia arrabbiato? :rolleyes:
Sta cosa mi ha sconvolto e mi fa ridere




_________________
E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da
un'altra prospettiva.
(Robin Williams in "L'attimo fuggente")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: ven 29 ago 2008, 19:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 13 apr 2009, 11:54
Messaggi: 110
Cos'è l'illusione? Perchè l'ego dovrebbe illudere se stesso? Definiamo illusione perchè messa così è una definizione fumosa.

Per quanto riguarda il libero arbitrio (e di conseguenza la libertà) secondo me coincide con la consapevolezza di sapere chi si è.

_________________
S'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 2 set 2008, 16:49 
Non connesso

Iscritto il: ven 12 dic 2008, 21:22
Messaggi: 39
questo sta semplicemente a significare
che la nostra esistenza ruota attorno solo alle definizioni e convinzioni che abbiamo, profonde o meno che siano
quindi la realta' essendo un perfetto specchio olografico entra in risonanza con le tue convinzioni
quindi quando sei convinta di non essere in qualche modo libera, per te quello ha senso, ed e' la tua verita'
ma quando un altra persona e' convinta di essere libera e agisce nella piena conspevolezza dei suoi limiti nella sua vita (e qui mi riferisco a quello che ha dett shabatu) ma comprende che la natura di questi limiti sono autoimposti da un livello superiore e da noi stessi
allora quando tutto quadra, si capisce che si e' liberi.

liberi di non crederci.....
liberi. hehehehehe


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 2 set 2008, 17:44 
CITAZIONE (Simonkain @ 2/10/2008, 17:49)
questo sta semplicemente a significare
che la nostra esistenza ruota attorno solo alle definizioni e convinzioni che abbiamo, profonde o meno che siano
quindi la realta' essendo un perfetto specchio olografico entra in risonanza con le tue convinzioni

Magari fossero solo le convinzioni o la volontà.
Giusto per rimarcare il concetto di falsificazione che Shabatu citava, che tipo di convinzione potrebbe avere una persona che cerca di vivere serena e in armonia, e poi scopre di doversi gestire un bel tumore? Non pensare a ciò che dovrebbe fare, pensa piuttosto a quali elementi in gioco hanno provocato questo spiacevole evento inaspettato.
Hamer lo spiegava per mezzo della mente istintiva, rettiliana. I medici odierni lo spiegano per mezzo della chimica organica.
Non importa chi abbia ragione, osserva semplicemente l'evidenza: ci sono tanti livelli di volontà e certezza.
La mente razionale ha una sua volontà, la mente istintiva ha una sua volontà, il corpo ne ha una sua, ma anche lo spirito, l'anima... Viviamo di tante componenti distinte e contemporaneamente sono un'unica entità. Ergo, volere o convincersi con la pura mente razionale equivale a fare solo una parte di tutto il discorso - pensa al discorso su Malanga dove tanti iniziano a chiedersi se un'anima effettivamente ce l'hanno; se non lo sai, quant'è limitata la tua percezione mentale?
Pensa che in ambito esoterico già da oltre 50 anni si parla di conoscenza del proprio "angelo custode", che altro non è che lo Spirito. E si dice che quando lo si conosce, si osserverà un'intima volontà mai ipotizzata fino a quel momento.
A quale volontà o convinzione ti stai riferendo, quindi?

Hai parlato di specchio, allarghiamo il discorso. Poniti fisicamente tra due specchi. Cosa noti? Tutta una serie di riflessioni, un universo che sembra infinito, senza fine. Quindi inizi a pensare che la totalità corrisponda a tutto ciò che percepisci, ed è proprio il lavoro che quotidianamente fa la mente, senza rendersi conto che c'è molto altro oltre i due specchi accoppiati.
Hai mai pensato al termine "riflettere"? Quando pensi, che fai? Rifletti :P
La mente che riflette inesorabilmente sé stessa. Più elementi inserisci (conoscenza), più riflessioni avrai. Ma si rimane sempre in quel gioco di specchi.

Inoltre la convinzione ha anche il suo opposto, ricordatelo. La disillusione.


CITAZIONE (Simonkain @ 2/10/2008, 17:49)
allora quando tutto quadra, si capisce che si e' liberi.
liberi di non crederci.....
liberi. hehehehehe

Credo che per comprendere il concetto di libertà sarebbe più utile vederlo da ulteriori punti di osservazione.
Grado di libertà... asse di libertà...
La mente, l'anima, lo spirito e il corpo fisico sono soggetti a limiti, entro i quali hanno la propria libertà. Se vogliamo vederla sotto la SST, ognuno di questi ha una libertà implicita agli assi spazio tempo ed energia dove si esprimono.
L'unica libertà fuori dagli schemi, secondo me, sarebbe quella dove c'è la massima coerenza e quindi sincronizzazione tra tutte queste componenti. Il tutto in uno, e quindi l'uno come piena coscienza che si rispande nuovamente sugli assi percettivi.


Top
 
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: mar 2 set 2008, 19:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 1 dic 2008, 13:04
Messaggi: 26
Anonimo:
Complimenti!

comunque in tutta questa discussione rimango della mia opinione... tutto è illusione.
Si sta usando troppo la mente per "analizzare" e si tralascia il "sentire".

comunque vondivido com quanto hai detto anche se, da altri punti di vista, non ha torto nemmeno Simonkai.

Solo che la tua, Anonimo, è una visione di insiemi a diversi livelli, mentre quella di Simonkai è più unilaterale, ha una sola angolazione.
comunque non significa che sia sbagliata nemmeno la sua, solo che è limitata, ma va bene lo stesso.

Ciaooooo

_________________
E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da
un'altra prospettiva.
(Robin Williams in "L'attimo fuggente")


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010