Oggi è mar 19 feb 2019, 7:11

Annuncio: Il Forum è morto. Viva il Forum!




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: dom 20 ott 2013, 22:29 
Non connesso

Iscritto il: dom 16 set 2012, 19:41
Messaggi: 15
E' un po' lunga la storia. Sogno frequentemente con il sogno lucido, e vari elementi se non riesco ad analizzarli sul momento me li porto dietro fino a che non riesco a capire che cosa vogliano dire, come anche voi immagino.

Ci sono 2 individui maschi che continuano ad essere presenti nei miei sogni, non costantemente, ogni tanto ci sono 2 individui maschili che sono presenti e sono praticamente uguali. Il primo momento in cui li ho incontrati, o quantomeno che si sono resi evidenti, è nel febbraio di quest'anno, in concomitanza al mio ritornare in possesso della mia casa. In pratica in quella parte di sogno, nel momento in cui acquisivo la consapevolezza della presenza di questo sacerdote in ambiente cinese dagli occhi a pupilla verticale, mentre faccio per andarmene, uscendo dalla porta della piazza, 2 guardie mi vengono incontro e mi passano facendo lo stesso con il sacerdote.

Cioè, sinceramente fino ad ora avevo attribuito a queste due figure il messaggio del mio essere in "guardia".

Altre volte che li ho visti avevano quasi sempre vestiti militari, di varia natura, potevano essere militari americani, come russi. Una volta all'interno del sogno, durante uno scontro tra la mia squadra e l'altra, loro erano come degli osservatori esterni, uno dei due aveva un binocolo e l'altro aveva un fucile da cecchino che mi faceva temere che nell'intento di combattere gli aggressori che tentavano di entrare in casa mia in un primo momento, poi lo scenario cambiava, nel rispondere potessero colpire i miei uomini mentre scoperti, così praticamente la situazione rimaneva di stallo.

Cioè... diventa difficile chiedere consiglio, ci sono stati molti cambiamenti mentali dal febbraio di quest'anno, e mi viene difficile trovare un modo per creare un filo logico, così...

(2mesi fa)Recentemente li ho visti in 2 forme animali differenti in due sogni differenti. Il primo mi trovai a percorrere una strada e mi trovai di fronte un leopardo che mi dimostrava aggressività, facendomi intendere che non potevo proseguire in quella direzione, torno indietro, e nel tentare di non seguire la strada principale, cercai di scavalcare una palizzata di legno, anche per paura che quell'altro mi seguisse, e ne trovo un altro. Mi faccio indietro e vedo una donna andare nella direzione in cui c'era il leopardo, temo per lei ma non so come farglielo capire. In quel momento però una anziana in macchina mi si fa incontro e cerca di investirmi, io non capisco che cosa sta succedendo, e lei dopo aver tentato di investirmi smontando mi suggerisce di chiamare il mio avvocato perché mi reputa responsabile della scomparsa dei suoi due "gattoni". Io non capisco e non sono proprio disponibile emozionalmente di fare ciò che vuole lei. La donna cambia d'aspetto e diventa un uomo alto sui 2 metri e qualcosa, io sono 1,85cm. E mi dice che siccome ultimamente non mi sto comportando molto bene nei confronti di "loro", lui aveva preso la decisione di distaccarsi da me. Allungò il braccio sinistro, e con la mano andò a premere un bottone(verde) dietro il mio collo. Non so che cosa intendesse per distaccarsi da me, ma non mi sembra che l'avesse fatto in quel momento, perché poco dopo mi trovo in un luogo americano anni 70', c'è abbastanza movimento, non c'è una festa. Sono sul marciapiede sul lato sinistro e vi è una pompa di benzina, che ad un certo punto esplode, e succede casino. Proseguo per la strada a piedi, e vedo 3 individui maschi di cui 1 il capo, si trascinano, sembrano 3 zombie ma sono molto violenti perché l'emozione che ho è molto negativa, svolto a sinistra in un vicolo, non capisco bene la scena, ad un certo punto sento una donna venire divorata in un tombino da questi 3 individui, la sensazione è orribile, cioè non sentivo impotenza, ma sentivo la violenza di questi tipi. Non capisco perché poi al posto di avventarmi su di loro, nella rabbia, mi scaravento contro una macchina, in cui dentro c'è un vecchio, e la scaravento nel canale con l'uomo dentro. Questi tipi per un po' ci cammino assieme... in un punto del sogno, trovandomi in una sala conferenze, come se fossi a scuola, questi stavano davanti all'entrata, come se fossero una specie di sicurezza ma che allo stesso tempo sembravano comandare loro...

(3 settimane fa)Invece la seconda volta che li vedo come animali, questa volta è più recente, li vedo come 2 cani. Mi trovo a voler ritornare in un determinato luogo, solo che prendo una strada secondaria per non essere intercettato dalle forze nemiche, solo che ho il timore di allontanarmi troppo. Ad un certo punto mi trovo davanti questo cane nero, che mi rincorre, fino ad un certo punto perché il cane diventa bianco anche se ancora più grande, ed era bello più grande di me, e la paura era tanta, anche se in questo caso il ruolo dei due è di facile traduzione.


Un po' di tempo fa, invece, 6 mesi fa più o meno, dopo comunque la mia presa di casa. Erano gli inizi che cominciavo a comprendere anche le contromisure che potevo adottare all'interno di un sogno lucido e in quel sogno mi trovai in camera, era buio, forse qualche spiraglio di luce, notai che vicino al mio letto, di dietro ad esso a sinistra, vi erano 2 porte, una per il normale sgabuzzino, e l'altra per uno stanzino che non dovrebbe esserci, era uno stanzino con vari strumenti di lavoro, di varia natura, meccanica, ospedaliera, non era tanto grande, mi sembra che le mattonelle del pavimento e del muro fossero di colore blu. Vidi esserci mio padre, ma poi vidi un secondo mio padre, ed era pesantissimo, per la mia psiche sentivo un peso impressionante sulla mia testa, come se qualcuno ti ci si montasse sopra. E non erano gentili, erano aggressivi. Mi dissero in tono aggressivo e di sberleffo: dai crea un cane! Facendo riferimento alla mia capacità di creare dal momento che ci trovavamo in un sogno. E non ci riuscivo con l'intento, la pressione era fortissima, gli chiesi ad uno dei due che cosa significasse che ci fossero 2 miei padri in quella stanza, ma mi mandò a quel paese.

In questo caso penso che quelle due figure di cui sopra non siano le stesse, non so chi sia stato il secondo in questo caso, però non dovrebbe centrare. Nello stesso periodo, forse una settimana prima vidi mio padre, accompagnato da 2 cani, che mi montarono sopra il petto e mi tennero fermo. Poi la scena si evolveva, ma la presenza dei due non c'è più.

In un altro caso invece, la presenza di questi due si manifestò in un'altra maniera. Mi trovai a scuola, forse era sui 7 mesi fa, e mi trovavo all'ultimo piano dell'istituto, ad un certo punto della lezione, prendo e me ne vado fuori in volo, resto fuori un po' di tempo e quando ritorno, atterrando nel campo della scuola sono scortato da 2 agenti, che poi nella scena il tutto si evolve nel mio prendere parte ad un allenamento militare uno di quelli riservato alle "reclute" più o meno reclute, in alcune parti sembrava essere una missione coordinata, o una esercitazione coordinata.


Mi chiedevo, beh, il sogno ha molte sfumature e dipende sempre dal sognatore. Però è da abbastanza tempo che ho queste 2 figure maschili che si presentano a cui non sono mai riuscito a dare una chiara assegnazione. Non fanno parte della mia vita reale, quindi ha un significato simbolico, ma non riesco ad individuare che cosa questi 2 individui possano rappresentare. Non sono mente e spirito perché riesco sempre a riconoscerli quando ci sono.


----------------
L'altro ieri invece questi due si sono presentati per la prima volta, con la forma dei fratelli di mio padre, per riassumere, nel momento in cui li vedo, dopo vedo due lettini tipo per bambini, tipo letto a castello piccolo, i due lettini sono vuoti, uno dei due vorrebbe un po' di musica, io mi stupisco che non ci sia e vado in una stanza con l'intento di creare una radio, e mi trovo in quella stanza che in un altro sogno funse da luogo in cui mi ritrassi per paura durante una specie di attacco da una specie di nube nera. Ho una buona considerazione dei fratelli di mio padre, un po' di rispetto. Teoricamente arrivavano dalle scale dei piani superiori.


Non penso capirete molto, facendone tanti mi viene difficile anche ricordarmeli tutti sul momento e creare un filo per poterli anche solo inquadrare. Però se qualcuno ha una idea non sarebbe male. Riesco a volte inquadrarli all'interno delle "regole", cioè come rappresentanti delle regole, ma in altre per niente e non riesco a dargli un senso simbolico.



Edit: aggiungo un altro sogno
Mi trovo a scuola, c'è questa ragazza che voglio portare fuori dalla scuola perché è in pericolo, lei prima mi chiede perché lo faccio e non si muove fino a che non gli dico qualcosa. Insomma partiamo, so che entriamo in una stanza, lei se non ricordo male trova un aggeggio elettronico che ruppe, poi uscimmo fuori velocemente per andare a prendere la corrispondenza dell'autobus, nell'uscire dalla porta, lo scenario cambia, lei non c'è più, e al posto della scuola c'è casa mia da cui esco appunto. Ci sono 2 persone uguali, appunto come dico negli altri sogni, che sono seduti come due avvoltoi sulla ringhiera che porta al nostro garage, all'inizio li vedo come due avvoltoi poi come due persone che si alternano come figura, non fanno niente, sono lì per controllare, il periodo di questo sogno è comunque successivo alla presa di casa mia, forse marzo. Mentre vado giù nel garage non succede niente, ma mentre torno su, ed esco dal garage, arriva mio zio, la sensazione è negativa, e mi dice: Ah ecco come fate!, si riferiva teoricamente a qualche cosa che centrava con la riparazione delle macchine, solo che io non capivo un accidenti di che cosa si riferisse, sentivo solo una grande rabbia verso di lui, terminando con il picchiarlo a sangue.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: mar 22 ott 2013, 5:33 
Non connesso

Iscritto il: lun 19 dic 2011, 1:47
Messaggi: 206
Località: teramo
Ciao! è bello leggere come i sogni altrui non siano poi così diversi dai propri! :D
Hanno tutto l'aspetto di esperienze sul piano astrale . Mi è capitato in pratica di sperimentare un po' tutti gli elementi di cui parli (dai tizi enormi che ti bloccano , ai cani che braccano il tuo libero volare, scuole-ospedali-esercitazioni militari,alle persone divorate vive e pure gli strani sacerdoti e i loro templi) - sebbene ormai soprattutto in passato - e ,dal mio punto di vista, posso azzardare un paio di ipotesi :
Intanto il tasto che hanno spinto è l'esatto punto (del tuo corpo fisico e/o astrale) dove loro (o quantomeno l'entità che ti appare magari fingendosi doppia, chi può dirlo....) sono connessi a te; ci lavorerei in simbad per visualizzare la parte e poi rimuovere la connessione.
Vero pure che talora ci toccano dei punti "fisici" precisi per disarmarci, svuotarci o farci svegliare - alla spock maniera, se vogliamo :D
Più che guardie comunque, li definirei (se non alieni, quantomeno)parassiti che si agganciano a te e badano a che tu non ... sfugga. Bravi manipolatori dei piani sottili, usano le paure e debolezze "razionali" che ci trasciniamo pure in quei piani per controllarci...

(off topic) Riguardo quest'ultimo concetto, ho una mia teoria sul bombardamento educativo con cui ci castrano fin da piccoli : oltre che servire a farci essere buone pecorelle di giorno, diveniamo pachidermi nel mondo astrale! Più ci razionalizziamo, più difficilmente ci verrà istintivo fare ciò che ci pare la dove potremmo ... finendo paralizzati dalla paura. Paura - effetto collaterale dell' educazione....

Una domanda - te la faccio visto che davvero hai esposto qualcosa di molto simile al mio vissuto ...
Prima di iniziare a combatterli (o resistergli) anche tu facevi esperienze (perchè chiamare sogno ciò che sentiamo essere così reale?) di contatto positive , simboliche, in cui pian piano il loro avvicinarsi "onirico" andava di pari passo con l'esporsi anche in veglia?
A me è capitato così ...
ciao!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: mar 22 ott 2013, 18:36 
Non connesso

Iscritto il: dom 16 set 2012, 19:41
Messaggi: 15
Non saprei dirti se fosse così, io ho 23 anni, e fino al diciottesimo anno ho vissuto in una maniera inconsapevole. Poco a poco con il primo complottismo, comincio ad addentrarmi sempre di più in tematiche esoteriche fino a che nel 2011, a 21 anni, arrivo a conoscere malanga nell'intervista di massimo mazzucco. Nel mio caso non saprei dirti, da molto piccolo avevo come tanti una buona capacità intuitiva che ancora oggi faccio fatica comprendere dal racconto dei parenti, ma che poi venne smorzata, i miei genitori si separarono quando ero ancora piccolo, ma poi non so, comunque non ero molto consapevole, e malanga lo cominciai a guardare diversi mesi dopo la prima intervista.

Io gradualmente comincio con il sogno lucido, lo chiamiamo sogno anche se poi è più reale, ma è per intenderci. Io adotto la traduzione del sogno alla stessa realtà, non considerandola diversa, ma adotto lo stesso vocabolario agli stessi accadimenti fuori, con un certo limite perché poi l'esperienza la devi fare.

Questo discorso si ricollega a ciò che è successo questa mattina in sogno. Diciamo comunque che razionalizzare ha un pregio se lo sai equilibrare con l'intuito. Cioè se non ti chiudi al "se non vedo non credo", e tieni una base razionale riesci a raccogliere dati che poi ti vengono utili alla condivisione, perché se mantieni un certo livello poi riesci a spiegarti bene o quanto possibile, se incorrere nella facile etichettatura, e poi è esperienza, con un po' di misura e intuito riesci bene.

Allora, con il sogno lucido inizio poco a poco, all'inizio si parte un po' così così, magari ti diverti, ma poi lasci il messaggio per quello che è anche se a volte è utile sapere come reagire. Il forum Prendere Coscienza mi ha aiutato molto, almeno il suo admin quando ancora aiutava con i sogni, più che altro nel capire come si traduce un sogno, e non c'è proprio una guida, continuando a tradurlo e soprattutto a scrivertelo riesci prima a ricordarlo e poi a comprenderlo, ma ci vuole del tempo la cosa migliore secondo me è il fatto degli assi cartesiani, sinistra passato destra futuro, alto e basso energia(alta montagna per dire, tanta energia), e poi quella dello spazio che ora non ricordo.

Io non parto mano a mano ad avere esperienze positive coscienti, se ce ne ho non sono coscienti, io inizio a ricordare il febbraio di quest'anno, ed è stato molto intenso quest'anno, perché da lì comincio il mio percorso, il combatterli hmm io ho fatto fatica a credere che fossi in mezzo a queste cose fino ad almeno giugno, e per tutto il 2012 ascoltavo con interesse senza avere idea che potesse succedermi qualcosa a me.

Oggi invece. Sai io penso che nel momento in cui ti trovi a non avere più strade da scegliere, ti trovi in un punto cieco, o almeno la sensazione che hai è quella, prova a cercare che quel momento è il contrario di quel che senti, è proprio il momento in cui ne stai venendo fuori da quella cosa. Già solo il fatto di tirare fuori l'argomento, anche se pensi che nessuno ti ascolterà, e io a dire la verità non avevo molte speranze su questo forum per un altro sogno postato tempo addietro senza interessamento di nessuno. Il fatto di fare una azione "reale", al di là del pensarlo, cioè fare una azione concreta è come accendere il motore della macchina, molte volte, parlo per un "vecchietto"(credo sia il lux), e per un drago anche se quest'ultimo non mi ricordo neanche più come mi rapportai con lui, per il vecchietto, in quel momento sincronico stavo creando una storia narrativa in un forum, e il distacco, sebbene avessi fatto quel lavoro con la stanza del tctdf, la sensazione e l'immagine nella mia mente di questo legame tra una mano giovane, la mia, e una mano vecchia, che si lasciano l'ho compiuta attraverso quel racconto che utilizzai come alternativa. Penso che un po' tutto ti torni utile però dipende dal tuo modo di rapportarti, alla fine torna sempre lì che devi essere te a trovare il tuo metodo, le tecniche ci sono, per me sono utili fino ad un certo punto, perché poi agisco in una maniera differente adottando quelle basi che mi tornano utili.

La maggior parte del tempo l'ho passata provando a capire se centrassi qualche cosa con il problema o no. Ad un certo punto, un mese fa, riesco a buttare fuori il vecchietto e il drago, però lasciai dei buchi, delle porte aperte che nemmeno considerai, in fine è esperienza, sbagliare all'inizio è meglio che in momenti più critici. Al loro posto mi sono entrati 1 drago nero più pesante del primo e più furbo. E al posto del lux, un affare simile ad un blob, era nero era molto pesante ed appiccicaticcio.

Però lì sinceramente ho pensato che non era quello il metodo migliore per me, cioè c'era qualcosa che dovevo ancora sapere, non potevo distaccarmi così. Così ho piano piano cominciato a prendere in considerazione il miglioramento di me stesso, cosa che già stavo facendo, ma su di un piano più ampio, immergendomi in pieno in questa realtà, e non considerarla differente dal sogno per quanto riguarda i messaggi. Il processo non è chiaro neanche a me, è solo che mentre ci sei in mezzo, nella ricerca nel chiarire ciò che non capisci, in tanti fattori che si mescolano tutti nello stesso momento, la storia cambia.

Oggi dicevo ho avuto un sogno più chiaro. O almeno una parte. In pratica questi 2 tipi, che comunque ho notato come se avessero dovuto avvicinarsi di più, non so esattamente per che cosa. Ho visto il "contratto", cioè quella cosa che simboleggiava il momento in cui io acconsento di fare questa esperienza. Sembravano 2 agenti assicurativi, 2 avvocati, in quel momento volevano avvalersi del contratto per usarci da mezzi con cui andare in tribunale un processo ai danni di non so bene chi, e avere un grande guadagno. Io gli dicevo che era impossibile, non mi ricordo esattamente, so che non credevo al fatto che avessi accettato alcun che, mi fanno vedere questa pagina in un diario, c'era tipo un marchio tipo quelli del comune, che usano lo stampino a cui cambiano la data e basta. Io emozionalmente sentivo che era stato fatto con il mio consenso, e la data risaliva all'Aprile 2011---4/2011. Non so se hai presente ma l'intervista di Mazzucco venne fatta il 28/6/2011. Ed io in quell'anno ho l'unico falso ricordo della mia vita, che ho in un momento in cui era impossibile che l'avessi fatto per una serie di motivi.

Io effettivamente non ho alcun ricordo particolare prima di allora, cioè nessuna cosa paranormale, le luci in cielo per esempio ne vedo una nel 2012, e 3 quest'anno, prima 0. Altre esperienze le sincroniche, e altre cose avvengono tutte dall'inizio del 2012 in poi. Ricordo che quando feci in una maniera un po' particolare il simbad, una settimana dopo risentii per la prima volta dopo 3 anni mia madre che era in ospedale per diabete e gli serviva una mano, non eravamo in brutti rapporti, è solo che diciamo il sentirci è abbastanza volutile, non c'è un obbligo, ci si sente come il vento.

Per me è stato più una sorta di corsa, voglio dire io mi ritengo molto fortunato di potermi trovare qui e poter approfondire affrontare queste cose adesso. Voglio dire, la situazione economica non è fiorente, anzi, e se non lo faccio ora quando?

Per il contratto o per quello che simbolicamente rappresentava, non so dire, io alcune esperienze le avevo riconosciute nei resoconti di Simon Parkes, e lui fa un riferimento a questo contratto verbale, cioè il momento in cui ti accordi con chi che sia e nel metterti a loro disposizione. Magari simbolicamente mi è tornato utile per avere l'appoggio che necessitavo adesso, però sì adesso le cose mi tornano un attimo più chiare, almeno cronologicamente.

Quindi per me no è stato forse il contrario, cioè, dormo tutta la vita, e nel momento in cui entro a voler fare l'esperienza con loro, come dice anche Malanga sul fatto che attraverso questa esperienza al posto di metterci 400 anni o 4000 ce ne metti forse un paio di vite neanche e prendi coscienza di chi sei più velocemente. E poi mano a mano, dalla casa ad oggi ho fatto diverse esperienze, molto interessanti. Il falso ricordo, ironicamente, era che guidai una macchina, purtroppo quella macchina era stata demolita 3 anni prima, ma tanto per dirti il mio interesse per la vita in generale e la mia consapevolezza già solo all'interno di casa era 0, non mi fregava niente di niente. Già trovavo poco senso nella vita stessa, e la società attuale ti da un grosso aiuto nel non trovarne alcuno.


E' stato interessante la tua lettura delle guardie, non tanto delle guardie a livello personale, ma più carcerieri, ed è stata dura capire che cosa fosse, solo 1 volta che ho scritto sopra, li vidi attraverso delle finestre, cioè praticamente hai presente tipo hai 8 case davanti a te, ma capita per culo che attraverso le finestre laterali vedi dall'altra parte, e questi li riconosci e li vuoi andare a prendere? Quella botta di culo oserei dire, solo che arrivato alla 3° casa c'è un energumeno che mi ferma che solamente in 3 riusciamo a bloccare, ma allora era troppo tardi e se ne erano già andati.

Alla fine per ciò che riguarda queste entità, non tutte, ce ne sono tante, e poi il cammino è lungo, ma non le combattei più letteralmente cercando di bruciarle o quant'altro, da un lato ho cercato di comprendere che cosa volessero dirmi che cosa rappresentassero come parti di me nella mia vita, e poi ho chiuso quelle porte da cui entravano, le ho sbarrate, così che non ci fosse più qualcun altro che arrivasse dopo. Anche se essenzialmente è importante comprendere che cosa loro significano simbolicamente per te e migliorarti in quei campi. E' molto interessante l'ultima intervista che ha fatto il fanclub di malanga su facebook, la seconda intervista in cui parla del sogno.

http://www.youtube.com/watch?v=F9g1t1OOaKc


Anche se, veramente hai fatto un esperienza simile anche tu? O_O Dico a livello di sogno.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: dom 27 ott 2013, 0:01 
Non connesso

Iscritto il: lun 19 dic 2011, 1:47
Messaggi: 206
Località: teramo
ciao nike! Sogni lucidi e viaggi astrali spontanei li ricordo ,e bene, fin dai 3 anni!!! Il mio percorso fu un escalation (apparentemente) positiva fino al BUM nel 2002,
quando (prima ancora di sapere che Malanga nel frattempo era passato allo studio delle abduction) capii che eravamo,chi più chi meno, una razza parassitata. E dovetti difendermi.
Tu hai sognato di un contratto ... simbolico o no che esso sia del tuo consenso al loro disturbo, è curioso il fatto che ad essi serva "quale prova in un tribunale". Ricorda molto il concetto di giudizio universale ed angeli ribelli .... che fanno la guerra a chi ha ragione con dio. Però potrebbe esserci un concetto archetipico alla base, più che un fatto concreto. Ovvero quello è il loro gancio con il nostro inconscio, la nostra anima.
Inoltre si, essi sono certamente porzioni di noi stessi ... tanto quanto sono certo che essi giungano a noi passando per l'interno e non dall'esterno. Qualunque cosa questo significhi e/o comporti. Ricordiamoci che il cielo "lassù" per i nostri occhi fisici, è sempre quello che viene elaborato all'interno del cervello .
In un certo senso lo conferma la chiamata di tua madre. Sono le corde dell'anima che muovono la realtà...
Per concludere. Dialogare con loro per avere maggiori informazioni è come chiedere a se stessi ciò che già si sa. Di più non saprai mai. In quanto pidocchi, vanno trattati come parassiti. e basta. Il processo stesso di liberarsene comporta la comprensione dell'errore di fondo...

Parlo come fossi un ex addotto conclamato >.< in realtà sono solo punti di vista miei e per me validi (fino a nuove prese di coscienza più valide,ovvio) ciao!


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: dom 3 nov 2013, 4:40 
Non connesso

Iscritto il: ven 15 feb 2013, 21:23
Messaggi: 68
Ciao NikeWeber,
il consiglio che posso darti al momento è... COMBATTI!
Cerca di combattere tutte queste entità, cerca come di bruciarle ogni volta che si presentano...
E cerca qualcuno di esperto che possa condurre su di te un TCT.


Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: sab 15 mar 2014, 12:46 
Non connesso

Iscritto il: dom 16 set 2012, 19:41
Messaggi: 15
Cavolo se ne è passato, grazie innanzi tutto a chi mi ha risposto. La questione si è protratta e ho potuto osservare più volte ripetersi questa loro presenza, vediamo se mi ricordo le ultime volte che li ho visti. Non rileggo quello che ho postato sopra perché è un fracco di roba e a parte il ricordarmelo vagamente non sento il bisogno di rileggerlo.

La questione per me è abbastanza lunga, perché non è ben chiaro, o almeno non lo era, come si presentano. Per me è interessante scriverlo anche per condividere a parte che mi piace parlare di sogni.

Teoricamente sono riuscito a comprendere il giorno del primo contatto con questi 2, cui però devo fare una premessa partendo da un altro sogno, senza la quale il sogno iniziale non può essere ben compreso. Cavolo più mi metto a scrivere queste cose, più mi pare chiaro e cristallino chi siano... RAGAZZI/E CHE SOGNATE CONDIVIDERE SCRIVERE I VOSTRI SOGNI(anche su un pezzo di carta per quello), NON IMPORTA SE RICEVETE RISPOSTA, MA IL "MANIFESTARE" QUESTO INTENTO E' FONDAMENTALE PER COMPRENDERE MEGLIO VE LO CONSIGLIO!

Premetto che è lunga e la dividerò in 4 parti/post, mi viene da ridere perché a questo punto potrei fare una slide in power point alla leopolda style :P . Lo faccio anche per evitare che mi cada la connessione e che possa perdere l'intero post mentre lo compongo.


Io sogno molto quindi fate un po' voi quanto ho sognato da ottobre a oggi, con una media di 1 sogno lungo da 4 parti a notte. E' una storia veramente lunga, non è terminata cioè non c'è ancora stato il lieto fine perché li reincontro ancora oggi, l'ultima volta che li ho visti è stato ieri tanto per dire. E sinceramente gli unici gemelli che ci sono stati nella mia vita erano degli amici delle elementari/medie che non li vedo da più di 15 anni, ma comunque in più di una occasione si sono presentati come femmina e maschio. Ho smosso mari e monti nella mia mente e nella mia vita per cercare a che cosa si riferissero questi 2, qualcosa che impersonificasse il "controllo", la "guardia", l'osservazione a distanza, i fratelli, i gemelli, ma niente. Devo dire che sebbene io consideri come molto probabile la realtà di malanga e descritta da molti di voi, sapete fino a che non lo vedete con gli occhi di tutti i giorni avete difficoltà a prenderlo come realtà ed io ho certamente questo "problema", che non riesco a rapportarmici come qualcosa di reale e che mi coinvolge realmente in quanto manifesto su di un piano che ai miei occhi ordinari è metafisico in quanto ad esperienze coscienti(ho solo un falso ricordo come esperienza reale, oltre all'avvistamento ufo).

E' una premessa molto lunga me ne dispiaccio ma volevo rendere la base di ragionamento da cui parto e cioè, prima di qualsiasi teoria proviamo a vedere se ha un fondamento in qualcosa di più ordnario e giornaliero come parte della mia vita. Ma 0.

Specifico anche che io continuo con il mio percorso, quando sarà ora capirò però volevo sviluppare questo discorso su questo topic anche per far comprendere che la cosa è proseguita e come è proseguita, tra l'altro scrivere e svolgere ragionamento mi ha permesso di vedere cose che non avevo notato fino a prima. Ma la mia linea è che continuo con il mio percorso che si sta rivelando corretto per i miei interessi di vita.


Ultima modifica di nikeweber il sab 15 mar 2014, 15:44, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo
 
 
 Oggetto del messaggio: Re: 2 Guardie - "regole?"
Messaggio da leggereInviato: sab 15 mar 2014, 15:36 
Non connesso

Iscritto il: dom 16 set 2012, 19:41
Messaggi: 15
Alla fine non sono tanti quanti pensavo quelli più importanti ed evidenti, per quel che mi ricordo per ora...
----1---Alcuni mesi fa sognai che ad un certo punto mi trovai a dover consegnare un pacco(a sogno pregresso) all'interno di un industria, industria molto grande e interna ad una montagna, mi diressi alla reception cui dissi che dovevo consegnare un pacco(era una scusa bella e buona per entrare), mi chiese per chi fosse, e alla fine mi fece comunque entrare anche se non avevo il nominativo della persona, sapevo soltanto che si trovava nel reparto smistamento, le dissi. Una volta entrato persi il corpo diciamo, cioè non mi spostavo più con il corpo ma etericamente. Vidi un rullo trasportatore nero in un ambiente molto scuro che passai oltre, per andare in un stanza molto grande fatta principalmente di acciaio, era vuota e all'inizio non c'era proprio nessuno, io mi spostavo liberamente fra una stanza e l'altra passando per le pareti; all'inizio ricordo che seguivo una persona, o meglio c'era una persona che tenevo sott'occhio e che temevo mi vedesse, anche perché non mi muovevo liberamente in quanto non sono comunque abituato a tal punto etericamente. Fatto sta che ad un certo punto arrivo in un'altra stanza, in cui escono da uno stanzino sul davanti 2 persone, 2 tecnici, che fra loro parlano di un progetto per un robot che gli serviva per una specie di gioco, era un robot che gli serviva per interagire con un mondo virtuale(penso fosse tipo le realtà virtuali che hanno in mente per il futuro), uno di questi 2 tecnici veste una tuta verde, tuta che gli permette di integrarsi mentalmente al robot e comandarlo di conseguenza. Questi 2 hanno una corporatura media, l'unica cosa che riesco a sentire sono delle spalle molto forti e muscolose,(aimé sono una frana nei dettagli, ho la picture generale, ma non mi chiedete i dettagli delle mani perché non le ho mai viste in un sogno), quello nella tuta poi si sdraia su di una specie di rettangolo tipo altare in mezzo alla stanza, e controlla questo robot. Io in quel momento ho un po' paura che mi vedano quindi mi sposto in altre stanze che piano piano cominciano a popolarsi, se prima non c'era nessuno ora ci sono scienziati in camice e tanta altra gente; quindi io ritorno nella stanza analoga, e quì ricordo bene lo svolgersi della scena perché lo sento molto importante.
Mi trovo dietro a questo robot che è poggiato al muro, è spento, morto non ha alcun segnale di vita. Io oltrepasso il muro, e per un attimo ci entro dentro, non tutto, ma lo tocco, e questo si accende. Io ho una tremenda paura in quel momento e mi discosto cercando di scappare, questo mi si fa vicino con aria minacciosa e mi prende - Da quì in avanti per me è peach black come significato del sogno - e io vedendomi sia da dentro il corpo che dalla sua visuale con tutti gli indicatori su schermo, sento lui che mi urla insulti che non comprendo in una maniera così aggressiva... Io riesco a ritornare eterico e a scappargli, con la differenza che in quell'istante in cui scappo mi ritrovo un mio amico in groppa, come se fosse uno zainetto che non mi si vuole staccare. Procedo in avanti e mi trovo in una zona tra il futuristico e il moderno, la zona è incavata in una grotta gigantesca, e in quell'istante sorvolo una zona adibita alla costruzione di una nave(nave container), e questo mio amico che non si vuole staccare. Noto che quando divento materia lui diventa materia, e si stacca, quando io cerco di diventare eterico lui poco prima si riallaccia a me e diventa eterico come me, così capisco che se ce la faccio a diventare eterico mentre lui è staccato riesco a togliermelo dai piedi e così faccio riuscendoci.
Questa ultima parte, vedete voi se avete qualche clue, l'unica persona che ha saputo dirmi qualcosa era un riferimento ai toni galattici ma non ho idea di che siano. Alla fine mi trovo su di un piano in pendenza che percorro, alla mia sinistra c'è un cavallo nero che sale su, o un animale comunque che sale su. Alla fine di questa salitina c'è una specie di triplice fabbrica che sforna principalmente navette(forse un riferimento a mezzi attraverso cui puoi muoverti nello spazio tempo) spazali da 3 bocche. Comunque non appena arrivo la fabbrica cambia e diventa un luogo dove ci sono un sacco di capsule criogene, ogni capsula ha dentro un animale, e al centro di quest'area c'è un pianoforte circolare. Le capsule hanno un colore per animale, l'ordine è sparso e non corrisponde regolarmente allo stesso animale, il colore era verde rosso e blu. Questo piazzale al contrario della rampa precedente è una pendenza al ribasso, io scendendo arrivo verso la fine del piazzale e ricordo che attraverso la mia volontà facevo suonare le capsule, cioè facevo muovere l'animale che c'era dentro provocando un cambiamento nel colore ed un suono musicale, arrivando così a comporre una vera e propria sinfonia interagendo con la maggior parte delle capsule, sebbene mi stupii che non c'era il pianista che all'inizio sembrava esserci. Ricordo che verso la fine c'è un gruppo di animali che dal fondo/inizio della piazza arriva come in mio soccorso chiamandomi per nome, e il tutto termina confusamente in una gretto rapporto sessuale fra gli animali fuori dalle capsule e quelli all'interno.

Non ho la minima idea di che significhi, il sogno comunque all'inizio di questo racconto è già più chiaro, ma se avete idea sul resto sono a tutt'orecchi.

Questo sogno, che presenta i 2, grazie all'intuizione di un'amica mi fece comprendere che molto spesso c'è qualcuno la cui forma maschile e femminile è molto simile, e perciò possono essere scambiati per due uomini. E questo mi portò ad un sogno molto significativo che prende piede prima che ascoltassi attentamente le cose che diceva malanga, cioè ne avevo sentito il nome al tempo di questo sogno, ma non avevo approfondito mai oltre l'intervista fatta da massimo mazzucco sul film 6 giorni sulla terra.

----2---- Scena molto movimentata, "dal giorno alla notte" mi trovo in una giungla primordiale. Non capisco niente di quel che sta succedendo, ad un certo punto c'è uno scontro, c'è un animale preistorico che ho la netta sensazione sta cercando me, ed un altro che mi difende. Scontro su scontro, si aggiunge qualcun altro. Ad un certo punto 2 felini, un leone ed una leonessa, mi dicono di seguirlo, che ora che ci penso mi chiedo come diavolo l'ho capiti verbalmente che erano due leoni... mi portano oltre una stradina a collinetta che si apre su di una zona verde sgombra dalla foresta. Sembriamo essere nei prati oltre manica. C'è una BANCA, che davanti ad essa ha delle rappresentazioni in scala ridotta delle costruzioni simbolo di questo mondo, piramidi, eifel, stone henge, e altro, questo sta davanti alla banca. Ma non siamo lì per quello, almeno loro sembravano lì per un motivo ben preciso, io seguivo e basta. A lato di questa banca c'è una parete come quella dei supermercati con i vari cibi messi in esposizione. Questi due felini prendono del cibo e se ne scappano via lasciandomi lì. Io non comprendo ed ho paura perché questi due hanno rubato ed io mi trovo a doverne subire le conseguenze. Mi giro e dietro a me si è materializzata una trincea della seconda guerra mondiale nella sua atmosfera da D-day, io ho paura, sento il peso della colpa al petto, ed un cacciatore con la doppietta con un pastore tedesco al fianco mi si avvicina con fare minaccioso, dicendomi: "eh no, non va proprio bene!"; alludendo che era tutto di sua proprieta ecc. Io veso la fine, nonostante fossi intimorito dal cane che mi abbaia addosso, lo attraverso con una mano, e questo perde la sua forma e diventa più una forma fumosa. Cioè sembrava essere più uno spavento dalla forma di cane(io non ho paura dei cani) che un cane in sé.

Questo è il primo sogno in assoluto dove vedo 2 felini, maschio e femmina, seguiti dal "capo bastone" che si proclama proprietario di un "centro di energia", per me la banca in quei termini è centro di energia e conoscenza. Il fatto che di lato fosse una specie di supermercato, allude a molti sogni di addotti che si sono visti come supermercati all'interno di sogni adduttivi, cioè prendono tanta energia a basso costo. Quì c'è l'instauramento del senso di colpa poi sempre la mia amica mi fece notare.

----Note Generali--- Di solito che io ricordi questi 2, scusate se lo ripeto ma non voglio rileggermi i papiri soprastanti, sono sempre stati o come 2 guardie (guardie medievali, guardie in veste poliziesca, guardie in assetto anti sommossa), oppure come osservatori esterni (tipo osservatori onu, l'esempio calza in termini di conflitto).

Uno dei primi sogni che ricordo in cui 2 si sono presentati mi è molto chiaro e per me significativo. Anche perché quando ti si presentano sottoforma di parenti e si comportano come i parenti in oggetto non farebbero mai, una sorta di contrasto mentale ti si forma e molto pesante almeno personalmente.

----3----Ricordo che ad un certo punto mi trovavo a scuola, mi trovavo in aula, aula a sinistra, ricordo che presi una ragazza per il braccio e la portai nel bagno, bagno che si trovava immediatamente successivo all'aula in avanti. Lei mi chiese come mai la volessi portare via da lì. Io le dissi perché era pericoloso. Lei mi ferma e mi chiede con maggiore fermezza perché la voglio portare via da lì e se ne fossi sicuro. Io la guardo negli occhi e le rispondo con fermezza che sono sicuro, anche se non riuscivo a trovare motivazione più specifica del gesto. Sentivo come se fossimo controllati, non letteralmente, ma dovevamo muoverci di corsa stando attenti per non essere scoperti. Ricordo che prima di uscire per prendere l'autobus che ci avrebbe riportati a casa, o più che altro che avrebbe riportato a casa lei, ricordo ci fermammo in un ufficio, dentro il quale c'era un aggeggo elettronico che lei prese e ruppe. Poco dopo io guardai la porta d'uscita sperando che quando saremmo usciti l'autobus ci sarebbe ancora stato e non se ne fosse già andato.
Nel momento in cui esco dal corridoio della scuola mi trovo fuori dalla porta sul retro di casa, come se la scuola non ci fosse mai stata e fossi stato sempre a casa. Mi trovo spaesato e mi avvicino alla ringhiera, lei non c'è più ci sono solo io. Mi avvicino alla discesa che porta al garage, e vedo due avvoltoi che sono posati sulla ringhiera di destra che attendono. E mentre scendo la rampa, dietro di me mio zio urla concitato:"! Ah ah! Allora è così che fate a riparare". Sembra si riferisse come se io fossi uscito dal corpo per riparare un problema, ed io non capivo un accidente... come facevo ad essere uscito dalla macchina se venivo da tutt'altra parte?! Guardai i due avvoltoi che divennero due ragazzi che attendevano muovendosi di quà e di là per la noia. Avevo un grande odio in quel momento per mio zio(cosa che nella realtà non è così perché al massimo nutro grande rispetto per lui), lo insultai per quel che aveva detto e supposto fatto, mi avventai su di lui picchiandolo a sangue...

Tra l'altro ora ho un sogno alla fine che vorrei domandare intuizione al proposito.
----Note Generali---- Non so per voi, ma per quel che mi riguarda la scuola per me ha un significato abbastanza preciso, cioè per me la scuola rappresenta qualcosa come o questa terra, ma non ne sono sicuro, o più generalmente come la realtà che viviamo, in quanto per noi è una sorta di scuola dove impariamo un sacco di cose attraverso l'esperienza della vita. Anche se, come si vede anche in questo sogno, la scuola come "abitazione" coincide fisicamente con la collocazione della casa dove abito, e almeno la casa sappiamo essere analogia come la macchina del corpo che abitiamo. Quindi sostanzialmente volevo portarla fuori dal mio corpo... ahh che rabbia che mi fa ripensarci a questo sogno...

In termini generali è una delle prime volte che la figura permanente di 2 individui si presenta per le prime volte. Una seconda volta successivamente si presentano come due osservatori esterni al conflitto che mi procurarono molta paura perché mentre loro mi osservavano, avevo paura mi cecchinassero i miei compagni e quindi non potevo combattere adeguatamente i nemici perché questi mi consegnavano all'immobilità tattica, sebbene io vedessi che loro stavano su un piano superiore elevato e ci guardavano con due soli binocoli, nonostante questo sentivo comunque grande pericolo. L'ambiente di combattimento era casa mia, ed il sogno finiva che io e la mia squadra ce ne andavamo in una abazia come in una sorta di rifugio d'emergenza per aspettare i rinforzi che ci prelevassero e sotto a questa abazia, c'era il mare, con una nave crociera che passava sopra cui saltammo per andarcene.

Un'altra volta, questa volta più importante e significativa è il sogno seguente, temporalmente si colloca quando io comincio a smuovere le acque e a diventare più aggressivo con i miei supposti aggressori. Questo per la verità si colloca quando io credetti di essermi sbarazzato del sauro, tipo qualche giorno dopo. I numeri dei sogni li metto anche così che se non avete il tempo di leggere il post per intero potete avere delle ancore mentali/capitoli da cui ripartire la prossima volta che avete il tempo di terminare il post.

----4---- Il sogno inizia in una maniera abbastanza grottesca. Mi trovo in una città americana, e c'è un supermercato molto grande, abbandonato, la città sembra mezza diroccata dalla guerriglia o simile. Ricordo che assieme a 3-4 persone entriamo nel supermercato e sostiamo come base momentanea per riposarci, e ricordo ad un certo punto, siccome scegliamo il basement o il seminterrato come luogo sicuro, mi ricordo ad un certo punto di andare in bagno, e nei bagni c'è un funzionario di polizia, che viene assalito da una ragazza nuda, molto violenta, con una sega circolare, e lo colpisce tagliandoli per metà la testa, e voltandolo alla toilet con la testa in giù, per scherno gli lancia un'aspirina per alleviare il dolore. Non comprendo molto forse si riferisce alla polizia in quanto il simbolo dell'"auto controllo". Questa ragazza a me piace, o sento desiderio, e ricordo che poco dopo la trovo sdraiata su di un rettangolo non è proprio un letto, è un piano su cui è sdraiata, e io ricordo che la volli baciare. Così quando andai a baciarla, sentii un insolita anomalia. Le labbra erano molto piccole e striminzite, non era un corpo anormale, voglio dire era una ragazza che io ricordi alta almeno 1 metro e 70, forse un po' magro ma nulla di più, ma la bocca era come se fosse di una vecchia/o increspolata, e molto molto piccola, misurava quanto meno la metà di una bocca normale di adulto in quanto a larghezza...
Non lo racconto tutto, ma volevo partire dalla parte iniziale per questa "nota" di partenza. Dopo di che mi trovo a percorrere una strada, sembravo essere direzionato a casa del mio amico(che di solito raffigura il mio spirito), percorrevo un viale e ad un certo punto un ghepardo mi si ferma davanti minaccioso, io passo oltre correndo, e lo lascio indietro, fatto poi trovarne un altro non appena scavalco una staccionata. Comunque sia semino anchq questo. Trovo una donna che va nella direzione contraria alla mia, e va verso i felini, ho il timore che questa li incontri e vorrei dirglielo. Non ricordo bene che succede, ma ora c'è una signora anziana che in macchina tenta di investirmi, e la cosa pazzesca è che vuole farmi causa a me per danni, mi chiedeva " che cosa hai fatto ai mei 2 animali?!"; Io ci capivo sempre di meno. Ad un certo punto, quando comunque non mi mostravo disponibile alle trattative, mi trovo davanti ad un uomo abbastanza alto, se io sono 1 metro e 85, lui deve essere stato quantomeno 40 centimetri più alto di me. Aveva una tunica bianca e con voce calma mi dice che "non va bene come ti stai comportando ultimamente" "perciò ora mi staccherò da te". Allunga la mano destra dietro al mio collo e disattiva un bottone verde che mi sta dietro al collo, fra il collo e la schiena, alla fine della colonna vertebrale. Fa questo e se ne va.
Non penso fosse molto veritiero perché nella parte di sogno successivo mi trovo in un ambiente americano anni 70-80, sono vicino ad una pompa di benzina, che per qualche ragione salta in aria. Io procedo a piedi per il marciapiedi, e svoltando a sinistra per un vicolo abbastanza isolato dagli occhi della gente, sento dietro di me che c'è una donna, seguita da un uomo e 2 sottoposti, che prendendo la donna da dietro la trascinano in un tombino e la divorano con schizzi di sangue quà e là, era molto grottesca la scena e mi prendeva forte al cuore. Dopo di che ricordo di seguire questi uomini, ed ho una immensa rabbia che mi pervade, e c'è una macchina con un vecchietto all'interno, e io prendo questa macchina scaraventandola nel canale, sotto gli occhi di questi 3.

----Note Generali---- Mi sembra molto significativo, questo sogno anche se io temo di non avere il coraggio di volerlo tradurre, se c'è qualcuno che lo può fare gliene sarei molto grato. Grazie. E nonostante tutto questo materiale figuratevi che non sono sicuro ancora...

Altre volte invece che li ritrovo nei miei sogni sono stati in 2 sogni differenti che analogamente si presentavano come 2 cuochi.

----5&6---- Nel primo caso mi trovavo in una chiesa, c'era un prete che mi "iniziava" ad una paio di bibbie, e ricordo che quando andammo a mangiare, c'era questo prete inizialmente, capelli bianchi, che mi sedeva a fianco, e dall'altra parte un altro prete che mangiava in solitario, e questi due cuochi molto animati che mi portano da mangiare e che mi dicono di essere molto simile a questo prete a fianco non so perché e che sicuramente mi sarebbe piaciuta una pietanza che a lui piaceva.

Diciamo si ripete lo schema a 3. 1 capo, e i 2 sottoposti.

Mentra la seconda volta mi ritrovai all'inizio a gestire io una mensa in un parcogiochi, e un ospite era molto rude e arrabbiato, non so che cosa non gli piacesse di noi, forse gli avevamo fregato il giro :P , alla fine del sogno mi trovo in una sala cucina, con appunto questi 2 che sembravano non essere più tanto cuochi e ma apprendisti. E mi chiesero come avessi fatto ad imparare a cucinare da quella donna, molto vaga come richiesta, ma io sembravo sapere chi si riferissero e gli dissi che glielo chiesi e basta. Temporalmente questi due sogni sono in linea, prima la chiesa, e tempo assai dopo a processo evolutivo inoltrato ho fatto questo sogno, comunque successivo alla chiesa, nel contesto dei cuochi.

----7---- Un'altra volta invece è la seguente. Mi trovavo all'inizio in una sala d'ospedale, c'era mia nonna sul letto, arrivano i parenti preoccupati eccetera. Io volo fuori dall'ospedale, che diventa una sorta di castello dalle alte mura. Ci giro attorno in senso antiorario costeggiando le colline, e c'è un gruppo di miei amici che si prepara alla battaglia che stiamo per intraprendere contro il castello per riprendercelo, i nemici sono innumerevoli ma li sconfiggiamo tutti, tranne per 2 arcieri che si trovano sulle due torri all'entrata del castello che non vogliono essere battuti con facilità. E quì la cosa interessante. Quando ne uccidemmo uno, questo finiva su di una ruota panoramica a destra del castello, fece un giro di ruota seduto immobile ad attendere, e alla fine del giro ritornava al suo posto sulla torre, così che prima di tutto dovevamo ucciderli entrambi, e nel momento che si trovavano a fare il giro dovevamo ucciderli una seconda volta così che non tornassero più al loro posto per riprenderci il castello... il sogno continua ma eccetera. Il sogno è abbastanza vecchio, tipo metà dell'anno scorso.

----8---- Un'altra volta, analogamente al sogno della prima banca, e temporalmente successivo al sogno del robottone, mi trovo nella città poco distante da dove vivo. E davanti a questa banca dove mi trovo ad andare ci sono 2 persone, molto aggressive, con in testa un sacco, era come se fossero due spaventapasseri, che prendo di forza e butto nel canale. Guardo la banca e i commessi sono tutti mezzi mostri, con un sacco di gente che vuole prendere soldi dalla banca... il sogno continua ma eccetera.

----9---- Alcuni giorni fa. Alcuni giorni fa il sogno partiva con me e mio padre che ci trovavamo in un edificio semifuturistico, camminavamo su di un ponte, una grata per meglio dire, sembrava essere un luogo dove c'era una nave, tipo un hangar. Eravamo lì a discutere con 2 persone, non ricordo per che cosa, ma la discussione era animata e loro erano contrapposti a noi. Fatto sta che ad un certo punto noi andiamo via, finendo in una stanza che poi era il salotto di casa mia. Ironia vuole che il "corridoio" coincide come locazione con il corridoio di casa mia che porta al soggiorno. Il motivo per il quale ci trovavamo lì era che dovevamo disconnetterci da lì. Un po' tipo matrix solo che al posto delle cabine telefoniche dovevamo entrare in sonno profondo per poterci disconnettere da quella realtà. Io lascio fare a mio padre per essere io l'ultimo, e so che non ci riesce, ma mentre ci riprova io mi lancio nel proteggerlo perché nel frattempo entrarono i 2 uomini che volevano fermarci dal fare ciò che stavamo facendo. Io li prendo, e per qualche ragione questi due diventano due gatti. Io li prendo e penso: "li voglio lanciare via; ma non li voglio lanciare in alto... sono sempre in alto... vengono da lì... che li lancio a fare in alto?, perché non li lancio in basso?", così li prendo me li porto giù per le scale, vado verso la discesa al garage e li lancio, da una altezza che comunque sarebbe stata non più di due metri, quindi non si sarebbero fatti troppo male comunque. Ma si fermano praticamente sull'entrata del garage, per un pelo li avrei lanciati nel garage. Facico per tornare a casa e mi si avvolgono tra le gambe con tale determinazione che non ebbi la forza di staccarli e ritornai a casa.

---------Fine; altri sogni c'è quello vabbé che ho scritto, poi sicuramente ce ne sono altri, ma questi sono il campione più importante in cui li ritrovo, vi sembrano delineare un riquadro assai più chiaro?

Vi dico che il bruciare non è il metodo migliore, cioè può essere utile su un piano puramente di "prendere fiato", ma non dura a lungo. E vi mostro un esempio ironico sebbene per me molto pesante a livello mentale e non so perché. --- In pratica è un sogno agli inizi quando ho le prime esperienze con il sauro dalla impersonificazione di mio padre. Ad un certo punto sono in camera, e c'è mio padre che apre uno sgabuzzino che non dovrebbe esserci accanto al mio letto, dentro ci sono materiali medico meccanici di intervento, e dal corridoio vedo una seconda figura sempre mio padre. Mi ritrovo davanti a 2 miei padri identici, e non capisco perché ma è come se sentissi una pressione pazzesca al mio cervello e questi che mi dicono, materializzando un cane a poca distanza: "dai prova a bruciarlo!". Io non ci riesco e il sogno termina.

Sì insomma il bruciare funziona e non funziona. Dipende dalla volontà che hai nel comprende un attimo di più le cose. E' sicuramente un'ottima maniera per creare delle distanze e mostrare la propria volontà di ribellione, però non è un qualcosa di definitivo.


Mentre il sogno di cui ho accennato pocanzi, è recente di qualche settimana fa.
[questo sogno l'hò tolto perché oggi pensandoci ho intuito il significato in relazione a ciò che sto facendo ora; per chi lo avesse già letto il punto riguarda essenzialmente la mia intenzione di avere le redini dei miei istinti serpentini/sessuali, non essere un animale che risponde ai fortissimi impulsi ma conservare le energie]


Top
 Profilo
 
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Annuncio: Il Forum è morto. Viva il Forum!


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


cron


Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010