Oggi è mer 15 lug 2020, 19:20

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: sab 12 lug 2008, 7:23 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Alimentazione

Stuart McRobert, "Costruire muscolo, perdere grasso, apparire al meglio", pagina 62 e seguenti


Mangiate cibo salubre ogni 3-4 ore.

Eliminare il cibo spazzatura significa eliminare il cibo che è stato distorto e corrotto dalla tecnologia moderna. Il cibo spazzatura non è soltanto quello che acquistate ai ristoranti fast food. Rappresenta anche gran parte di quello che si trova sugli scaffali dei supermercati. Generalmente, eliminare il cibo spazzatura significa evitare il cibo che è stato processato, raffinato o distorto dal suo stato naturale, oppure contaminato con zuccheri raffinati od oli pricessati moderni. Fare questi cambiamenti può essere difficile, però sono necessari se volete migliorare il vostro benessere e minimizzare le possibilità di soccombere ai problemi di salute così endemici nel mondo occidentale, dovuti in larga parte alla dieta moderna.

Ecco un riassunto di cosa evitare, adattato da Dietary Dangers pubblicato dalla The Weston A. Prince Foundation:
  1. Evitate gli alimenti processati industriali come biscotti, cracker, tortini, pasti da Tv, bevande analcoliche, sughi misti pronti e così via

  2. Evitate i dolcificanti raffinati come zucchero, destrosio, glucosio, sciroppo di mais ricco di fruttosio e gli alimenti che li contengono

  3. Evitate la farina bianca, i prodotti di farina bianca e il riso bianco

  4. Evitate tutti i grassi e gli oli idrogenati o parzialmente idrogenati, compresi margarina e grassi da pasticceria

  5. Evitate tutti gli oli vegetali estratti da soia, mais, cartamo, canola o semi di cotone

  6. Evitate gli alimenti fritti

  7. Evitate il vegetarianismo rigido (veganismo) perchè i prodotti animali apportano nutrienti vitali non presenti negli alimenti vegetali

  8. Evitate i prodotti che contengono polveri proteiche, traete le proteine dagli alimenti che le contengono naturalmente

  9. Evitate le uova prodotte in batteria e le carni da allevamenti industriali

  10. Evitate salumi molto processati e salsicce che contengono glutammato monosodico (MSG) e altri additivi

  11. Evitate frutta e ortaggi in scatola, trattati, cerati, bioingegnerizzati o irradiati

  12. Evitate gli additivi alimentari artificiali, in particolare MSG, proteine vegetali idrolizzate e aspartame, sono neurotossine. La maggior parte dei preparati per zuppe, salse e brodi, e dei condimenti commerciali, contiene MSG, anche se non è indicato con questo nome in etichetta

  13. Evitate le bevande che contengono caffeina, come caffè, thè e bevande analcoliche. Evitate il cioccolato
Leggete le etichette, poi capirete quanti zuccheri, grassi insalubri e additivi ci sono in molti alimenti comuni.

Vi resteranno i latticini, la carne e il pesce (se non siete vegetariani), le uova, i prodotti di cereali integrali (non raffinati o bianchi), le insalate, i legumi, la frutta secca, i semi e i frutti e gli ortaggi freschi, nelle quantità dettate dai vostri fabbisogni calorici e dalle vostre capacità digestive.

Ecco un riassunto di cosa mangiare, adattato da Dietary Dangers pubblicato dalla The Weston A. Prince Foundation:
  1. Mangiate alimenti interi, naturali

  2. Mangiate solo alimenti che si deteriorano, però mangiateli prima che succeda

  3. Mangiate carni da allevamenti naturali, compresi pesce, frutti di mare, pollame, manzo, agnello, cacciagione, organi e uova

  4. Mangiate latticini di latte intero prodotto naturalmente ottenuto da mucche allevate al pascolo, preferibilmente crudo o fermentato, come yogurt intero, burro con coltura aggiunta, formaggi di latte intero e panna fresca e acida

  5. Usate solo grassi e oli tradizionali compresi burro e altri grassi animali, olio extra vergine di oliva, olio di sesamo e lino estratto per espulsione e oli di noce di cocco e di palma

  6. Mangiate frutti e ortaggi freschi, preferibilmente da agricoltura biologica, consumati nelle insalate o nelle zuppe, oppure cotti a vapore

  7. Usate cereali integrali e frutta secca preparati usando l'ammollo, la germinazione e la lievitazione acida, così da neutralizzare l'acido fitico e altri antinutrienti

  8. Preparate da soli i condimenti per insalata usando aceto, olio extra vergine di oliva e olio di lino estratto per espulsione

  9. Usate dolcificanti naturali con moderazione, per esempio miele crudo, sciroppo d'acero e melasse
Gli alimenti salubri dovrebbero essere gustosi e piacevoli da mangiare. Dedicate il tempo necessario a preparare il cibo salubre di cui godrete. In ogni caso, friggere è uno dei modi peggiori di preparare il cibo, danneggia anche il cibo sano.


Acqua

Consumate nek corso della giornata quanta acqua necessaria a produrre almeno quattro orinazioni chiare al giorno (oltre alle orinazioni colorate). Incrementate gradualmente l'assunzione di acqua fino a produrre il minimo di quattro orinazioni chiare al giorno. Acquistate un filtro per l'acqua se l'acqua del rubinetto non ha un gusto piacevole oppure bevete acqua imbottigliata di buon sapore. Sostituite la maggior parte delle bevande con l'acqua oppure con del thè decaffeinato. Tenete a portata di mano una bottiglia di acqua o di thè e bevetene qualche sorso ogni 15-30 minuti oppure più spesso se è caldo o vi state allenando. L'assunzione abbondante ma infrequente di acqua aumenta l'orinazione ma non produce necessariamente l'idratazione adeguata. Poco e spesso è una strategia migliore per il consumo di acqua.


Sonno e recupero

Per recuperare dall'attività fisica è necessario dormire adeguatamente. Se lesinate sul sonno ostacolerete il progresso dell'allenamento. Dormire sufficientemente non è importante solo per il recupero fra gli allenamenti. Sarete ben motivati ad allenarvi solo se siete ben riposatiò. Un corpo fiacco causa un desiderio di allenarsi fiacco.

Se dovete farvi svegliare da una sveglia e se bevete regolarmente caffè, quasi sicuramente non state dormendo in quantità e qualità sufficienti. Riconoscete l'importanza del sonno, non solo per il recupero e la capacità di allenamento ma per la salute nel suo complesso. Migliorate le abitudini legate al sonno e dormite un pò di più ogni notte.


Cambiamenti incrementali

Se dovete apportare dei cambiamenti sostanziali nelle vostre abitudini alimentari e di sonno, apportateli gradualmente, passo dopo passo. Adattatevici gradualmente. Distribuiteli nel corso del mese preparatorio.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 12 ott 2008, 22:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Grazie, bel topic!
Quel libro è pieno di risorse utili! :O
Il mio professore di religione si era incavolato un casino quando ha scoperto che il latte in polvere è persino nel salame! :lol: ... anche se non c'è da ridere!
Ad ogni modo la considero una bella guida!
Però purtroppo resta il dilemma... meglio vivere di meno e vivere meglio, oppure vivere di più ma non vivere meglio?
Perché sarebbe bello vivere 100 anni mangiando tutta la roba genuina, però sarebbe bello, magari, vivere 10 anni di meno però mangiando anche le porcate, wurstel, e magari bere (anche se io non bevo)... quindi come cercare di trovare un equilibrio tra le porcate e la roba genuina?
Non ho mai capito...

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 12 ott 2008, 22:15 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
Non mangiando le porcate: il gusto si può avere anche con il cibo sano cucinato nel modo giusto.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: dom 12 ott 2008, 23:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 26 nov 2008, 20:56
Messaggi: 889
Località: Cuneo
Si ma certi gusti non li posso replicare in cibi sani!
Per esempio il sapore di wurstel dove lo trovo in un altro cibo sano?

_________________
13/09/2009


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio:
Messaggio da leggereInviato: lun 6 feb 2012, 13:29 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: dom 9 nov 2008, 23:20
Messaggi: 3497
I wurstel fanno schifo :lol: C'è la carne peggiore che viene così mischiata e "intubata" invece che essere venduta da parte. Comunque ci sono wurstel non di maiale (qualsiasi carne è meglio del miaiale), o wurstel vegetali (che, strano ma vero, hanno lo stesso sapore) per chi non mangia nessun tipo di carne.
Un buon sapore dipende anche dal modo di cuocere e di condire, oltre che può essere dato, anche in maggior misura, da altri cibi; ho scoperto nuovi e rinnovati sapori quando ho smesso di mangiare schifezze e alimenti poco salutari per l'uomo come maiale, latte, latticini e zucchero, e riducendo carne, farina di grano bianco e alcohol (ora mi viene in mente questo). Ho infatti scoperto tanti altri cibi (non importati, ma nostrani) ben più naturali e salutari per il mio organismo mediterraneo, per non parlare dei tanti e buoni modi di cucinare e condire che ignoravo.
E' questione di obiettivo: a seconda di ciò che si vuole ottenere, si possono prendere diverse decisioni. Io ho trovato la salute e anche il gusto, e migliorerò ancora questa ricerca.

_________________
Chi conosce gli altri è saggio, chi conosce sé stesso è illuminato.
Chi domina gli altri è forte, chi domina sé stesso è superiore.
Chi sa accontentarsi è ricco, chi agisce fermamente ottiene tutto ciò che vuole.
Chi non dimentica i suoi principi vive a lungo, chi muore senza essere dimenticato vive per sempre.

(Lao Zi, "Tao Te Ching", Capitolo 33, "La virtù del discernimento")


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: lun 30 lug 2012, 22:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 22 giu 2012, 22:37
Messaggi: 9
Evitate la farina bianca
Questo punto me lo devi spiegare


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 31 lug 2012, 10:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 21 giu 2011, 11:28
Messaggi: 423
subiscono dei processi di raffinazione che deteriorano il prodotto originale


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 31 lug 2012, 13:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 22 giu 2012, 22:37
Messaggi: 9
Citazione (filippo77)
subiscono dei processi di raffinazione che deteriorano il prodotto originale

credo lo facciano solo nelle grandi industrie


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 31 lug 2012, 15:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 21 giu 2011, 11:28
Messaggi: 423
tutti i processi di raffinazione deteriorano il prodotto originale, sepsso dando meno di metà delle risorse energetiche del cibo originale ed in ogni caso trattando spesso in maniera chimica quindi che non favorisce la salute (tipo sbiancamenti)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mer 1 ago 2012, 12:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 set 2011, 20:22
Messaggi: 102
Aggiungo che le farine integrali andrebbero mangiate solo se biologiche, in quanto il chicco integrale non biologico trattiene i pesticidi chimici con cui viene trattato. Anche per lo zucchero è lo stesso discorso. Attenzione anche allo zucchero di canna caramellato e spacciato per integrale che in realtà è raffinato come quello bianco.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mer 1 ago 2012, 12:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 21 giu 2011, 11:28
Messaggi: 423
giusta osservazione, anche se leggevo in giro che molti prodotti spacciati per biologici in realtà sono dei fake, quindi il mercato non aiuta molto e la produzione casalinga di certi prodotti è difficilina


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mer 1 ago 2012, 12:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 set 2011, 20:22
Messaggi: 102
Infatti, si dovrebbe stare attenti alle certificazioni, credo. Ho letto che alcune sono più rigide di altre (es. Ecocert, Icea, Demeter). :)


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mer 1 ago 2012, 22:03 
Non connesso

Iscritto il: mer 25 lug 2012, 21:39
Messaggi: 2
Fermo restando che ogni tanto uno strappo alle regole si può fare, Mc Robert ha ragione: il cibo spazzatura va eliminato dalla nostra alimentazione.
La verdura non andrebbe cotta, ma consumata fresca, come la frutta.
Il sale e lo zucchero bianchi sono veleni per il nostro organismo, dovrebbero essere integrali.
Niente farina bianca e derivati: i campi di grano non esistono in natura (l'agricoltura è una scoperta/invenzione umana del neolitico, cioè risale a 10-15 mila anni fa, ma i resti umani risalgono a milioni di anni fa, milioni di anni in cui l'uomo è stato un cacciatore-raccoglitore, non un agricoltore); meglio il riso integrale.
Personalmente mangio la carne due volte a settimana: l'uomo non ha denti da carnivoro, e poi dove la prendiamo oggi la carne "buona"?
Bene lo yogurt, magari condito con mandorle, noci, semi di girasole (che hanno molte proprietà benefiche).
Consiglio un integratore vitaminico, e un apporto di vitamina C superiore alla dose raccomandata (che in America è il doppio): la dose che ci dicono di assumere serve a non farci morire di scorbuto, ma non è assolutamente sufficiente al nostro organismo (ma è sufficiente a far ammalare le persone e a far arricchire le case farmaceutiche). Io soffrivo di fortissimi raffreddori, forse anche a causa della fatica sportiva; da quando assumo alte dosi di vit. C non ho più nè influenze nè raffreddori. La vit C è un fortissimo antitumorale e un potente antiossidante.
Pratico il powerlifting e ho la fortuna di allenarmi con campioni internazionali con i quali posso avere un continuo scambio di informazioni su allenamento e alimentazione.

Buon allenamento e buona alimentazione a tutti!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 7 ago 2012, 10:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 set 2011, 20:22
Messaggi: 102
Per le verdure dipende dalla cottura, il vapore è un tipo di cottura salutare. Inoltre, secondo alcuni studi è meglio mangiare certe verdure cotte e non crude, ad esempio mangiando carote crude non si assimila la stessa quantità di betacarotene rispetto a quelle cotte, e il licopene dei pomodori si trova in maggior quantità nella salsa di pomodoro rispetto ai pomodori crudi.

Io sono d'accordo con questa lista, in linea di massima sono le mie abitudini alimentari, eccetto la carne che non mangio e la cioccolata che mangio solo fondente. Non so perchè dovrebbe essere evitata. Inoltre non ho mai capito se è giusto ammollare la frutta secca come fanno i crudisti o se sia inutile farlo.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 7 ago 2012, 12:22 
Non connesso

Iscritto il: mer 25 lug 2012, 21:39
Messaggi: 2
Ciao Babet, non ero sceso nei particolari. La cottura a vapore è ottima. Il cioccolato, se di ottima qualità, ogni tanto puoi mangiarlo. La frutta frutta secca lipidica (noci, mandorle, ecc.), secondo alcuni, andrebbe ammollala per motivi digestivi. Io la mangio macinata insieme allo yogurt, comunque la dosse è di circa 20 g, e se il resto dell'alimentazione è corretto non ci sono problemi. In allenamento consumo uva sultanina, albicocche (frutta secca glucidica).


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: mar 7 ago 2012, 13:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 2 ago 2012, 14:34
Messaggi: 13
Sì, sono d'accordo ed io per un periodo - indipendentemente da McRobert, che all'epoca non conoscevo - giunsi alla stessa conclusione e tentai questo stile di vita. L'amara conclusione dell'esperienza, secondo la mia umillima opinione, è che ormai viviamo in un mondo così plastificato che a voler condurre questa filosofia si finisce per rinunciare, quotidianamente, a un ventaglio alimentare nonostante ciò prezioso.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: lun 27 ago 2012, 12:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 19 nov 2008, 21:34
Messaggi: 1056
Citazione (Babet)
Infatti, si dovrebbe stare attenti alle certificazioni, credo. Ho letto che alcune sono più rigide di altre (es. Ecocert, Icea, Demeter). :)

Anni fa feci un corso di CERTIFICATORE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI e posso confermarti che le scappatoie legali e le falsificazioni sono qualcosa di impressionante e spesso sotto gli occhi di tutti ma c'è chi non le vuole vedere e chi non le vede proprio per il fatto che, ipotesi, una determinata azienda ha una certa nomea e potrebbe anche lasciar intendere che sia un'azienda qualitativamente superiore mentre in realtà proprio per il fatto che agisce sulla grande distrubuzione, necessita di controlli spietati.

Ogni tanto si legge di interventi della guardia di finanza e NAS che fa chiudere grosse aziende per i motivi sopra citati.

Come si può quindi sapere se un prodotto è biologico, termine per altro coniato in tempi recenti dato che decenni fa TUTTO era biologico, ovvero prima del boom economico post-bellico?
Semplice:
se avete un orto, lo sapete bene che prodotti ci date.

E se tutti non hanno un orto, devono per forza affidarsi ad amici o conoscenti che magari riferiscono loro di una piccola azienda nei dintorni che fornisce frutta e verdura salubre.

_________________
L'ACQUA CHETA ROVINA I PONTI... OCCHIO A CHI VUOL ERIGERE CASTELLI DI CARTA.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: Stuart McRobert: Alimentazione
Messaggio da leggereInviato: lun 27 ago 2012, 16:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 7 set 2011, 20:22
Messaggi: 102
Per la frutta e la verdura hai ragione, avendo l'orto "alla vecchia maniera" so quello che mangio (almeno credo, non considerando l'aerosol chimico XD ), ma per prodotti meno reperibili e non coltivati in zona pensavo che una certificazione come ad es. Demeter fosse affidabile. Ho letto di queste truffe delle certificazioni ma non pensavo che la cosa fosse così drastica. Sicuramente sono da preferire le piccole aziende alla grande distribuzione che sta marciando sulla moda dell' "ecobio" creando prodotti con "biologico" stampato sù bello grosso in etichetta e poi zeppi di sostanze dannose.
Il discorso che fai sul biologico vale anche per l'integrale, una volta non credo che le farine ad esempio fossero così sbiancate e impoverite come adesso. :)


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ] 

Annuncio: Ci siamo trasferiti sul nuovo Blog!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010